Quantificare gli effetti della triste gestione da parte di Bolsonaro della pandemia di Covid-19

Quantifying the effects of Bolsonaro’s dismal management of the Covid-19 pandemic

Brazil’s president, Jair Bolsonaro, is a notorious Covid-sceptic.
Sergio Lima/AFP

François Roubaud, Institut de recherche pour le développement (IRD) et Mireille Razafindrakoto, Institut de recherche pour le développement (IRD)

Along with the United States and India, Brazil is one of the three countries to have been most hit by the Covid pandemic, both in terms of deaths and confirmed cases (660,000 and 30 million respectively). The doubts we may harbour over the reliability of official data (especially for infections, but also for deaths) are not able to challenge this dismal record.

In a 2021 article, we shed light on the risk factors associated with infection and death from Covid-19 during the first wave of the pandemic (October 2020). Brazil’s high death toll can be partly explained by an array of socio-economic factors common to other countries, including the state’s poverty, informal economy, ethno-racial inequality and the poor infrastructure of its favelas. Above all, our research shows the country’s president, Jair Bolsonaro, bears particular responsibility in the spread of the pandemic – we call it the “Bolsonaro effect”.

Two Covid waves, 500,000 more deaths, 20 million infection cases and a successful vaccine campaign later, do our conclusions still hold?

While it is clear that the president’s denialism has prevented the state from effectively fighting the pandemic, it is far more challenging to demonstrate how it has impacted behaviour and to quantify its victims. This is what we have attempted to do in a new study.

Measuring the ‘Bolsonaro effect”

There are two theoretical approaches available to us when seeking to quantify the effects of a Bolsonaro presidency, depending on whether we opt for an individual- or geographical-level of analysis.

In the case of the first method, we would need to be able to access individual data of a representative sample of the population. The latter would inform us on individuals’ Covid status (infected or not, deceased or not) and socio-political profile. There is a hitch, however, as socio-economic surveys only cover the living (the dead do not talk), while epidemiological surveys and registers say little about individual characteristics (at most, sex and age, sometimes co-morbidity factors), and do not include political preferences.

The alternative is to conduct the analysis at a locality level. While this method fails to measure individual risks, it can be justified on other grounds:

  • It allows researchers to cross-reference a broad spectrum of indicators from independent databases.
  • It provides exhaustive coverage of the whole country.
  • It can capture the effects of both collective behaviour (or neighbourhood behaviour) and individual behaviour.

In the face of the Bolsonaro government’s denialism, policies were conducted at the local level (states and municipalities). The analysis therefore focuses on the 5,570 municipalities in the country and involved processing tens of millions of observations.

Pro-Bolsonaro communities have been more hit by Covid-19

The first key finding is that Covid-19 has, all other things being equal, was deadlier in the municipalities most favourable to Jair Bolsonaro (based on the first-round votes in the 2018 presidential election).

The net effect is all the more noteworthy given that on average we observe the opposite trend: in fact, in absolute terms, pro-Bolsonaro municipalities were spared by Covid because they are “whiter”, better educated, richer, etc. – all factors that protect them from the pandemic to a certain degree.

Once these structural characteristics are taken into account, we are able to identify a specific Bolsonaro effect. This finding is both the most durable and the most robust. Apart from age, the only other factor of socio-economic inequality to be sustained over time is poverty.

The president’s denialism has led his supporters to engage more often in risky behaviour, resulting in an increased likelihood of infection for the general population around them.

The only positive thing the president has done is to carry out emergency cash transfers to informal workers. However, this only partially protected them by allowing them to survive without a job at home at the start of the pandemic.

Degrees of social distancing

We also need to look at the mechanisms that led to the Bolsonaro effect. Drawing from existing datasets, we were able to test the extent to which Brazilians have followed two of the world’s main tools against Covid: social distancing and vaccination.

Faced with the federal government’s reticence, local authorities declared lockdowns in a piecemeal fashion. Nevertheless, such measures benefited from a remarkable following when they were taken, as evidenced by the drastic reduction in travel by Brazilians (data from Facebook and Google accounts), which reached almost 50% in the first months of the pandemic.

The lifting of restrictions led to a near return to normality by the end of 2020. By the second quarter of 2021, the pandemic was back, resulting in new lockdowns. This time, Brazilians took on a more carefree attitude, even though the wave was more severe than the first.

In this general context, our research shows the more municipalities were in favour of Bolsonaro, the less their population limited its outings. This confirms the conclusions of two studies conducted at the start of the health crisis.

This is true for all time periods, save for the end of 2020, when the pandemic was at its lowest. Similarly, a poorer municipality is associated with both higher relative mobility and higher mortality.

