3 things a climate scientist wants world leaders to know ahead of COP27

Chris LeBoutillier/Unsplash, CC BY

Andrew King, The University of Melbourne

World leaders and climate experts are gathering for pivotal United Nations climate change talks in Egypt. Known as COP27, the conference will aim to put Earth on a path to net-zero emissions and keep global warming well below 2℃ this century.

The world must rapidly decarbonise to avoid the most dangerous climate change harms. World leaders know this. But that knowledge must urgently turn into concrete commitments and plans.

If humanity continues on its current path, we’re going to leave a hotter, deadlier world for the children of today and all future generations.

Earth desperately needs COP27 to succeed. I’m a climate scientist and I believe world leaders should have these three things top-of-mind heading into the conference.

1. Our planet is undeniably in crisis

So far, Earth has warmed just over 1℃ relative to pre-industrial levels, meaning we’ve already damaged the climate system. Our greenhouse gas emissions have already caused sea level to rise, sea ice to shrink and the ocean to become more acidic.

Extreme events in recent years – particularly heatwaves – have the fingerprints of climate change all over them. The record-smashing heat in western North America in 2021 saw massive wildfires and straining infrastructure. And earlier this year, temperatures in the United Kingdom reached a deadly 40℃ for the first time on record.

The ocean, too, has suffered a succession of marine heatwaves that have bleached coral reefs and reduced the diversity of species they host. Heatwaves will worsen as long as we keep warming the planet.

Frighteningly, we risk tipping the climate into a dangerous new regime bringing even worse consequences. Research from September finds we’re on the brink of passing five major climate “tipping points”, such as the collapse of Greenland’s ice-sheet. Passing these points will lock the planet into continuing damage to the climate, even if all greenhouse gas emissions cease.

Human health is also on the line. Research last month revealed the climate crisis is undermining public health through, for instance, greater spread of infectious diseases, air pollution and food shortages.

Among its disturbing findings, heat-related deaths in babies under a year old, and adults over 65, increased by 68% in 2017-2021, compared to 2000-2004.

Future generations cannot afford our dithering on action to reduce emissions.

2. Emissions reduction is too slow

Some countries, particularly in Europe, are succeeding in reducing greenhouse gas emissions through transitioning to renewable energy.

But globally it’s not happening fast enough. A UN report this week found if nations deliver on their climate action goals for 2030, Earth will still heat by about 2.5℃ this century – overshooting the Paris Agreement goal to keep global warming well below 2℃.

Such warming would be disastrous, especially in poorer parts of the world that have contributed little to global emissions.

For decades, the world has talked about reducing carbon dioxide emissions. But annual global emissions have risen by over 50% in my lifetime, and since the first COP back in 1992. The UN warns there’s still “no credible pathway” to limiting warming to 1.5℃.

Until we reach close to net-zero emissions, the amount of CO₂ in our atmosphere will rise and the planet will warm. At our current rate, we are warming the planet by about 0.2℃ every decade.

Global carbon dioxide emissions remain at close to record highs and have roughly quadrupled since 1960.
Global Carbon Project

3. The stalling must end

With so many challenges facing the world, including the Russian invasion of Ukraine and the cost of living crisis, it may be tempting to view climate change as a problem that can wait. This would be a terrible idea.

Climate change will get only worse. Every year of delay makes it much harder to prevent the most dangerous climate projections becoming a reality.

Only concerted efforts from all nations will avoid destroying our most sensitive ecosystems, such as coral reefs. We should be doing everything we can to stop this by transitioning away from fossil fuels. Any new fossil fuel development is just making the problem worse and will cost humanity and the environment far more in future.

And yet, the International Energy Agency last week projected that the net income for oil and gas producers will double in 2022 “to an unprecedented US$4 trillion”, a $2 trillion windfall.

We can’t, as climate activist Greta Thunberg put it, just have more “blah, blah, blah” from world leaders at COP27 – we need concrete action to reduce greenhouse gas emissions.

