COVID-19 in Brazil: how Jair Bolsonaro created a calamity

Alfredo Saad Filho, King’s College London and Fernanda Feil, Universidade Federal Fluminense

Brazil has had what is arguably the worst pandemic policy response in the world, driven by its far-right president, Jair Bolsonaro. The president’s choices in handling COVID-19 have triggered an unparalleled tragedy in the country, with potentially catastrophic implications worldwide.

Matters have deteriorated considerably since the emergence of a new and more contagious variant
in the country, known as P1. The death toll in Brazil has been rising relentlessly, reaching 4,250 on April 8 – the highest number of daily fatalities from the disease on Earth.

The health system has collapsed in numerous cities. There, oxygen supplies are rationed, ICU beds are fully occupied, and both staff and equipment are lacking.

There are reports of patients being tied up in order to be intubated, for want of anaesthetics. Hundreds have died on trolleys, hospital floors or at home, even when their families could procure much-needed oxygen tubes in the parallel market.

Three factors have converged to create this living hell.

First, Brazil is one of the most unequal countries on Earth, and deep and overlapping inequalities have created vulnerabilities among disadvantaged populations. These vulnerabilities have become more entrenched since 2016, when president Dilma Rousseff was removed from office in an impeachment that amounted to a parliamentary coup d’état.

The pandemic provides further evidence of the country’s inequality: COVID-19 disproportionately affects black Brazilians, the poor and the unemployed.

Second, Brazil has always suffered from acute political and institutional limitations, which have gotten worse since Rousseff was ejected from office. The two governments since 2016 have sponsored neoliberal reforms that increased labour precarity, eroded social security, and left public services dramatically underfunded. These reforms were underpinned by a constitutional amendment, which froze non-financial expenditures of the federal government in real terms for 20 years.

The new fiscal regime has legitimised brutal funding cuts in the name of an arbitrary fiscal rule. Brazil’s universal health system, inspired by the British NHS, has been degraded in recent years under this programme of austerity.

Graph showing daily COVID cases in Brazil gradually increasing to around 70,000.
Our World In Data, CC BY

Finally, there is the role played by Bolsonaro himself. As COVID-19 spread, the president systematically downplayed the risks and blocked any centrally coordinated response. He also undermined mayors and state governors when they tried to impose their own lockdowns, social distancing rules or mask mandates.

Administrative confusion inevitably created a patchwork of rules in the country, which Bolsonaro used as an argument against any and all restrictions. The president has also forced the country’s ministers of health – of which there have been four over the past year – to focus on unproven cures like ivermectin and hydroxychloroquine, all the while leaving the health system to implode.

Declining social support

The only significant measure to protect the poor was initiated by the left in Congress: an emergency income support of 600 reais (US$108) a month during the pandemic, together with other expansionary measures including credit lines for small and medium enterprises. These measures were approved as part of a “war budget” bypassing the fiscal deficit limits. Bolsonaro then presented the income support as his own grant to the poor, which boosted his popularity significantly.

However, with the start of the new fiscal year, in January, the income support programme ended just as the latest wave of COVID-19 infections was ramping up. It was replaced in April by a much smaller grant of 250 reais a month for up to three months, conditional on deeper reforms of the public administration and fiscal cuts elsewhere.

The lack of federal support has made it impossible for the states and municipalities to impose local lockdowns, virtually guaranteeing that the pandemic would get worse.

Necropolitics in action

The situation in Brazil is a prime example of “necropolitics” in action. Necropolitics is the use of political power to dictate whether people live or die. In this iteration, COVID-19 is taken to be a fact of nature that only affects the weak.

This is factually wrong, but this politics of resentment, conspiracy and misinformation is typical of the world’s current cohort of authoritarian leaders, who often spin falsehoods in order to create conflict, shift attention and block alternative policies.

Bolsonaro has declared that he is avoiding serious COVID measures in order to protect the economy. However, this trade-off does not exist. International experience shows the economies that tackled coronavirus decisively had both lower death tolls and smaller contractions of economic activity (for example China, South Korea, Vietnam). Those that sought to avoid lockdowns suffered the highest death tolls and the worst economic shocks. Brazil’s economy is currently nosediving.