However, the benefits of lockdowns only go so far, as evidenced by the case of municipalities with elderly residents who despite cautious travel behaviour were more often affected by the pandemic.

Initially vaccine-hesitant, Bolsonaro supporters eventually caught up

Vaccination rates are the second potential factor through which the Bolsonaro effect may have impacted mortality.

Despite a slow start and Bolsonaro’s continued resistance, the vaccination campaign eventually took off, making up for the initial delay. By mid-March 2022, 180 million Brazilians had received at least one dose and 168 million the full vaccination course (85% and 74% of the population respectively) – levels comparable to those in France and other European countries.

This time, all other things being equal, the propensity to vote Bolsonaro has in fact no effect on the proportion vaccinated (two doses). It is even positive, if we consider those who have taken at least one dose.

Nevertheless, in line with our intuition, it does appear pro-Bolsono municipalities were initially less vaccinated than the others. It was only in the second phase that they caught up. It is as if the president’s supporters had initially followed his anti-vaccine propaganda before changing their minds as the national and international results became more and more convincing.

A stream of blatantly false or misleading statements

Finally, a body of converging evidence points to the president’s responsibility for Covid-19’s crushingly high death rate in Brazil. Revealingly, his conviction at the end of 2021 by a parliamentary commission of enquiry on 10 counts, including crimes against humanity, does not appear to have affected his popularity. He is even trying to take advantage of it in the perspective of the next presidential elections in October 2022, on the grounds that he would have… stopped the pandemic.

After dismissing the virus as “uma gripezinha” (small flu), Jair Bolsonaro openly broke the rules of social distancing by taking part in public meetings and mingling with crowds, most often without wearing a mask himself – thus undermining the measures taken by local authorities.

Bolsonaro has repeatedly touted the benefits of hydroxychloroquine, claiming against all the latest studies that its effectiveness has been scientifically proven. Last August, he declared that wearing a mask had almost no effectiveness (“eficácia quase nenhuma”). In mid-October, when more than 150,000 people had officially died from Covid-19, he claimed that the pandemic was overestimated (“superdimensionada”). By mid-November, he maintained this claim and questioned the arrival of the second wave in Brazil (“conversinha de segunda onda”).

The announcements have not stopped. On 5 May 2021, addressing members of the Comissão Parlamentar de Inquérito da Covid, the parliamentary commission investigating the government’s handling of the pandemic, he called those who refuse to recognise the effectiveness of early treatment with hydroxychloroquine “scoundrels” (“canalhas”).

A fact-checking journalism study analysed the president’s public statements related to Covid-19 between 11 March and 11 September 2020: of 1,417 occurrences, 653 were found to be blatantly false or misleading.

Among the false information he relayed or invented, we find, in no particular order, the announcement that hospital beds would lie empty like the coffins supposed to contain the dead from Covid-19, that Brazil would have reached the stage of collective immunity or that the Supremo Tribunal Federal (STF) would have prevented him from carrying out his policy to contain the epidemic. At the start of 2022, the president even claimed that the Omicron variant had killed no one in Brazil.The Conversation

François Roubaud, Économiste, statisticien, directeur de recherche à l’IRD et membre de l’UMR LEDa – DIAL, Institut de recherche pour le développement (IRD) et Mireille Razafindrakoto, Directeur de recherche IRD, Institut de recherche pour le développement (IRD)

This article is republished from The Conversation under a Creative Commons license. Read the original article.

========================================

Rendiamo disponibile, per facilitare la lettura dell’articolo, questo testo tradotto con google translator. Il testo di riferimento è quello sopra in lingua inglese.

 

Quantificare gli effetti della triste gestione da parte di Bolsonaro della pandemia di Covid-19

Insieme a Stati Uniti e India, il Brasile è uno dei tre Paesi più colpiti dalla pandemia di Covid, sia in termini di decessi che di casi confermati (rispettivamente 660.000 e 30 milioni). I dubbi che potremmo nutrire sull’affidabilità dei dati ufficiali (soprattutto per i contagi, ma anche per i decessi) non sono in grado di mettere in discussione questo triste primato.

In un articolo del 2021 , facciamo luce sui fattori di rischio associati all’infezione e alla morte per Covid-19 durante la prima ondata della pandemia (ottobre 2020). L’alto numero di vittime in Brasile può essere in parte spiegato da una serie di fattori socioeconomici comuni ad altri paesi, tra cui la povertà dello stato, l’economia informale , la disuguaglianza etno-razziale e le scarse infrastrutture delle sue favelas. Soprattutto, la nostra ricerca mostra che il presidente del Paese, Jair Bolsonaro, ha una responsabilità particolare nella diffusione della pandemia: lo chiamiamo “effetto Bolsonaro”.