What now?

COP27 must lead to a rapid transition away from fossil fuels, including no new fossil fuel developments, and more support for countries dealing with the biggest climate change impacts. We must be on a credible path to reach global net-zero emissions within the next few decades.

The lack of progress at past global climate talks means I’m not optimistic that COP27 will achieve what’s needed. But I hope world leaders will prove me wrong and not let their nations down.The Conversation

Andrew King, Senior Lecturer in Climate Science, The University of Melbourne

This article is republished from The Conversation under a Creative Commons license. Read the original article.


Postiamo questa traduzione automatica effettuata  con google translator per facilitare la lettura dell’articolo . Per utilizzo professionale dell’articolo occorre fare riferimento al testo originale.

 

3 cose che uno scienziato del clima vuole che i leader mondiali sappiano prima della COP27

Leader mondiali ed esperti di clima si stanno incontrando per i colloqui fondamentali delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici in Egitto. Conosciuta come COP27, la conferenza mirerà a mettere la Terra sulla strada per l’azzeramento delle emissioni nette e a mantenere il riscaldamento globale ben al di sotto dei 2℃ in questo secolo.

Il mondo deve decarbonizzare rapidamente per evitare i danni più pericolosi del cambiamento climatico. I leader mondiali lo sanno. Ma quella conoscenza deve trasformarsi urgentemente in impegni e progetti concreti.

Se l’umanità continua sul suo attuale percorso, lasceremo un mondo più caldo e mortale per i bambini di oggi e per tutte le generazioni future.

La Terra ha un disperato bisogno della COP27 per avere successo. Sono uno scienziato del clima e credo che i leader mondiali dovrebbero avere queste tre cose al primo posto nella conferenza.


Per saperne di più: Quasi 200 nazioni sono destinate ad affrontare il cambiamento climatico alla COP27 in Egitto. È solo un talkfest o l’incontro è davvero importante?


1. Il nostro pianeta è innegabilmente in crisi

Finora, la Terra si è riscaldata di poco più di 1℃ rispetto ai livelli preindustriali, il che significa che abbiamo già danneggiato il sistema climatico. Le nostre emissioni di gas serra hanno già causato l’innalzamento del livello del mare, la riduzione del ghiaccio marino e l’aumento dell’acidità dell’oceano.

 

Gli eventi estremi degli ultimi anni, in particolare le ondate di caldo, hanno le impronte dei cambiamenti climatici ovunque. Il caldo da record nel Nord America occidentale nel 2021 ha visto enormi incendi e infrastrutture tese. E all’inizio di quest’anno, le temperature nel Regno Unito hanno raggiunto per la prima volta un record di 40 ℃ mortali .

Anche l’oceano ha subito un susseguirsi di ondate di caldo marine che hanno sbiancato le barriere coralline e ridotto la diversità delle specie che ospitano. Le ondate di caldo peggioreranno finché continueremo a riscaldare il pianeta.

In modo spaventoso, rischiamo di far precipitare il clima in un nuovo regime pericoloso con conseguenze ancora peggiori. La ricerca di settembre rileva che siamo sull’orlo di superare cinque principali “punti di svolta” climatici, come il crollo della calotta glaciale della Groenlandia. Il superamento di questi punti bloccherà il pianeta in continui danni al clima, anche se tutte le emissioni di gas serra cesseranno.

 

In gioco anche la salute umana. La ricerca del mese scorso ha rivelato che la crisi climatica sta minando la salute pubblica attraverso, ad esempio, una maggiore diffusione di malattie infettive, inquinamento atmosferico e carenza di cibo.

Tra i risultati inquietanti, i decessi dovuti al calore nei bambini di età inferiore a un anno e negli adulti di età superiore ai 65 anni sono aumentati del 68% nel 2017-2021, rispetto al 2000-2004.

Le generazioni future non possono permettersi di esitare sull’azione per ridurre le emissioni.


