What are tactical nuclear weapons? An international security expert explains and assesses what they mean for the war in Ukraine

Al fondo dell’articolo originale offerto in CC license da TheConversation,  in lingua inglese, per facilitarne la lettura postiamo una traduzione in italiano effettuata con google. translator. Per un uso professionale dell’articolo l’unico riferimento è il testo originale in lingua inglese. editor

Fonte The Conversation

This Russian short-range cruise missile, the Iskander-K, can carry nuclear warheads for several hundred miles.
Russian Defense Ministry Press Service photo via AP

Nina Srinivasan Rathbun, USC Dornsife College of Letters, Arts and Sciences

Tactical nuclear weapons have burst onto the international stage as Russian President Vladimir Putin, facing battlefield losses in eastern Ukraine, has threatened that Russia will “make use of all weapon systems available to us” if Russia’s territorial integrity is threatened. Putin has characterized the war in Ukraine as an existential battle against the West, which he said wants to weaken, divide and destroy Russia.

U.S. President Joe Biden criticized Putin’s overt nuclear threats against Europe. Meanwhile, NATO Secretary-General Jens Stoltenberg downplayed the threat, saying Putin “knows very well that a nuclear war should never be fought and cannot be won.” This is not the first time Putin has invoked nuclear weapons in an attempt to deter NATO.

I am an international security scholar who has worked on and researched nuclear restraint, nonproliferation and costly signaling theory applied to international relations for two decades. Russia’s large arsenal of tactical nuclear weapons, which are not governed by international treaties, and Putin’s doctrine of threatening their use have raised tensions, but tactical nuclear weapons are not simply another type of battlefield weapon.

Tactical by the numbers

Tactical nuclear weapons, sometimes called battlefield or nonstrategic nuclear weapons, were designed to be used on the battlefield – for example, to counter overwhelming conventional forces like large formations of infantry and armor. They are smaller than strategic nuclear weapons like the warheads carried on intercontinental ballistic missiles.

While experts disagree about precise definitions of tactical nuclear weapons, lower explosive yields, measured in kilotons, and shorter-range delivery vehicles are commonly identified characteristics. Tactical nuclear weapons vary in yields from fractions of 1 kiloton to about 50 kilotons, compared with strategic nuclear weapons, which have yields that range from about 100 kilotons to over a megaton, though much more powerful warheads were developed during the Cold War.

For reference, the atomic bomb dropped on Hiroshima was 15 kilotons, so some tactical nuclear weapons are capable of causing widespread destruction. The largest conventional bomb, the Mother of All Bombs or MOAB, that the U.S. has dropped has a 0.011-kiloton yield.

Delivery systems for tactical nuclear weapons also tend to have shorter ranges, typically under 310 miles (500 kilometers) compared with strategic nuclear weapons, which are typically designed to cross continents.

Because low-yield nuclear weapons’ explosive force is not much greater than that of increasingly powerful conventional weapons, the U.S. military has reduced its reliance on them. Most of its remaining stockpile, about 150 B61 gravity bombs, is deployed in Europe. The U.K. and France have completely eliminated their tactical stockpiles. Pakistan, China, India, Israel and North Korea all have several types of tactical nuclear weaponry.

Russia has retained more tactical nuclear weapons, estimated to be around 2,000, and relied more heavily on them in its nuclear strategy than the U.S. has, mostly due to Russia’s less advanced conventional weaponry and capabilities.

Russia’s tactical nuclear weapons can be deployed by ships, planes and ground forces. Most are deployed on air-to-surface missiles, short-range ballistic missiles, gravity bombs and depth charges delivered by medium-range and tactical bombers, or naval anti-ship and anti-submarine torpedoes. These missiles are mostly held in reserve in central depots in Russia.

Russia has updated its delivery systems to be able to carry either nuclear or conventional bombs. There is heightened concern over these dual capability delivery systems because Russia has used many of these short-range missile systems, particularly the Iskander-M, to bombard Ukraine.

Russia’s Iskander-M mobile short-range ballistic missile can carry conventional or nuclear warheads. Russia has used the missile with conventional warheads in the war in Ukraine.