Due ondate di Covid, 500.000 morti in più, 20 milioni di casi di infezione e una campagna vaccinale di successo in seguito, le nostre conclusioni sono ancora valide?

Sebbene sia chiaro che il negazionismo del presidente ha impedito allo stato di combattere efficacemente la pandemia, è molto più difficile dimostrare come abbia influito sul comportamento e quantificare le sue vittime. Questo è ciò che abbiamo tentato di fare in un nuovo studio .

Misurare l'”effetto Bolsonaro”

Ci sono due approcci teorici a nostra disposizione quando si cerca di quantificare gli effetti di una presidenza Bolsonaro, a seconda che si opti per un livello di analisi individuale o geografico.

Nel caso del primo metodo, avremmo bisogno di poter accedere ai dati individuali di un campione rappresentativo della popolazione. Quest’ultimo ci informerebbe sullo stato Covid degli individui (infetti o meno, deceduti o meno) e sul profilo socio-politico. C’è un intoppo, però, poiché le indagini socio-economiche riguardano solo i vivi (i morti non parlano), mentre le indagini e i registri epidemiologici dicono poco sulle caratteristiche individuali (al massimo, sesso ed età, a volte fattori di comorbilità) e non includono le preferenze politiche.

L’alternativa è condurre l’analisi a livello di località. Sebbene questo metodo non misuri i rischi individuali, può essere giustificato per altri motivi:

  • Consente ai ricercatori di fare riferimenti incrociati a un ampio spettro di indicatori provenienti da banche dati indipendenti.
  • Fornisce una copertura completa dell’intero paese.
  • Può catturare gli effetti sia del comportamento collettivo (o del vicinato) che del comportamento individuale.

Di fronte al negazionismo del governo Bolsonaro, le politiche sono state condotte a livello locale (stati e comuni). L’analisi si concentra quindi sui 5.570 comuni del Paese e ha comportato l’elaborazione di decine di milioni di osservazioni.

Le comunità pro-Bolsonaro sono state più colpite dal Covid-19

La prima scoperta chiave è che il Covid-19, a parità di condizioni, è stato più letale nei comuni più favorevoli a Jair Bolsonaro (sulla base dei voti del primo turno alle elezioni presidenziali del 2018).

Gli studi mostrano che i comuni pro-Bolsonaro sono stati più colpiti dal Covid anche se beneficiano di una composizione socio-economica più favorevole. 

L’effetto netto è tanto più degno di nota visto che in media si osserva la tendenza opposta: infatti, in valore assoluto, i comuni filo-Bolsonaro sono stati risparmiati dal Covid perché sono più “bianchi”, più istruiti, più ricchi, ecc. – tutti fattori che li proteggano dalla pandemia in una certa misura.

Tenuto conto di queste caratteristiche strutturali, siamo in grado di identificare uno specifico effetto Bolsonaro. Questo risultato è sia il più durevole che il più robusto. A parte l’età, l’unico altro fattore di disuguaglianza socioeconomica che si mantiene nel tempo è la povertà.

Il negazionismo del presidente ha portato i suoi sostenitori a impegnarsi più spesso in comportamenti rischiosi, con conseguente aumento della probabilità di infezione per la popolazione generale che li circonda.

L’unica cosa positiva che il presidente ha fatto è effettuare trasferimenti di denaro di emergenza ai lavoratori informali. Tuttavia, questo li ha protetti solo in parte consentendo loro di sopravvivere senza un lavoro a casa all’inizio della pandemia.

Gradi di distanziamento sociale

Dobbiamo anche guardare ai meccanismi che hanno portato all’effetto Bolsonaro. Attingendo dai set di dati esistenti, siamo stati in grado di testare fino a che punto i brasiliani hanno seguito due dei principali strumenti mondiali contro Covid: il distanziamento sociale e la vaccinazione.

Di fronte alla reticenza del governo federale, le autorità locali hanno dichiarato il blocco in modo frammentario. Tuttavia, tali misure hanno beneficiato di un notevole seguito quando sono state adottate, come dimostra la drastica riduzione degli spostamenti dei brasiliani (dati degli account Facebook e Google), che ha raggiunto quasi il 50% nei primi mesi della pandemia.

La revoca delle restrizioni ha portato a un quasi ritorno alla normalità entro la fine del 2020. Entro il secondo trimestre del 2021, la pandemia è tornata, provocando nuovi blocchi. Questa volta i brasiliani hanno assunto un atteggiamento più spensierato, anche se l’onda è stata più dura della prima.

In questo contesto generale, la nostra ricerca mostra che più i comuni erano favorevoli a Bolsonaro, meno la loro popolazione ne limitava le uscite. Ciò conferma le conclusioni di due studi condotti all’inizio della crisi sanitaria .

