Covid 19 e lavoro mortale: Regno Unito e Francia a confronto

 

Dal sito inglese  Hazards.org riportiamo questo articolo assai significativo sull’esperienza dei lavoratori essenziali britannici durante la pandemia con una comparazione con le condizioni di lavoro dei colleghi francesi

Nell’ultimo anno, sia il governo del Regno Unito che quello francese hanno descritto i lavoratori essenziali come eroi che incarnano il dovere esemplare e il sacrificio di sé di fronte a una guerra contro “un nemico invisibile”.

Dietro questa retorica, i lavoratori chiave sono stati trattati da entrambi i governi come una risorsa sacrificabile che sono stati deliberatamente esposti a morte evitabile nel loro lavoro quotidiano. Ciò che caratterizza i lavoratori chiave in realtà è che il loro valore del lavoro, durante la pandemia, ha sostituito il loro diritto alla vita. I lavoratori di entrambi i paesi sono stati costretti a lavorare in luoghi di lavoro non sicuri in risposta agli interessi economici e le loro vite sono state sacrificate al servizio di lavori “essenziali”.

Mentre sia il Regno Unito che la Francia hanno seguito politiche del lavoro simili, i lavoratori francesi sono stati bloccati con protezioni sociali e occupazionali molto più forti, il che significava che erano meno esposti a rischi mortali rispetto alle loro controparti britanniche.

Chi è essenziale?

Quale valore attribuiscono i governi alla vita dei lavoratori in un momento di crisi globale senza precedenti? Di fronte a una profonda crisi sanitaria, i governi britannico e francese hanno seguito una linea politica notevolmente simile. Ciò consisteva nell’identificare i lavoratori chiave che sarebbero stati obbligati a continuare a lavorare durante la pandemia nell’interesse della popolazione nel suo insieme, ma a rischio personale per la propria vita.

Ciò consisteva nell’identificare i lavoratori chiave che sarebbero stati obbligati a continuare a lavorare durante la pandemia nell’interesse della popolazione nel suo insieme, ma a rischio personale per la propria vita. I leader politici hanno inquadrato il lavoro essenziale in termini di esigenze della crisi sanitaria e della grave emergenza nazionale che si stava manifestando. Nel suo discorso del 16 marzo 2020, il presidente francese Emmanuel Macron ha ripetuto sei volte la frase “siamo in guerra”. Nel frattempo, il primo ministro britannico Boris Johnson ha dichiarato “siamo impegnati in una guerra contro questa malattia che dobbiamo vincere” e ha osservato “questo nemico può essere mortale”.

In realtà, la nozione di “lavoro essenziale” è stata orientata fin dall’inizio verso le priorità economiche piuttosto che verso le preoccupazioni per la salute.

Mentre il governo del Regno Unito ha stabilito elenchi di lavoratori essenziali nei settori della sanità, dell’assistenza sociale, della vendita al dettaglio, dei trasporti, delle comunicazioni, dei servizi finanziari e dei servizi pubblici, il termine è stato rapidamente esteso per riferirsi a chiunque non potesse lavorare da casa. Il consiglio del governo del 23 marzo 2020 era: “Se non puoi lavorare da casa, puoi viaggiare per motivi di lavoro”.

Non un blocco

Non sono state introdotte nuove leggi per chiudere i luoghi di lavoro “non essenziali”. Spettava ai datori di lavoro decidere chi fossero i lavoratori chiave e chi no. La guida di Public Health England del 24 marzo 2020 sembrava abbandonare anche le precauzioni di sicurezza più elementari a favore di mantenere le persone al lavoro e mantenere aperte le imprese.

Annotava: “Se un membro del personale ha aiutato qualcuno che si è sentito male con una nuova tosse continua o con una febbre alta, non è necessario che torni a casa a meno che non sviluppi i sintomi stessi … Non è necessario chiudere l’attività o il posto di lavoro o inviare qualsiasi membro del personale a casa, a meno che non cambi la politica del governo.

UNCARING Guidance on Covid-19 ha dato la priorità agli operatori sanitari “ad alto rischio” per la migliore protezione respiratoria. Il risultato è stato tassi di Covid-19 molto più elevati in lavori a rischio più basso nell’assistenza sanitaria e in altri settori.

Secondo Open Democracy , il motivo per cui il Regno Unito ha avuto uno dei più alti tassi di mortalità per Covid in Europa è che il governo ha permesso alle persone di continuare a lavorare e ha permesso ai capi di far continuare le persone a lavorare durante il blocco. Notava: “In realtà non abbiamo un blocco”.

Un’indagine su vasta scala condotta su 2.750 lavoratori del call center dall’Università di Strathclyde ha rilevato che molti continuavano a svolgere lavori non essenziali, come lesioni personali o richieste di risarcimento danni alla proprietà, e meno di uno su cinque credeva di avere un o ruolo di emergenza. Il 78% temeva di prendere il Covid-19 sul posto di lavoro. Molti si sono lamentati dell’inadeguatezza delle normative in materia di allontanamento sociale, igiene e salute e sicurezza.

