Conferenza ETUI sui rischi psicosociali in luoghi (non) previsti

 

Fonte ETUI  che ringraziamo

ETUI conference on psychosocial risks in (un)expected places 

(in fondo all’articolo originale in lingua inglese  un testo tradotto in italiano con google translator )

Authors

On 19 and 20 October, the European Trade Union Institute held its annual OSH conference, this year dedicated to psychosocial risks in (un)expected places. Building on previous events, the conference aimed to advance the debate on psychosocial risks by embracing segments of the working population that often fall outside the scope of PSR policies. Bringing together experts from academic and policy spheres, the discussion laid the foundations for a more holistic approach to addressing psychosocial risks at work.

The conference started with an overview of the issue of psychosocial risks in Europe. Insa Linnea Backhaus, postdoctoral researcher at the Institute of Medical Sociology (Heinrich Heine University, Germany) presented evidence on how psychosocial work factors contribute to the social gradient in health – with women, young adults and workers with a lower level of education being especially at risk. Next, EU-OSHA project manager Sarah Copsey presented the latest data of the ‘Flash Eurobarometer – OSH Pulse survey’ and offered valuable insights into a range of impacts the pandemic has had on workers’ health and wellbeing. 44% of European workers experience more work-related stress as a result of the pandemic, and 57% says workers are not consulted about the stressful aspects of work at their workplace. ETUI researcher Aude Cefaliello closed the session with an overview of national legislation in the EU with the aim of identifying relevant legal provisions for a PSR Directive. Cefaliello provided evidence on the fact that the presence of specific national legislation is associated with more enterprises having a work-related stress action plan – concluding on the effectiveness of specific legislation on psychosocial risks.

The following session was dedicated to remote work and started with a presentation by ETUI researcher Pierre Bérastégui discussing how platform work generates psychosocial risks through a greater imbalance between the job demands placed upon workers and the lack of available organisational resources to deal with them. Next, Louis-Alexandre Erb, research officer for the Directorate for Research, Studies and Statistics (DARES, France), presented the TraCov survey looking at the consequences of the massive shift to teleworking during the pandemic. The survey distinguishes five profiles of teleworkers according to teleworking behaviours and showed that one of them experienced the greatest deterioration in their working conditions – namely those working remotely in a hybrid manner and with no prior experience of teleworking. Finally, Eurocadres President Nayla Glaise provided an overview of the challenges managers are facing when it comes to managing a remote workforce: keeping workers connected, motivated and informed, and overcoming the lack of trust. Nayla Glaise also discussed what could be the content of a PSR directive, insisting on the importance of having ‘social targets’ – objectives for employers in reducing work-related stress.

The second day opened with a session dedicated to psychosocial risks ‘far away from the screen’. Annette Meng, postdoctoral researcher for the National Research Centre for the Working Environment (Denmark), presented the SeniorWorkingLife study investigating ‘push’ and ‘stay’ mechanisms for the labour market participation of senior workers. Managers’ attitudes towards older workers play a major role in the retention of these workers, with a 61% increased risk of loss of paid work before pension age when having experienced age discrimination. Dr Flavia Adalgisa Distefano, clinical psychologist and lecturer at the Catholic University of the Sacred Heart (Italy), described the psychosocial risk factors faced by flight personnel: irregular shifts, sleep disturbance, psychological pressure and having to deal with aggressive passengers. Adalgisa Distefano also presented the ‘Peer Support Program’ – a tool focusing on the support between colleagues to address PSR in flight operations, developed in close collaboration with the Italian Union of Transport Workers (UILTRASPORTI). Next, the secretary of the European Federation of Building and Woodworkers Rolf Gehring presented the joint activities conducted with the European Construction Industry Federation (FIEC) on tackling psychosocial risks in the construction sector – including guidelines and measures tailored to the specific needs and characteristics of the construction industry.

The final session of the conference aimed at discussing how the ongoing transformation of the world of work is contributing to PSR, in order to advance durable solutions. It started with a keynote speech of Professor Evangelia Demerouti, full professor at Eindhoven University of Technology and author of the Job Demands-Resources model – one of the most popular and influential models in the field of organisational psychology. Psychosocial risks can be captured as excessive or badly designed job demands depleting workers’ energy, or as insufficient job resources decreasing workers’ motivation. Through different studies, Professor Demerouti demonstrated that job demands and resources can be measured, and that top-down and bottom-up interventions can influence employee wellbeing and performance in a favourable or unfavourable way. Professor Demerouti then laid the foundations of a framework to improve the psychosocial environment, consisting of four steps: 1) measuring job resources and demands, and their impact on wellbeing and performance; 2) interpreting the data collectively with all the relevant stakeholders; 3) strategising the allocation of efforts and achieving consensus on a selection of measures; 4) implementing the actions through job (re)design and training.

