La “dottrina delle questioni principali”: la Corte Suprema degli Stati Uniti smussa l’EPA

 

Fonte:  Green Left Australia che ringraziamo

 

La Corte Suprema degli Stati Uniti è stata freneticamente occupata negli ultimi tempi, abbattendo leggi e leggi con un entusiasmo ideologico quasi folle. Le leggi sulle armi sono state invalidate; Roe vs Wade e diritti costituzionali all’aborto, confinati alla storia. E ora, l’Agenzia per la protezione ambientale è stata privata dei suoi poteri con una decisione 6‒3.

La decisione del 30 giugno del West Virginia contro l’Agenzia per la protezione ambientale è stata una specie di atto di boxe ombra. Il Clean Power Plan (CPP), che era l’obiettivo della panchina, non è mai entrato in vigore. Nel 2016, la Corte Suprema ha effettivamente bloccato il piano, annunciato dal presidente Barack Obama nell’agosto 2015. È stato originariamente promulgato ai sensi del Clean Air Act .

Nel 2019, l’amministrazione Donald Trump ha abrogato il CPP, sostituendolo con l’Affordable Clean Energy Rule (ACER). Ha affermato che l’autorità dell’EPA ai sensi della sezione 7411 del Clean Air Act si estendeva solo alle misure pertinenti ai locali dell’impianto, piuttosto che alle misure a livello di settore suggerite dal CPP. L’ACER ha conferito agli Stati la facoltà di stabilire standard e concedere alle centrali elettriche molta libertà nel rispettarli. Nella loro decisione, la DC Circuit Court ha annullato l’abrogazione del CPP da parte dell’amministrazione Trump e dell’ACER, rimandandolo all’EPA. In effetti, i poteri di regolamentazione dell’EPA sono stati ritenuti intatti.

 

 

Il CPP è stato inteso come un meccanismo mediante il quale è possibile fissare obiettivi per ciascuno stato per ciascuno stato rispetto alla riduzione delle emissioni di anidride carbonica derivanti dalle centrali elettriche. All’epoca l’EPA lo pubblicizzava come la definizione di “i primi standard nazionali in assoluto che affrontano l’inquinamento da carbonio delle centrali elettriche” che taglierebbero “quantità significative di inquinamento da carbonio delle centrali elettriche e gli inquinanti che causano fuliggine e smog che danneggiano la salute, mentre avanza innovazione, sviluppo e diffusione dell’energia pulita”. E il piano getterebbe anche le basi “per la strategia a lungo termine necessaria per affrontare la minaccia del cambiamento climatico”.

Un aspetto fondamentale del Piano è stato anche l’utilizzo del “cambio di generazione”, creando più energia da fonti di energia rinnovabile e gas naturale, migliorando al contempo l’efficienza delle attuali centrali a carbone. Tale passaggio attraverso l’intero settore verso risorse più pulite ha costituito, nel linguaggio tratto dal Clean Air Act del 1970 , un “miglior sistema di riduzione delle emissioni”. Tra le sue previsioni, l’Agenzia prevedeva che il carbone potrebbe fornire il 27% della produzione nazionale di elettricità entro il 2030, in calo rispetto al livello del 38% del 2014.

Le compagnie carboniere e vari stati governati dai repubblicani hanno contestato sulla questione, sostenendo davanti alla Corte Suprema che la Corte d’Appello degli Stati Uniti per il Circuito del Distretto di Columbia aveva sbagliato nell’accettare che la lettura dell’EPA del Clean Air Act concedesse all’agenzia ampi poteri per regolamentare emissioni di carbonio.

L’intero processo ha colpito una nota strana, proprio perché il CPP non è stato ripristinato dall’amministrazione del presidente Joe Biden, che intende approvare nuove regole sulle emissioni di carbonio delle centrali elettriche. Ciò non ha impedito al giudice capo John Roberts e ai suoi colleghi giudici di prepararsi per la battaglia giudiziaria. Il solo fatto che un governo avesse cessato la condotta centrale del caso non ha sospeso l’intervento della corte. Ciò accadrebbe solo se fosse “assolutamente chiaro che il presunto comportamento illecito non può ragionevolmente aspettarsi che si ripresenti”. Con l’amministrazione Biden che difende i metodi utilizzati dall’EPA sotto l’amministrazione Obama, non si può essere sicuri.

Entra, quindi, nell’incombente e minacciosa questione del diritto costituzionale statunitense: la “dottrina delle questioni principali”. Secondo la dottrina, che è stata ampiamente utilizzata nel 2000 per invalidare i tentativi della Food and Drug Administration di regolamentare il tabacco, questioni di “vasto significato economico o politico” non possono essere regolate senza una chiara approvazione di tali misure da parte del Congresso.