Tactical nuclear weapons are substantially more destructive than their conventional counterparts even at the same explosive energy. Nuclear explosions are more powerful by factors of 10 million to 100 million than chemical explosions, and leave deadly radiation fallout that would contaminate air, soil, water and food supplies, similar to the disastrous Chernobyl nuclear reactor meltdown in 1986. The interactive simulation site NUKEMAP by Alex Wellerstein depicts the multiple effects of nuclear explosions at various yields.

Can any nuke be tactical?

Unlike strategic nuclear weapons, tactical weapons are not focused on mutually assured destruction through overwhelming retaliation or nuclear umbrella deterrence to protect allies. While tactical nuclear weapons have not been included in arms control agreements, medium-range weapons were included in the now-defunct Intermediate-range Nuclear Forces treaty (1987-2018), which reduced nuclear weapons in Europe.

Both the U.S. and Russia reduced their total nuclear arsenals from about 19,000 and 35,000 respectively at the end of the Cold War to about 3,700 and 4,480 as of January 2022. Russia’s reluctance to negotiate over its nonstrategic nuclear weapons has stymied further nuclear arms control efforts.

The fundamental question is whether tactical nuclear weapons are more “useable” and therefore could potentially trigger a full-scale nuclear war. Their development was part of an effort to overcome concerns that because large-scale nuclear attacks were widely seen as unthinkable, strategic nuclear weapons were losing their value as a deterrent to war between the superpowers. The nuclear powers would be more likely to use tactical nuclear weapons, in theory, and so the weapons would bolster a nation’s nuclear deterrence.

Yet, any use of tactical nuclear weapons would invoke defensive nuclear strategies. In fact, then-Secretary of Defense James Mattis notably stated in 2018: “I do not think there is any such thing as a tactical nuclear weapon. Any nuclear weapon use any time is a strategic game changer.”

This documentary explores how the risk of nuclear war has changed – and possibly increased – since the end of the Cold War.

The U.S. has criticized Russia’s nuclear strategy of escalate to de-escalate, in which tactical nuclear weapons could be used to deter a widening of the war to include NATO.

While there is disagreement among experts, Russian and U.S. nuclear strategies focus on deterrence, and so involve large-scale retaliatory nuclear attacks in the face of any first-nuclear weapon use. This means that Russia’s threat to use nuclear weapons as a deterrent to conventional war is threatening an action that would, under nuclear warfare doctrine, invite a retaliatory nuclear strike if aimed at the U.S. or NATO.

Nukes and Ukraine

I believe Russian use of tactical nuclear weapons in Ukraine would not achieve any military goal. It would contaminate the territory that Russia claims as part of its historic empire and possibly drift into Russia itself. It would increase the likelihood of direct NATO intervention and destroy Russia’s image in the world.

Putin aims to deter Ukraine’s continued successes in regaining territory by preemptively annexing regions in the east of the country after holding staged referendums. He could then declare that Russia would use nuclear weapons to defend the new territory as though the existence of the Russian state were threatened. But I believe this claim stretches Russia’s nuclear strategy beyond belief.

Putin has explicitly claimed that his threat to use tactical nuclear weapons is not a bluff precisely because, from a strategic standpoint, using them is not credible.The Conversation

Nina Srinivasan Rathbun, Professor of International Relations, USC Dornsife College of Letters, Arts and Sciences

This article is republished from The Conversation under a Creative Commons license. Read the original article.

========================

Cosa sono le armi nucleari tattiche? Un esperto di sicurezza internazionale spiega e valuta cosa significano per la guerra in Ucraina

Le armi nucleari tattiche sono esplose sulla scena internazionale quando il presidente russo Vladimir Putin, affrontando perdite sul campo di battaglia nell’Ucraina orientale, ha minacciato che la Russia ” farà uso di tutti i sistemi d’arma a nostra disposizione ” se l’integrità territoriale della Russia è minacciata. Putin ha caratterizzato la guerra in Ucraina come una battaglia esistenziale contro l’Occidente , che secondo lui vuole indebolire, dividere e distruggere la Russia.

Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha criticato le palesi minacce nucleari di Putin contro l’Europa . Nel frattempo, il segretario generale della NATO Jens Stoltenberg ha minimizzato la minaccia , dicendo che Putin “sa molto bene che una guerra nucleare non dovrebbe mai essere combattuta e non può essere vinta”. Questa non è la prima volta che Putin invoca armi nucleari nel tentativo di scoraggiare la NATO.