The keynote was then followed by a roundtable with Nina Hedegaard Nielsen, policy advisor for the Danish Confederation of Professional Associations (Akademikerne), Martin Sonnberger, health & safety manager at Porr and member of the health & safety committee of the European Construction Industry Federation (FIEC), and Professor Evangelia Demerouti. Nina Hedegaard Nielsen joined Professor Demerouti in stressing the importance of achieving a balance between job demands and resources – the more demands placed upon the workers, the more resources they have to be provided with – while at the same time acknowledging resources cannot entirely offset the negative impact of excessive demands. Professor Demerouti emphasised the critical role managers play in allocating resources and distributing demands, but also that they are in turn dependent on the resources and demands they receive from their own manager. Through practical examples in the construction sector, Martin Sonnberger highlighted that employers are not always in a position to influence some aspects of working conditions – notably when night shifts cannot be avoided due to societal needs.

Marian Schaapman, Head of the Health & Safety and Working Conditions Unit of the ETUI, wrapped up the discussion by emphasising the importance of bridging the perspectives of researchers, trade unions and workers to advance durable solutions. ‘We need to focus more on primary prevention and collective measures’, she added. ‘Like any other risks, psychosocial risks need to be prevented at the source: in the work content and in the organisation of work. We need to move in the direction of speaking about solutions much more’.

____________________________________

Postiamo una traduzione tramite google translator in italiano per facilitare la lettura dell’articolo. Per utilizzi professionali si prega di utilizzare il testo originale in lingua inglese.

 

Il 19 e 20 ottobre l’Istituto sindacale europeo ha tenuto la sua conferenza annuale sulla SSL, quest’anno dedicata ai rischi psicosociali nei luoghi (non) previsti . Basandosi su eventi precedenti, la conferenza mirava a far avanzare il dibattito sui rischi psicosociali abbracciando segmenti della popolazione attiva che spesso non rientrano nell’ambito delle politiche di PSR. Riunendo esperti della sfera accademica e politica, la discussione ha gettato le basi per un approccio più olistico per affrontare i rischi psicosociali sul lavoro.

La conferenza è iniziata con una panoramica della questione dei rischi psicosociali in Europa . Insa Linnea Backhaus , ricercatrice post-dottorato presso l’Istituto di sociologia medica (Università Heinrich Heine, Germania) ha presentato prove su come i fattori del lavoro psicosociale contribuiscono al gradiente sociale nella salute, in particolare donne, giovani adulti e lavoratori con un livello di istruzione inferiore a rischio. Successivamente, Sarah Copsey , project manager dell’EU-OSHA ha presentato gli ultimi dati dell’indagine “Flash Eurobarometer – OSH Pulse” e ha offerto preziose informazioni su una serie di impatti che la pandemia ha avuto sulla salute e sul benessere dei lavoratori. Il 44% dei lavoratori europei sperimenta un maggiore stress correlato al lavoro a causa della pandemia e il 57% afferma che i lavoratori non vengono consultati sugli aspetti stressanti del lavoro sul posto di lavoro. La ricercatrice dell’ETUI Aude Cefaliello ha chiuso la sessione con una panoramica della legislazione nazionale nell’UE con l’obiettivo di identificare le disposizioni legali pertinenti per una direttiva PSR. Cefaliello ha fornito prove sul fatto che la presenza di una specifica normativa nazionale è associata a un numero maggiore di imprese che hanno un piano di azione sullo stress lavoro correlato, concludendo sull’efficacia di una normativa specifica sui rischi psicosociali.

La sessione successiva è stata dedicata al lavoro a distanza ed è iniziata con una presentazione del ricercatore ETUI Pierre Bérastégui che ha discusso di come il lavoro in piattaforma generi rischi psicosociali attraverso un maggiore squilibrio tra le richieste di lavoro poste ai lavoratori e la mancanza di risorse organizzative disponibili per affrontarle. Successivamente, Louis-Alexandre Erb, responsabile della ricerca per la direzione della ricerca, degli studi e della statistica (DARES, Francia), ha presentato l’indagine TraCov esaminando le conseguenze del massiccio passaggio al telelavoro durante la pandemia. L’indagine distingue cinque profili di telelavoratori in base ai comportamenti di telelavoro e ha mostrato che uno di loro ha subito il maggiore deterioramento delle proprie condizioni di lavoro, ovvero coloro che lavorano a distanza in modo ibrido e senza precedenti esperienze di telelavoro. Infine, la presidente di Eurocadres Nayla Glaiseha fornito una panoramica delle sfide che i manager devono affrontare quando si tratta di gestire una forza lavoro remota: mantenere i lavoratori connessi, motivati ​​e informati e superare la mancanza di fiducia. Nayla Glaise ha anche discusso quale potrebbe essere il contenuto di una direttiva PSR, insistendo sull’importanza di avere “obiettivi sociali” – obiettivi per i datori di lavoro nella riduzione dello stress correlato al lavoro.