Per saperne di più: il Regno Unito ha appena raggiunto i 40 ℃ per la prima volta. È un duro ricordo del caldo mortale che attende l’Australia


2. La riduzione delle emissioni è troppo lenta

Alcuni paesi, in particolare in Europa, stanno riuscendo a ridurre le emissioni di gas serra passando alle energie rinnovabili.

Ma a livello globale non sta accadendo abbastanza velocemente. Un rapporto delle Nazioni Unite di questa settimana ha rilevato che se le nazioni raggiungeranno i loro obiettivi di azione per il clima per il 2030, la Terra si riscalderà ancora di circa 2,5℃ in questo secolo, superando l’obiettivo dell’accordo di Parigi di mantenere il riscaldamento globale ben al di sotto dei 2℃.

Iceberg nell'oceano vicino a una valle
L’innalzamento del livello del mare dovuto allo scioglimento della calotta glaciale della Groenlandia è ormai considerato inevitabile. Foto di AP/Mstyslav Chernov, file

Un simile riscaldamento sarebbe disastroso , specialmente nelle parti più povere del mondo che hanno contribuito poco alle emissioni globali.

Per decenni, il mondo ha parlato di riduzione delle emissioni di anidride carbonica. Ma le emissioni globali annuali sono aumentate di oltre il 50% nella mia vita, e dal primo COP nel 1992. L’ONU avverte che non c’è ancora “nessun percorso credibile” per limitare il riscaldamento a 1,5 ℃.

Fino a quando non raggiungiamo emissioni nette quasi zero, la quantità di CO₂ nella nostra atmosfera aumenterà e il pianeta si riscalderà. Al nostro ritmo attuale, stiamo riscaldando il pianeta di circa 0,2 ℃ ogni decennio.

Le emissioni globali di anidride carbonica rimangono vicine ai massimi storici e sono quasi quadruplicate dal 1960. Global Carbon Project

3. Lo stallo deve finire

Con così tante sfide che il mondo deve affrontare, inclusa l’invasione russa dell’Ucraina e la crisi del costo della vita, potrebbe essere allettante vedere il cambiamento climatico come un problema che può aspettare. Questa sarebbe un’idea terribile.

Il cambiamento climatico peggiorerà solo. Ogni anno di ritardo rende molto più difficile evitare che le proiezioni climatiche più pericolose diventino realtà.

Solo gli sforzi concertati di tutte le nazioni eviteranno di distruggere i nostri ecosistemi più sensibili, come le barriere coralline. Dovremmo fare tutto il possibile per fermarlo allontanandoci dai combustibili fossili. Qualsiasi nuovo sviluppo di combustibili fossili sta solo peggiorando il problema e in futuro costerà all’umanità e all’ambiente molto di più.

 

Eppure, la scorsa settimana l’Agenzia internazionale per l’energia ha previsto che l’utile netto per i produttori di petrolio e gas raddoppierà nel 2022 “fino a 4 trilioni di dollari senza precedenti”, una manna di 2 trilioni di dollari.

Non possiamo, come ha detto l’attivista per il clima Greta Thunberg, solo avere più ” bla, bla, bla ” dai leader mondiali alla COP27: abbiamo bisogno di un’azione concreta per ridurre le emissioni di gas serra.

 

E adesso?

La COP27 deve portare a una rapida transizione lontano dai combustibili fossili, compresi i nuovi sviluppi di combustibili fossili, e un maggiore sostegno per i paesi che affrontano i maggiori impatti del cambiamento climatico. Dobbiamo essere su un percorso credibile per raggiungere l’azzeramento delle emissioni nette globali entro i prossimi decenni.

La mancanza di progressi nei passati colloqui sul clima globale significa che non sono ottimista sul fatto che la COP27 otterrà ciò che è necessario. Ma spero che i leader mondiali dimostreranno che ho torto e non deluderanno le loro nazioni.

 164 total views,  1 views today