La Grecia prevede droni automatizzati per individuare le persone che attraversano il confine

Fonte:  Algorithm Watch che ringraziamo 

Il ministero della migrazione greco ha annunciato che utilizzerà droni finanziati dall’UE con “Intelligenza artificiale” per rintracciare le persone che cercano rifugio al confine. Le promesse che miglioreranno anche le operazioni di ricerca e salvataggio suonano vane. 

All’apertura della Fiera internazionale di Salonicco lo scorso settembre, il ministro greco per l’immigrazione Notis Mitarakis – altrimenti noto per aver liquidato le prove in corso dei brutali e illegali respingimenti dei richiedenti asilo da parte delle guardie di frontiera greche come “notizie false” – ha fatto notizia a livello nazionale quando ha presentato la sua Ultimo progetto del ministero: 3,7 milioni di euro di finanziamento per droni con “algoritmi innovativi” in grado di “identificare automaticamente obiettivi di interesse definiti” al confine greco. 

Cosa intendeva? In un video dimostrativo , due uomini – uno con occhiali da sole e maglietta rossa, un altro sfocato – camminano accanto a una linea tracciata attraverso un campo, con scatole che li contrassegnano come “persona”. Mentre il ragazzo con gli occhiali da sole si avvicina alla linea, viene etichettato come “persona di interesse”. Inizia a correre, salta oltre la linea, corre, si sdraia su una panchina, scomparendo alla vista. Quando si alza, la scatola continua a seguirlo. 

Finanziamenti dell’UE per progetti di sicurezza greci

“In questo video riconosco davvero le persone del mio dipartimento”, ci ha detto, ridacchiando, un ricercatore informatico allo stand del Ministero greco per le migrazioni alla Fiera di Salonicco il 13 settembre.

Il suo dipartimento – l’Information Technologies Institute presso il Center for Research and Technology Hellas (CERTH) – si trova in un edificio tranquillo alla periferia di Salonicco. Qui i ricercatori lavorano su 27 diversi progetti, per lo più finanziati dalla Commissione Europea. 

La prima volta che CERTH ha ottenuto finanziamenti per un progetto di sicurezza è stato nel 2017, quando il programma di ricerca e innovazione dell’Unione Europea Horizon 2020 li ha pagati per coordinare “ROBORDER”, un progetto da 8 milioni di euro che mirava a sviluppare e pilotare “un sistema di sorveglianza delle frontiere completamente autonomo” dove, hanno affermato i ricercatori , i robot saranno in grado di identificare gli esseri umani e decidere autonomamente se rappresentano una minaccia. In questi giorni, afferma il ricercatore del CERTH, c’è molto interesse da parte delle istituzioni europee per il finanziamento di “progetti di sicurezza”.

REAZIONE

Ora, REACTION, o “Intelligenza artificiale in tempo reale per la sorveglianza delle frontiere”, sarà anche coordinato dal CERTH e finanziato dal Fondo per la migrazione e gli affari interni della Commissione europea. L’inizio è previsto per novembre 2022 e durerà 36 mesi. 

L’informatico Stathes Hadjiefthymiades, che fa parte del team REACTION, ha affermato di voler combinare la ricerca di ROBORDER e ” AIDERS “, un altro progetto finanziato dall’UE volto a elaborare i dati da droni, sensori e telecamere per “migliorare le risposte alle emergenze” nel caso di un incendio, inondazione o naufragio. Lo scopo, dice, è portare le tecnologie – “o chicche”, come le chiama lui – nelle mani della polizia, che vuole droni (oltre a sensori termici, rilevatori di movimento e telecamere già installati al confine greco) per avvisarli dei valichi di frontiera.

