COVID has reached North Korea, threatening a humanitarian emergency

Michael Head, University of Southampton

The World Health Organization declared COVID-19 a pandemic in March 2020. But it’s only in recent days, in May 2022, that the secretive Democratic People’s Republic of Korea (North Korea) has reported its first confirmed cases of the virus.

While it may seem somewhat astounding that a country has managed to get so far into the pandemic without an outbreak, North Korea has reportedly had its borders sealed since January 2020, with no movement in or out of the country. So it is plausible that they’ve had no COVID until now.

But now, the country, which has a population of roughly 26 million people, looks to be facing a very sizeable and rapidly-spreading outbreak of the omicron variant. As of May 17, 1.4 million cases of “fever” had been reported, with 56 deaths since late April. The country is treating fever as indicative of COVID infection owing to reported shortages of testing supplies.

Of course, we don’t know how many of these cases of fever are definitely COVID, which in theory could lead to an overestimation of case numbers. At the same time, a proportion of cases are likely to be asymptomatic, and a lack of reporting coupled with limited surveillance means there’s a likelihood of under-reporting. Either way, these numbers are unlikely to be accurate.

There has been some testing taking place, with an unspecified number of omicron cases confirmed. But ultimately, there are huge gaps in our knowledge about this outbreak. This includes the index case – the case which was the source of this outbreak.

North Korea is ill-equipped for a COVID outbreak

The COVID pandemic has highlighted the need for national and global presentations of high-quality real-time data, along with rigorous and mass-scale testing infrastructure, to underpin surveillance and healthcare decision-making. North Korea doesn’t appear to have any of that in place.

Importantly, there’s also no known COVID vaccination programme in North Korea, despite previous offers of supplies from China and COVAX, a global initiative which aims to provide equitable access to COVID vaccines. The government has previously turned down three million Sinovac doses from China, along with shipments of the AstraZeneca vaccine, the latter reportedly due to concerns around side effects. Now, South Korea has offered to donate vaccine doses, but North Korea is yet to accept.

To some extent, North Korea is in the same position the rest of the world was in early to mid 2020. The government has ordered a national lockdown. This will have socio-economic consequences for residents but, overall, is probably a sensible move, given the population will have little immunity against the virus, whether through prior infection or the safer route of vaccination.

Kim Jong-un has also ordered the army to distribute medicines and supplies, while criticising officials and the public health sector for what he has deemed an inadequate pandemic response.

The healthcare system in North Korea is reported to be fragile, especially away from the capital city of Pyongyang. An outbreak could easily overwhelm the health facilities in some areas. This would have a knock-on effect to other areas of healthcare, further limiting access to care for non-communicable diseases, for example. A lockdown will at least buy the country some time to implement other public health measures, such as vaccination campaigns.

It is thought that North Korea has a lower prevalence of some of the conditions which we know increase the risk of severe COVID, such as obesity, compared with many other Asia and Pacific countries. However, more than ten million people in North Korea are considered to be food insecure (where having access to sufficient safe and nutritious food isn’t guaranteed). And we know malnutrition increases the risk of severe disease with COVID.

Another factor which increases risk is older age. An estimated 10% of the population in North Korea is aged 65 or over, and roughly another 19% aged between 50 and 64. So there are a large number of people who may be vulnerable to severe illness if they contract COVID.

How will things play out?

New variants of concern may emerge from this outbreak, though given the lack of contact with the rest of the world, they may not be easily exported.

There have been several humanitarian catastrophes related to uncontrolled COVID outbreaks, perhaps most notably in India, where it’s likely that hundreds of thousands, if not millions, died in just a few months. With uncontrolled outbreaks on such a large scale, the true death tolls can only ever be estimated.

The situation in North Korea threatens a similar humanitarian catastrophe. We know infection numbers can get very large very quickly, particularly with omicron being even more infectious that previous variants.

Routine datasets, such as death registers and certificates indicating cause of death, are likely to be limited and of low quality. Public reporting may be non-existent, and if surveillance data is revealed, the accuracy of the findings should be given very careful consideration.

