Fake news, spionaggio, minacce e cospirazioni: una giornata normale per la lobby dell’amianto 1 

 

Fonte IBASE SEGRETARIAT  Segretariato Internazionale per la messa al bando dell’amianto 

di Laurie Kazan-Allen

Per decenni, gli interessi acquisiti dell’amianto sono collusi per creare un clima in cui le vendite dei loro prodotti tossici avrebbero prosperato. Hanno mentito ai governi; disinformazione diffusa a lavoratori e consumatori; spiato attivisti, politici e gruppi di vittime; funzionari soppressi, sindacalisti ed esperti medici; e impegnato in cospirazioni per controllare i prezzi, dividere i mercati e manipolare i dibattiti sull’amianto. Il limite di parole per questo articolo è troppo breve per avvalorare tutte queste affermazioni, quindi sceglierò alcuni esempi per dare ai lettori un assaggio del male organizzato propagato da questa lobby di distruzione di massa.

Il modus operandi dell’industria è stato sperimentato quasi un secolo fa dagli industriali europei che hanno istituito un cartello di produttori di cemento-amianto. Per proteggere i profitti, hanno formalizzato pratiche ad hoc per fissare i prezzi, condividere i mercati e vincolare i clienti ad accordi non competitivi nonostante il fatto che questo comportamento fosse illegale in alcune, se non in tutte, le giurisdizioni.

L’industria dell’amianto ha tradizionalmente coltivato amici in posizioni influenti e un facile accesso ai politici era la norma. Nel 1981, Cyril Smith – membro del Parlamento di Rochdale dal 1972 al 1992 – informò il personale del gigante britannico dell’amianto Turner e Newall Ltd. di un imminente dibattito sull’amianto alla Camera dei Comuni dicendo: “Potresti per favore, entro le prossime otto settimane, fammi fare il discorso che vorresti fare (ci sei riuscito) nel Dibattito? In particolare, punti di disaccordo con la documentazione CEE, punti da sollecitare, ecc.”

Quando a metà degli anni ’80, l’Agenzia per la protezione ambientale degli Stati Uniti (EPA) stabilì piani ferroviari per eliminare gradualmente l’uso dell’amianto, l’industria andò in guerra. Con il sostegno attivo dei governi del Quebec e del Canada, gli interessi costituiti dall’amianto hanno utilizzato le proprie risorse finanziarie per combattere l’EPA in ogni fase del processo. Sfortunatamente, una delle loro sfide legali ha avuto successo e il 18 ottobre 1991 la norma statunitense sul divieto dell’amianto e sull’eliminazione graduale è stata annullata. A partire dal 21 febbraio 2022, non esiste un divieto di amianto negli Stati Uniti

Cinque anni dopo la revoca del divieto statunitense, il governo francese ha annunciato l’intenzione di vietare l’amianto; per rappresaglia, il governo canadese ha lanciato un ricorso legale presso l’Organizzazione mondiale del commercio (OMC). Il 12 marzo 2001 l’organo d’appello dell’OMC ha confermato che i governi membri avevano il diritto di proteggere le popolazioni dall’esposizione a sostanze tossiche come l’amianto.

Esiti meno favorevoli si sono verificati altrove. Quando la Corte Suprema del Brasile ha vietato l’amianto (2017), lo Stato produttore di amianto di Goiás ha approvato una legge contraria alla sentenza della Corte e ha consentito la continuazione dell’attività mineraria. Nel 2018, il governo russo ha emesso un embargo sulle importazioni di tè di Ceylon per punire il governo dello Sri Lanka per i piani per bloccare le importazioni di amianto; il divieto di amianto è stato ritirato senza tante cerimonie. Nel giugno 2017, il Ministero della Salute ucraino ha annunciato che stava vietando l’amianto; tale decisione è stata successivamente annullata dal Ministero della Giustizia e del Servizio di regolamentazione dello Stato. Quando una proposta per vietare l’amianto è stata adottata dal parlamento ucraino nel febbraio 2021 come parte di un pacchetto di riforme, l’industria dell’amianto è andata oltre con la pubblicazione di spot pubblicitari a favore dell’amianto e notizie false che affermavano che sarebbe stata necessaria la rimozione di tutte le coperture di amianto . Con l’intervento dell’industria russa dell’amianto non fattibile a causa della situazione militare, gli interessi della lobby dell’amianto erano rappresentati, tra gli altri, dall’ambasciatore del Kazakistan in Ucraina e dal ministro del Commercio e dell’integrazione kazako. Per ora, il divieto rimane nel limbo.

Gli interventi e le macchinazioni sopra discussi sono solo alcuni di quelli che possiamo documentare. Ciò che accade a porte chiuse non può essere convalidato; le voci su valigie piene di contanti sono all’ordine del giorno. Come ha osservato un attivista contro l’amianto, l’industria dell’amianto può prosperare solo in paesi in cui non ci sono istituzioni democratiche che ne rispondano. Nella sua ricerca di rispettabilità, la lobby dell’amianto paga specialisti di pubbliche relazioni, avvocati e politici per fornire il volto accettabile di un’industria ripugnante. Come molti attivisti prima di me, ho un’amara conoscenza del volto dietro la maschera. Dal 2012 al 2016 sono stato presa di mira da una spia britannica che ha ricevuto oltre $ 600.000 per riferire sulle attività, le opinioni e i piani futuri della rete globale di messa al bando dell’amianto.

Le prove sulla crisi climatica che l’umanità sta affrontando sono fuori dubbio. I divieti unilaterali sull’amianto e la rimozione graduale dell’amianto dalle infrastrutture nazionali dovrebbero far parte dei piani per costruire un mondo post-Covid più verde, più sicuro e sostenibile. Di fronte all’imminente distruzione del nostro pianeta, i lobbisti dell’amianto non possono essere autorizzati a tenere il mondo in ostaggio. Il futuro è senza amianto.

13 giugno 2022

_______

1 Questa è la versione non abbreviata di un capitolo scritto per il numero di giugno 2022 della rivista prodotta dall’ONG Solidar Suisse, disponibile online in francese ( https://issuu.com/solidar/docs/solidarit_2_22 ), tedesco ( https://issuu.com/solidar/docs/solidarit_2_22 ) ://issuu.com/solidar/docs/solidarit_t_2_22 ) e inglese ( https://solidar.ch/wp-content/uploads/2022/06/Solidarity-2_22.pdf ).

 93 total views,  5 views today