L’EPA ha sostenuto che, secondo la dottrina, era necessaria una dichiarazione chiara per concludere che il Congresso aveva inteso delegare l’autorità “della sua ampiezza per regolare un settore fondamentale dell’economia”. Non avendone trovato nessuno, l’agenzia è arrivata persino a dire che il Congresso aveva adottato misure per precludere politiche come il cambio generazionale.

Per la maggioranza, non c’erano dubbi sul fatto che si trattasse di un “caso di grandi questioni”. La domanda che ha esercitato la maggioranza, secondo il giudice capo Roberts, era “se il ‘miglior sistema di riduzione delle emissioni’ identificato dall’EPA nel CPP fosse all’interno dell’autorità” della sezione 111 (d) del Clean Air Act . Le stesse parole dell’EPA – di aver scoperto “in uno statuto a lungo esistente un potere non annunciato”, che rappresentava una “espansione trasformativa nella [sua] autorità di regolamentazione”, hanno chiaramente turbato la maggioranza. La scoperta di questo potere da parte dell’Agenzia è stata poi utilizzata “per adottare un programma di regolamentazione che il Congresso aveva vistosamente e ripetutamente rifiutato di emanare esso stesso”.

A questo, la maggioranza si è chiaramente offesa. La sezione 111 (d) del Clean Air Act non aveva mai costituito la base per regole di tale portata trasformativa come quella implicita nel CPP. Mentre il giudice Roberts ha accettato che, “limitare le emissioni di anidride carbonica a un livello che costringerà la transizione a livello nazionale dall’uso del carbone per generare può essere una ‘soluzione sensata alla crisi del giorno'”, solo il Congresso potrebbe adottare “una decisione di tale grandezza e conseguenza”.

Il giudice Neil Gorsuch, in un’opinione concordante unita al giudice Samuel Alito, ha anche dato peso alla dottrina delle questioni principali sostenendo che è protetta da “intrusioni non intenzionali, oblique o altrimenti improbabili” su questioni come “autogoverno, uguaglianza, giusto avviso, federalismo e separazione dei poteri».

Nella sua sentenza dissenziente , la giustizia Elena Kagan, accompagnata dai giudici Stephen Breyer e Sonia Sotomayor, ha ritenuto che l’interpretazione e la posizione dell’EPA potrebbero essere contestualmente e logicamente giustificate. Il ricorso alla “dottrina delle questioni principali” era qui fantasioso, dato che le decisioni precedenti avevano semplicemente utilizzato il vecchio metodo ordinario dell’interpretazione statutaria. La decisione di un’agenzia era stata annullata perché aveva operato “molto al di fuori della sua corsia tradizionale, quindi non aveva alcuna pretesa valida di competenza o esperienza”. Se anche tali decisioni fossero state consentite, avrebbero “conflitto, o addirittura devastato, il progetto più ampio del Congresso”.

In questo caso, il CPP è chiaramente rientrato “nella timoneria dell’EPA e si adatta perfettamente […] con tutte le disposizioni del Clean Air Act “. Il Piano, pur essendo ambizioso e consequenziale nel campo delle politiche pubbliche, non ha fallito per questo. Il Congresso aveva voluto che l’EPA svolgesse tali funzioni.

Ciò che è disponibile per l’EPA è stato drasticamente ridotto. L’Agenzia può ancora imporre alle centrali elettriche a carbone di funzionare in modo più efficiente adottando varie misure tecnologiche, come la tecnologia di cattura e stoccaggio del carbonio. Oltre ad essere proibitivo, ciò avrà l’effetto di prolungare la vita operativa di tali agenti del cambiamento climatico.

Le parole del giudice Kagan, in conclusione, sono caustiche e adatte all’occasione. La maggioranza guidata da Roberts non solo aveva oltrepassato usurpando un dominio critico di competenza e politica. “La Corte nomina se stessa, invece del Congresso o dell’agenzia di esperti, il decisore sulla politica climatica. Non riesco a pensare a molte cose più spaventose”. In tutti gli Stati Uniti, i regimi di regolamentazione, ad eccezione di quelli approvati da gruppi repubblicani e conservatori, si stanno preparando per un abbattimento giudiziario con la spada della dottrina delle questioni principali. Le agenzie federali, se non l’hanno già fatto, si cingeranno i lombi e si prepareranno alla battaglia.

[Binoy Kampmark tiene lezioni alla RMIT University. E-mail: bkampmark@gmail.com .]

 

 401 total views,  2 views today