Gli scienziati lanciano un “avvertimento terribile” sul clima

Fonte Climate Capitalism che ringraziamo ( questa traduzione è effettuata con google translator )
RAPPORTO SULL’IMPATTO DELL’IPCC

“Una finestra breve e che si chiude rapidamente per garantire un futuro vivibile”

28 febbraio 2022 . Il cambiamento climatico indotto dall’uomo sta causando perturbazioni pericolose e diffuse nella natura e colpisce la vita di miliardi di persone in tutto il mondo, nonostante gli sforzi per ridurre i rischi. Le persone e gli ecosistemi meno in grado di farvi fronte sono i più colpiti, hanno affermato gli scienziati nell’ultimo rapporto dell’Intergovernmental Panel on Climate Change (IPCC), pubblicato oggi.

“Questo rapporto è un terribile avvertimento sulle conseguenze dell’inazione”, ha affermato Hoesung Lee, presidente dell’IPCC. “Dimostra che il cambiamento climatico è una minaccia grave e crescente per il nostro benessere e per un pianeta sano. Le nostre azioni di oggi daranno forma al modo in cui le persone si adattano e la natura risponde ai crescenti rischi climatici”.

Il mondo dovrà affrontare inevitabili molteplici rischi climatici nei prossimi due decenni con un riscaldamento globale di 1,5°C (2,7°F). Anche il superamento temporaneo di questo livello di riscaldamento comporterà ulteriori gravi impatti, alcuni dei quali saranno irreversibili. I rischi per la società aumenteranno, anche per le infrastrutture e gli insediamenti costieri bassi.

Il rapporto Summary for Policymakers of the IPCC Working Group II,  Climate Change 2022: Impacts, Adaptation and Vulnerability è stato approvato domenica 27   febbraio  2022 da 195 governi membri dell’IPCC, attraverso una sessione di approvazione virtuale che si è svolta nell’arco di due settimane a partire da il 14 febbraio.

È necessaria un’azione urgente per far fronte ai rischi crescenti

L’aumento delle ondate di caldo, della siccità e delle inondazioni stanno già superando le soglie di tolleranza di piante e animali, causando mortalità di massa in specie come alberi e coralli. Questi estremi meteorologici si verificano simultaneamente, causando impatti a cascata sempre più difficili da gestire. Hanno esposto milioni di persone ad una grave insicurezza alimentare e idrica, soprattutto in Africa, Asia, Centro e Sud America, nelle Piccole Isole e nell’Artico.

Per evitare una crescente perdita di vite umane, biodiversità e infrastrutture, è necessaria un’azione ambiziosa e accelerata per adattarsi ai cambiamenti climatici, riducendo al contempo in modo rapido e profondo le emissioni di gas serra. Finora, i progressi in materia di adattamento non sono uniformi e vi sono crescenti divari tra le azioni intraprese e ciò che è necessario per far fronte ai crescenti rischi, rileva il nuovo rapporto. Questi divari sono maggiori tra le popolazioni a basso reddito.

Il rapporto del gruppo di lavoro II è la seconda parte del sesto rapporto di valutazione dell’IPCC (AR6), che sarà completato quest’anno.

“Questo rapporto riconosce l’interdipendenza tra clima, biodiversità e persone e integra le scienze naturali, sociali ed economiche in modo più forte rispetto alle precedenti valutazioni dell’IPCC”, ha affermato Hoesung Lee. “Evidenzia l’urgenza di un’azione immediata e più ambiziosa per affrontare i rischi climatici. Le mezze misure non sono più un’opzione”.

La salvaguardia e il rafforzamento della natura sono fondamentali per garantire un futuro vivibile

Ci sono opzioni per adattarsi a un clima che cambia. Questo rapporto fornisce nuove informazioni sul potenziale della natura non solo per ridurre i rischi climatici, ma anche per migliorare la vita delle persone.

