Over-50s are resigning en masse – new research explains who and why

Fonte The Conversation

Gone for good?
Bosnian

Carlos Carrillo-Tudela, University of Essex; Alex Clymo, University of Essex, and David Zentler-Munro, University of Essex

The UK economy has a problem with its over 50s: following the COVID pandemic, they have been leaving the labour force en masse, causing headaches for businesses and the government. Roughly 300,000 more workers aged between 50 and 65 are now “economically inactive” than before the pandemic, leading a tabloid paper to dub the problem the “silver exodus”.

Being economically inactive means that these older workers are neither employed nor looking for a job. Of course, it could simply be that workers saved more during the pandemic and can now afford to retire in comfort earlier than planned.

But if older workers have been put off work due to health risks or lack of opportunities, it would mean the economy is being deprived of potentially productive workers – which could cost the state in various ways. So what’s going on?

Making sense of the exodus

In our latest research, which has just been made available online as a policy briefing note, we have taken the deepest dive yet into rising economic inactivity among the over-50s and what it means for the economy using the most recent UK Labour Force Survey (LFS) data.

Surprisingly, the silver exodus is not concentrated in the richest segments of society – even though one might expect that they would be the most able to retire. Instead, it is mainly a middle to lower-middle income phenomenon. As shown in the charts below, the largest rise in inactivity post-pandemic is coming from workers in the lower-middle income bracket (earning roughly £18,000 to £25,000 per year in their most recent job). In each chart, the line shows the percentage of employed workers aged 50-65 who became economically inactive one year later.

Workers beccmoing inactive (%) by income quartile

Charts showing economic inactivity by wage bracket
Data is from the five-quarter longitudinal Labour Force Survey for individuals between the ages of 50 to 65. Each chart gives a different quartile of the wage distribution (0-25th, 25th-50th, 50th-75th, and 75th-100th respectively). For example, the final datapoint in the panel for lower-middle wages shows that 12.8% of workers who were employed in Q4 2020 with a wage in the 25th-50th percentile were economically inactive by Q4 2021.
Author provided

There is also other evidence to support the view that the increase in inactivity is concentrated in the lower-middle part of the income distribution. For example, there has been a larger rise in inactivity among people who rent, rather than own, their own homes, and among those in lower paid industries and occupations. There has also been a smaller rise in inactivity among highly educated workers.

What jobs are older workers leaving, and why?

The industries with the largest percentage rises in inactivity among the over-50s are wholesale and retail (40% rise), transport and storage (+30%), and manufacturing (+25%). Meanwhile, the occupations with the largest percentage rises are process plant and machine operatives (+50%) and sales and customer service occupations (+40%). To put this in context, the comparable percentage rise for over-50s for the whole economy is 12%.

Several factors potentially explain these differences. The sectors in question were in long-term decline before the pandemic, and they were also hit hard when COVID arrived. Workers might have considered it unlikely that they would get their job back in a declining sector, and may have chosen to retire rather than looking for another job or retraining.

These are also sectors with high levels of social contact where it’s not possible to work from home, so perhaps some older workers chose to resign out of fear for their health. Taken together, the message is that the increase in inactivity has been driven by older workers perceiving lower returns from continuing to work: why keep working in a low-paid job in a declining and pandemic-afflicted part of the economy?

Will they come back to work?

It is not uncommon for workers to become economically inactive following a recession, because finding a job is hard and people can become discouraged. This is what happened after the global financial crisis of 2007-09, for instance.

It could be that workers in today’s exodus will resume searching for a job when the economy improves, but there are no signs of this happening. The rise in inactivity among over-50s is already three times higher than it ever was after the last financial crisis.

Several facts also suggest that these people really don’t ever want to come back to work. All of the rise in inactivity is coming from workers who say they don’t want a job and think they will “definitely” never work again. Their main reasons are retirement and sickness, although the data reveals that the rise in inactivity due to sickness started at least two years pre-pandemic and was not much affected by the pandemic itself. In other words, a desire to retire is really the main reason for the rise in inactivity.

It’s worth pointing out that before the pandemic, the number of retirees was falling as workers had been retiring later in life. This was driven by increases in the state pension age, which rose from 65 to 66 from 2019-20. The rise in retirements that we have seen during and after the pandemic is partly the emergence of an underlying trend that was hidden while the state pension age rose.

Implications and policy challenges

This unprecedented rise in inactivity among the over-50s poses significant challenges for the economy. It comes at a time when the government is having to deal with increasing resignations among other age groups, labour shortages, the rising cost of living, and the evolving effects of Brexit. Given their relatively low income, these retirees could also potentially face financial difficulties later in retirement and add pressure to government spending. What then can be done to halt or even reverse the silver exodus?

