Omicron è il nuovo COVID arrivato: cinque passi da evitare, dieci da fare subito

Omicron is the new COVID kid on the block: five steps to avoid, ten to take immediately

What not to do: ban travel. Scenes at South Africa’s OR Tambo International airport after the first flight bans were announced.
Phill Magakoe / AFP via Getty Images

Shabir A. Madhi, University of the Witwatersrand

South Africa reacted with outrage to travel bans, first triggered by the UK, imposed on it in the wake of the news that its genomics surveillance team had detected a new variant of the SARS-CoV-2 virus. The Network for Genomics Surveillance in South Africa has been monitoring changes in SARS-CoV-2 since the pandemic first broke out.

The new variant – identified as B.1.1.529 has been declared a variant of concern by the World Health Organisation and assigned the name Omicron.

The mutations identified in Omicron provide theoretical concerns that the variant could be slightly more transmissible than the Delta variant and have reduced sensitivity to antibody activity induced by past infection or vaccines compared to how well the antibody neutralises ancestry virus.

As vaccines differ in the magnitude of neutralising antibody induced, the extent to which vaccines are compromised in preventing infections due to Omicron will likely differ, as was the case for the Beta variant.

However, as vaccines also induce a T-cell response against a diverse set of epitopes, which appears to be important for prevention of severe COVID, it is likely that they would still provide comparable protection against severe Covid due to Omicron compared with other variants.

The same was observed for the AstraZeneca vaccine. Despite not protecting against the mild-moderate Beta Covid in South Africa, it still showed high levels of protection (80% effective) against hospitalisation due to the Beta and Gamma variants in Canada.

In view of the new variant, there are a few steps that governments shouldn’t be taking. And some they should be taking.

What not to do

Firstly, don’t indiscriminately impose further restrictions, except on indoor gatherings. It was unsuccessful in reducing infections over the past 3 waves in South Africa, considering 60%-80% people were infected by the virus based on sero-surveys and modelling data. At best, the economically damaging restrictions only spread out the period of time over which the infections took place by about 2-3 weeks.

This is unsurprising in the South African context, where ability to adhere to the high levels of restrictions are impractical for the majority of the population and adherence is generally poor.

Secondly, don’t have domestic (or international) travel bans. The virus will disseminate irrespective of this – as has been the case in the past. It’s naive to believe that imposing travel bans on a handful of countries will stop the import of a variant. This virus will disperse across the globe unless you are an island nation that shuts off the rest of the world.

The absence of reporting of the variants from countries that have limited sequencing capacity does not infer absence of the variant. Furthermore, unless travel bans are imposed on all other nations that still allow travel with the “red-listed” countries, the variant will directly or indirectly still end up in countries imposing selective travel bans, albeit perhaps delaying it slightly.

In addition, by the time the ban has been imposed, the variant will likely have already been spread. This is already evident from cases of Omicron being reported from Belgium in a person with no links to contact with someone from Southern Africa, as well as cases in Israel, UK and Germany.

All travel bans accomplish in countries with selective red-listed countries is delay the inevitable. More could possibly be accomplished by rigorous exit and entry screening programmes to identify potential cases and mandating vaccination.

Third, don’t announce regulations that are not implementable or enforceable in the local context. And don’t pretend that people adhere to them. This includes banning alcohol sales, whilst being unable to effectively police the black market.

Fourth, don’t delay and create hurdles to boosting high risk individuals. The government should be targeting adults older than 65 with an additional dose of the Pfizer vaccine after they’ve had two shots. The same thing goes for other risk groups such as people with kidney transplants, or people with cancer and on chemotherapy, people with any other sort of underlying immuno-suppressive condition.

South Africa shouldn’t be ignoring World Health Organisation’s guidance which recommends booster doses of high risk groups. It should de-prioritise, for the time being, vaccinating young children with a single dose.

Fifth, stop selling the herd immunity concept. It’s not going to materialise and paradoxically undermines vaccine confidence. The first generation vaccines are highly effective in protecting against severe COVID-19, but less predictable in protecting against infection and mild COVID due to waning of antibody and ongoing mutations of the virus. Vaccination still reduces transmission modestly, which remains of great value, but is unlikely to lead to “herd-immunity” in our lifetimes.

Instead we should be talking about how to adapt and learn to live with the virus.

There is also a list of things that should be considered in the wake of the Omicron variant, irrespective of whether it displaces the Delta variant (which remains unknown).

What to do

Firstly, ensure health care facilities are prepared, not only on paper – but actually resourced with staff, personal protective equipment and oxygen, etc.

There are 2000 interns and community service doctors in South Africa waiting for their 2022 placement confirmation. We cannot once again be found wanting with under-prepared health facilities.