Una volta allertate, le forze dell’ordine “non necessariamente” impediranno alle persone di entrare in Grecia, ha affermato Hadjiefthymiades. Potrebbero anche essere arrestati o portati nei campi e istruiti su come richiedere asilo. Ha aggiunto che i respingimenti, che Amnesty International descrive come “la politica di frontiera de facto della Grecia”, sono “nei notiziari”, ma non crede che le guardie di frontiera greche stiano respingendo barche di richiedenti asilo in Turchia.

“Algoritmi innovativi”

Nel suo discorso alla Fiera di Salonicco, il ministro della migrazione Mitarakis ha affermato che “l’uso dell’intelligenza artificiale” di REACTION consentirà ai droni di identificare e monitorare “obiettivi di interesse”. Tuttavia, un giovane del consorzio di ricerca ci ha detto che “[il Ministero delle Migrazioni] non sa nulla di quello che stiamo facendo”, perché sono “in un campo diverso” e sono “utenti finali”. 

Alla fiera di Salonicco, tre droni erano in mostra presso lo stand del ministero greco delle migrazioni. Due provenivano dal produttore cinese di droni commerciali DJI. Il terzo è stato avvolto in fili ed è stato, ha spiegato un presentatore, addestrato a fare ciò che ha detto Mitarakis: scansionare un’area e, se individua qualcosa di “più interessante”, come una persona che attraversa un confine, cambia in modo indipendente la sua rotta per seguirlo persona. Tuttavia, ci ha detto il presentatore, è l’unico drone che hanno in grado di farlo, perché “l’elaborazione a bordo” è molto costosa e richiede molta energia. 

Il signor Hadjiefthymiades ha confermato che stavano “trattando con droni di dimensioni ridotte con potenza di bordo limitata. Stiamo lottando per fare intelligence a bordo con droni standard”. 

Nella brochure di REACTION, il ministero greco dell’immigrazione afferma che uno degli obiettivi del progetto è “utilizzare i fondi per acquistare le attrezzature necessarie per il progetto di confine”. 

Cerca e salva

Dopo che la polizia è stata allertata di una persona o di un veicolo che attraversa il confine greco, “andranno a vedere cosa sta succedendo”, ci ha detto il giovane del consorzio di ricerca. Una donna, sentendo questo, disse con rabbia: “Ti dirò cosa fanno, o verranno con le pistole per sparare, o li picchieranno”. Più tardi, il giovane ha ammesso: “Per me, l’unica cosa è che non so esattamente cosa farà la polizia ai migranti dopo averli avvisati”. Fece una smorfia. “Ma cosa posso fare”, ha detto. 

Alla domanda sull’affermazione di REACTION che verrà utilizzato per “ricerca e salvataggio”, il giovane ha affermato di ritenere che le persone del “Multimedia Knowledge Lab ” del CERTH stiano addestrando un algoritmo per individuare se qualcuno è ferito al confine. Ma Yiannis Kompatsiaris, un ricercatore senior lì, ci ha detto che il suo laboratorio non sta attualmente addestrando un tale algoritmo. 

Negli ultimi anni, la Guardia costiera greca, come altre autorità europee, è stata più volte accusata di ritardare le operazioni di soccorso. All’inizio di questo mese, Deutsche Welle ha pubblicato un rapporto da cui emergeva che le autorità greche hanno lasciato un gruppo di 38 richiedenti asilo bloccato su un isolotto sul fiume Evros, che segna la maggior parte del confine tra Grecia e Turchia, nonostante un vicino pilone con sensori di calore e telecamere, che avrebbero dovuto essere in grado di localizzare immediatamente il gruppo. 

Dal 2017, il ricercatore open source Phevos Simeonidis segue progetti di sorveglianza delle frontiere locali e finanziati dall’UE in Grecia. Finora, afferma, “questo apparato in continua crescita sembra sempre non essere all’altezza dell’assistenza alla ricerca e al salvataggio, ed evidentemente chiude anche un occhio quando filmati o dati potrebbero aiutare le persone a dimostrare di essere state vittime di violazioni dei diritti umani”.

 149 total views,  1 views today