“Gli ecosistemi sani sono più resistenti ai cambiamenti climatici e forniscono servizi vitali come cibo e acqua pulita”, ha affermato il copresidente del gruppo di lavoro II dell’IPCC Hans-Otto Pörtner. “Ripristinando gli ecosistemi degradati e conservando in modo efficace ed equo dal 30 al 50 per cento della terra, dell’acqua dolce e degli habitat oceanici della Terra, la società può beneficiare della capacità della natura di assorbire e immagazzinare carbonio e possiamo accelerare il progresso verso lo sviluppo sostenibile, ma finanziamenti adeguati e politiche il supporto è essenziale”.

Gli scienziati sottolineano che il cambiamento climatico interagisce con le tendenze globali come l’uso insostenibile delle risorse naturali, la crescente urbanizzazione, le disuguaglianze sociali, le perdite e i danni causati da eventi estremi e una pandemia, mettendo a repentaglio lo sviluppo futuro.

“La nostra valutazione mostra chiaramente che affrontare tutte queste diverse sfide coinvolge tutti – governi, settore privato, società civile – che lavorano insieme per dare priorità alla riduzione del rischio, così come all’equità e alla giustizia, nel processo decisionale e negli investimenti”, ha affermato il gruppo di lavoro II dell’IPCC La copresidente Debra Roberts.

“In questo modo si possono conciliare interessi, valori e visioni del mondo differenti. Riunendo il know-how scientifico e tecnologico e il sapere indigeno e locale, le soluzioni saranno più efficaci. Il mancato raggiungimento di uno sviluppo resiliente al clima e sostenibile si tradurrà in un futuro non ottimale per le persone e la natura”.

Città: hotspot di impatti e rischi, ma anche una parte cruciale della soluzione

Questo rapporto fornisce una valutazione dettagliata degli impatti, dei rischi e dell’adattamento dei cambiamenti climatici nelle città, dove vive più della metà della popolazione mondiale. La salute, la vita e i mezzi di sussistenza delle persone, così come le proprietà e le infrastrutture critiche, compresi i sistemi energetici e di trasporto, sono sempre più influenzate dai rischi derivanti da ondate di caldo, tempeste, siccità e inondazioni, nonché da cambiamenti a insorgenza lenta, compreso l’innalzamento del livello del mare.

“Insieme, la crescente urbanizzazione e il cambiamento climatico creano rischi complessi, soprattutto per quelle città che già sperimentano una crescita urbana mal pianificata, alti livelli di povertà e disoccupazione e mancanza di servizi di base”, ha affermato Debra Roberts.

“Ma le città offrono anche opportunità per l’azione per il clima: edifici verdi, forniture affidabili di acqua pulita ed energia rinnovabile e sistemi di trasporto sostenibili che collegano le aree urbane e rurali possono portare a una società più inclusiva e più equa”.

Vi sono prove crescenti di adattamento che ha causato conseguenze indesiderate, ad esempio la distruzione della natura, la messa a rischio della vita delle persone o l’aumento delle emissioni di gas serra. Ciò può essere evitato coinvolgendo tutti nella pianificazione, nell’attenzione all’equità e alla giustizia e attingendo alla conoscenza indigena e locale.

Una finestra d’azione che si restringe

Il cambiamento climatico è una sfida globale che richiede soluzioni locali ed è per questo che il contributo del gruppo di lavoro II al sesto rapporto di valutazione dell’IPCC (AR6) fornisce ampie informazioni regionali per consentire lo sviluppo resiliente al clima.

Il rapporto afferma chiaramente che lo sviluppo resiliente al clima è già impegnativo agli attuali livelli di riscaldamento. Diventerà più limitato se il riscaldamento globale supera 1,5°C (2,7°F). In alcune regioni sarà impossibile se il riscaldamento globale supera i 2°C (3,6°F). Questo risultato chiave sottolinea l’urgenza dell’azione per il clima, concentrandosi su equità e giustizia. Finanziamenti adeguati, trasferimento di tecnologia, impegno politico e partenariato portano a un adattamento ai cambiamenti climatici e a riduzioni delle emissioni più efficaci.