Provide booster doses of J&J or Pfizer to all adults who received a single dose J&J. It’s needed to increase protection against severe COVID. A single dose of the J&J vaccine reduced hospitalisation due to Delta variant in South Africa by 62% in South African healthcare workers, whereas two doses of AZ and mRNA vaccines in general had greater than 80%-90% protection against severe disease from the [Delta variant](https://doi.org/10.1038/s41586-021-04120-y (2021) .

Studies confirm a two dose schedule of the Johnson & Johnson vaccine is superior in protecting against hospitalisation than a single dose. And if you want durability of protection, you need to boost, which can be done with another dose of Johnson & Johnson or a dose of mRNA vaccine.

The evidence is clear that the type of immune responses from a heterologous approach of AZ or JJ followed by a mRNA vaccines such as Pfizer/Biontech induces superior neutralising and cell mediated immune responses than two doses of the non-replicating vector vaccines.

Thirdly, implement vaccine passports for entry into any indoor space where others gather, including places of worship and public transport. Vaccination might be a choice currently, however, choices come with consequences. Even if vaccines only reduce transmission modestly, over and above the infections they prevent, a breakthrough case in a vaccinated individual poses less risk of transmission to others than infection in an unvaccinated and previously uninfected individual.

Fourth, continue efforts at reaching out to the unvaccinated and under-immunized. This should include the use of pop up facilities where people are likely to gather and other targeted community outreach programs.

Fifth, immediately boost high risk groups older than 65 and others who have immunosuppressive conditions. The primary goal of vaccination therefore needs to be on reducing severe disease and death. This requires targeted strategies on who to prioritise.

Sixth, encourage responsible behaviour to avoid re-imposing alcohol and other restrictions to punish all due to irresponsibility on part of a minority.

Seventh, monitor bed availability at regional level to help decide on regional action to avoid overwhelming of facilities. Higher levels of restrictions need to be tailored for when we expect overwhelming of health facilities. As hospitalisation usually lag behind community infection rates by 2-3 weeks, keeping an eye on case rates and hospitalization rates could predict which facilities in which regions may come under threat.

This would allow for a more focused approach to imposing restrictions to relieve anticipated pressure on health facilities 2-3 weeks before expected. This will not change the total number of hospitalisations. But it will spread it out over a longer period of time and make it more manageable.

Eighth, learn to live with the virus, and take a holistic view on the direct and indirect effects of the pandemic on livelihoods. The detrimental indirect economic, societal, educational, mental health and other health effects of a sledge-hammer approach to dealing with the ongoing pandemic threatens to outstrip the direct effect of COVID in South Africa.

Ninth, follow the science and don’t distort it for political expediency.

Tenth, learn from mistakes of the past, and be bold in the next steps.The Conversation

Shabir A. Madhi, Dean Faculty of Health Sciences and Professor of Vaccinology at University of the Witwatersrand; and Director of the SAMRC Vaccines and Infectious Diseases Analytics Research Unit, University of the Witwatersrand

This article is republished from The Conversation under a Creative Commons license. Read the original article.

============================

Postiamo una traduzione dell’articolo effettuata con google translator. Facciamo questo per facilitare la lettura dell’articolo  con l’avvertenza che il testo che va preso come riferimento è quello originale in inglese. editor

 

Omicron è il COVID nuovo arrivato  : cinque passi da evitare, dieci da fare subito

Il Sudafrica ha reagito con indignazione ai divieti di viaggio , inizialmente attivati ​​dal Regno Unito , imposti sulla scia della notizia che il suo team di sorveglianza genomica aveva rilevato una nuova variante del virus SARS-CoV-2. Il Network for Genomics Surveillance in South Africa ha monitorato i cambiamenti nella SARS-CoV-2 da quando è scoppiata la pandemia.

La nuova variante, identificata come B.1.1.529, è stata dichiarata una variante preoccupante dall’Organizzazione mondiale della sanità e le è stato assegnato il nome Omicron.

Le mutazioni identificate in Omicron forniscono preoccupazioni teoriche sul fatto che la variante potrebbe essere leggermente più trasmissibile della variante Delta e avere una ridotta sensibilità all’attività anticorpale indotta da infezioni passate o vaccini rispetto a quanto bene l’anticorpo neutralizza il virus di origine.

Poiché i vaccini differiscono nell’entità dell’anticorpo neutralizzante indotto, la misura in cui i vaccini sono compromessi nella prevenzione delle infezioni dovute a Omicron sarà probabilmente diversa, come nel caso della variante Beta.

Ricevi notizie gratuite, indipendenti e basate su prove.

