La solidarietà internazionale è la chiave per contrastare i regimi autoritari

I delegati di UNISON ascoltano resoconti inquietanti della crisi COVID-19 usati come copertura per sopprimere l’opposizione pacifica peaceful

La segretaria generale di UNISON Christina McAnea è stata affiancata da un gruppo di sindacalisti tutta al femminile al raduno internazionale della conferenza dei delegati speciali che, per la prima volta, si è svolto online.

I delegati hanno ascoltato resoconti strazianti delle minacce affrontate da coloro che sfidano la legittimità dei regimi autoritari e i leader hanno usato la crisi COVID-19 come copertura per rafforzare la presa sul potere.

La sig.ra McAnea ha aperto la manifestazione fornendo una panoramica che fa riflettere sull’oppressione e la violenza inflitte ai sindacalisti e alle comunità vulnerabili di tutto il mondo sulla scia della pandemia – dal bombardamento israeliano di Gaza e dall’incapacità del governo di fornire vaccini al popolo palestinese, al “presidente brasiliano di estrema destra razzista, misogino, omofobo e negazionista del coronavirus” che ha assistito alla morte di centinaia di migliaia di persone a causa del virus.

Colombia, Turchia

Ligia Ines Alzate, dell’esecutivo nazionale del TUC colombiano, il CUT, ha raccontato ai delegati come le autorità colombiane hanno represso senza pietà una protesta pacifica contro la disuguaglianza economica e le violazioni dei diritti umani.

Ha descritto come il 20 aprile la manifestazione che ha aiutato a organizzare è degenerata in una sanguinosa violenza quando la polizia ha aperto il fuoco sui manifestanti. Più di 60 persone sono state uccise e oltre 1.000 arrestate.

Nonostante le violenze, Ligia ha accettato che l’unico modo per porre fine alle uccisioni, aiutare i poveri e scoprire il destino degli ‘scomparsi’ è negoziare con un regime che “non valorizza lo stato di diritto o la vita dei suoi cittadini .”

Dalla Turchia, Pinar Icsel, membro del comitato esecutivo del sindacato turco SES, ha delineato fino a che punto il presidente della linea dura Recep Erdogan è andato per mantenere il controllo, anche se il COVID-19 ha dilaniato la popolazione.

“Il mio sindacato si batte per i diritti degli operatori sanitari dall’inizio della pandemia”, ha affermato. “La cattiva gestione della crisi da parte del governo è costata la vita a 420 operatori sanitari.

“Circa 50.000 persone sono morte e più di cinque milioni sono state infettate dal virus. Chi critica il governo viene bollato come terrorista e arrestato.

“Gli operatori sanitari sono esausti, ma il governo ha vietato le vacanze e ha persino impedito le dimissioni del personale. Gli standard universali accettati di comportamento politico non si applicano più in Turchia”.

Brasile, Myanmar

In tutto il mondo l’ascesa del leader dell’uomo forte di estrema destra ha accelerato. E la crisi del coronavirus ha fornito loro l’opportunità di mostrare quanto siano forti.

Il presidente del Brasile Jair Bolsonaro è diventato il poster boy per la negazione del COVID. Ha presieduto a oltre 500.000 morti, si è rifiutato di acquistare vaccini per i suoi cittadini e ha detto ai brasiliani di “smetterla di lamentarsi” del COVID-19, mentre criticava le misure per frenare il virus, anche se i casi e i decessi aumentavano.

Nonostante la sua stretta al potere, Luba Melo, la segretaria femminile del SINSEP – parte della federazione dei lavoratori municipali della CUT, la TUC del Brasile – crede che il sostegno sindacale internazionale farà pendere la bilancia a favore del popolo brasiliano e spingerà Bolsonaro fuori dal suo incarico.

“Vogliamo che l’ONU condanni questo governo genocida per il negazionismo che è costato così tante vite. Con il sostegno di UNISON e del movimento sindacale internazionale vinceremo le elezioni del 2022″, ha affermato.

“Sappiamo che Bolsonaro potrebbe rivolgersi ai militari per mantenere il potere, ma speriamo che il peso del sostegno internazionale significhi riconquistare il nostro bellissimo Paese e la gente possa tornare a sorridere”.

In Myanmar, i sindacati sono al centro dell’opposizione ai generali che hanno preso il potere con un colpo di stato a febbraio. Ma resistere alla giunta ha avuto un costo.

“Le forze militari stanno facendo irruzione negli uffici sindacali e le ONG locali sono state dichiarate illegali”, ha affermato Khaing Zar Aung, fondatore e presidente della Federazione dei lavoratori industriali del Myanmar.

Ha descritto le terribili condizioni che i lavoratori devono sopportare sotto il governo militare: “La gente lavora sempre perché la giunta ha vietato al personale di prendersi delle ferie. Non possono vedere le loro famiglie o portare i parenti in ospedale se sono malati.

“Le famiglie degli organizzatori sindacali sono state costrette a lasciare le loro case come punizione per aver sfidato i militari e aver preso parte ad atti di disobbedienza civile. Ma non obbediremo loro”.

In un messaggio provocatorio, Khaing ha invitato la comunità internazionale a unirsi alla lotta per la libertà. “I militari non sono stati in grado di assumere il pieno controllo del paese perché stiamo combattendo.

“Ma il popolo del Myanmar non può vincere questa battaglia senza il sostegno dei governi e di tutti voi”.

Palestina

Il coordinatore della ricerca palestinese e autore Riya Al’Sanah ha offerto ai delegati uno sguardo agghiacciante sulla vita sotto l’occupazione israeliana.

“La repressione [più recente] è stata la nostra realtà vissuta per oltre 73 anni”, ha detto. “Lo sfollamento forzato e il furto di proprietà palestinesi sono la norma, non l’eccezione.

“Negli ultimi cinque anni sono state demolite oltre 11.000 case palestinesi nel sud di Israele. Più di 100.000 persone dovranno affrontare lo sfollamento forzato per far posto a zone residenziali israeliane per soli ebrei. Raramente passa giorno in Palestina senza che qualcuno venga ucciso”.

Nonostante l’incessante sottomissione del popolo palestinese, nelle ultime settimane Riya ha visto emergere la speranza e attribuisce in parte il sostegno internazionale al cambiamento.

“Lo sciopero generale palestinese del 18 maggio ha quasi portato il settore edile israeliano a un punto morto. Ciò che è stato sorprendente e fonte di speranza per molti di noi è stato il livello di solidarietà internazionale. Ha riaffermato quanto sia importante la solidarietà e quanto sia centrale nella nostra lotta per la giustizia e l’uguaglianza».

Il ruolo del movimento sindacale internazionale come agente di giustizia, responsabile del potere, non è mai stato così importante. E il punto non è andato perso su Christina McAnea, che ha riaffermato il sostegno di UNISON ai sindacati sorelle in tutto il mondo.

La McAnea ha promesso ai delegati che UNISON avrebbe continuato a lottare per i diritti dei lavoratori ovunque fossero minacciati.

 

 939 total views,  4 views today