Amianto – la proposta di Direttiva della Commissione UE: un passo avanti e uno indietro

 

Fonte AFeVA Emilia-Romagna

Bologna, 25 ottobre 2022

Il 28 settembre 2022, la Commissione Europea ha avanzato una Proposta di Direttiva che modifica l’attuale direttiva UE sull’amianto indirizzata al Parlamento Europeo, agli Stati membri con la Commissione che chiede una rapida approvazione. Una volta adottata, gli Stati membri avranno due anni per recepire la direttiva nel diritto nazionale.

I dati da cui parte la decisione di modifica delle direttive sull’amianto sono terribili: nel 2019 l’esposizione ad amianto ha causato 70.000 vittime nell’Unione Europea, il 78% dei tumori professionali sono dovuti all’amianto e diventano l’88% per i tumori polmonari.

A causa dei lavori di ristrutturazione del patrimonio edilizio, il numero di lavoratori esposti all’amianto attualmente (fra 4,1 e 7,3 Milioni) potrebbe aumentare del 4% all’anno nei prossimi 10 anni.

Leggi la Proposta di Direttiva della Commissione UE su amianto

La Commissione Europea ha tenuto conto e si è attivata dopo la Risoluzione del Parlamento Europeo del 20 ottobre 2021 che interveniva sulla difesa dei lavoratori sulle esposizioni da amianto, in particolare nel settore edile.

Leggi tutto sulla Risoluzione del Parlamento Europeo (20 ottobre 2021)

La proposta della Commissione contiene una misura per la riduzione delle esposizioni professionali all’amianto.

Attualmente il limite massimo nelle 8 ore è pari a 0,1 fibre/centimetro cubo, la Commissione propone il suo abbassamento a 0,01 fibre/centimetro cubo, mentre nella risoluzione del Parlamento Europeo del 20 ottobre 2021 proponeva il suo abbassamento a 0,001 fibre/centimetro cubo.

In alcuni paesi Europei il limite massimo era già più basso: Francia (0,01 fibre/centimetro cubo), Danimarca (0,003 fibre/centimetro cubo), Paesi Bassi (0,002 fibre/centimetro cubo).

Leggendo i documenti di consultazione delle Parti Sociali Europee, si evince con chiarezza che la Posizione delle Organizzazioni Sindacali erano più restrittive ed in linea con la Risoluzione del Parlamento Europeo (0,001 fibre/centimetro cubo), mentre le principali obiezioni venivano dai Datori di Lavoro, queste ultime parzialmente accolte dalla Commissione Europea.

Leggi le dichiarazioni critiche della Confederazione Europea dei Sindacati (CES)

Leggi la notizia sul Sito della Commissione Europea (PUOI SCARICARE I DOCUMENTI IN INGLESE)

COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO, AL CONSIGLIO, AL COMITATO ECONOMIA E SOCIALE EUROPEA E COMITATO DELLE REGIONI (in italiano)

La campagna OCCHIO ALL’AMIANTO dei Sindacati dell’edilizia Italiani

Visual su #AsbestosFreeEurope

 

 347 total views,  2 views today