Tuttavia, poiché i vaccini inducono anche una risposta delle cellule T contro una serie diversificata di epitopi, che sembra essere importante per la prevenzione del COVID grave, è probabile che forniscano comunque una protezione comparabile contro il Covid grave dovuto a Omicron rispetto ad altre varianti.

Lo stesso è stato osservato per il vaccino AstraZeneca. Nonostante non protegga contro il Beta Covid lieve-moderato in Sud Africa, ha comunque mostrato alti livelli di protezione (80% efficace) contro il ricovero in ospedale a causa delle varianti Beta e Gamma in Canada.

In vista della nuova variante, ci sono alcuni passaggi che i governi non dovrebbero intraprendere. E alcuni dovrebbero prenderne.

Cosa non fare

In primo luogo, non imporre indiscriminatamente ulteriori restrizioni, tranne che per gli assembramenti al chiuso. Non è stato possibile ridurre le infezioni nelle ultime 3 ondate in Sud Africa, considerando che il 60%-80% delle persone sono state infettate dal virus sulla base di siero-indagini e dati di modellizzazione. Nella migliore delle ipotesi, le restrizioni economicamente dannose hanno solo esteso il periodo di tempo durante il quale si sono verificati i contagi di circa 2-3 settimane.

Ciò non sorprende nel contesto sudafricano, dove la capacità di rispettare gli elevati livelli di restrizioni non è praticabile per la maggior parte della popolazione e l’adesione è generalmente scarsa.

In secondo luogo, non avere divieti di viaggio nazionali (o internazionali). Il virus si diffonderà indipendentemente da ciò, come è avvenuto in passato. È ingenuo credere che imporre divieti di viaggio a una manciata di paesi fermerà l’importazione di una variante. Questo virus si disperderà in tutto il mondo a meno che tu non sia una nazione insulare che chiude il resto del mondo.

L’assenza di segnalazione delle varianti da paesi che hanno una capacità di sequenziamento limitata non deduce l’assenza della variante. Inoltre, a meno che non vengano imposti divieti di viaggio a tutte le altre nazioni che ancora consentono di viaggiare con i paesi “red list”, la variante finirà direttamente o indirettamente ancora nei paesi che impongono divieti di viaggio selettivi, seppur magari ritardando leggermente.

Inoltre, quando verrà imposto il divieto, la variante sarà probabilmente già diffusa. Ciò è già evidente dai casi di Omicron segnalati dal Belgio in una persona senza collegamenti con qualcuno dell’Africa meridionale, nonché da casi in Israele, Regno Unito e Germania.

Tutti i divieti di viaggio realizzati in paesi con paesi selezionati nella lista rossa sono ritardare l’inevitabile. Si potrebbe fare di più con rigorosi programmi di screening all’uscita e all’ingresso per identificare potenziali casi e imporre la vaccinazione.

Terzo, non annunciare regolamenti che non sono implementabili o applicabili nel contesto locale. E non fingere che le persone vi aderiscano. Ciò include il divieto di vendita di alcolici, pur non essendo in grado di controllare efficacemente il mercato nero.


Leggi di più: La caccia alle varianti del coronavirus: come è stata trovata la nuova e cosa sappiamo finora


In quarto luogo, non ritardare e creare ostacoli all’aumento degli individui ad alto rischio. Il governo dovrebbe prendere di mira gli adulti di età superiore ai 65 anni con una dose aggiuntiva del vaccino Pfizer dopo che hanno ricevuto due iniezioni. La stessa cosa vale per altri gruppi a rischio come le persone con trapianto di rene, o le persone con cancro e chemioterapia, persone con qualsiasi altro tipo di condizione immunosoppressiva sottostante.

Il Sudafrica non dovrebbe ignorare la guida dell’Organizzazione mondiale della sanità che raccomanda dosi di richiamo per i gruppi ad alto rischio. Dovrebbe de-priorizzare, per il momento, la vaccinazione dei bambini piccoli con una singola dose.

Quinto, smetti di vendere il concetto di immunità di gregge. Non si materializzerà e paradossalmente mina la fiducia nei vaccini. I vaccini di prima generazione sono altamente efficaci nella protezione contro il COVID-19 grave, ma meno prevedibili nella protezione contro l’infezione e il COVID lieve a causa della diminuzione degli anticorpi e delle mutazioni in corso del virus. La vaccinazione riduce ancora modestamente la trasmissione, che rimane di grande valore, ma è improbabile che porti a “immunità di gregge” nelle nostre vite.

Invece dovremmo parlare di come adattarci e imparare a convivere con il virus.