Mountain road with a sign saying 'Early Retirement Ahead'
This spate of retirements is causing problems.
Yu Ping Chen

The rise in inactivity is not in the lowest-income parts of society, where the government concentrates its efforts to incentivise work through the benefits system. The government might therefore consider extending these incentives, such as Working Tax Credits, to reach lower-middle class people to try and encourage them to return to work.

Perhaps the cost-of-living crisis will force the over-50s back into work, partially solving the UK’s labour shortages. But solving one problem with another is not likely to make anyone – workers, businesses or the government – any happier. Difficult days therefore lie ahead.The Conversation

Carlos Carrillo-Tudela, Professor of Economics, University of Essex; Alex Clymo, Assistant Professor of Economics, University of Essex, and David Zentler-Munro, Assistant Professor in Economics, University of Essex

This article is republished from The Conversation under a Creative Commons license. Read the original article.

=====================================

Postiamo questa traduzione effettuata con traduttore google translator per facilitare la lettura dell’articolo . Per ogni riferimento si deve utilizzare il testo originale in lingua inglese.

Gli over 50 si stanno dimettendo in massa: una nuova ricerca spiega chi e perché

L’economia del Regno Unito ha un problema con i suoi ultracinquantenni: in seguito alla pandemia di COVID, hanno lasciato in massa la forza lavoro, causando grattacapi alle imprese e al governo. Circa 300.000 lavoratori in più di età compresa tra i 50 ei 65 anni sono ora “economicamente inattivi” rispetto a prima della pandemia, portando un giornale scandalistico a soprannominare il problema “l’ esodo d’argento “.

Essere economicamente inattivi significa che questi lavoratori anziani non sono né impiegati né in cerca di lavoro. Naturalmente, potrebbe semplicemente essere che i lavoratori abbiano risparmiato di più durante la pandemia e ora possano permettersi di andare in pensione comodamente prima del previsto.

Ma se i lavoratori più anziani sono stati licenziati a causa di rischi per la salute o mancanza di opportunità, significherebbe che l’economia viene privata di lavoratori potenzialmente produttivi, il che potrebbe costare allo stato in vari modi. Allora cosa sta succedendo?

Dare un senso all’esodo

Nella nostra ultima ricerca , che è stata appena resa disponibile online come nota informativa sulla politica, abbiamo fatto il tuffo più approfondito nella crescente inattività economica tra gli ultracinquantenni e cosa significa per l’economia utilizzando il più recente sondaggio sulla forza lavoro del Regno Unito ( dati LFS).

Sorprendentemente, l’esodo dell’argento non è concentrato nei segmenti più ricchi della società, anche se ci si potrebbe aspettare che siano i più in grado di andare in pensione. Invece, è principalmente un fenomeno di reddito medio-basso. Come mostrato nei grafici sottostanti, il maggiore aumento dell’inattività post-pandemia proviene dai lavoratori nella fascia di reddito medio-basso (guadagnando da circa £ 18.000 a £ 25.000 all’anno nel loro lavoro più recente). In ogni grafico, la linea mostra la percentuale di lavoratori occupati di età compresa tra 50 e 65 anni che sono diventati economicamente inattivi un anno dopo.

Lavoratori che diventano inattivi (%) per quartile di reddito

Grafici che mostrano l'inattività economica per fascia salariale
I dati provengono dall’indagine longitudinale sulla forza lavoro di cinque quarti per individui di età compresa tra 50 e 65 anni. Ciascun grafico fornisce un quartile diverso della distribuzione dei salari (rispettivamente 0-25, 25-50, 50-75 e 75-100) . Ad esempio, il punto dati finale nel pannello per i salari medio-bassi mostra che il 12,8% dei lavoratori che erano occupati nel quarto trimestre del 2020 con uno stipendio nel 25°-50° percentile erano economicamente inattivi entro il quarto trimestre del 2021. L’autore ha fornito

Vi sono anche altre prove a sostegno dell’opinione che l’aumento dell’inattività si concentri nella parte medio-bassa della distribuzione del reddito. Ad esempio, c’è stato un aumento maggiore dell’inattività tra le persone che affittano, anziché possedere, la propria casa e tra coloro che svolgono attività e occupazioni meno pagate. C’è stato anche un aumento minore dell’inattività tra i lavoratori altamente qualificati.

Quali lavori lasciano i lavoratori più anziani e perché?

