COVID-19: transizione di crisi

All’inizio di quest’anno, prima della guerra in Ucraina, l’UE stava appena iniziando a superare la sua più grande prova mai vista, la pandemia di COVID-19, e l’Europa si stava muovendo per stabilizzarsi dopo questa minaccia mortale e di vasta portata. L’ultimo  annuario Vivere e lavorare in Europa  evidenzia come il ciclo infinito di inasprimento e allentamento delle restrizioni che è durato per due anni ha avuto un impatto sulle persone, con stanchezza e ansia che hanno infuso le popolazioni di tutta Europa. Si concentra sui risultati delle  serie di sondaggi elettronici Living, working e COVID-19 di Eurofound , che hanno registrato un  nuovo minimo di benessere mentale tra gli europei nell’aprile 2021, si sentiva più acutamente tra i giovani e coloro che avevano perso il lavoro. Le difficoltà si sono intensificate tra i gruppi vulnerabili durante la pandemia, che hanno trovato sempre più difficile sbarcare il lunario.

Vive in attesa

Ha intrapreso un’azione senza precedenti da parte degli Stati membri, sostenuti dai finanziamenti dell’UE SURE, per limitare gli impatti economici più dannosi della pandemia e allontanare l’Unione dall’orlo del baratro. Le imprese sono sopravvissute, la disoccupazione di massa è stata scongiurata e le famiglie svantaggiate sono state protette dall’aggravarsi della povertà e dalla perdita di alloggio. Il coinvolgimento attivo dell’UE ha fatto una chiara differenza rispetto alla precedente crisi del 2008-2012. Tuttavia, mentre molte vite sono state uccise, altre sono state sospese mentre l’Europa si concentrava a resistere alla tempesta. La gioventù europea è stata trattenuta, mentre aspettava che la vita normale riprendesse per poter costruire un futuro migliore. Il COVID-19 ha posto fine a una tendenza di sei anni di calo della disoccupazione giovanile, con i giovani che hanno maggiori probabilità di trovarsi disoccupati e di denunciare una cattiva salute mentale rispetto al resto della popolazione.

Il 2022 è quindi iniziato con un tangibile, anche se provvisorio, sospiro di sollievo poiché le restrizioni sono state allentate in diversi Stati membri e le persone hanno iniziato a tornare al lavoro e all’istruzione e a riconnettersi con le loro comunità. La minaccia di un’espansione della disuguaglianza incombeva ancora poiché le popolazioni sono state colpite in modo diverso dalla pandemia ed Eurofound ha continuato a studiare gli impatti della pandemia sulla convergenza verso l’alto in tutta l’UE.

Ciò è avvenuto in concomitanza con la Conferenza sul futuro dell’Europa, che ha messo i cittadini europei in prima linea nel decidere quali dovrebbero essere le priorità dell’Europa. I risultati includono importanti contributi alla riduzione delle disuguaglianze, alla lotta all’esclusione sociale, alla lotta alla povertà, all’aumento della partecipazione dei cittadini e al coinvolgimento dei giovani nella democrazia a livello europeo. La Conferenza ha formulato  49 proposte , su 9 temi, e comprendeva più di 300 misure su come realizzarle.

Transizione di crisi

L’attribuzione di priorità ai diritti, alle aspirazioni e alle prospettive dei cittadini da parte dell’Europa non potrebbe essere più in contrasto con l’insensibile disprezzo per la vita umana e la dignità che è l’invasione russa dell’Ucraina. La guerra sta avendo un effetto devastante sul popolo ucraino e si sta verificando una crisi umanitaria e di rifugiati senza precedenti. Le sanzioni economiche hanno portato a un ulteriore aumento dei prezzi dell’energia e del cibo e all’interruzione di molti collegamenti consolidati della catena di approvvigionamento. In questa fase è prevedibile un ulteriore deterioramento della crisi dei rifugiati che ha già portato nell’UE oltre 5 milioni di persone dall’Ucraina, una maggiore emigrazione dalla Russia e un peggioramento dei disavanzi nei mercati del petrolio e del gas, nonché dei cereali e di altre materie prime . Per molti anni, si credeva che le guerre di invasione per il dominio di territori stranieri facessero parte del passato dell’Europa. Ora i cittadini stanno assistendo al peggior disastro causato dall’uomo che si sta verificando al confine dell’UE. Questa guerra dimostra che pace, democrazia, libertà e progresso non sono scontati. È necessaria un’azione per crescere e proteggerli continuamente.

L’impatto della guerra va inevitabilmente oltre l’Ucraina. È probabile che l’inflazione aumenti ulteriormente nel corso dell’anno, trainata dai prezzi dell’energia e dei generi alimentari, nonché dalle rotture delle catene di approvvigionamento. Tali sviluppi hanno il potenziale per influenzare profondamente le condizioni di vita di molti cittadini europei. La carenza di cibo potrebbe creare ulteriori problemi umanitari e ulteriore pressione migratoria dall’Africa e da altre regioni. I problemi di filiera legati a Russia e Ucraina sono destinati a persistere e le previsioni di crescita economica mondiale sono già state riviste al ribasso. Questi sviluppi attesi avranno molto probabilmente un effetto sostanziale sul mondo del lavoro, sulla qualità della vita e sulla coesione sociale nell’UE negli anni a venire. Nell’immediato, è probabile che colpiscano in modo sproporzionato i gruppi vulnerabili, che si stanno già riprendendo dalla pandemia. Il cambiamento delle relazioni geopolitiche può catalizzare la transizione energetica sostenibile dell’Europa, ma in modo brusco e non pianificato che potrebbe potenzialmente esacerbare la povertà energetica e creare divisioni attorno agli obiettivi verdi e digitali dell’Europa.

L’UE deve ora riprendersi contemporaneamente dal punto di vista economico e sociale dalla pandemia, una delle più grandi minacce a memoria d’uomo, mentre risponde a un conflitto brutale alla sua frontiera e assumersi le proprie responsabilità nei confronti dei milioni di persone che attraversano i suoi confini per fuggire dal conflitto. Eurofound, dal canto suo, si sta adattando. L’Agenzia sta ampliando il suo attuale programma di lavoro per rispondere alle questioni emerse dalla guerra in Ucraina e fornire analisi importanti e tempestive ai responsabili politici. L’ultimo ciclo del  sondaggio Living, Working e COVID-19  , condotto da marzo a maggio 2022, ha posto domande specifiche sulla risposta dell’Europa al conflitto, nonché sui più ampi problemi del costo della vita che devono affrontare le persone in tutta l’UE. I primi risultati sono attesi per luglio.

Eurofound continua inoltre a dare priorità ai giovani nel suo lavoro, non solo nell’ambito dell’Anno europeo della gioventù, ma anche in linea con  la sua ricerca  che documenta come i giovani siano stati colpiti in modo sproporzionato da crisi consecutive negli ultimi anni.

Generazioni di cittadini europei sono state in grado di superare gli interessi ristretti e le divisioni, di abbandonare conflitti e guerre e di costruire una società democratica e libera. Ora l’Europa ha la responsabilità di restare ferma e affrontare le sfide attuali mentre passa da una crisi all’altra.

Maggiori informazioni

 

 247 total views,  1 views today