While debate rages over glyphosate-based herbicides, farmers are spraying them all over the world

Fonte: TheConversation.com

Marion Werner, University at Buffalo; Annie Shattuck, Indiana University, and Ryan Galt, University of California, Davis

As North America enters its peak summer growing season, gardeners are planting and weeding, and groundskeepers are mowing parks and playing fields. Many are using the popular weed killer Roundup, which is widely available at stores like Home Depot and Target.

In the past two years, three U.S. juries have awarded multimillion-dollar verdicts to plaintiffs who asserted that glyphosate, the active ingredient in Roundup, gave them non-Hodgkin lymphoma, a cancer of the immune system. Bayer, a German chemical company, bought Roundup’s inventor, Monsanto, in 2018 and inherited some 125,000 pending lawsuits, of which it has settled all but about 30,000. The company is now considering ending U.S. retail sales of Roundup to reduce the risk of further lawsuits from residential users, who have been the main source of legal claims.

As scholars who study global trade, food systems and their effects on the environment, we see a bigger story: Generic glyphosate is ubiquitous around the globe. Farmers use it on a majority of the world’s agricultural fields. Humans spray enough glyphosate to coat every acre of farmland in the world with half a pound of it every year.

Glyphosate is now showing up in humans, but scientists are still debating its health effects. One thing is clear, though: Because it’s an effective and very cheap weedkiller, it has become pervasive.

Research on glyphosate’s possible human health effects in inconclusive, but concern is rising over its heavy use worldwide.

How glyphosate went global

When glyphosate was commercialized under the Roundup brand name in 1974, it was widely viewed as safe. Monsanto scientists claimed that it would not harm people or other nontarget organisms and did not persist in soil and water. Scientific reviews determined that it did not build up in animal tissue.

Glyphosate killed more target weed species than any other herbicide before or since. Farmers started spraying it on fields to prepare for the next cropping cycle.

In the 1990s Monsanto began packaging glyphosate with crops that were genetically modified to be resistant to it, including corn, soybeans, cotton and canola. Farmers who used these “Roundup Ready” seeds could apply a single herbicide to manage weeds during the growing season, saving time and simplifying production decisions. Roundup became the highest-selling and most profitable herbicide ever to appear on the global market.

In the late 1990s, as the last patents for glyphosate expired, the generic pesticide industry began to offer low-cost versions. In Argentina, for example, prices dropped from $40 per liter in the 1980s to $3 in 2000.

In the mid-1990s, China began to manufacture pesticides. Weak environmental, safety and health regulations and energetic promotion policies initially made Chinese glyphosate very cheap.

China still dominates the pesticide industry – it exported 46% of all herbicides worldwide in 2018 – but now other countries are getting into the business, including Malaysia and India. Pesticides used to flow from Europe and North America to developing nations, but now developing countries export many pesticides to wealthy nations. More pesticide factories in more places leads to oversupply and even lower prices, with critical implications for human health and the environment.

Health controversies

Thanks to cheap globalized manufacturing, glyphosate has become ubiquitous on farmland worldwide – and in human bodies. Researchers have detected it in the urine of children in remote villages in Laos and babies in New York and Seattle.

The question of whether glyphosate causes cancer in humans has been hotly debated. In 2015 the International Agency for Research on Cancer, an agency of the World Health Organization, classified it as a probable human carcinogen based on “limited” evidence of cancer in humans from actual real-world exposures and “sufficient” evidence of cancer in experimental animals.

There also are questions about possible linkages between glyphosate and other human health problems. A 2019 study found that children whose mothers experienced prenatal exposure to glyphosate had a significantly higher risk of autism spectrum disorder than a control population.

Studies have found that glyphosate causes liver and kidney damage in rats and alters honey bees’ gut microbiomes. Mice exposed to it have shown increased disease, obesity and birth abnormalities three generations after the exposure. Although glyphosate breaks down in the environment relatively quickly, it is present in aquatic systems at a volume large enough to be detected in blood samples from Florida manatees.

