Vai al contenuto

Il volto umano dell’algoritmo: perché il futuro avrà bisogno di più arti e discipline umanistiche

 

FONTE EQUALTIME 

Nel dibattito sul futuro del lavoro, ci sono molti che considerano le arti e le scienze umane come reliquie del passato, una specie esotica sull'orlo dell'estinzione.

(Maria José Carmona)

Queste discipline hanno sempre lottato contro i pregiudizi che li tassano come inutili, ma oggi, agli albori della rivoluzione robotica che sta arrivando, sembrano ancora più obsoleti che mai. Sono tutti studenti che oggi si sporcano le mani con l'argilla, che rivedono le declinazioni latine o studiano le cronache di Erodoto che sostengono, contro ogni previsione, questa spericolata idea di voler vivere.

Nel fervore del dibattito sul futuro del lavoro , molte persone considerano già gli studi di arte, letteratura e umanità come reliquie del passato, un esemplare esotico che è sull'orlo dell'estinzione. È il caso del Giappone, ad esempio, in cui il governo ha raccomandato che le sue università eliminino questi studi e si concentrino su una formazione " più pratica ".

Nella maggior parte dei paesi del mondo, le arti, la letteratura e gli studi umanistici, che molti vedono come inutili oggetti decorativi, vengono rimossi " , ha avvertito Martha Nussbaum, un filosofo statunitense , nel 2016. Suonava principalmente l'allarme sulla situazione negli Stati Uniti dove, guidati dal fervore tecnologico, queste discipline avevano perso quasi il 10% dei laureati.

Dal 1960, la storia delle discipline delle Arti, Lettere e Scienze umane attraverso diverse crisi ," riconosce Jordi Ibáñez Fanes, autore di " El Dizionario de la historia: apuntes sobre las Humanidades in tiempos de crisi " ( o "Il rovescio della storia: note sulle scienze umane in tempi di crisi"). " Oggi vengono rimproverati per qualcos'altro, comunque. Sono accusati di essere improduttivi e superflui . E questa immagine è stata rafforzata a causa di un'altra crisi: la crisi economica.

Nel contesto europeo, l'arte, la letteratura e gli studi umanistici sono ancora la quarta branca più popolare (il 12,3% degli studenti sceglie questi flussi), dopo le scienze sociali, l'ingegneria e la medicina. Nonostante questo, alcune facoltà come la filologia classica o la geografia stanno iniziando a scomparire in alcune facoltà perché non sono " redditizie ".

Abbiamo sempre più problemi a ottenere finanziamenti " , ammette Juan Antonio Perles, Preside della Facoltà di Filosofia e Lettere dell'Università di Malaga in Spagna. " Per i governi, i settori dell'ingegneria sono più interessanti dal punto di vista delle prestazioni. Perles è uno dei 420 professori e direttori universitari che hanno appena firmato un manifesto per la difesa delle discipline umanistiche. Una lettera disperata che chiede in un modo per il progresso di perdonarli.

Per ora, il loro tallone d'Achille rimane lo stesso: l'immagine pubblica, gli stereotipi e l'idea che le casse di centinaia di McDonald's siano detenute da laureati in filosofia e storia. Per essere onesti, c'è del vero in tutto questo.

Delle migliaia di studenti che attualmente occupano gli anfiteatri delle facoltà di arte, letteratura e scienze umane - più di due terzi dei quali sono donne - la maggior parte avrà quasi certamente un anno di età per trovare lavoro; Il 20% non troverà e anche se lo troveranno, i loro stipendi saranno più bassi: circa 1.215 euro al mese (circa 1.384 dollari USA) contro 1.900 euro (2.164 dollari USA) per un ingegnere.

Siamo stati puniti indebitamente perché non siamo stati in grado di valutare ciò che sappiamo come fare, ma questa quarta rivoluzione industriale ci sarà di beneficio ", dice il preside, fiducioso. E nella Silicon Valley, sempre più voci fanno eco a questa opinione.

Crisi o rivoluzione?

Entro il 2030, i robot occuperanno 800 milioni di posti di lavoro. È impossibile tornare indietro. E 'per questo motivo che il Forum di Davos indirizzato tempo fa un messaggio alla classe operaia mondiale: se non vogliamo essere sostituito dalle macchine, abbiamo bisogno di ristabilire il contatto con ciò che ci rende umani, vale a dire l'apprendimento cooperativa, creatività, pensiero critico ed empatia. Abilità strettamente legate alla formazione artistica, umanistica e umanistica.

Questo spiega il motivo per cui Google ha annunciato nel 2012 il reclutamento di 4.000 filosofi o perché il 34% degli amministratori delegati delle grandi multinazionali hanno fatto studi umanistici. Anche il Massachusetts Institute of Technology (MIT) ha riconosciuto che " tutte le sfide di ingegneria, i cambiamenti climatici alla malattia attraverso la povertà, sono legati alla realtà umane ", e raccomanda quindi ai suoi studenti per includere corsi di letteratura, storia, musica e arte nei loro corsi.

Attualmente, storici e antropologi sviluppano videogiochi, i filologi si specializzano nei big data , i progettisti creano protesi 3D e i filosofi collaborano con l'intelligenza artificiale. Le scienze umane e le tecnologie non si escludono a vicenda, al contrario.