Bolsonaro’s neglect of the pandemic has allowed the government to roll out, virtually unnoticed, a range of initiatives that remove protections for labour and the environment, all the while opening up indigenous lands for agriculture and mining. It has also diverted attention from corruption scandals involving the president’s family.

Bolsonaro bears direct responsibility for the Brazilian tragedy in a manner that goes beyond the incompetence or mendacity of his response. The president has deliberately promoted the spread of COVID-19 to polarise the political atmosphere for his own gain, and to facilitate the roll out of a wholly destructive programme of government.

In the meantime, the population has been left exposed to coronavirus. The neoliberal reforms, the dismantling of the state and the destruction of the environment remain top of the government’s agenda. The outcome has been a skyrocketing death toll, the worst economic contraction in Brazilian history, and increasing social and political chaos.The Conversation

Alfredo Saad Filho, Professor of Political Economy and International Development, King’s College London and Fernanda Feil, Assistant researcher, Universidade Federal Fluminense

This article is republished from The Conversation under a Creative Commons license. Read the original article.


Per facilitare la lettura dell’articolo  postiamo una traduzione non rivista  in Italiano effettuata con Google Translator . Il testo che vale è quello originale in lingua inglese. editor

COVID-19 in Brasile: come Jair Bolsonaro ha creato una calamità

Il Brasile ha avuto quella che è probabilmente la peggiore risposta politica pandemica al mondo, guidata dal suo presidente di estrema destra, Jair Bolsonaro. Le scelte del presidente nella gestione del COVID-19 hanno innescato una tragedia senza precedenti nel paese, con implicazioni potenzialmente catastrofiche in tutto il mondo.

Le cose si sono notevolmente deteriorate dall’emergere di una nuova e più contagiosa variante nel paese, nota come P1. Il bilancio delle vittime in Brasile è aumentato inesorabilmente, raggiungendo i 4.250 l’8 aprile, il numero più alto di morti giornaliere per la malattia sulla Terra.

Il sistema sanitario è crollato in numerose città. Lì, le scorte di ossigeno sono razionate, i letti in terapia intensiva sono completamente occupati e mancano sia il personale che le attrezzature.

Ci sono segnalazioni di pazienti legati per essere intubati, per mancanza di anestetici. Centinaia sono morti sui carrelli, sui pavimenti degli ospedali oa casa, anche quando le loro famiglie potevano procurarsi i tubi dell’ossigeno tanto necessari nel mercato parallelo.

Chiare spiegazioni sulla pandemia da una rete di esperti di ricerca

 

Tre fattori sono convergenti per creare questo inferno vivente.

In primo luogo, il Brasile è uno dei paesi più diseguali sulla Terra e disuguaglianze profonde e sovrapposte hanno creato vulnerabilità tra le popolazioni svantaggiate. Queste vulnerabilità sono diventate più radicate dal 2016, quando la presidente Dilma Rousseff è stata rimossa dall’incarico a causa di un impeachment che equivaleva a un colpo di stato parlamentare.

La pandemia fornisce un’ulteriore prova della disuguaglianza del paese: COVID-19 colpisce in modo sproporzionato i brasiliani neri , i poveri ei disoccupati .

In secondo luogo, il Brasile ha sempre sofferto di gravi limitazioni politiche e istituzionali, che sono peggiorate da quando Rousseff è stato espulso dall’incarico. I due governi dal 2016 hanno sponsorizzato riforme neoliberiste che hanno aumentato la precarietà del lavoro, eroso la sicurezza sociale e lasciato i servizi pubblici drammaticamente sottofinanziati. Queste riforme sono state sostenute da un emendamento costituzionale , che ha congelato le spese non finanziarie del governo federale in termini reali per 20 anni.

Il nuovo regime fiscale ha legittimato tagli brutali ai finanziamenti in nome di una regola fiscale arbitraria. Il sistema sanitario universale del Brasile, ispirato dall’NHS britannico, è stato degradato negli ultimi anni nell’ambito di questo programma di austerità.

Grafico che mostra i casi COVID giornalieri in Brasile che aumentano gradualmente fino a circa 70.000.