However, the U.S. Environmental Protection Agency and the European Food Safety Authority maintain that glyphosate is unlikely to cause cancer in humans and does not threaten human health when used according to the manufacturer’s directions.

A challenge for regulators

In the 1990s and early 2000s, the world community adopted several groundbreaking agreements to restrict or monitor sales and use of hazardous pesticides. These agreements – the Stockholm and Rotterdam conventions – target compounds that are either acutely toxic or persist in the environment and accumulate in animals, including humans. Glyphosate does not appear to meet these criteria, but humans may be more exposed to it because of its ubiquity in soil and water and on food.

Today a handful of countries, including Luxembourg and Mexico, have banned or restricted the use of glyphosate, citing health concerns. In most countries, however, it remains legal with few restrictions.

Scientists are unlikely to reach consensus soon about glyphosate’s health and environmental impacts. But that has also been true of other pesticides.

For example, DDT – which is still used in developing countries to control mosquitoes that spread malaria and other diseases – was banned in the U.S. in 1972 for its effects on wildlife and potential harm to humans. But it was not thought to cause cancer in humans until 2015, when scientists analyzed data from women whose mothers were exposed to DDT while pregnant in the 1960s, and found that these women were more than four times as likely to develop breast cancer than others who were not exposed. This study was published 65 years after the first congressional testimony on DDT’s human health impacts.

In 1946, health officials who believed incorrectly that polio was spread by insects ordered widespread fogging with DDT in San Antonio, Texas, decades before the pesticide’s health and environmental effects were understood.

Science can take a long time to reach conclusive results. Given how widely glyphosate is used now, we expect that if it is definitively found to harm human health, its effects will be widespread, difficult to isolate and extremely challenging to regulate.

And finding a cheap silver bullet to safely replace it could be hard. Many substitutes on the market today are more acutely toxic. Nonetheless, there’s a need for better options, because weeds are developing resistance to glyphosate.

In our view, growing concerns about glyphosate’s effectiveness and possible health impacts should accelerate research into alternative solutions to chemical weed control. Without more public support for these efforts, farmers will turn to more toxic herbicides. Glyphosate looks cheap now, but its true costs could turn out to be much higher.

This article has been updated to remove a reference to glyphosate detection in breast milk, which was based on a study that was not peer-reviewed.The Conversation

Marion Werner, Associate Professor of Geography, University at Buffalo; Annie Shattuck, Assistant Professor of Geography, Indiana University, and Ryan Galt, Professor of Geography, University of California, Davis

This article is republished from The Conversation under a Creative Commons license. Read the original article.


Per rendere più agevole la lettura di questo articolo riproduciamo una traduzione in italiano effettuata con google translator . Il testo cui fare riferimento resta l’originale pubblicato su Theconversation

Mentre infuria il dibattito sugli erbicidi a base di glifosato , gli agricoltori li spruzzano in tutto il mondo

Mentre il Nord America entra nel suo picco di crescita estivo, i giardinieri stanno piantando e diserbando, e i giardinieri stanno falciando parchi e campi da gioco. Molti usano il popolare diserbante Roundup, che è ampiamente disponibile in negozi come Home Depot e Target .

Negli ultimi due anni, tre giurie statunitensi hanno assegnato verdetti multimilionari ai querelanti che hanno affermato che il glifosato, l’ingrediente attivo del Roundup, ha dato loro il linfoma non Hodgkin , un cancro del sistema immunitario. Bayer, un’azienda chimica tedesca, ha acquistato l’inventore di Roundup, Monsanto, nel 2018 e ha ereditato circa 125.000 cause pendenti, di cui ha risolto tutte tranne circa 30.000. La società sta ora valutando di porre fine alle vendite al dettaglio negli Stati Uniti di Roundup per ridurre il rischio di ulteriori azioni legali da parte degli utenti residenziali, che sono stati la principale fonte di azioni legali .

