Il telelavoro è ancora ampiamente regolamentato a livello aziendale in Europa

FONTE: EUROFOUND 

L’accesso al telelavoro e le modalità di lavoro quando si lavora da casa sono ancora in gran parte determinati a livello aziendale nella maggior parte degli Stati membri dell’UE, con solo Francia, Lituania e Portogallo che attualmente sanciscono il diritto di richiedere il telelavoro nella legislazione. Sebbene esista un terreno comune, nell’UE esistono standard e pratiche diversi per quanto riguarda il telelavoro, che possono essere regolati tramite leggi o contratti collettivi. Ciò può riguardare questioni importanti come salute e sicurezza, orario di lavoro e compensazione. Sebbene il diritto alla disconnessione sia stato recentemente ampliato in diversi paesi, non è esteso in tutta l’UE e differisce nell’attuazione nei vari Stati membri.

La nuova pubblicazione di Eurofound sul  telelavoro nell’UE  evidenzia le principali differenze e somiglianze tra paesi per quanto riguarda la legislazione sul telelavoro e le recenti modifiche a questi regolamenti. Esamina anche la situazione attuale in materia di contrattazione collettiva sul telelavoro. L’analisi evidenzia molti degli inconvenienti e delle sfide del telelavoro, concentrandosi sulle disposizioni relative all’accesso al telelavoro, all’orario di lavoro flessibile, alla disponibilità/connettività continua, alla prevenzione dei rischi professionali e sanitari e alla compensazione del datore di lavoro per i costi sostenuti dal dipendente durante il lavoro a distanza .

Il telelavoro è ancora ampiamente regolamentato a livello aziendale in EuropaLa ricerca rileva che il telelavoro sta diventando un modo consolidato di lavorare nell’UE dopo la pandemia. I datori di lavoro e le aziende devono supportare i luoghi di lavoro ibridi e questo nuovo modo di lavorare, adattandosi alle numerose sfide dell’ambiente imprenditoriale. Se i telelavoratori in tutta l’UE devono essere protetti allo stesso modo, saranno necessari anche standard condivisi. Il dialogo sociale e i contratti collettivi saranno essenziali sia per mantenere la produttività delle aziende sia per proteggere i lavoratori a livello aziendale.

Sei paesi (Austria, Lettonia, Portogallo, Romania, Slovacchia e Spagna) hanno adottato una nuova legislazione sul telelavoro dall’inizio della pandemia, mentre in altri sono state apportate modifiche o aggiornamenti su aspetti specifici del telelavoro. Iniziative legislative sono in discussione in Germania, Irlanda e Lussemburgo. In particolare, il numero di paesi che hanno incluso il diritto alla disconnessione nella legislazione nazionale è raddoppiato dallo scoppio del COVID-19.

Nonostante il graduale progresso legislativo, le condizioni di lavoro non sono state adattate per riflettere la nuova realtà del telelavoro, poiché la regolamentazione fatica a tenere il passo con il ritmo del cambiamento. Ciò sarà ulteriormente complicato dal crescente potenziale per i dipendenti di poter lavorare da remoto per un’azienda non situata nel loro paese di residenza.

Intervenendo sulla pubblicazione del rapporto, ha affermato il direttore esecutivo di Eurofound, Ivailo Kalfin

‘Il passaggio al lavoro a distanza continuerà nei prossimi anni a causa di ulteriori cambiamenti tecnologici e sociali. Gli sviluppi devono essere monitorati da vicino dai responsabili politici e dalle parti sociali, poiché il telelavoro rappresenta una quota crescente degli accordi di lavoro in Europa e può influenzare notevolmente questioni come l’organizzazione dell’orario di lavoro, la parità di genere e il benessere in generale.’

Maggiori informazioni

 

 116 total views,  5 views today