I settori con i maggiori incrementi percentuali di inattività tra gli over 50 sono il commercio all’ingrosso e al dettaglio (aumento del 40%), trasporti e stoccaggio (+30%) e manifatturiero (+25%). Nel frattempo, le occupazioni con i maggiori incrementi percentuali sono gli operatori di impianti di processo e macchine (+50%) e le occupazioni di vendita e servizio clienti (+40%). Per contestualizzare, l’aumento percentuale comparabile per gli ultracinquantenni per l’intera economia è del 12%.

Diversi fattori spiegano potenzialmente queste differenze. I settori in questione erano in declino a lungo termine prima della pandemia e sono stati anche colpiti duramente quando è arrivato il COVID. I lavoratori potrebbero aver ritenuto improbabile che avrebbero recuperato il loro lavoro in un settore in declino e potrebbero aver scelto di andare in pensione piuttosto che cercare un altro lavoro o riqualificarsi.

Questi sono anche settori con alti livelli di contatto sociale dove non è possibile lavorare da casa, quindi forse alcuni lavoratori più anziani hanno scelto di dimettersi per paura della propria salute. Nel complesso, il messaggio è che l’aumento dell’inattività è stato determinato dai lavoratori più anziani che percepiscono rendimenti più bassi dal continuare a lavorare: perché continuare a lavorare con un lavoro poco retribuito in una parte dell’economia in declino e colpita dalla pandemia?

Torneranno al lavoro?

Non è raro che i lavoratori diventino economicamente inattivi a seguito di una recessione, perché trovare un lavoro è difficile e le persone possono scoraggiarsi. Questo è quello che è successo dopo la crisi finanziaria globale del 2007-2009, per esempio.

Potrebbe essere che i lavoratori nell’esodo di oggi riprendano a cercare un lavoro quando l’economia migliorerà, ma non ci sono segnali che ciò accada. L’aumento dell’inattività tra gli ultracinquantenni è già tre volte superiore a quanto non fosse mai stato dopo l’ultima crisi finanziaria.

Diversi fatti suggeriscono anche che queste persone non vogliono mai tornare al lavoro. Tutto l’aumento dell’inattività viene dai lavoratori che dicono di non volere un lavoro e pensano che “sicuramente” non lavoreranno mai più. Le loro ragioni principali sono il pensionamento e la malattia, anche se i dati rivelano che l’aumento dell’inattività per malattia è iniziato almeno due anni prima della pandemia e non è stato molto influenzato dalla pandemia stessa. In altre parole, il desiderio di andare in pensione è davvero il motivo principale dell’aumento dell’inattività.

Vale la pena sottolineare che prima della pandemia il numero dei pensionati stava diminuendo poiché i lavoratori andavano in pensione più tardi nella vita. Ciò è stato determinato dall’aumento dell’età pensionabile statale , che è passata da 65 a 66 anni nel periodo 2019-2020. L’aumento dei pensionamenti che abbiamo visto durante e dopo la pandemia è in parte l’emergere di una tendenza di fondo che è stata nascosta mentre l’età pensionabile statale è aumentata.

Implicazioni e sfide politiche

Questo aumento senza precedenti dell’inattività tra gli ultracinquantenni pone sfide significative per l’economia. Arriva in un momento in cui il governo deve fare i conti con le crescenti dimissioni tra altri gruppi di età, la carenza di manodopera, l’aumento del costo della vita e gli effetti in evoluzione della Brexit . Dato il loro reddito relativamente basso, questi pensionati potrebbero anche incontrare difficoltà finanziarie più tardi in pensione e aumentare la pressione sulla spesa pubblica. Cosa si può fare allora per fermare o addirittura invertire l’esodo d’argento?

Strada di montagna con un cartello che diceva 'Pensionamento anticipato'
Questa ondata di pensionamenti sta causando problemi. Yu Ping Chen

L’aumento dell’inattività non è nelle parti della società a più basso reddito, dove il governo concentra i suoi sforzi per incentivare il lavoro attraverso il sistema dei benefici. Il governo potrebbe quindi considerare di estendere questi incentivi, come il Working Tax Credits , per raggiungere le persone della classe medio-bassa per cercare di incoraggiarle a tornare al lavoro.

Forse la crisi del costo della vita costringerà gli ultracinquantenni a riprendere il lavoro, risolvendo parzialmente la carenza di manodopera nel Regno Unito. Ma è improbabile che risolvere un problema con un altro renda più felici nessuno – lavoratori, imprese o governo. Ci aspettano quindi giorni difficili.

 

 331 total views,  2 views today