The Digital Services Act: è tempo che l’Europa capovolga le carte in tavola su Big Tech

Fonte Algorithmwatch

[ la traduzione in italiano è stata realizzata con translator google. Per usi professionali fare riferimento al testo originale in inglese ]

La nuova legge sui servizi digitali dell’UE è un modello per costringere Facebook, Youtube e altre importanti piattaforme online ad affrontare i gravi rischi che rappresentano per gli individui e la sfera pubblica. Il suo successo ora dipende dal fatto che i funzionari dell’UE applichino efficacemente la legge.

Il 9 marzo, un attacco aereo russo ha attraversato un ospedale per la maternità e l’infanzia nella città ucraina di Mariupol, uccidendo almeno tre persone e ferendone molte altre. Le immagini delle vittime dell’attentato hanno scioccato il mondo, compresa quella di una donna incinta ferita che culla il suo grembo mentre viene portata su una barella, poco prima che lei e il suo bambino morissero.

Quando le notizie sull’attentato all’ospedale hanno iniziato a circolare, l’ambasciata russa a Londra si è rivolta a Twitter per mettere in dubbio la loro validità, con affermazioni infondate che l’ospedale non era operativo al momento dell’attacco e che le orribili fotografie erano state messo in scena. A quel tempo, Twitter e altre piattaforme di social media si stavano affannando per affrontare la minaccia della disinformazione filo-russa che si stava già preparando molto prima dell’invasione del paese dell’Ucraina. Sebbene Twitter abbia rimosso i post dell’ambasciata, false narrazioni filo-russe come queste hanno continuato a inondare i social media e a trovare consenso nel pubblico, spinte dagli algoritmi di raccomandazione delle piattaforme. 

La guerra dell’informazione condotta online intorno al conflitto in Ucraina è solo uno dei tanti esempi preoccupanti di come la disinformazione possa diffondersi sulle piattaforme online, il che pone seri rischi per il tessuto sociale e istituzionale dell’UE. Eppure, anche se le principali piattaforme come Facebook, YouTube, Twitter e Instagram sono diventate estremamente influenti sul modo in cui dibattiamo e deliberatamente nelle nostre società democratiche, le aziende Big Tech hanno continuato essenzialmente a regolamentarsi quando si tratta di gestire le informazioni che fluiscono attraverso i loro servizi.

Questo stato di cose ha messo un potere enorme nelle mani di poche società, che più volte hanno dimostrato di dare la priorità ai profitti rispetto all’interesse pubblico ignorando o minimizzando deliberatamente i danni causati dai loro servizi. I documenti trapelati dall’informatore Frances Haugen hanno rivelato, ad esempio, che il rinnovato algoritmo del feed di notizie di Facebook era noto internamente per amplificare la disinformazione e i contenuti violenti sulla piattaforma. Ma la leadership di Facebook non ha ascoltato gli avvertimenti dei propri ricercatori perché il nuovo algoritmo era positivo per il coinvolgimento, il che era positivo per i profitti dell’azienda. 

I legislatori dell’UE hanno riconosciuto la necessità di cambiare le regole del gioco per frenare il potere della Big Tech e ritenere le principali piattaforme responsabili delle loro azioni. Questo imperativo ha portato al Digital Services Act (DSA): un regolamento di oltre 300 pagine per le aziende tecnologiche che le costringerebbe a fare di più per contrastare i contenuti illeciti sulle loro piattaforme, difendere i diritti degli utenti e affrontare l’impatto negativo che possono avere sulle persone e sulla società – oppure rischiare miliardi di euro di multe.

In che modo la DSA si propone di mantenere le sue promesse centrali? Grazie in parte agli sforzi collettivi della società civile, il DSA limiterebbe le forme più eclatanti di pubblicità basata sul monitoraggio e le pratiche di progettazione ingannevole delle piattaforme. Introduce inoltre importanti salvaguardie per i diritti individuali come procedure migliorate di “avviso e azione” per consentire agli utenti di segnalare contenuti online potenzialmente illegali, nonché meccanismi di ricorso per gli utenti per contestare le decisioni di moderazione dei contenuti delle piattaforme.

Forse il requisito più innovativo della DSA è che le piattaforme online identifichino e affrontino i cosiddetti “rischi sistemici” derivanti dalla progettazione e dall’uso dei loro servizi: rischi come la diffusione dell’incitamento all’odio, la violazione dei diritti fondamentali e la manipolazione intenzionale che possono avere effetti negativi sul discorso civico e sui processi elettorali. Fondamentalmente, se le piattaforme stanno affrontando adeguatamente questi rischi sistemici sarà verificato sia da revisori indipendenti, sia da autorità di regolamentazione e ricercatori esterni che potrebbero avere accesso ai dati della piattaforma.

In passato, le piattaforme si sono ripetutamente mostrate indifferenti o addirittura ostili nei confronti dei ricercatori che cercavano di esaminare i dati delle piattaforme. Ma il tipo di accesso ai dati di terze parti introdotto ora dalla DSA è essenziale per informare il dibattito pubblico su come le piattaforme influenzano la nostra sfera pubblica. Non ci si può fidare delle piattaforme per valutare semplicemente se stesse: è necessario un esame esterno per chiarire come i loro sistemi automatizzati personalizzano i contenuti tramite sistemi di raccomandazione e pubblicità mirata, nonché come gestiscono i contenuti illegali, gestiscono i reclami degli utenti e applicano i loro termini di servizio .

Ma come per l’intero DSA, l’efficacia di queste regole di accesso ai dati dipenderà in definitiva dal fatto che i funzionari dell’UE possano mettere in pratica la legge. Ad esempio, controllare adeguatamente i ricercatori per qualificarsi per l’accesso ai dati e facilitare tale accesso in sicurezza richiederà investimenti in competenze e la creazione di nuovi protocolli che funzionino. Dipenderà in parte dalle capacità dei futuri “Digital Services Coordinator” (DSC) che saranno istituiti dagli Stati membri dell’UE, nonché da organismi consultivi indipendenti non testati. Resta anche da vedere in che misura le piattaforme invocheranno un’esenzione dai “segreti commerciali”, che è esplicitamente menzionata nella DSA, per negare le richieste di accesso ai dati e se le autorità di regolamentazione interverranno per conto dei ricercatori in tali casi o chiuderanno un occhio .

Tale applicazione richiederà un solido quadro di governance con investimenti adeguati in personale e rafforzamento delle capacità e dovrà imparare dagli errori passati nell’applicazione del regolamento generale sulla protezione dei dati (GDPR). A tal fine, il DSA trasferisce l’applicazione sulle piattaforme più grandi alla Commissione europea e include un principio “chi inquina paga”, che richiederà alle piattaforme di pagare per la propria supervisione da parte della Commissione.

Sebbene il DSA sia un documento imperfetto – senza dubbio influenzato da una massiccia campagna di lobbying da parte delle società Big Tech – nel suo insieme, rappresenta un potenziale cambio di paradigma nella regolamentazione tecnologica. Anche così, la grande promessa del DSA si realizzerà solo se le sue leggi potranno essere attuate e applicate nella pratica.

Maggiori informazioni sulla nostra politica e sul nostro lavoro di advocacy sull’ADM nella sfera pubblica .

 173 total views,  3 views today