Questo vale per tutti i periodi di tempo, fatta eccezione per la fine del 2020, quando la pandemia era al minimo. Allo stesso modo, un comune più povero è associato sia a una maggiore mobilità relativa che a una maggiore mortalità.

Tuttavia, i benefici del lockdown vanno solo fino a questo punto, come dimostra il caso dei comuni con residenti anziani che, nonostante un comportamento di viaggio prudente, sono stati più spesso colpiti dalla pandemia.

Inizialmente restii al vaccino, i sostenitori di Bolsonaro alla fine hanno raggiunto

I tassi di vaccinazione sono il secondo potenziale fattore attraverso il quale l’effetto Bolsonaro potrebbe aver influito sulla mortalità.

Nonostante un inizio lento e la continua resistenza di Bolsonaro, la campagna vaccinale alla fine è decollata, compensando il ritardo iniziale. Entro la metà di marzo 2022, 180 milioni di brasiliani avevano ricevuto almeno una dose e 168 milioni l’intero ciclo di vaccinazione (rispettivamente l’85% e il 74% della popolazione), livelli paragonabili a quelli della Francia e di altri paesi europei.

Questa volta, a parità di condizioni, la propensione al voto Bolsonaro non ha infatti alcun effetto sulla proporzione dei vaccinati (due dosi). È anche positivo, se consideriamo coloro che hanno assunto almeno una dose.

Tuttavia, in linea con la nostra intuizione, sembra che i comuni pro-Bolsono inizialmente fossero meno vaccinati degli altri. È stato solo nella seconda fase che hanno raggiunto. È come se i sostenitori del presidente avessero inizialmente seguito la sua propaganda anti-vaccino prima di cambiare idea man mano che i risultati nazionali e internazionali diventavano sempre più convincenti.

Un flusso di affermazioni palesemente false o fuorvianti

Infine, un corpo di prove convergenti indica la responsabilità del presidente per il tasso di mortalità incredibilmente alto di Covid-19 in Brasile. È rivelatore che la sua condanna alla fine del 2021 da parte di una commissione parlamentare d’inchiesta su 10 capi di imputazione, compresi i crimini contro l’umanità, non sembra aver intaccato la sua popolarità. Sta persino cercando di trarne vantaggio nella prospettiva delle prossime elezioni presidenziali nell’ottobre 2022, con la motivazione che avrebbe… fermato la pandemia.

Dopo aver liquidato il virus come “uma gripezinha” (piccola influenza), Jair Bolsonaro ha apertamente violato le regole del distanziamento sociale partecipando a riunioni pubbliche e mischiandosi alla folla, il più delle volte senza indossare lui stesso una maschera, minando così le misure adottate dalle autorità locali .

Bolsonaro ha ripetutamente propagandato i benefici dell’idrossiclorochina, sostenendo contro tutti gli ultimi studi che la sua efficacia è stata scientificamente provata. Lo scorso agosto ha dichiarato che indossare una maschera non aveva quasi efficacia (“eficácia quase nenhuma”). A metà ottobre, quando più di 150.000 persone erano ufficialmente morte per Covid-19, ha affermato che la pandemia era sopravvalutata (“superdimensionada”). Entro la metà di novembre, ha mantenuto questa affermazione e ha messo in dubbio l’arrivo della seconda ondata in Brasile (“conversinha de segunda onda”).

Gli annunci non si sono fermati. Il 5 maggio 2021, rivolgendosi ai membri del Comissão Parlamentar de Inquérito da Covid , la commissione parlamentare che indaga sulla gestione della pandemia da parte del governo, ha chiamato “cancelleria” (“canalhas”) coloro che si rifiutano di riconoscere l’efficacia del trattamento precoce con l’idrossiclorochina.

Uno studio giornalistico di verifica dei fatti ha analizzato le dichiarazioni pubbliche del presidente relative al Covid-19 tra l’11 marzo e l’11 settembre 2020: su 1.417 occorrenze, 653 sono risultate palesemente false o fuorvianti.

Tra le false informazioni che ha riferito o inventato, troviamo, in ordine sparso, l’annuncio che i letti d’ospedale sarebbero rimasti vuoti come le bare che dovrebbero contenere i morti di Covid-19, che il Brasile sarebbe arrivato allo stadio dell’immunità collettiva o che il Supremo Tribunal Federal (STF) gli avrebbe impedito di portare avanti la sua politica di contenimento dell’epidemia. All’inizio del 2022, il presidente ha persino affermato che la variante Omicron non aveva ucciso nessuno in Brasile .

 93 total views,  3 views today