Il nostro mondo in dati , CC BY

Infine c’è il ruolo svolto dallo stesso Bolsonaro. Con la diffusione del COVID-19, il presidente ha sistematicamente minimizzato i rischi e bloccato qualsiasi risposta coordinata a livello centrale . Ha anche minato sindaci e governatori statali quando hanno cercato di imporre i propri blocchi, regole di distanziamento sociale o mandati di mascheramento.

La confusione amministrativa creò inevitabilmente un mosaico di regole nel paese, che Bolsonaro usò come argomento contro ogni e qualsiasi restrizione. Il presidente ha anche costretto i ministri della salute del paese – di cui sono stati quattro nell’ultimo anno – a concentrarsi su cure non provate come l’ ivermectina e l’ idrossiclorochina , lasciando il sistema sanitario a implodere.

Diminuzione del sostegno sociale

L’unica misura significativa per proteggere i poveri è stata avviata dalla sinistra al Congresso: un sostegno al reddito di emergenza di 600 reais (108 dollari) al mese durante la pandemia, insieme ad altre misure espansive tra cui linee di credito per le piccole e medie imprese. Queste misure sono state approvate come parte di un “budget di guerra” che aggira i limiti del deficit fiscale. Bolsonaro ha quindi presentato il sostegno al reddito come una sua sovvenzione ai poveri, il che ha aumentato la sua popolarità in modo significativo.

Bolsonaro ha ottenuto un aumento di popolarità dal programma di assistenza d’emergenza del Brasile. Joedson Alves / EPA

Tuttavia, con l’inizio del nuovo anno fiscale, a gennaio, il programma di sostegno al reddito si è concluso proprio mentre si stava intensificando l’ultima ondata di infezioni da COVID-19. È stato sostituito in aprile da una sovvenzione molto più piccola di 250 reais al mese per un massimo di tre mesi, subordinata a riforme più profonde della pubblica amministrazione e tagli fiscali altrove.

La mancanza di sostegno federale ha reso impossibile agli stati e ai comuni di imporre blocchi locali, garantendo virtualmente che la pandemia sarebbe peggiorata.

Necropolitica in azione

La situazione in Brasile è un ottimo esempio di ” necropolitica ” in azione. La necropolitica è l’uso del potere politico per decidere se le persone vivono o muoiono. In questa iterazione, COVID-19 è considerato un fatto naturale che colpisce solo i deboli.

Questo è effettivamente sbagliato, ma questa politica di risentimento, cospirazione e disinformazione è tipica dell’attuale coorte mondiale di leader autoritari, che spesso diffondono falsità per creare conflitti, spostare l’attenzione e bloccare politiche alternative.

Bolsonaro ha dichiarato di evitare gravi misure COVID per tutelare l’economia . Tuttavia, questo compromesso non esiste. L’esperienza internazionale mostra che le economie che hanno affrontato in modo decisivo il coronavirus hanno avuto sia un minor numero di vittime sia minori contrazioni dell’attività economica (ad esempio Cina , Corea del Sud , Vietnam ). Coloro che hanno cercato di evitare i blocchi hanno subito i più alti tassi di morte e i peggiori shock economici. L’economia brasiliana sta attualmente precipitando .

I brasiliani comuni stanno pagando con la vita per la cattiva gestione della pandemia da parte di Bolsonaro. 
L’incuria di Bolsonaro nei confronti della pandemia ha consentito al governo di lanciare, praticamente inosservato, una serie di iniziative che rimuovono le protezioni per il lavoro e l’ambiente, aprendo nel contempo terre indigene all’agricoltura e all’estrazione mineraria. Ha anche distolto l’attenzione dagli scandali di corruzione che coinvolgono la famiglia del presidente.

Bolsonaro ha la responsabilità diretta della tragedia brasiliana in un modo che va oltre l’incompetenza o la menzogna della sua risposta. Il presidente ha deliberatamente promosso la diffusione del COVID-19 per polarizzare l’atmosfera politica a proprio vantaggio e per facilitare il lancio di un programma di governo completamente distruttivo.

Nel frattempo, la popolazione è stata lasciata esposta al coronavirus. Le riforme neoliberiste, lo smantellamento dello Stato e la distruzione dell’ambiente restano in cima all’agenda del governo. Il risultato è stato un numero di morti alle stelle, la peggiore contrazione economica nella storia brasiliana e un crescente caos sociale e politico .

 

 

 25 total views,  2 views today