La riapertura dell’Inghilterra ha avuto un costo

 

Fonte: Newsletter  Risks delle TUC

Un mese dopo che l’Inghilterra ha abbandonato la maggior parte delle sue restrizioni sul coronavirus ( Hazards 1005 ), gli esperti hanno confermato i timori per un alto costo umano. Il governo del Regno Unito ha portato avanti i cambiamenti nonostante migliaia di scienziati abbiano avvertito che si trattava di un “esperimento pericoloso e immorale”. In una lettera aperta pubblicata sulla rivista medica Lancet del 7 luglio, hanno sostenuto che anche un numero crescente di casi di Covid-19, derivano dalla nuova variante Delta e dal fatto che gran parte della popolazione del Regno Unito non fosse ancora completamente vaccinata si fosse messa in movimento  ( Hazards 1005). Da allora è diventato chiaro che mentre la vaccinazione ha avuto un grande impatto, la pandemia continua a mietere vittime. “Il Regno Unito ha una media di circa 90 morti al giorno per Covid. La nostra riapertura è stata tutt’altro che un successo senza riserve”, ha affermato Kit Yates, co-direttore del Center for Mathematical Biology presso l’Università di Bath. “Se ci fosse una lezione che vorrei che altri paesi prendessero dall’osservare il tentativo di riapertura del Regno Unito è che i vaccini non sono l’intera soluzione al problema”, ha detto Yates alla CNN. “Sì, fanno un’enorme differenza, ma se vuoi tenere il passo con questa malattia, allora devi sostenere i vaccini con altre misure di salute pubblica collaudate: obbligo di mascherine negli spazi pubblici interni, ventilazione nelle scuole e nei luoghi di lavoro, un test funzionante e guidato localmente, traccia e isola il sistema in combinazione con il supporto per l’isolamento. Con i bambini non vaccinati e in procinto di tornare a scuola, “dovremmo aspettarci di vedere ulteriori aumenti della trasmissione quando ciò accadrà, il che porterà inevitabilmente a più casi, più ricoveri e tragicamente più morti”, ha detto Yates.
Notizie della CNN . Deepti Gurdasani, John Drury, Trisha Greenhalgh e altri. Corrispondenza. L’infezione di massa non è un’opzione: dobbiamo fare di più per proteggere i nostri giovani , The Lancet, Online First 7 luglio 2021. DOI: https://doi.org/10.1016/S0140-6736(21)01589-0 . I firmatari della lettera.

 263 total views,  4 views today