Vai al contenuto

Dal Blog International Ban Asbestos Secretariat : Il futuro è qui

FONTE International Ban Asbestos Secretariat (IBAS)
18 gennaio 2019

Il futuro è qui!

Nelle ultime ore del 2018, è entrato in vigore il tanto atteso divieto di amianto in Canada, in passato il più grande produttore al mondo di amianto. In un colpo solo, il discorso globale sull'amianto è cambiato per sempre; non era più questione di se i paesi avrebbero agito sul pericolo dell'amianto ma quando lo avrebbero fatto.

Il fatto che l'amianto sia ancora usato in molte parti del mondo, nonostante tutto ciò che è noto sui suoi effetti mortali sull'uomo e sull'ambiente, costituisce uno scandalo di proporzioni epiche, con un massimo di 300.000 persone che muoiono ogni anno da un rapporto evitabile legato all'amianto malattie. 1 Questo equivale a spazzare via ogni anno una città delle dimensioni di Cordoba, Spagna, Cincinnati, Stati Uniti o Canberra, in Australia.

Che il commercio globale non regolamentato dell'amianto persista è, in gran parte, dovuto a sporchi trucchi, azioni illegali e campagne di disinformazione sponsorizzate da parti interessate all'amianto; le strategie aziendali poco raccomandabili esposte negli ultimi mesi includevano: ricatti economici, 2 trattati tossici, 3 collusioni politiche 4 e operazioni sotto copertura rivolte ai membri della rete di amianto vietata. 5

Nonostante le macchinazioni globali dell'industria dell'amianto, il ritmo della campagna di esportazione del divieto continua ad accelerare. Dal 12 al 14 gennaio 2019 ci sono state una serie di attività a Yangon, in Myanmar, per sensibilizzare sul rischio dell'amianto.

Tra le organizzazioni che sostenevano questi eventi c'erano: la Confederazione dei sindacati Myanmar (CTUM), l'International Building and Woodworkers ', il Centro di solidarietà, l'Asian Ban Asbestos Network (ABAN) e la Fondazione Italia-Burma. La partecipazione del governo del Myanmar e dei funzionari dell'Organizzazione mondiale della sanità, Myanmar, accademici italiani e giapponesi, sindacalisti, tecnici e altri esperti è stata la prova, se necessaria, della crescita delle collaborazioni anti-amianto tra i diversi partner della società civile provenienti da più aree geografiche . Il futuro è privo di amianto!

1 Takala J. et al. Analisi comparativa del carico di infortuni e malattie sul lavoro in Paesi e regioni selezionati. Giugno 2017.Giornale europeo centrale di medicina occupazionale e ambientale. http://www.omfi.hu/cejoem/Volume23/Vol23No1-2/23_1-2_Article_01.pdf

2 Ricatto economico della Russia contro la decisione del divieto di amianto dello Sri Lanka sbattuta dai sindacati internazionali e dalle reti sanitarie . 3 gennaio 2018.
http://ibasecretariat.org/media_release_blackmail_of_sri_lanka_re_asb_ban_jan_3_2018.pdf
Vedi anche: Kazan-Allen L. I diktat dell'amianto della politica estera russa. 9 agosto 2018.
http://ibasecretariat.org/lka-blog.php#a144

3 Kazan-Allen, L. Diplomazia del XXI secolo: Gherkins per l'amianto. 19 febbraio 2017.
http://ibasecretariat.org/lka-twenty-first-century-diplomacy-gherkins-for-asbestos.php

4 Volya, T. La lobby in amianto in Ucraina. 8 gennaio 2019.
http://ibasecretariat.org/tv-the-asbestos-lobby-in-ukraine.php

5 Sorveglianza aziendale: pagamento "sostanziale" nello scandalo dello spionaggio dell'amianto. Pericoli, numero 144. 2018.http://www.hazards.org/asbestos/ispy.htm