I lavoratori dell’abbigliamento del Bangladesh soffrono quando le fabbriche riaprono durante il blocco di Covid-19

Riprendiamo dal sito del sindacato europeo IndustrialallUnion  questo report sulle drammatiche  condizioni delle lavoratrici e lavoratori del Bangladesh del settore tessile.Ringraziamo IndustriallUnion per il suo lavoro sindacale. editor

Fonte Industrialall

3 agosto 2021 Il 1° agosto, le fabbriche di esportazione di abbigliamento del Bangladesh hanno ripreso le operazioni con soli due giorni di preavviso, nonostante il rigoroso blocco imposto in tutto il paese.

A causa della mancanza di mezzi di trasporto, i lavoratori che tornavano al lavoro dopo le vacanze di Eid hanno dovuto affrontare enormi disagi e il rischio di infezione da Covid.

I lavoratori sono stati costretti a tornare in fretta al lavoro utilizzando qualsiasi mezzo di trasporto riuscissero a trovare

 

Venerdì 30 luglio, i funzionari del governo hanno emesso un avviso che consente alle fabbriche di esportazione di abbigliamento di riprendere le operazioni il 1° agosto, a seguito della costante pressione dei produttori di abbigliamento e degli esportatori per consentire alle fabbriche di funzionare. L’annuncio improvviso ha creato panico tra i lavoratori poiché la maggioranza aveva lasciato Dacca ed era tornata nei propri villaggi e piccole città per le vacanze di Eid e il successivo blocco.

I lavoratori sono stati costretti a tornare in fretta al lavoro utilizzando qualsiasi mezzo di trasporto riuscissero a trovare.

Il governo ha annunciato la ripresa dei servizi di trasporto solo la sera del 31 luglio. A questo punto, i lavoratori dell’abbigliamento avevano già intrapreso un difficile viaggio di ritorno per presentarsi al lavoro, temendo la perdita del lavoro e il mancato pagamento dei salari. Traghetti, camion e trasportatori di merci che operavano solo per i servizi di emergenza trasportavano migliaia di lavoratori dell’abbigliamento in condizioni di viaggio sovraffollate e pericolose. I notiziari hanno riferito che circa il 90 percento dei lavoratori dell’abbigliamento ha riferito di lavorare. Tuttavia, i lavoratori dell’abbigliamento continuano a soffrire della mancanza di accesso ai servizi di trasporto e pagano più del normale prezzo per il loro tragitto giornaliero verso il lavoro.

Il 2 agosto sono stati segnalati 15.989 nuovi casi di Covid in un Paese con 150.407 casi attivi. La situazione pandemica continua a essere motivo di preoccupazione in Bangladesh e la direzione generale dei servizi sanitari del paese ha raccomandato l’estensione del blocco in tutto il paese. Rigide restrizioni alla circolazione sono ancora in vigore in tutto il paese.

Salauddin Shapon, vicepresidente senior del Consiglio IndustriALL Bangladesh, ha dichiarato:

“Siamo delusi dal fatto che centinaia e migliaia di lavoratori siano stati costretti a tornare al lavoro in condizioni di viaggio non sicure. Il governo e i datori di lavoro dovrebbero garantire l’adozione di rigorose misure di sicurezza e linee guida sanitarie nei luoghi di lavoro per salvaguardare dalle infezioni.

“Nelle circostanze attuali, nessun lavoratore dovrebbe essere licenziato per non essersi presentato al lavoro. Tutti i lavoratori dovrebbero ricevere il salario per il periodo di blocco. Continueremo ad aumentare la nostra richiesta di indennità di rischio Covid per i lavoratori dell’abbigliamento”.

Apoorva Kaiwar, segretario regionale di IndustriALL per l’Asia meridionale, ha dichiarato:

“Non è accettabile che i lavoratori dell’abbigliamento siano costretti a correre tali rischi per raggiungere gli obiettivi aziendali. Aprire le fabbriche durante il blocco e chiedere ai lavoratori di presentarsi al lavoro quando tutti i trasporti sono stati sospesi è disumano.

“Il governo del Bangladesh e i datori di lavoro dovrebbero garantire che i lavoratori non subiscano perdite salariali se non sono stati in grado di presentarsi al lavoro nel mezzo della pandemia. Le fabbriche dovrebbero continuare a seguire tutte le misure preventive e protettive. I marchi globali dovrebbero garantire che i loro fornitori non pregiudichino il diritto dei lavoratori alla salute e sicurezza sul lavoro e che i lavoratori non dovrebbero essere costretti a lavorare in condizioni di lavoro non sicure”.

 

 480 total views,  2 views today