This COVID outbreak is likely to create a high burden of disease in North Korea, putting huge pressures on the health system. The population will undoubtedly suffer greatly, whether or not public reporting of health outcomes shows the full fallout.

There is an urgent need for widespread COVID vaccination, particularly of older and vulnerable people. Now would be a very good time for North Korea to overcome its usual suspicion of the outside world, and accept international offers of help.The Conversation

Michael Head, Senior Research Fellow in Global Health, University of Southampton

This article is republished from The Conversation under a Creative Commons license. Read the original article.

 


Per favorire la lettura postiamo questa traduzione in italiano dell’articolo effettuata con google translator. Per ogni riferimento vale l’articolo in lingua inglese

 

KCNA/EPA-EFE

Il COVID ha raggiunto la Corea del Nord, minacciando un’emergenza umanitaria

L’Organizzazione Mondiale della Sanità ha dichiarato il COVID-19 una pandemia nel marzo 2020. Ma è solo negli ultimi giorni, a maggio 2022, che la segreta Repubblica Popolare Democratica di Corea (Corea del Nord) ha segnalato i suoi primi casi confermati di virus.

Anche se può sembrare in qualche modo sbalorditivo che un paese sia riuscito ad arrivare così lontano nella pandemia senza un focolaio, secondo quanto riferito, la Corea del Nord ha i suoi confini sigillati da gennaio 2020, senza alcun movimento dentro o fuori dal paese. Quindi è plausibile che non abbiano avuto il COVID fino ad ora.

Ma ora il paese, che ha una popolazione di circa 26 milioni di persone, sembra dover affrontare un focolaio molto ampio e in rapida diffusione della variante omicron. Al 17 maggio erano stati segnalati 1,4 milioni di casi di “febbre” , con 56 decessi dalla fine di aprile. Il paese sta trattando la febbre come indicativa dell’infezione da COVID a causa della carenza segnalata di forniture per i test.

Certo, non sappiamo quanti di questi casi di febbre siano sicuramente COVID, il che in teoria potrebbe portare a una sovrastima del numero di casi. Allo stesso tempo, è probabile che una parte dei casi sia asintomatica e la mancanza di segnalazioni unita a una sorveglianza limitata significa che esiste una probabilità di sotto-segnalazione. In ogni caso, è improbabile che questi numeri siano accurati.

Aiutaci a continuare a condividere punti di vista diversi, ma ugualmente affidabili, dei principali esperti

Sono stati effettuati alcuni test, con un numero imprecisato di casi di omicron confermato. Ma alla fine, ci sono enormi lacune nelle nostre conoscenze su questo focolaio. Ciò include il caso indice, il caso che è stato la fonte di questo focolaio.

La Corea del Nord non è attrezzata per un’epidemia di COVID

La pandemia di COVID ha evidenziato la necessità di presentazioni nazionali e globali di dati in tempo reale di alta qualità, insieme a un’infrastruttura di test rigorosa e su vasta scala, per sostenere la sorveglianza e il processo decisionale sanitario. La Corea del Nord non sembra avere nulla di tutto ciò in atto.

È importante sottolineare che non esiste nemmeno un programma di vaccinazione COVID noto in Corea del Nord, nonostante le precedenti offerte di forniture dalla Cina e COVAX , un’iniziativa globale che mira a fornire un accesso equo ai vaccini COVID. Il governo ha precedentemente rifiutato tre milioni di dosi di Sinovac dalla Cina, insieme alle spedizioni del vaccino AstraZeneca, quest’ultimo a causa delle preoccupazioni sugli effetti collaterali. Ora, la Corea del Sud si è offerta di donare dosi di vaccino , ma la Corea del Nord deve ancora accettare.

In una certa misura, la Corea del Nord si trova nella stessa posizione in cui si trovava il resto del mondo dall’inizio alla metà del 2020. Il governo ha ordinato un blocco nazionale . Ciò avrà conseguenze socioeconomiche per i residenti ma, nel complesso, è probabilmente una mossa sensata, dato che la popolazione avrà poca immunità contro il virus, sia attraverso una precedente infezione che attraverso la via più sicura della vaccinazione.