C’è anche un elenco di cose che dovrebbero essere considerate sulla scia della variante Omicron, indipendentemente dal fatto che sostituisca la variante Delta (che rimane sconosciuta).

Cosa fare

In primo luogo, assicurarsi che le strutture sanitarie siano preparate, non solo sulla carta, ma effettivamente dotate di personale, dispositivi di protezione individuale e ossigeno, ecc.

Ci sono 2000 stagisti e medici dei servizi comunitari in Sudafrica in attesa della conferma del loro collocamento nel 2022. Non possiamo ancora una volta essere carenti con strutture sanitarie poco preparate.


Per saperne di più: Scienziato di punta: perché il Sudafrica non dovrebbe somministrare vaccini COVID ai 12-17 anni – ora


Fornire dosi di richiamo di J&J o Pfizer a tutti gli adulti che hanno ricevuto una singola dose di J&J. È necessario per aumentare la protezione contro il COVID grave. Una singola dose del vaccino J&J ha ridotto l’ospedalizzazione dovuta alla variante Delta in Sud Africa del 62% negli operatori sanitari sudafricani, mentre due dosi di vaccini AZ e mRNA in generale avevano una protezione superiore all’80%-90% contro malattie gravi da [ Variante delta](https://doi.org/10.1038/s41586-021-04120-y (2021) .

Gli studi confermano che un programma a due dosi del vaccino Johnson & Johnson è superiore nella protezione contro il ricovero in ospedale rispetto a una singola dose. E se vuoi la durata della protezione, devi potenziarla, cosa che può essere fatta con un’altra dose di Johnson & Johnson o una dose di vaccino mRNA.

L’ evidenza è chiara che il tipo di risposte immunitarie da un approccio eterologo di AZ o JJ seguito da un vaccino mRNA come Pfizer/Biontech induce risposte immunitarie neutralizzanti e mediate dalle cellule superiori rispetto a due dosi dei vaccini vettoriali non replicanti.

In terzo luogo, implementare passaporti vaccinali per l’ingresso in qualsiasi spazio chiuso in cui gli altri si riuniscono, compresi i luoghi di culto e i trasporti pubblici. La vaccinazione potrebbe essere una scelta attualmente, tuttavia, le scelte hanno delle conseguenze. Anche se i vaccini riducono solo in modo modesto la trasmissione, al di là delle infezioni che prevengono, un caso rivoluzionario in un individuo vaccinato pone meno rischi di trasmissione ad altri rispetto all’infezione in un individuo non vaccinato e precedentemente non infetto.

In quarto luogo, continuare gli sforzi per raggiungere i non vaccinati e i non immunizzati. Ciò dovrebbe includere l’uso di strutture pop-up in cui è probabile che le persone si riuniscano e altri programmi mirati di sensibilizzazione della comunità.

In quinto luogo, potenziare immediatamente i gruppi ad alto rischio di età superiore ai 65 anni e altri che hanno condizioni immunosoppressive. L’obiettivo primario della vaccinazione deve quindi essere la riduzione delle malattie gravi e dei decessi. Ciò richiede strategie mirate su chi dare priorità.

Sesto, incoraggiare un comportamento responsabile per evitare di imporre nuovamente l’alcol e altre restrizioni per punire tutti a causa dell’irresponsabilità da parte di una minoranza.

Settimo, monitorare la disponibilità di posti letto a livello regionale per aiutare a decidere sull’azione regionale per evitare il sovraccarico delle strutture. Livelli più elevati di restrizioni devono essere adattati per quando ci aspettiamo un numero eccessivo di domanda alle strutture sanitarie. Poiché i ricoveri di solito sono in ritardo rispetto ai tassi di infezione della comunità di 2-3 settimane, tenere d’occhio i tassi di casi e i tassi di ricovero potrebbe prevedere quali strutture in quali regioni potrebbero essere minacciate.

Ciò consentirebbe un approccio più mirato all’imposizione di restrizioni per alleviare la pressione prevista sulle strutture sanitarie 2-3 settimane prima del previsto. Questo non cambierà il numero totale di ricoveri. Ma lo distribuirà su un periodo di tempo più lungo e lo renderà più gestibile.

Ottavo, impara a convivere con il virus e adotta una visione olistica degli effetti diretti e indiretti della pandemia sui mezzi di sussistenza. Gli effetti dannosi indiretti economici, sociali, educativi, sulla salute mentale e altri effetti sulla salute di un approccio a mazza per affrontare la pandemia in corso minaccia di superare l’effetto diretto del COVID in Sud Africa.

Nono, segui la scienza e non distorcerla per convenienza politica.

Decimo, impara dagli errori del passato e sii audace nei passaggi successivi.

 

 474 total views,  5 views today