Sono uno studioso di sicurezza internazionale che ha lavorato e ricercato per due decenni sulla teoria della moderazione nucleare , della non proliferazione e della segnalazione costosa applicata alle relazioni internazionali. L’ampio arsenale russo di armi nucleari tattiche, che non sono governate da trattati internazionali, e la dottrina di Putin di minacciarne l’uso hanno sollevato tensioni, ma le armi nucleari tattiche non sono semplicemente un altro tipo di arma da campo di battaglia.

Tattico dai numeri

Le armi nucleari tattiche, a volte chiamate armi nucleari da campo o non strategiche, sono state progettate per essere utilizzate sul campo di battaglia, ad esempio per contrastare forze convenzionali schiaccianti come grandi formazioni di fanteria e armature. Sono più piccole delle armi nucleari strategiche come le testate trasportate dai missili balistici intercontinentali.

Mentre gli esperti non sono d’accordo sulle definizioni precise delle armi nucleari tattiche, rendimenti esplosivi inferiori, misurati in kilotoni, e veicoli di consegna a corto raggio sono caratteristiche comunemente identificate. Le armi nucleari tattiche variano nei rendimenti da frazioni di 1 kiloton a circa 50 kilotoni, rispetto alle armi nucleari strategiche, che hanno rendimenti che vanno da circa 100 kilotoni a oltre un megaton, sebbene durante la Guerra Fredda siano state sviluppate testate molto più potenti.

Per riferimento, la bomba atomica sganciata su Hiroshima era di 15 kilotoni, quindi alcune armi nucleari tattiche sono in grado di causare una distruzione diffusa. La più grande bomba convenzionale , la Mother of All Bombs o MOAB, che gli Stati Uniti hanno sganciato ha una resa di 0,011 kiloton.

I sistemi di consegna per armi nucleari tattiche tendono anche ad avere distanze più brevi, in genere inferiori a 310 miglia (500 chilometri) rispetto alle armi nucleari strategiche, che sono generalmente progettate per attraversare i continenti.

Poiché la forza esplosiva delle armi nucleari a basso rendimento non è molto maggiore di quella delle armi convenzionali sempre più potenti, l’esercito americano ha ridotto la sua dipendenza da esse. La maggior parte delle scorte rimanenti, circa 150 bombe a gravità B61 , è dispiegata in Europa . Il Regno Unito e la Francia hanno completamente eliminato le loro scorte tattiche. Pakistan, Cina, India, Israele e Corea del Nord hanno tutti diversi tipi di armi nucleari tattiche.

La Russia ha conservato più armi nucleari tattiche, stimate in circa 2.000 , e ha fatto più affidamento su di esse nella sua strategia nucleare rispetto agli Stati Uniti, principalmente a causa delle armi e delle capacità convenzionali meno avanzate della Russia.

Le armi nucleari tattiche della Russia possono essere schierate da navi, aerei e forze di terra. La maggior parte è schierata su missili aria-superficie, missili balistici a corto raggio, bombe a gravità e cariche di profondità lanciate da bombardieri tattici e a medio raggio, o siluri navali antinave e anti-sottomarino. Questi missili sono per lo più tenuti in riserva nei depositi centrali in Russia.

La Russia ha aggiornato i suoi sistemi di consegna per poter trasportare bombe nucleari o convenzionali. C’è una maggiore preoccupazione per questi sistemi di consegna a doppia capacità perché la Russia ha utilizzato molti di questi sistemi missilistici a corto raggio, in particolare l’Iskander-M, per bombardare l’Ucraina.

Il missile balistico mobile a corto raggio Iskander-M della Russia può trasportare testate convenzionali o nucleari. La Russia ha utilizzato il missile con testate convenzionali nella guerra in Ucraina.

Le armi nucleari tattiche sono sostanzialmente più distruttive delle loro controparti convenzionali anche con la stessa energia esplosiva. Le esplosioni nucleari sono più potenti di fattori da 10 milioni a 100 milioni rispetto alle esplosioni chimiche e lasciano ricadute letali di radiazioni che contaminerebbero aria, suolo, acqua e forniture alimentari, in modo simile al disastroso crollo del reattore nucleare di Chernobyl nel 1986. Il sito di simulazione interattiva NUKEMAP di Alex Wellerstein descrive i molteplici effetti delle esplosioni nucleari con vari rendimenti.

