OMS/ILO: quasi 2 milioni di persone muoiono ogni anno per cause legate al lavoro

FONTE ILO 

Le prime stime globali dell’OMS/ILO su malattie e infortuni sul lavoro delineano il livello di morti premature prevenibili dovute all’esposizione a rischi per la salute legati al lavoro.

Comunicato stampa | 17 settembre 2021

GINEVRA (ILO News) – Malattie e infortuni sul lavoro sono stati responsabili della morte di 1,9 milioni di persone nel 2016, secondo le prime stime congiunte dell’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) e dell’Organizzazione internazionale del lavoro (ILO).

Secondo le stime congiunte dell’OMS/OIL sul carico di malattie e lesioni legate al lavoro, 2000-2016: Rapporto di monitoraggio globale , la maggior parte dei decessi correlati al lavoro è dovuta a malattie respiratorie e cardiovascolari.

Le malattie non trasmissibili hanno rappresentato l’81% dei decessi. Le maggiori cause di morte sono state la broncopneumopatia cronica ostruttiva (450.000 decessi); ictus (400.000 decessi) e cardiopatia ischemica (350.000 decessi). Gli infortuni sul lavoro hanno causato il 19% dei decessi (360.000 morti).

Lo studio prende in considerazione 19 fattori di rischio professionale, tra cui l’esposizione a lunghe ore di lavoro e l’esposizione sul posto di lavoro all’inquinamento atmosferico, agli asmatici, agli agenti cancerogeni, ai fattori di rischio ergonomici e al rumore. Il rischio principale era l’esposizione a orari di lavoro prolungati, collegati a circa 750.000 decessi. L’esposizione sul posto di lavoro all’inquinamento atmosferico (particolato, gas e fumi) è stata responsabile di 450.000 morti.

“È scioccante vedere così tante persone essere letteralmente uccise dal loro lavoro”, ha affermato il dott. Tedros Adhanom Ghebreyesus, direttore generale dell’OMS. “Il nostro rapporto è un campanello d’allarme per i paesi e le imprese per migliorare e proteggere la salute e la sicurezza dei lavoratori onorando i loro impegni per fornire una copertura universale dei servizi di salute e sicurezza sul lavoro”.

Le malattie e gli infortuni legati al lavoro mettono a dura prova i sistemi sanitari, riducono la produttività e possono avere un impatto catastrofico sui redditi delle famiglie, avverte il rapporto.

A livello globale, i decessi per popolazione legati al lavoro sono diminuiti del 14% tra il 2000 e il 2016. Ciò potrebbe riflettere miglioramenti in termini di salute e sicurezza sul lavoro, afferma il rapporto. Tuttavia, i decessi per malattie cardiache e ictus associati all’esposizione a lunghe ore di lavoro sono aumentati rispettivamente del 41 e del 19 per cento. Ciò riflette una tendenza crescente in questo fattore di rischio occupazionale relativamente nuovo e psicosociale.

Questo primo rapporto di monitoraggio globale congiunto OMS/ILO consentirà ai responsabili politici di monitorare la perdita di salute correlata al lavoro a livello nazionale, regionale e globale. Ciò consente un’analisi più mirata, pianificazione, determinazione dei costi, implementazione e valutazione di interventi appropriati per migliorare la salute della popolazione e l’equità sanitaria. Il rapporto mostra che sono necessarie ulteriori azioni per garantire luoghi di lavoro più sani, più sicuri, più resilienti e più socialmente giusti, con un ruolo centrale svolto dalla promozione della salute sul posto di lavoro e dai servizi di salute sul lavoro.

Ogni fattore di rischio ha una serie unica di azioni preventive, che sono delineate nel rapporto di monitoraggio per guidare i governi, in consultazione con datori di lavoro e lavoratori. Ad esempio, la prevenzione dell’esposizione a orari di lavoro prolungati richiede un accordo su sani limiti massimi dell’orario di lavoro. Per ridurre l’esposizione sul posto di lavoro all’inquinamento atmosferico, si raccomanda il controllo della polvere, la ventilazione e i dispositivi di protezione individuale.

“Queste stime forniscono informazioni importanti sul carico di malattia correlato al lavoro e queste informazioni possono aiutare a definire politiche e pratiche per creare luoghi di lavoro più sani e sicuri”, ha affermato Guy Ryder, direttore generale dell’ILO. “I governi, i datori di lavoro e i lavoratori possono tutti intraprendere azioni per ridurre l’esposizione ai fattori di rischio sul posto di lavoro. I fattori di rischio possono essere ridotti o eliminati anche attraverso cambiamenti nei modelli e nei sistemi di lavoro. Come ultima risorsa, i dispositivi di protezione individuale possono anche aiutare a proteggere i lavoratori il cui lavoro significa che non possono evitare l’esposizione”.

“Questi quasi 2 milioni di morti premature sono prevenibili. È necessario intraprendere un’azione basata sulla ricerca disponibile per affrontare la natura in evoluzione delle minacce alla salute legate al lavoro”, ha affermato la dott.ssa Maria Neira, Direttore del Dipartimento dell’ambiente, dei cambiamenti climatici e della salute dell’OMS. “Garantire la salute e la sicurezza tra i lavoratori è una responsabilità condivisa del settore sanitario e del lavoro, così come non lasciare indietro i lavoratori in questo senso. Nello spirito degli obiettivi di sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite, salute e lavoro devono lavorare insieme, mano nella mano, per garantire che questo grande carico di malattie venga eliminato”.

“Gli standard internazionali del lavoro e gli strumenti e le linee guida dell’OMS/ILO forniscono una solida base per implementare sistemi di sicurezza e salute sul lavoro forti, efficaci e sostenibili a diversi livelli. Seguirli dovrebbe aiutare a ridurre significativamente queste morti e disabilità”, ha affermato Vera Paquete-Perdigao, Direttore del Dipartimento Governance e Tripartismo dell’ILO.

Un numero sproporzionatamente elevato di decessi legati al lavoro si verifica tra i lavoratori del sud-est asiatico e del Pacifico occidentale, e tra uomini e persone di età superiore ai 54 anni.

Il rapporto rileva che il carico totale di malattia correlato al lavoro è probabilmente sostanzialmente maggiore, poiché la perdita di salute dovuta a diversi altri fattori di rischio professionale deve ancora essere quantificata in futuro. Inoltre, gli effetti della pandemia di COVID-19 aggiungeranno un’altra dimensione a questo onere da catturare nelle stime future.

Queste stime sono pubblicate in vista del XXII Congresso mondiale sulla sicurezza e la salute , che si riunisce virtualmente dal 20 al 23 settembre 2021.

Nota per gli editori:

Nel maggio 2021, l’OMS e l’ILO hanno pubblicato il primo studio in assoluto che ha quantificato gli oneri di malattie cardiache e ictus attribuibili all’esposizione a lunghe ore di lavoro (cioè 750.000 decessi). Questo studio ha stabilito che le lunghe ore di lavoro sono il fattore di rischio con il maggior carico di malattie legate al lavoro.

Oggi, con la pubblicazione del rapporto di monitoraggio globale, l’OMS e l’ILO lanciano la loro valutazione comparativa globale del rischio del carico di malattia correlato al lavoro. Questo copre 19 fattori di rischio professionale. È lo studio più completo dell’OMS sul carico di malattia correlato al lavoro e la prima valutazione congiunta di questo tipo con l’ILO. Una visualizzazione del carico di malattia a livello nazionale, con suddivisione per genere ed età, è disponibile online .

Per maggiori informazioni contattare:

Contatti OIL:

 

 480 total views,  6 views today