Francia.INRS. Iperconnessione. Impatto dell’uso delle tecnologie dell’informazione e della comunicazione (TIC)

Fonte INRS 

Sensazione di urgenza, sovraccarico di informazioni, trabocco di lavoro nella sfera personale… Molti dipendenti possono essere esposti a difficoltà legate all’uso di strumenti digitali come la posta elettronica. In occasione della pubblicazione di un articolo sulla rivista Hygiène & sécurité du travail, tre domande per Vincent Grosjean, capo degli studi e coautore di questa riflessione.

Qual è l’origine della domanda dell’INRS sulle tecnologie dell’informazione e della comunicazione (TIC)?

Nel 2015, l’INRS ha avviato una ricerca sulle pratiche digitali, in particolare sulla messaggistica elettronica, di fronte alla comparsa di problemi di salute legati all’uso di questi strumenti in un contesto professionale. Vari rapporti hanno rivelato l’emergere di una norma implicita di connessione permanente per alcuni dirigenti e dipendenti, il moltiplicarsi di strumenti senza gerarchia o strategia di utilizzo, una tendenza a cancellare i confini tra vita privata e vita lavorativa, un carico di informazioni inflazionistiche per molti dipendenti.

Lo scopo del lavoro svolto dall’INRS era di andare oltre queste osservazioni, per esplorare strade per la prevenzione.

Il contesto sanitario ha accentuato la comparsa di alcuni rischi legati all’uso delle TIC?

Da 2 anni la crisi sanitaria legata al Covid-19 porta ad un aumento “di emergenza” del lavoro a distanza. A ciò si è accompagnato il proliferare degli incontri in videoconferenza e un aumento della comunicazione mediata (messaggistica, telefono, ecc.), a scapito degli scambi faccia a faccia. Questi sviluppi amplificano le preoccupazioni circa la disintegrazione dei gruppi di lavoro, la sensazione di isolamento, l’interruzione dei confini tra la vita lavorativa e la vita al di fuori del lavoro. Sottolineano inoltre l’importanza delle relazioni di lavoro informali e del supporto sociale per il benessere dei dipendenti, nonché per l’efficienza dei collettivi a lungo termine. Queste circostanze rendono più importante costruire una vera strategia di utilizzo digitale per l’azienda. Gli obiettivi sono mantenere le prestazioni.

Se l’organizzazione del lavoro definita dal datore di lavoro è un elemento centrale in termini di prevenzione e raccomandazioni sull’uso delle ICT, l’utilizzo di questi strumenti è, al tempo stesso, una questione di scelte “più personali”, quando un dipendente ” sceglie” di connettersi al di fuori dell’orario di lavoro o quando un team decide di utilizzare WhatsApp, quando questo strumento non è offerto dal datore di lavoro. La crisi sanitaria ei periodi di reclusione hanno intensificato questi andirivieni tra scelte organizzative e atteggiamenti individuali e collettivi.

Le scelte che possono essere considerate libere e autonome sono spesso vincolate da meccanismi come la pressione collettiva, le politiche delle risorse umane, le rappresentazioni individuali e collettive di ciò che ci si può aspettare da un manager o dipendente preoccupato di svolgere bene il proprio lavoro.

Come possiamo capire meglio, o addirittura domare, questi strumenti?

Le TIC sono un formidabile vettore di scambi sul lavoro che hanno permesso di guadagnare in produttività, attrattività ed efficienza. Tuttavia, esistono forme di deriva, dove gli strumenti pensati per offrire libertà agli utenti vedono, ad esempio, l’uso evolvere verso una forma di obbligo di reattività immediata, e portare a fenomeni di iperconnessione generalizzata, vissuta come un problema insolubile.

È quindi necessario prendere coscienza degli abusi associati a queste tecnologie, pensare ai loro usi nell’organizzazione del lavoro, promuovere buone pratiche coinvolgendo le diverse categorie di utenti nella riflessione su cosa è dannoso e cosa dovrebbe essere incoraggiato.

L’articolo pubblicato sulla rivista Hygiène & sécurité du travail indica punti di riferimento sui problemi di salute e benessere sul lavoro legati a questi strumenti, classificati per categoria. La categorizzazione permette di dare un posto centrale alle attività lavorative legate a questi strumenti. Suggerisce inoltre possibili soluzioni per comprendere meglio le difficoltà legate all’uso di questi strumenti.
Iperconnessione, iperconnessione: alcuni problemi emergenti e le loro possibili soluzioni.

Tre problemi principali generano noti effetti dirompenti sia sull’efficienza collettiva che sulla salute e il benessere dei dipendenti.

  • La ricaduta del lavoro nella vita privata   : la generalizzazione della coppia smartphone/email permette di lavorare da casa e dai luoghi della vita, sia la sera che nei fine settimana o durante le vacanze.
    Possibili soluzioni   : la limitazione dell’accesso ai server da parte dell’azienda si è rivelata inefficace, in particolare perché tale limitazione viene vissuta come una perdita di autonomia e genera stress legato all’anticipazione di un aggravamento del carico di lavoro al momento della riconnessione. È più efficace adottare misure meno restrittive prendendo di mira, ad esempio, i dipendenti più eccessivi nei loro utilizzi al di fuori dell’orario di lavoro o aprendo un dibattito nei team sul carico di lavoro e sugli standard impliciti di comunicazione in vigore nel team.
  • Infobesity, ovvero lo sviluppo di una forma di sovraccarico informativo  : per alcuni dipendenti la quantità di informazioni ricevute è notevole, il che genera interruzioni e la sensazione di non potersi mai fermare.
    Possibili soluzioni   : la consapevolezza dell’uso eccessivo della funzione “cc:” (persone in copia) associata a una migliore precisione delle sfere di responsabilità di ciascuno, o anche una riflessione sulle iscrizioni alle mailing list può rivelarsi utile.
  • L’emergere in un collettivo di una norma implicita di connessione permanente  : l’impressione che sia necessario essere sempre connessi porta a un moltiplicarsi delle interruzioni nel flusso naturale del lavoro.
    Possibili soluzioni   : spazi di dibattito, animazione sotto forma di teatro-forum consentiranno di mettere in luce norme collettive che talvolta hanno preso piede anche se pongono più problemi di quanti ne rendano collettivamente efficaci.
Per saperne di più

 549 total views,  2 views today