Il governo del Regno Unito ha emesso nuove linee guida all’inizio del terzo blocco il 6 gennaio 2021 che definivano il lavoro essenziale in termini di qualsiasi lavoro che non poteva essere “ ragionevolmente ” svolto a casa e ampliava l’elenco di coloro che potevano andare a lavorare . Era interamente a discrezione dei datori di lavoro decidere quando era ragionevole o irragionevole svolgere il lavoro da casa.

Un sondaggio della Royal Society for Arts, Manufactures and Commerce (RSA) ha rilevato che a un dipendente su nove è stato ordinato di tornare a lavorare all’inizio di gennaio 2021, quando avrebbero potuto lavorare da casa.

Nel frattempo, sono stati segnalati focolai di Covid di massa nei luoghi di lavoro, inclusi 500 casi presso il DVLA a Swansea, 324 presso un fornitore di sandwich M&S nel Northamptonshire e 217 in un impianto di lavorazione del pollo ad Anglesey.

Au travail

Il governo francese ha anche invocato la nozione di lavoro essenziale per persuadere i lavoratori a rimanere nel loro posto di lavoro durante il periodo di blocco. A differenza del Regno Unito, il governo francese ha rifiutato di pubblicare elenchi ufficiali di lavoratori essenziali, sostenendo che i lavoratori in prima linea facevano affidamento su altri servizi in tutta l’economia ed era impossibile specificare chi o quali settori fossero essenziali.

Da metà marzo in poi, temendo una recessione economica, i ministri del governo hanno esortato i lavoratori francesi a tornare al loro posto di lavoro come priorità nazionale urgente. Il 21 marzo 2020 il ministro del Lavoro Muriel Pénicaud ha accusato i sindacati del settore edile di “disfattismo” per aver invitato i loro lavoratori a non presentarsi nei cantieri per problemi di sicurezza.

Di conseguenza, molte aziende e settori non essenziali hanno continuato a funzionare regolarmente durante tutta la pandemia. I grandi produttori, tra cui case automobilistiche, aziende farmaceutiche, produzione di aeromobili ed energia nucleare, hanno mantenuto le operazioni per tutto il periodo di blocco.

I sindacati hanno sottolineato l’ironia che Airbus stava continuando a montare aerei durante il blocco, anche se le compagnie aeree erano state bloccate in tutto il mondo. Presso l’azienda farmaceutica Sanofi , dove 600 dipendenti sono stati infettati da Covid-19 (120 in un singolo sito di produzione), i sindacati hanno esortato i capi a limitare la produzione a forniture mediche urgenti. Quando i lavoratori di Amazon in Francia hanno scioperato e i sindacati hanno portato il loro caso in tribunale, il 24 aprile 2020 la corte d’appello di Versailles ha stabilito che la società doveva limitare i propri servizi di consegna alle forniture essenziali.

Mercati del lavoro

Il Covid 19 si sta dimostrando un banco di prova su modelli economici contrastanti che mettono in luce le disuguaglianze strutturali che esistevano molto prima dell’inizio della crisi. Sebbene le politiche del lavoro di Johnson e Macron abbiano seguito una linea più o meno simile, favorendo gli interessi economici rispetto alle preoccupazioni per la salute, sono state attuate in mercati del lavoro molto diversi, dove i lavoratori erano esposti in modo differenziato ai rischi per la salute.

Il Regno Unito ha uno dei mercati del lavoro più flessibili al mondo con regolamentazioni limitate e protezioni formali per i dipendenti, mentre la Francia è stata caratterizzata dalla sua forza lavoro regolamentata e protetta in cui i diritti sono sanciti da un vasto Codice del lavoro.

Nel Regno Unito, il mito della flessibilità, presentato come una “storia di successo nazionale” , ha contribuito a legittimare un aumento esponenziale del lavoro a bassa retribuzione, insicuro e a zero ore nei dieci-quindici anni che hanno preceduto la pandemia. Un rapporto pubblicato dalla Health Foundation nel febbraio 2020 mostra che il 36% dei lavoratori del Regno Unito o circa 10 milioni di persone lavora in lavori di bassa qualità, precari o poco retribuiti. Mentre gli operatori sanitari sono stati elogiati e applauditi durante la crisi, le statistiche mostrano che circa la metà di loro guadagna meno del salario dignitoso e 1 su 7 di loro ha un contratto a zero ore.

Ciò significava che i lavoratori in vaste aree dell’economia britannica sono entrati nella pandemia con una protezione sociale debole in termini di indennità di malattia e diritti del lavoro. I lavoratori sono stati esposti a rischi mortali sia in conseguenza di normative statali che li hanno costretti a presentarsi al lavoro in condizioni potenzialmente pericolose, ma anche a causa di una negligenza ufficiale che li lascia non protetti, non regolamentati, privi di diritti ed esposti a danni mortali.