“L’evidenza scientifica è inequivocabile: il cambiamento climatico è una minaccia per il benessere umano e la salute del pianeta. Qualsiasi ulteriore ritardo nell’azione globale concertata mancherà una finestra breve e che si chiude rapidamente per garantire un futuro vivibile”, ha affermato Hans-Otto Pörtner.


Dichiarazioni principali del
CAMBIAMENTO CLIMATICO 2022: IMPATTI, ADATTAMENTO E VULNERABILITÀ
Sintesi per i decisori politici
Pubblicato il 28 febbraio 2022

Impatti e rischi osservati e previsti

B.1. Il cambiamento climatico indotto dall’uomo, inclusi eventi estremi più frequenti e intensi, ha causato impatti negativi diffusi e relative perdite e danni alla natura e alle persone, al di là della naturale variabilità climatica. Alcuni sforzi di sviluppo e adattamento hanno ridotto la vulnerabilità. In tutti i settori e le regioni si osserva che le persone e i sistemi più vulnerabili sono colpiti in modo sproporzionato. L’aumento delle condizioni meteorologiche e climatiche estreme ha portato ad alcuni impatti irreversibili poiché i sistemi naturali e umani sono spinti oltre la loro capacità di adattamento (alta confidenza) .

B.2 La vulnerabilità degli ecosistemi e delle persone ai cambiamenti climatici differisce sostanzialmente tra e all’interno delle regioni (confidenza molto alta), guidata da modelli di sviluppo socioeconomico intersecante, uso insostenibile degli oceani e del suolo, iniquità, marginalizzazione, modelli storici e persistenti di iniquità come come colonialismo e governance (alta fiducia). Circa 3,3-3,6 miliardi di persone vivono in contesti altamente vulnerabili ai cambiamenti climatici (alta fiducia) . Un’elevata percentuale di specie è vulnerabile ai cambiamenti climatici (alta confidenza) . La vulnerabilità umana ed ecosistemica sono interdipendenti (alta confidenza). Gli attuali modelli di sviluppo insostenibili stanno aumentando l’esposizione degli ecosistemi e delle persone ai rischi climatici (alta confidenza) .

B.3 Il riscaldamento globale, raggiungendo 1,5°C nel breve termine, causerebbe inevitabili aumenti di molteplici rischi climatici e presenterebbe molteplici rischi per gli ecosistemi e gli esseri umani (confidenza molto alta) . Il livello di rischio dipenderà dalle tendenze simultanee a breve termine in termini di vulnerabilità, esposizione, livello di sviluppo socioeconomico e adattamento (confidenza elevata) . Le azioni a breve termine che limitino il riscaldamento globale vicino a 1,5°C ridurrebbero sostanzialmente le perdite e i danni previsti legati ai cambiamenti climatici nei sistemi umani e negli ecosistemi, rispetto a livelli di riscaldamento più elevati, ma non possono eliminarli tutti (confidenza molto alta) .

B.4 Oltre il 2040 ea seconda del livello di riscaldamento globale, il cambiamento climatico comporterà numerosi rischi per i sistemi naturali e umani (alta confidenza). Per 127 rischi chiave identificati, gli impatti valutati a medio e lungo termine sono fino a molte volte superiori a quelli attualmente osservati (confidenza elevata). L’entità e il tasso del cambiamento climatico e dei rischi associati dipendono fortemente dalle azioni di mitigazione e adattamento a breve termine e gli impatti negativi previsti e le relative perdite e danni aumentano con ogni incremento del riscaldamento globale (confidenza molto alta) .

B.5 Gli impatti ei rischi dei cambiamenti climatici stanno diventando sempre più complessi e difficili da gestire. Più rischi climatici si verificheranno contemporaneamente e più rischi climatici e non climatici interagiranno, con conseguente aumento del rischio complessivo e rischi a cascata tra settori e regioni. Alcune risposte ai cambiamenti climatici comportano nuovi impatti e rischi (alta confidenza).