Qualsiasi nucleare può essere tattico?

A differenza delle armi nucleari strategiche, le armi tattiche non si concentrano sulla distruzione reciprocamente assicurata attraverso una schiacciante rappresaglia o una deterrenza ad ombrello nucleare per proteggere gli alleati. Sebbene le armi nucleari tattiche non siano state incluse negli accordi sul controllo degli armamenti, le armi a medio raggio sono state incluse nell’ormai defunto trattato sulle forze nucleari a raggio intermedio (1987-2018), che ha ridotto le armi nucleari in Europa.

Sia gli Stati Uniti che la Russia hanno ridotto il loro arsenale nucleare totale da circa 19.000 e 35.000 rispettivamente alla fine della Guerra Fredda a circa 3.700 e 4.480 a gennaio 2022 . La riluttanza della Russia a negoziare sulle sue armi nucleari non strategiche ha ostacolato ulteriori sforzi di controllo degli armamenti nucleari.

La domanda fondamentale è se le armi nucleari tattiche siano più “utilizzabili” e quindi potrebbero potenzialmente innescare una guerra nucleare su vasta scala. Il loro sviluppo faceva parte di uno sforzo per superare le preoccupazioni secondo cui, poiché gli attacchi nucleari su larga scala erano ampiamente considerati impensabili, le armi nucleari strategiche stavano perdendo il loro valore come deterrente alla guerra tra le superpotenze. Le potenze nucleari avrebbero maggiori probabilità di utilizzare armi nucleari tattiche, in teoria, e quindi le armi rafforzerebbero la deterrenza nucleare di una nazione.

Tuttavia, qualsiasi uso di armi nucleari tattiche invocherebbe strategie nucleari difensive. In effetti, l’allora segretario alla Difesa James Mattis ha dichiarato in particolare nel 2018 : “Non credo che esista un’arma nucleare tattica. Qualsiasi uso di armi nucleari in qualsiasi momento è un punto di svolta strategico”.

Questo documentario esplora come il rischio di una guerra nucleare sia cambiato – e forse aumentato – dalla fine della Guerra Fredda.

Gli Stati Uniti hanno criticato la strategia nucleare russa di escalation per de-escalation , in cui le armi nucleari tattiche potrebbero essere utilizzate per scoraggiare un ampliamento della guerra per includere la NATO.

Sebbene vi sia disaccordo tra gli esperti, le strategie nucleari russe e statunitensi si concentrano sulla deterrenza, e quindi implicano attacchi nucleari di rappresaglia su larga scala di fronte a qualsiasi primo utilizzo di armi nucleari. Ciò significa che la minaccia della Russia di utilizzare armi nucleari come deterrente alla guerra convenzionale sta minacciando un’azione che, secondo la dottrina della guerra nucleare, inviterebbe un attacco nucleare di rappresaglia se mirato agli Stati Uniti o alla NATO.

Nucleari e Ucraina

Credo che l’uso russo di armi nucleari tattiche in Ucraina non raggiungerebbe alcun obiettivo militare. Contaminasse il territorio che la Russia rivendica come parte del suo impero storico e forse andrebbe alla deriva nella Russia stessa. Aumenterebbe la probabilità di un intervento diretto della NATO e distruggerebbe l’immagine della Russia nel mondo.

Putin mira a scoraggiare i continui successi dell’Ucraina nella riconquista del territorio annettendo preventivamente le regioni nell’est del paese dopo aver organizzato referendum in scena. Poteva quindi dichiarare che la Russia avrebbe usato armi nucleari per difendere il nuovo territorio come se l’esistenza dello stato russo fosse minacciata. Ma credo che questa affermazione estenda oltre ogni immaginazione la strategia nucleare russa.

Putin ha esplicitamente affermato che la sua minaccia di utilizzare armi nucleari tattiche non è un bluff proprio perché, dal punto di vista strategico, utilizzarle non è credibile .

 632 total views,  3 views today