Kim Jong-un ha anche ordinato all’esercito di distribuire medicinali e forniture, mentre critica i funzionari e il settore della sanità pubblica per quella che ha ritenuto una risposta inadeguata alla pandemia.


Per saperne di più: la Corea del Nord insiste sul fatto che non ha il coronavirus: come lo stato sta gestendo la storia


Si dice che il sistema sanitario in Corea del Nord sia fragile , soprattutto lontano dalla capitale Pyongyang. Un focolaio potrebbe facilmente sopraffare le strutture sanitarie in alcune aree. Ciò avrebbe un effetto a catena su altri settori dell’assistenza sanitaria, limitando ulteriormente l’accesso alle cure per le malattie non trasmissibili, ad esempio. Un blocco almeno farà guadagnare al Paese un po’ di tempo per attuare altre misure di salute pubblica, come le campagne di vaccinazione.

Si pensa che la Corea del Nord abbia una prevalenza inferiore di alcune delle condizioni che sappiamo aumentare il rischio di COVID grave, come l’obesità, rispetto a molti altri paesi dell’Asia e del Pacifico. Tuttavia, più di dieci milioni di persone in Corea del Nord sono considerate insicure dal punto di vista alimentare (dove non è garantito l’accesso a cibo sufficiente, sicuro e nutriente). E sappiamo che la malnutrizione aumenta il rischio di malattie gravi con COVID.

Un altro fattore che aumenta il rischio è l’età avanzata. Si stima che circa il 10% della popolazione in Corea del Nord abbia 65 anni o più e circa un altro 19% tra i 50 ei 64 anni. Quindi ci sono un gran numero di persone che potrebbero essere vulnerabili a malattie gravi se contraggono il COVID.

Lavoratori vestiti con DPI completi che puliscono a fondo un'area salotto.
Si ritiene che la stragrande maggioranza della popolazione della Corea del Nord non sia vaccinata contro il COVID-19. KCNA/EPA-EFE

Come andranno le cose?

Nuove varianti preoccupanti potrebbero emergere da questo focolaio, anche se, data la mancanza di contatti con il resto del mondo, potrebbero non essere facilmente esportabili.

Ci sono state diverse catastrofi umanitarie legate a focolai di COVID incontrollati, forse in particolare in India , dove è probabile che centinaia di migliaia, se non milioni, siano morti in pochi mesi. Con epidemie incontrollate su così vasta scala, il vero bilancio delle vittime può essere solo stimato.

La situazione in Corea del Nord minaccia un’analoga catastrofe umanitaria. Sappiamo che i numeri di infezione possono diventare molto grandi molto rapidamente, in particolare con l’omicron che è ancora più contagioso delle varianti precedenti.

È probabile che i set di dati di routine, come i registri dei decessi e i certificati che indicano la causa del decesso, siano limitati e di bassa qualità. Le segnalazioni pubbliche possono essere inesistenti e, se vengono rivelati dati di sorveglianza, l’accuratezza dei risultati dovrebbe essere presa in considerazione con molta attenzione.


Leggi di più: cosa abbiamo imparato dal monitoraggio di ogni politica COVID nel mondo


È probabile che questo focolaio di COVID crei un elevato carico di malattie in Corea del Nord, esercitando enormi pressioni sul sistema sanitario. La popolazione soffrirà indubbiamente molto, indipendentemente dal fatto che la segnalazione pubblica dei risultati sanitari mostri o meno le ricadute complete.

C’è un urgente bisogno di una vaccinazione diffusa contro il COVID, in particolare delle persone anziane e vulnerabili. Ora sarebbe un ottimo momento per la Corea del Nord per superare i suoi consueti sospetti nei confronti del mondo esterno e accettare le offerte di aiuto internazionali.

 110 total views,  2 views today