B.6 Se il riscaldamento globale supera temporaneamente 1,5°C nei prossimi decenni o successivamente (superamento), molti sistemi umani e naturali dovranno affrontare ulteriori gravi rischi, rispetto a rimanere al di sotto di 1,5°C (confidenza elevata). A seconda dell’entità e della durata dell’overshoot, alcuni impatti causeranno il rilascio di ulteriori gas serra (confidenza media) e alcuni saranno irreversibili, anche se il riscaldamento globale sarà ridotto (confidenza elevata).

Adattamento attuale e suoi benefici

C.1 Sono stati osservati progressi nella pianificazione e attuazione dell’adattamento in tutti i settori e regioni, generando molteplici benefici (confidenza molto elevata). Tuttavia, il progresso dell’adattamento è distribuito in modo non uniforme con lacune di adattamento osservate (confidenza elevata). Molte iniziative danno priorità alla riduzione del rischio climatico immediata ea breve termine che riduce le opportunità di adattamento trasformativo (alta fiducia).

C.2 Esistono opzioni di adattamento fattibili ed efficaci che possono ridurre i rischi per le persone e la natura. La fattibilità dell’attuazione delle opzioni di adattamento a breve termine varia a seconda dei settori e delle regioni (confidenza molto alta) . L’efficacia dell’adattamento per ridurre il rischio climatico è documentata per contesti, settori e regioni specifici (alta confidenza) e diminuirà con l’aumento del riscaldamento (alta confidenza). Soluzioni integrate e multisettoriali che affrontano le disuguaglianze sociali, differenziano le risposte in base al rischio climatico e intersecano i sistemi, aumentano la fattibilità e l’efficacia dell’adattamento in più settori (alta fiducia) .

C.3 Sono stati raggiunti limiti deboli ad alcuni adattamenti umani, ma possono essere superati affrontando una serie di vincoli, principalmente vincoli finanziari, di governance, istituzionali e politici (confidenza elevata) . In alcuni ecosistemi sono stati raggiunti limiti rigidi all’adattamento (confidenza elevata). Con l’aumento del riscaldamento globale, le perdite e i danni aumenteranno e ulteriori sistemi umani e naturali raggiungeranno limiti di adattamento (alta confidenza).

C.4 Dall’AR5 sono aumentate le prove di disadattamento in molti settori e regioni. Risposte disadattive ai cambiamenti climatici possono creare vincoli di vulnerabilità, esposizione e rischi che sono difficili e costosi da modificare ed esacerbare le disuguaglianze esistenti. Il disadattamento può essere evitato mediante una pianificazione flessibile, multisettoriale, inclusiva ea lungo termine e l’attuazione di azioni di adattamento con benefici per molti settori e sistemi (alta fiducia).

C.5 Le condizioni abilitanti sono fondamentali per implementare, accelerare e sostenere l’adattamento nei sistemi umani e negli ecosistemi. Questi includono impegno politico e follow-through, quadri istituzionali, politiche e strumenti con obiettivi e priorità chiari, una migliore conoscenza degli impatti e delle soluzioni, mobilitazione e accesso a risorse finanziarie adeguate, monitoraggio e valutazione e processi di governance inclusivi (alta fiducia).

Sviluppo resiliente al clima

D.1 L’evidenza degli impatti osservati, dei rischi previsti, dei livelli e delle tendenze di vulnerabilità e dei limiti di adattamento dimostrano che l’azione di sviluppo resiliente ai cambiamenti climatici a livello mondiale è più urgente di quanto precedentemente valutato in AR5. Risposte complete, efficaci e innovative possono sfruttare le sinergie e ridurre i compromessi tra adattamento e mitigazione per promuovere lo sviluppo sostenibile (confidenza molto alta).