Come studiosi che studiano il commercio globale , i sistemi alimentari e i loro effetti sull’ambiente , vediamo una storia più grande: il glifosato generico è onnipresente in tutto il mondo. Gli agricoltori lo usano sulla maggior parte dei campi agricoli del mondo . Gli esseri umani spruzzano abbastanza glifosato da ricoprire ogni acro di terreno agricolo del mondo con mezzo chilo di esso ogni anno .

Il glifosato si sta ora manifestando negli esseri umani, ma gli scienziati stanno ancora discutendo sui suoi effetti sulla salute . Una cosa è chiara, però: poiché è un diserbante efficace e molto economico, è diventato pervasivo.

La ricerca sui possibili effetti del glifosato sulla salute umana è inconcludente, ma aumenta la preoccupazione per il suo uso massiccio in tutto il mondo.

Come il glifosato è diventato globale

Quando il glifosato è stato commercializzato con il marchio Roundup nel 1974, è stato ampiamente considerato sicuro. Gli scienziati della Monsanto hanno affermato che non danneggerebbe le persone o altri organismi non bersaglio e non persisteva nel suolo e nell’acqua . Le revisioni scientifiche hanno stabilito che non si è accumulato nei tessuti animali.

Il glifosato ha ucciso più specie di erbacce bersaglio di qualsiasi altro erbicida prima o dopo . Gli agricoltori hanno iniziato a spruzzarlo sui campi per prepararsi al prossimo ciclo di coltivazione.

Negli anni ’90 Monsanto ha iniziato a confezionare il glifosato con colture geneticamente modificate per essere resistenti ad esso, tra cui mais, soia, cotone e colza. Gli agricoltori che hanno utilizzato questi semi ” Roundup Ready ” potrebbero applicare un singolo erbicida per gestire le erbacce durante la stagione di crescita, risparmiando tempo e semplificando le decisioni di produzione. Roundup è diventato l’ erbicida più venduto e più redditizio mai apparso sul mercato globale.

Alla fine degli anni ’90, quando gli ultimi brevetti per il glifosato sono scaduti, l’industria dei pesticidi generici ha iniziato a offrire versioni a basso costo . In Argentina, ad esempio, i prezzi sono scesi da 40 dollari al litro negli anni ’80 a 3 dollari nel 2000 .

A metà degli anni ’90, la Cina iniziò a produrre pesticidi. Le deboli normative ambientali, di sicurezza e salute e le politiche di promozione energetica inizialmente resero il glifosato cinese molto economico.

La Cina domina ancora l’industria dei pesticidi – ha esportato il 46% di tutti gli erbicidi in tutto il mondo nel 2018 – ma ora altri paesi stanno entrando nel business, tra cui Malesia e India. I pesticidi fluivano dall’Europa e dal Nord America alle nazioni in via di sviluppo, ma ora i paesi in via di sviluppo esportano molti pesticidi alle nazioni ricche. Più fabbriche di pesticidi in più luoghi portano a un eccesso di offerta e prezzi ancora più bassi, con implicazioni critiche per la salute umana e l’ambiente.

Controversie sulla salute

Grazie alla produzione globalizzata a basso costo, il glifosato è diventato onnipresente nei terreni agricoli di tutto il mondo e nei corpi umani. I ricercatori l’hanno rilevata nelle urine dei bambini di remoti villaggi del Laos e dei neonati di New York e Seattle .

La questione se il glifosato causi il cancro negli esseri umani è stata oggetto di accesi dibattiti. Nel 2015 l’Agenzia Internazionale per la Ricerca sul Cancro, un’agenzia dell’Organizzazione Mondiale della Sanità, lo ha classificato come probabile cancerogeno per l’uomo sulla base di prove “limitate” di cancro negli esseri umani da effettive esposizioni nel mondo reale e prove “sufficienti” di cancro in esperimenti animali.

Ci sono anche domande sui possibili collegamenti tra il glifosato e altri problemi di salute umana. Uno studio del 2019 ha rilevato che i bambini le cui madri hanno avuto un’esposizione prenatale al glifosato avevano un rischio significativamente più elevato di disturbo dello spettro autistico rispetto a una popolazione di controllo.