I lavoratori del Regno Unito malati di coronavirus hanno l’indennità di malattia obbligatoria più bassa di tutte le 37 nazioni industrializzate dell’OCSE in proporzione alla retribuzione media. Molti sono costretti a lavorare anche quando sono malati o si isolano da soli o rischiano di perdere tutti i loro guadagni.

Ciò ha spinto un gruppo trasversale di parlamentari a scrivere a Deliveroo il 13 maggio 2020, per chiedere prestazioni di base come l’indennità di malattia per i lavoratori malati o con sintomi di coronavirus e dispositivi di protezione di base per tenerli al sicuro. La morte di un autista Uber di 44 anni che era risultato positivo al Covid-19 ad aprile, ha portato a una campagna per l’applicazione delle normative per spingere gli operatori di noleggio privati ​​a introdurre protocolli di sicurezza e dispositivi di protezione individuale.

In Francia, Emmanuel Macron, come i suoi predecessori, ha compiuto sforzi concertati per deregolamentare le protezioni sul lavoro, ma mentre la percentuale di lavoro atipico è aumentata in modo significativo, non ha ancora raggiunto i livelli endemici evidenti nel Regno Unito. Alcuni critici indicano una “uberizzazione” dell’economia francese e il numero di lavoratori con lavori atipici è aumentato del 22% tra il 2006 e il 2013. Come nel Regno Unito, i lavoratori della gig economy, come tassisti, corrieri, lavoratori agricoli che cadono al di fuori delle tutele del codice del lavoro sono stati costretti a lavorare anche se malati o perdendo il proprio reddito.

Macron ha anche approfittato dell’emergenza nazionale per far passare una serie di decreti il ​​25 marzo 2020 che hanno dato maggiore libertà ai datori di lavoro, consentendo loro di estendere l’orario di lavoro giornaliero e settimanale, di sospendere i diritti su ferie retribuite e periodi di riposo.

Eppure, nonostante le riforme deregolamentari negli ultimi anni, il contratto standard a tempo indeterminato (contrat à durée indéterminée) è ancora la norma in Francia, costituendo la quota maggiore dell’occupazione corrente (88%) con contratti a tempo determinato (contrat à durée déterminée) che costituiscono il 12 per cento dei dipendenti salariati. I lavoratori beneficiano di una buona protezione dell’indennità di malattia e la Francia ha la nona più alta indennità di malattia di tutti i paesi OCSE per i lavoratori assenti a causa di Covid o quarantena.

Sanzionato ufficialmente

I lavoratori precari sono sempre stati maggiormente a rischio di danni o morte durante il loro lavoro quotidiano. Judith Butler, in ‘Frames of war: When is life lordable?’, Descrive la precarietà come ‘la condizione politicamente indotta in cui alcune popolazioni soffrono di reti sociali ed economiche in fallimento che vengono differenzialmente esposte a lesioni, violenza e morte’.

Ciò che distingue il periodo Covid-19, è che l’esposizione alla morte è stata ufficialmente sanzionata dal governo in nome di un’emergenza sanitaria nazionale. L’Office for National Statistics ha rilevato che i tassi di mortalità Covid più alti nel Regno Unito erano tra le “ occupazioni elementari poco qualificate ” e lavori specifici hanno tassi di mortalità più elevati – inclusi tassisti, autisti, chef, autisti di autobus e pullman, addetti alle vendite e al dettaglio . Le persone che lavorano nell’assistenza sociale avevano il doppio delle probabilità di morire di coronavirus rispetto alla popolazione attiva generale.

Allo stesso modo, uno studio francese sul Covid 19 e le disuguaglianze sociali ha rilevato che i lavoratori precari erano uno dei gruppi più esposti a contrarre il virus e, in particolare, settori tra cui assistenza sociale e sanitaria, produzione alimentare, vendita al dettaglio, trasporti, produzione industriale. Un altro studio ha rilevato che i più alti tassi di mortalità per Covid-19 nella regione parigina si registrano nel sobborgo disagiato di Seine-Saint-Denis, dove la maggior parte della popolazione attiva ha lavori poco pagati e insicuri come addetti alle pulizie, badanti, tassisti o operai di fabbrica.

Mentre i lavoratori essenziali sono stati celebrati come eroi nel Regno Unito e in Francia, in pratica sono stati trattati come una forma di carne da cannone che potrebbe essere legittimamente sacrificata nell’interesse superiore dell’economia.

Mentre i governi britannico e francese hanno perseguito una linea politica simile in risposta alla crisi sanitaria che ha dato priorità agli interessi economici, le normative sul lavoro preesistenti significavano che i lavoratori francesi erano relativamente più protetti e meno esposti a morte evitabile sul posto di lavoro rispetto ai loro omologhi britannici .

L’assenza di un’indennità di malattia dignitosa nel Regno Unito ha significato che i lavoratori sono stati regolarmente esposti alla morte per sopravvivere.

 11 total views,  1 views today