Vertice sulla salute mentale di Atene: priorità alla salute mentale nella regione europea dell’OMS a cura di Marina Penasso

Fonte DORS.IT che ringraziamo

La pandemia di COVID-19 ha esacerbato i problemi di salute mentale, che hanno già colpito milioni di persone, con un impatto che probabilmente si farà sentire negli anni a venire. In un incontro di vertice organizzato dall’OMS/Europa e dal governo della Grecia, i ministri e i rappresentanti dei paesi della regione europea dell’OMS hanno inviato un messaggio forte sull’importanza di dare priorità alla salute mentale nel processo di recupero.

In una dichiarazione innovativa adottata durante il vertice, i ministri hanno riconosciuto l’impatto sulla salute mentale del COVID-19 e hanno chiesto maggiori investimenti nei servizi di salute mentale e l’inserimento del supporto per la salute mentale al centro dell’agenda di recupero post COVID-19.

L’incontro, durato 2 giorni dal 22 al 23 luglio, ha accolto figure politiche di alto profilo, esperti tecnici e scientifici e sostenitori della comunità. Le discussioni si sono concentrate sugli aspetti critici della salute mentale, compresi i servizi di salute mentale, gli impatti della pandemia sui gruppi vulnerabili, gli aspetti della qualità dell’assistenza e gli impatti specifici sugli operatori sanitari.

Oltre ad esacerbare i problemi di salute mentale esistenti per milioni di persone in tutta la Regione, la pandemia ha anche portato la salute mentale in prima linea nelle discussioni globali sulla salute e il benessere, creando opportunità per affrontare questioni come stigma, vulnerabilità e silenzio.

Parlando ai delegati, Hans Henri P. Kluge, direttore regionale dell’OMS per l’Europa, ha sottolineato il lavoro già intrapreso dall’OMS/Europa sulla salute mentale e ha sottolineato l’opportunità che la pandemia presenta quando si tratta di ripensare la salute mentale e in particolare la cura della salute mentale: “Questa pandemia offre l’opportunità di ripensare i servizi, sanare le fratture nella società che sono state esposte e le lacune che sono state ingrandite. Questa è un’opportunità che nessun Paese può sprecare e oggi segna un punto di svolta”.

La diffusione di COVID-19, i blocchi risultanti e altri limiti al movimento e all’interazione sociale hanno causato un aumento dei problemi di salute mentale, in particolare quelli associati alla sicurezza personale, all’autoisolamento, alla disoccupazione, alle preoccupazioni finanziarie e all’esclusione sociale. In molti casi, i servizi sono stati interrotti a causa delle restrizioni di blocco e della riallocazione degli operatori sanitari.

Ripensare i servizi di salute mentale è stata una parte centrale del Summit. In sessioni separate, i delegati hanno ascoltato gli operatori sanitari e gli utenti dei servizi, evidenziando le sfide della pandemia.

Katerina Messimeri, della Cooperativa Sociale di Corfù, ha parlato dell’importanza dei modelli incentrati sul paziente.

Allo stesso tempo, ripensare i servizi di salute mentale richiede anche supporto e investimenti da parte dei governi, come ha spiegato Maria Dimopoulou, capo infermiera presso il Centro di salute mentale di Corfù: “I governi devono concentrarsi sul rafforzamento della voce dei pazienti psichiatrici. Dobbiamo concentrarci sui modelli di recupero regionali e nazionali: un approccio olistico e umano alla cura della salute mentale. Dobbiamo investire finanziariamente e soprattutto nelle risorse umane, perché obiettivi forti e persone forti possono costruire il futuro. E l’Oms può garantire che nessuno venga lasciato indietro”.

Pur avendo un impatto fisico minore sui giovani, la pandemia ha causato loro particolari difficoltà, soprattutto a causa dell’interruzione della scuola e della loro vita sociale.

Chryssa, volontaria e attivista di Euro Youth Mental Health, ha parlato delle sfide di salute mentale affrontate dai giovani: “Una delle cose più difficili durante questa pandemia è che dobbiamo ancora presentarci come studenti o come dipendenti e agire come se non fosse successo niente. Dobbiamo ancora dare il 100% di noi stessi a quello che stiamo facendo perché la vita continua, anche se assomiglia a malapena alla vita come la conoscevamo”.

Garantire la massima qualità dell’assistenza alla salute mentale è essenziale quanto sottolineare l’importanza del supporto per gli operatori sanitari e gli utenti dei servizi. La qualità dell’assistenza ha ricevuto maggiore attenzione negli ultimi mesi, con l’OMS/Europa e il governo greco che hanno aperto un nuovo ufficio secondario ad Atene incentrato sulla qualità dell’assistenza e i rappresentanti del governo hanno discusso approfonditamente la questione al vertice.

I servizi sanitari di qualità, in particolare legati alla salute mentale, sono stati identificati come una parte cruciale della ripresa da COVID-19. Questo è un problema che riguarda tutti i settori dell’assistenza sanitaria, ma è particolarmente cruciale per il settore della salute mentale.

Poiché siamo ora a un bivio in questo momento critico, i governi, i decisori politici e gli attori internazionali stanno ripensando il loro approccio alla qualità dell’assistenza alla salute mentale, con la sicurezza dei pazienti in primo piano nella discussione.

 772 total views,  2 views today