Gli studi hanno scoperto che il glifosato provoca danni al fegato e ai reni nei ratti e altera i microbiomi intestinali delle api . I topi esposti ad esso hanno mostrato un aumento della malattia, dell’obesità e delle anomalie della nascita tre generazioni dopo l’esposizione . Sebbene il glifosato si decomponga nell’ambiente in modo relativamente rapido, è presente nei sistemi acquatici in un volume sufficientemente grande da essere rilevato nei campioni di sangue dei lamantini della Florida .

Tuttavia, l’Agenzia per la protezione dell’ambiente degli Stati Uniti e l’Autorità europea per la sicurezza alimentare sostengono che è improbabile che il glifosato causi il cancro negli esseri umani e non minacci la salute umana se usato secondo le indicazioni del produttore.

Una sfida per i regolatori

Negli anni ’90 e nei primi anni 2000, la comunità mondiale ha adottato diversi accordi innovativi per limitare o monitorare le vendite e l’uso di pesticidi pericolosi. Questi accordi – le convenzioni di Stoccolma e Rotterdam – mirano a composti che sono altamente tossici o persistono nell’ambiente e si accumulano negli animali, compreso l’uomo. Il glifosato non sembra soddisfare questi criteri, ma gli esseri umani potrebbero essere più esposti ad esso a causa della sua ubiquità nel suolo, nell’acqua e negli alimenti .

Oggi una manciata di paesi, tra cui Lussemburgo e Messico , ha vietato o limitato l’uso del glifosato, citando problemi di salute. Nella maggior parte dei paesi, tuttavia, rimane legale con poche restrizioni.

È improbabile che gli scienziati raggiungano presto un consenso sull’impatto del glifosato sulla salute e sull’ambiente. Ma questo è stato vero anche per altri pesticidi.

Ad esempio, il DDT, che è ancora utilizzato nei paesi in via di sviluppo per controllare le zanzare che diffondono la malaria e altre malattie, è stato bandito negli Stati Uniti nel 1972 per i suoi effetti sulla fauna selvatica e per i potenziali danni agli esseri umani. Ma non si pensava che causasse il cancro negli esseri umani fino al 2015, quando gli scienziati hanno analizzato i dati di donne le cui madri erano state esposte al DDT durante la gravidanza negli anni ’60 e hanno scoperto che queste donne avevano una probabilità quattro volte maggiore di sviluppare il cancro al seno rispetto ad altre che non sono stati esposti. Questo studio è stato pubblicato 65 anni dopo la prima testimonianza del Congresso sugli impatti del DDT sulla salute umana.

Nel 1946, i funzionari sanitari che credevano erroneamente che la polio fosse diffusa da insetti ordinarono un diffuso appannamento con DDT a San Antonio, in Texas, decenni prima che si comprendessero gli effetti sulla salute e sull’ambiente del pesticida.

La scienza può impiegare molto tempo per raggiungere risultati conclusivi. Data l’ampia diffusione del glifosato, ci aspettiamo che, se si scoprirà definitivamente che danneggia la salute umana, i suoi effetti saranno diffusi, difficili da isolare ed estremamente difficili da regolamentare.

E trovare un proiettile d’argento economico per sostituirlo in sicurezza potrebbe essere difficile. Molti sostituti oggi sul mercato sono più acutamente tossici . Tuttavia, c’è bisogno di opzioni migliori, perché le erbacce stanno sviluppando una resistenza al glifosato .

A nostro avviso, le crescenti preoccupazioni sull’efficacia del glifosato e sui possibili impatti sulla salute dovrebbero accelerare la ricerca di soluzioni alternative al controllo chimico delle infestanti. Senza un maggiore sostegno pubblico per questi sforzi, gli agricoltori si rivolgeranno a erbicidi più tossici. Il glifosato sembra a buon mercato ora, ma i suoi costi reali potrebbero rivelarsi molto più alti.

Questo articolo è stato aggiornato per rimuovere un riferimento al rilevamento del glifosato nel latte materno, che si basava su uno studio non sottoposto a revisione paritaria.

 

 951 total views,  2 views today