La macchina non è un fine, è un mezzo. Ecco perché dobbiamo integrarlo " , afferma Juan Macías, direttore della Scuola di Belle Arti di San Telmo a Malaga, in Spagna. Questa istituzione, che ha iniziato 150 anni fa come artigiano, ora forma i futuri designer di moda, interni e arti grafiche. " Dobbiamo approfittare delle crisi, rappresentano una buona opportunità per rinnovarsi. "

Sappiamo che l'Europa avrà bisogno di almeno un milione dilaureati in scienze, tecnologia, ingegneria e matematica (STEM o STEM) entro il 2020. Alcuni suggeriscono di aggiungere una lettera a questo acronimo: la " A " delle arti.

Due visioni opposte: una che dice che dobbiamo addestrare solo i tecnici e l'altra che dobbiamo integrare la creatività. Mi sto posizionando nel campo A ", afferma la professoressa Paola Guimerans.

Ha studiato belle arti e ora insegna design di e-text: dipinti interattivi, borse con luci, cappotti in grado di regolare la temperatura. I suoi studenti sono altrettanto a proprio agio con la programmazione come con thread e ditale. E questo è l'allenamento STEAM.

Secondo la signora Guimerans, questo tipo di studio diventerà essenziale, soprattutto a causa di una questione di genere . " Quando includiamo l'arte in un campo tecnologico e scientifico, ampliamo la gamma del pubblico molto di più; diventa più attraente per le donne. "

Né matematico né letterario

In un futuro che si sta avvicinando sempre più, tutti i bambini dovranno imparare a programmare come se fosse un linguaggio semplice come gli altri, ma anche a familiarizzare con le scienze umane e sociali. Le nuove generazioni non saranno più " letterarie " o " matematiche ". Questa divisione deve scomparire.

In realtà, questo non è niente di nuovo. Durante l'antichità classica, non c'era separazione tra artisti e scienziati " , insiste la signora Guimerans. E alcuni stanno già cercando di integrare questo approccio nei loro corsi. Questo è il caso del professor José Manuel González. Con i suoi studenti delle scuole superiori, mescola geometria, matematica e programmazione con l'arte. Usa una piattaforma elettronica chiamata Arduino su cui ha progettato un caleidoscopio digitale. Permette ai bambini di apprendere l'elettronica, ma anche di studiare colori e persino suoni. VAPORE in tutto il suo splendore.

Devi coltivare talenti creativi fin dall'inizio. Non solo nel campo artistico ", afferma González. Tuttavia, riconosce che le barriere tra matematici e letterati sono ancora troppo alte perché, ancora una volta, stereotipi soliti.

Le scienze umane sono ancora sottovalutate. Gli insegnanti sono divisi in caste. Le lezioni d'arte come la mia sono considerate materie di terza classe. "

Soprattutto in un sistema educativo sempre più dominato dalla logica del business , che richiede che le scuole siano studenti " produttivi " e " competitivi " per adattarsi il più rapidamente possibile alle aspettative del mercato del lavoro.

"I giovani ora vivono in un mondo di schermi, non di giornali. Questo fenomeno è del tutto nuovo rispetto ad altre crisi in discipline umanistiche in passato "ha dichiarato Jordi Ibáñez," si legge di meno, si legge di meno, le persone imparano, ma sviluppare il pensiero critico . Stiamo attraversando una rivoluzione importante quanto la stampa, ma molto più veloce. "

E le conseguenze di questa velocità senza riflessione o empatia sono ben note: l'ascesa del populismo , la " post-verità ", la manipolazione, l'odio, ecc.

Le scienze umane contro il populismo

Se togliamo la storia come disciplina accademica, che alla fine abbiamo falsare il passato ", ha detto Juan Marchena, docente di Storia delle Americhe presso l'Università Pablo de Olavide di Siviglia che prevede: la crisi delle scienze umane degli Stati Uniti inevitabilmente ad una crisi di umanità.

La spiegazione per l'aumento del populismo, nazionalismo, gli errori e le bugie è legata alla crisi delle scienze umane. Il pensiero è scomparso da parte del pubblico ", dice il signor Marchena.

Gonzalo Cruz Andreotti, professore di storia all'Università di Malaga, condivide la sua opinione. " Ci stiamo muovendo verso una società economicamente competitiva ma non molto riflessiva. Una società che consente a un individuo come [l'americano Donald] Trump di diventare presidente. "

Il filosofo Martha Nussbaum condivide questo punto di vista: " Questo disprezzo per le arti, lettere e scienze umane mette in pericolo la nostra qualità della vita e la salute delle nostre democrazie. "

In altre parole, utile o no, una formazione umanista rimane cruciale. Soprattutto in un momento in cui gli algoritmi stanno iniziando a prendere il controllo e decidere chi sarà licenziato in una società o che ricevono un prestito presso una banca, per esempio.

Gli algoritmi possono dare origine a nuove forme di discriminazione e riprodurre disuguaglianze " , afferma Mariano Martín di Éticas Consulting. " Ecco perché abbiamo bisogno di adottare un approccio umano alla tecnologia in modo che non abbia un impatto negativo sui gruppi più vulnerabili. "

In ultima analisi, questo è un pericolo contro il quale la letteratura, il cinema e l'arte nel suo complesso ci hanno già messo in guardia. " Tu sei il mio creatore " , disse il mostro al dottor Frankestein, " ma io sono il tuo padrone. "

 

Questo articolo è stato tradotto dallo spagnolo.