L’industria dell’amianto 2021: smentita, screditata e defunta 

 

Fonte Ibasesecretariat.org 

di Laurie Kazan-Allen

Gli occhi del mondo sono stati puntati sull’esito delle discussioni di questo mese alla Conferenza delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici a Glasgow. 1 Questo evento ha attirato l’attenzione delle parti interessate dell’industria dell’amianto? Immagino di no. Perchè no? Perché la loro prima direttiva è sempre stata la generazione di profitti indipendentemente dall’impatto delle loro operazioni sugli esseri umani o sull’ambiente.

Sebbene sia palesemente ovvio, va detto che la miopia commerciale dell’industria dell’amianto è più fuorviante ora di quanto non lo sia mai stata. Il 2021 non è il 2001 e le azioni che risultano dalla mentalità normale degli interessi acquisiti dall’amianto costituiscono un assalto alla vita umana e all’ambiente. I produttori di amianto, come i fornitori di carbone, petrolio e gas naturale, sono venditori ambulanti di sostanze che stanno distruggendo il nostro pianeta e le persone che ci vivono.

L’8 ottobre 2021, il Consiglio per i diritti umani delle Nazioni Unite ha approvato una risoluzione che riconosce il diritto degli esseri umani a vivere una vita libera dall’esposizione a tossine mortali. Lo stesso giorno l’Organizzazione Internazionale del Lavoro (ILO), ha adottato un codice di condotta sulla sicurezza e la salute per i settori industriali in cui lavorano più di sessanta milioni di persone che ha fornito: “consigli completi e pratici su come eliminare, ridurre e controllare tutti i principali pericoli e rischi. Ciò include sostanze chimiche, rischi ergonomici e fisici, strumenti, macchine e attrezzature, nonché sicurezza degli edifici e antincendio”. 2

I membri dell’Unione europea continuano a premere per maggiori tutele contro il rischio di amianto, come indicato dal piano d’azione del pilastro europeo dei diritti sociali (ottobre 2021) che chiedeva “la protezione dei lavoratori dai rischi legati all’esposizione all’amianto sul lavoro”. 3 Un voto del 19 ottobre 2021 a Strasburgo ha sollecitato la Commissione europea a ridurre i limiti di esposizione professionale all’amianto dall’attuale limite di 0,1 fibre/cm 3 a 0,001 fibre/cm 3 . Inoltre, i membri del Parlamento europeo hanno chiesto una strategia per eliminare il rischio di amianto dall’ambiente costruito. 4

A pochi giorni dall’inizio della Conferenza delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici a Glasgow, è stato pubblicato un documento sottoposto a revisione paritaria che ha sviscerato la propaganda ancora avanzata dall’industria dell’amianto: vale a dire che l’uso dell’amianto era indispensabile per la vita del 21° secolo. Il documento, intitolatoAccelerazione della rimozione dell’amianto per nuovi posti di lavoro e riduzione dell’uso di combustibili fossili per la salute pubblica e la preparazione al clima: un contributo al rilancio dell’economia italiana post-COVID-19 , ha dimostrato che l’uso di materiale per coperture in cemento-amianto era meno efficace e più tossico di alternative. 5 I coautori A. Angelini e S. Silvestri hanno effettuato calcoli che hanno mostrato che le proprietà di isolamento termico e risparmio energetico delle coperture in cemento-amianto erano inferiori a quelle di un materiale esente da amianto. È stato raccomandato che l’eliminazione dei prodotti dell’amianto dalle infrastrutture italiane avrebbe contribuito in modo significativo ai piani per la transizione verso una “economia verde con sviluppo ecosostenibile”.

“La rimozione di questo materiale contenente amianto (ACM) contribuirebbe a tre obiettivi pandemici e di ripresa economica: creazione di posti di lavoro, riduzione dei gas serra (attraverso il risparmio energetico) e miglioramenti della salute pubblica. Sebbene l’amianto sia stato utilizzato per le sue eccellenti proprietà di isolamento termico, forniamo calcoli che dimostrano che il legame del cemento nelle coperture CA annulla la funzione di isolamento dell’amianto. Pertanto, la sostituzione delle coperture in CA con coperture realizzate con materiali alternativi con migliori coefficienti di trasmissione termica può contribuire in modo significativo al risparmio energetico, ridurre il rischio di morbilità e mortalità legate all’amianto e stabilire un’attività economica sostanziale”. 6

Le prove sulla crisi climatica che l’umanità sta affrontando sono fuori dubbio. I divieti unilaterali dell’amianto e la rimozione graduale e completa dell’amianto dalle infrastrutture nazionali dovrebbero far parte dei piani per la costruzione di un mondo post-Covid più verde, più sicuro e sostenibile. La fibra di amianto viene esportata solo dalla Russia e dal Kazakistan; 7 questi due paesi devono adottare misure per sostenere la transizione delle economie locali dipendenti dall’estrazione dell’amianto. Di fronte all’eminente distruzione del nostro pianeta, i lobbisti dell’amianto non possono più tenere in ostaggio il mondo. Il futuro è senza amianto.

11 novembre 2021

_______

1 Conferenza delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici (COP26) Regno Unito 2021.
https://ukcop26.org/

2 Comunicato stampa. Tecnologia dell’amianto, insostenibile e inaccettabile: ufficiale. 15 ottobre 2021.
http://ibasecretariat.org/presss_release_asb_tech_unsustainable_unacceptable_oct_15_2021.pdf

3 Nel documento intitolato: Programma di lavoro della Commissione: Allegato 1: Nuove iniziative , al punto 13, la prevenzione delle esposizioni professionali all’amianto è stata citata come una delle iniziative per aumentare le tutele dei lavoratori.
https://ec.europa.eu/info/sites/default/files/factsheet_cwp_2022_annex_v4.pdf

4 L’amianto uccide ancora 30mila europei ogni anno. Strasburgo: “Rimuoverlo da tutti gli edifici” [L’amianto uccide ancora 30.000 europei ogni anno. Strasburgo: “Rimuovilo da tutti i palazzi”]. 21 ottobre 2021.
https://europa.today.it/attualita/amianto-uccide-rimozione-edifici.html

5 Angelini, A., Silvestri, S. Accelerazione della rimozione dell’amianto per nuovi posti di lavoro e riduzione dell’uso di combustibili fossili per la salute pubblica e la preparazione al clima: un contributo al rilancio dell’economia italiana post-COVID-19 . 2 novembre 2021.
https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/34726108/

6 ibid.

7 Una parte dell’amianto viene ancora esportata dal Brasile nonostante il fatto che la Corte Suprema abbia vietato lo sfruttamento commerciale dell’amianto nel 2017. È probabile che questa scappatoia venga chiusa a tempo debito.

 489 total views,  2 views today