Nei paesi nordici, lo sviluppo del lavoro su piattaforme costituisce un rischio per la salute e la sicurezza sul lavoro

Commons Licence Foto 

Fonte Etui 

Mentre l’attuale pandemia sta accelerando lo sviluppo del lavoro con le piattaforme, uno studio  condotto nei paesi nordici (Danimarca, Finlandia, Islanda, Norvegia, Svezia) mette in guardia sui rischi di deterioramento delle condizioni di lavoro e della retribuzione per i lavoratori interessati.

Nelle economie nordiche, le società di piattaforme sono fiorite in particolare nei settori della pulizia, dei trasporti, della consegna di cibo e della traduzione / scrittura. Questi settori tendono ad avere basse barriere all’ingresso, pochi requisiti formali di competenze, bassa densità sindacale e bassa retribuzione.

Lo studio rileva che la pandemia ha evidenziato e accentuato la precarietà delle condizioni di lavoro dei lavoratori delle piattaforme. Questi ultimi sono generalmente considerati lavoratori autonomi o liberi professionisti e quindi non beneficiano di tutele sociali quali indennità di disoccupazione e assenze per malattia. Durante la pandemia di Covid-19, questo significava che per molti lavoratori la scelta era quella di lavorare, rischiando l’infezione, oppure di non lavorare e di non guadagnare denaro.

Il lavoro su piattaforma crea altri problemi legati all’ambiente di lavoro, tra cui la precarietà del lavoro, il lavoro da soli, l’isolamento e il rischio di incidenti. Il lavoro in piattaforma pone anche due problemi specifici di salute e sicurezza sul lavoro: la mancanza di chiarezza sulle responsabilità del datore di lavoro rende difficile determinare chi è responsabile della salute e sicurezza sul lavoro; Inoltre, i lavoratori possono essere esposti a un monitoraggio e una valutazione digitali costanti, che possono essere dannosi per il loro  ambiente psicosociale .

Non è un caso che il lavoro di piattaforma sia emerso all’indomani della crisi finanziaria del 2008 nei paesi nordici, quando il tasso di disoccupazione è aumentato e il tasso di occupazione giovanile è diminuito. Gli shock economici innescati dalla pandemia potrebbero, a causa dell’aumento della disoccupazione, favorire la crescita di modelli di business basati su piattaforme.

 903 total views,  4 views today