ETUI.  Ondata di caldo: un rischio professionale  Le autorità europee e nazionali non possono più ignorare

 

Poiché un’altra ondata di caldo è destinata a colpire l’Europa dopo quella prematura di giugno, un rapporto dell’Istituto sindacale europeo (ETUI) rivela che nessun paese dell’UE ha ancora preso la misura reale dell’impatto dell’aumento delle temperature sulla salute, sicurezza, benessere e produttività della popolazione attiva.

“Al momento, ampie fasce di lavoratori subiscono l’inazione da parte dei datori di lavoro mentre le autorità tendono a continuare a chiudere un occhio sull’esposizione estrema durante le ondate di caldo”, spiega la sociologa Claudia Narocki in un nuovo rapporto, Heatwaves as an Occupational Hazards: The impact di caldo e ondate di caldo sulla salute, sicurezza e benessere dei lavoratori e sulle disuguaglianze sociali . Questo vale anche per i lavori noti per essere estremamente a rischio di esposizione al calore durante gli eventi di caldo. Tuttavia, tutti gli esperti concordano sul fatto che l’aumento dei ricoveri mortali e non fatali negli ospedali, durante le ondate di caldo, è principalmente correlato all’esposizione professionale.

 

Mentre l’ondata di caldo del 2003, con i suoi 70.000 morti in 12 paesi europei, ha contribuito a fare delle ondate di caldo una questione di politica sanitaria, è giunto il momento, afferma il sociologo, di riconoscere le ondate di caldo come un rischio per la salute e la sicurezza sul lavoro, per obbligare le aziende le cui attività possono potenzialmente ricadono sotto l’impatto delle ondate di caldo per essere preparati a gestire i rischi legati al calore.

Aumento del tasso di incidenti nelle giornate calde

“Quando la temperatura ambiente supera i 38°C, il rischio complessivo di lesioni aumenta del 10-15%”, spiega Narocki. Le ondate di caldo colpiscono in particolare quella parte della popolazione lavorativa che è esposta a fattori di stress da calore preesistenti sul lavoro, come i lavori fisicamente impegnativi e quelli che richiedono l’uso di dispositivi di protezione individuale che tendono a diventare meno efficaci o inapplicabili. Altre conseguenze sono che il rischio di esposizione ad agenti chimici aumenta ma anche le capacità cognitive e sensoriali diminuiscono, portando a errori e potenzialmente a lesioni. Non dimentichiamo che lavorare al caldo è un lavoro duro e influisce sui rapporti tra le persone.

Sudorazione, disidratazione, esaurimento, dolori muscolari, eruzioni cutanee. Sopportare diversi giorni e notti consecutive di temperature estreme dovute all’ondata di caldo non è senza conseguenze. La ricerca fisiologica ed epidemiologica mostra che l’impatto del calore sulla salute umana va ben oltre le malattie acute legate al calore (come il colpo di calore). L’esposizione al calore aumenta il rischio di malattie cardiovascolari e respiratorie e aggrava le condizioni esistenti. Le alte temperature rappresentano anche una minaccia per la salute riproduttiva (impatto sulla fertilità maschile e femminile, gravidanza e sviluppo fetale), nonché sull’assunzione di alcuni farmaci.

Proteggere la popolazione attiva così come il resto della popolazione

“Se gli uffici climatizzati sono l’eccezione, lo stress termico riflette e accentua le disuguaglianze sociali preesistenti”, afferma Narocki. In effetti, il calore è un rischio professionale comune per i lavoratori che svolgono occupazioni manuali poco qualificate, caratterizzate da basso reddito e compiti che richiedono uno sforzo fisico. Mentre a prima vista i lavoratori edili e agricoli sembrano essere i più colpiti, ciò vale anche per la manutenzione stradale, il giardinaggio, la cucina, i servizi di corriere, soprattutto quando le consegne vengono effettuate in bicicletta, e lavori come la logistica che funzionano 24 ore al giorno, 7 Giorni a settimana! Anche le occupazioni precedentemente incontaminate, in aree come l’istruzione, sono anche soggette a questa esposizione poiché le ondate di caldo si stanno manifestando già alla fine di maggio

 

Heatwaves as an occupational hazard The impact of heat and heatwaves on workers’ health, safety and wellbeing and on social inequalities-2021

 266 total views,  1 views today