Europa. Infortuni mortali sul lavoro in aumento in 12 Stati membri

Fonte : Etui.org

Nuovi dati sugli infortuni sul lavoro  pubblicati dall’agenzia statistica dell’Unione europea Eurostat suggeriscono che la tendenza a lungo termine verso luoghi di lavoro più sicuri si sta stabilizzando e potrebbe presto raggiungere un punto fermo. Nonostante il rallentamento dell’economia globale durante la pandemia di Covid-19, nel 2020 gli incidenti mortali sul lavoro sono aumentati in 12 Stati membri. In Europa si sono verificati 2,7 milioni di incidenti sul lavoro, di cui 3.355 mortali.  

Ogni anno Eurostat raccoglie e raccoglie i dati raccolti dagli Stati membri sugli infortuni sul lavoro. Gli ultimi dati disponibili sono relativi al 2020, anno in cui la pandemia ha sconvolto il mondo del lavoro. L’aumento degli incidenti mortali è stato il più notevole in Italia, che ha registrato il maggior numero di vittime tra tutti gli Stati membri, con 285 morti in più rispetto all’anno precedente. All’altro capo dello spettro, la Francia ha registrato il calo maggiore, con 262 decessi in meno rispetto all’anno precedente. Tuttavia, questa forte riduzione deve essere messa in prospettiva rispetto al forte aumento verificatosi nel periodo precedente, che si è tradotto più o meno in un ritorno alla media non ideale. 

Un’analisi  previsionale condotta dall’Istituto sindacale europeo  mostra che gli incidenti mortali sul lavoro non scompariranno completamente fino al 2062 nell’UE a 27 se il cambiamento continuerà allo stesso ritmo dell’ultimo decennio. In questo scenario dovrebbero essere previsti altri 25.166 decessi sul lavoro tra il 2021 e il 2029. La  stessa analisi condotta un anno fa si prevede che gli incidenti mortali sul lavoro finiranno nel 2055. L’orizzonte “morti zero” è stato quindi ritardato di altri sette anni, il che indica che la tendenza si sta stabilizzando. La previsione è ancora più cupa quando si eseguono analisi individuali per paese: gli incidenti mortali sul lavoro non finirebbero mai in Francia, Spagna e Ungheria. La Polonia sarebbe la prima a raggiungere l’obiettivo nel 2027, seguita dal Portogallo nel 2030 e dai Paesi Bassi nel 2034. Sebbene sia improbabile che la tendenza segua un andamento rigorosamente lineare, questa analisi riesce a mostrare le discrepanze tra gli Stati membri nel contesto di il target zero-morti e le implicazioni del plateau raggiunto negli ultimi anni.  

Come campanello d’allarme, la Confederazione europea dei sindacati ha lanciato la sua campagna Zero Death at Work, che sfida i politici a livello nazionale e dell’UE a impegnarsi a intraprendere le azioni necessarie per sradicare queste tragedie evitabili. Quest’anno, la CES ha annunciato un aumento sostanziale del sostegno alla sua campagna. I ministri del Lavoro di Slovacchia e Slovenia hanno ora firmato il  manifesto della CES , portando a doppia cifra il numero di ministri che sostengono le azioni necessarie per porre fine alle morti sul lavoro. Hanno firmato il manifesto anche i vicepresidenti del Parlamento europeo, i presidenti dell’S&D e i copresidenti dei gruppi Verde e Sinistra al Parlamento europeo, nonché gli eurodeputati dei gruppi PPE e Renew. 

Il manifesto invita l’Unione Europea, i governi dei suoi Stati membri e i datori di lavoro a impegnarsi sinceramente e ad intraprendere le azioni necessarie per ottenere zero morti sul lavoro. La CES sostiene un aumento della formazione in materia di salute e sicurezza sul lavoro, protezione, rendicontazione, ispezioni e sanzioni e per nuove iniziative legislative (e altre) nel prossimo mandato della Commissione europea e del Parlamento. “Il fatto [che] gli incidenti mortali sul lavoro siano di nuovo in aumento in tutta Europa dovrebbe tenere svegli di notte i datori di lavoro e i politici e dimostra che dobbiamo rinnovare il nostro impegno per mantenere le persone al sicuro sul lavoro”, sottolinea il vicesegretario generale della CES Claes-Mikael Stahl.  

La CES prevede di consegnare un manifesto finale, con un sostegno politico ancora maggiore, alle istituzioni dell’UE in occasione della prossima Giornata della memoria dei lavoratori, il 28 aprile 2023.  

 442 total views,  2 views today