D.2 Lo sviluppo resiliente al clima è consentito quando i governi, la società civile e il settore privato compiono scelte di sviluppo inclusivo che danno priorità alla riduzione del rischio, all’equità e alla giustizia e quando i processi decisionali, la finanza e le azioni sono integrati tra livelli di governance, settori e tempi ( confidenza molto alta) . Lo sviluppo resiliente al clima è facilitato dalla cooperazione internazionale e dai governi a tutti i livelli che lavorano con le comunità, la società civile, gli organismi educativi, le istituzioni scientifiche e di altro tipo, i media, gli investitori e le imprese; e sviluppando partenariati con gruppi tradizionalmente emarginati, tra cui donne, giovani, popolazioni indigene, comunità locali e minoranze etniche (alta fiducia). Questi partenariati sono più efficaci se supportati da capacità di leadership politica, istituzioni, risorse, inclusa la finanza, nonché servizi per il clima, informazioni e strumenti di supporto alle decisioni (alta fiducia).

D.3 Le interazioni tra il cambiamento della forma urbana, l’esposizione e la vulnerabilità possono creare rischi e perdite indotti dai cambiamenti climatici per le città e gli insediamenti. Tuttavia, la tendenza globale all’urbanizzazione offre anche un’opportunità critica nel breve termine, per promuovere lo sviluppo resiliente al clima (alta fiducia) . La pianificazione integrata e inclusiva e l’investimento nel processo decisionale quotidiano sulle infrastrutture urbane, comprese le infrastrutture sociali, ecologiche e grigie/fisiche, possono aumentare significativamente la capacità di adattamento degli insediamenti urbani e rurali. Risultati equi contribuiscono a molteplici benefici per la salute, il benessere e i servizi ecosistemici, compresi i popoli indigeni, le comunità emarginate e vulnerabili (alta fiducia). Lo sviluppo resiliente al clima nelle aree urbane supporta anche la capacità di adattamento nelle zone più rurali attraverso il mantenimento delle catene di approvvigionamento periurbane di beni e servizi e dei flussi finanziari (confidenza media). Le città e gli insediamenti costieri svolgono un ruolo particolarmente importante nel promuovere lo sviluppo resiliente ai cambiamenti climatici (confidenza elevata).

D.4 La salvaguardia della biodiversità e degli ecosistemi è fondamentale per uno sviluppo resiliente al clima, alla luce delle minacce che il cambiamento climatico pone loro e del loro ruolo nell’adattamento e nella mitigazione (confidenza molto alta) . Analisi recenti, attingendo a una serie di linee di evidenza, suggeriscono che il mantenimento della resilienza della biodiversità e dei servizi ecosistemici su scala globale dipende da una conservazione effettiva ed equa di circa il 30-50% delle aree terrestri, d’acqua dolce e oceaniche della Terra, compresi gli attuali ecosistemi quasi naturali (alta confidenza) .

D.5 È inequivocabile che il cambiamento climatico ha già sconvolto i sistemi umani e naturali. Le tendenze di sviluppo passate e attuali (emissioni passate, sviluppo e cambiamenti climatici) non hanno favorito lo sviluppo globale resiliente al clima (confidenza molto alta) . Le scelte e le azioni della società attuate nel prossimo decennio determinano in che misura i percorsi a medio e lungo termine forniranno uno sviluppo più o meno resiliente ai cambiamenti climatici (alta fiducia) . È importante sottolineare che le prospettive di sviluppo resiliente al clima sono sempre più limitate se le attuali emissioni di gas serra non diminuiscono rapidamente, soprattutto se il riscaldamento globale di 1,5°C viene superato nel breve termine (confidenza elevata). Queste prospettive sono vincolate dallo sviluppo passato, dalle emissioni e dai cambiamenti climatici e consentite da una governance inclusiva, risorse umane e tecnologiche, informazioni, capacità e finanza adeguate e adeguate (alta fiducia).

 

 509 total views,  2 views today