La seconda giornata si è aperta con una sessione dedicata ai rischi psicosociali ‘lontano dallo schermo’. Annette Meng , ricercatrice post-dottorato per il Centro nazionale di ricerca per l’ambiente di lavoro (Danimarca), ha presentato lo studio SeniorWorkingLife che indaga i meccanismi di “spostamento” e “soggiorno” per la partecipazione al mercato del lavoro dei lavoratori anziani. L’atteggiamento dei dirigenti nei confronti dei lavoratori più anziani gioca un ruolo importante nel mantenimento di questi lavoratori, con un aumento del 61% del rischio di perdita del lavoro retribuito prima dell’età pensionabile in caso di discriminazione in base all’età. Dott.ssa Flavia Adalgisa Distefano, psicologo clinico e docente presso l’Università Cattolica del Sacro Cuore (Italia), ha descritto i fattori di rischio psicosociale cui deve far fronte il personale di volo: turni irregolari, disturbi del sonno, pressione psicologica e dover affrontare passeggeri aggressivi. Adalgisa Distefano ha anche presentato il ‘Peer Support Program’, uno strumento incentrato sul supporto tra colleghi per affrontare la PSR nelle operazioni di volo, sviluppato in stretta collaborazione con l’Unione Italiana dei Lavoratori dei Trasporti (UILTRASPORTI). A seguire, il segretario della Federazione europea dell’edilizia e dei falegnami Rolf Gehringha presentato le attività congiunte condotte con la Federazione europea dell’industria delle costruzioni (FIEC) sulla lotta ai rischi psicosociali nel settore delle costruzioni, comprese linee guida e misure adeguate alle esigenze e alle caratteristiche specifiche del settore edile.

La sessione conclusiva della conferenza mirava a discutere di come la trasformazione in corso nel mondo del lavoro stia contribuendo alla PSR, al fine di promuovere soluzioni durevoli. È iniziato con un discorso programmatico della professoressa Evangelia Demerouti , professore ordinario alla Eindhoven University of Technology e autrice del modello Job Demands-Resources, uno dei modelli più popolari e influenti nel campo della psicologia organizzativa. I rischi psicosociali possono essere colti come richieste di lavoro eccessive o mal progettate che riducono l’energia dei lavoratori o come risorse lavorative insufficienti che riducono la motivazione dei lavoratori. Attraverso diversi studi, il professor Demerouti ha dimostrato che le richieste di lavoro e le risorse possono essere misurate e che gli interventi top-down e bottom-up possono influenzare il benessere e le prestazioni dei dipendenti in modo favorevole o sfavorevole. Il professor Demerouti ha quindi posto le basi di un quadro per il miglioramento dell’ambiente psicosociale, composto da quattro fasi: 1) misurare le risorse e le richieste del lavoro e il loro impatto sul benessere e sulle prestazioni; 2) interpretare i dati collettivamente con tutti gli stakeholder rilevanti; 3) definire una strategia per l’allocazione degli sforzi e raggiungere il consenso su una selezione di misure; 4) implementare le azioni attraverso la (ri)progettazione e la formazione del lavoro.

Il keynote è stato poi seguito da una tavola rotonda con Nina Hedegaard Nielsen , consulente politico per la Confederazione danese delle associazioni professionali (Akademikerne), Martin Sonnberger, responsabile salute e sicurezza presso Porr e membro del comitato salute e sicurezza della Federazione europea dell’industria delle costruzioni (FIEC), e la professoressa Evangelia Demerouti. Nina Hedegaard Nielsen si è unita al professor Demerouti nel sottolineare l’importanza di raggiungere un equilibrio tra le richieste di lavoro e le risorse – più richieste vengono poste ai lavoratori, più risorse devono essere fornite loro – pur riconoscendo che le risorse non possono compensare del tutto il negativo impatto di richieste eccessive. Il professor Demerouti ha sottolineato il ruolo fondamentale che i manager svolgono nell’allocazione delle risorse e nella distribuzione delle domande, ma anche che dipendono a loro volta dalle risorse e dalle richieste che ricevono dal proprio manager. Attraverso esempi pratici nel settore edile,

Marian Schaapman , capo dell’Unità Salute e sicurezza e condizioni di lavoro dell’ETUI, ha concluso la discussione sottolineando l’importanza di unire le prospettive di ricercatori, sindacati e lavoratori per promuovere soluzioni durature. “Dobbiamo concentrarci maggiormente sulla prevenzione primaria e sulle misure collettive”, ha aggiunto. «Come ogni altro rischio, i rischi psicosociali devono essere prevenuti alla fonte: nel contenuto del lavoro e nell’organizzazione del lavoro. Dobbiamo muoverci nella direzione di parlare di soluzioni molto di più’.

 251 total views,  1 views today