La campagna # Rights4Riders sta dando grandi colpi alla spinta agli investimenti di Deliveroo

Fonte :  ITF – International Transport Workers Federation 

Deliveroo e altri motociclisti della consegna di cibo protestano in Italia il 26 marzo, una Giornata mondiale di azione contro Deliveroo. PH Massimiliano Donati / Riders Union Bologna

Traduzione dall’inglese tramite google translator. Confronta con il testo originale

Pochi giorni dopo che i motociclisti hanno annunciato una rete globale istituita dall’ITF, # Rights4Riders , per protestare contro il modello di business dell’azienda, Deliveroo sta affrontando delle battute d’arresto per la sua quotazione IPO alla Borsa di Londra.

Un gran numero di importanti hedge fund hanno dichiarato che non parteciperanno, compresa la gestione di Eden Tree Fund, che ha descritto l’insostenibile modello di business di Deliveroo come equivalente a “una corsa al ribasso con i dipendenti trattati principalmente come risorse usa e getta”.

Anche Legal & General Investment Management, Aviva, Aberdeen Standard, M&G, BMO Global e CCLA hanno affermato che salteranno l’IPO, la maggior parte di loro citando preoccupazioni sui diritti dei lavoratori come motivo per non investire.

Nel frattempo in Italia, dove il 26 marzo migliaia di motociclisti in tutto il paese hanno partecipato a una giornata d’azione globale per motociclisti, il concorrente Just Eat ha firmato un contratto collettivo nazionale con i sindacati italiani che riconosce lo status di dipendente dei motociclisti, con salario minimo garantito, previdenza sociale. , maternità / paternità, indennità di ferie, rimborso spese e diritti sindacali.

Ciò segue il recente annuncio di Uber che riconoscerà i suoi tassisti britannici come lavoratori, a seguito di una sentenza della Corte Suprema.

Questi sviluppi hanno colpito duramente Deliveroo: mercoledì, il primo giorno di negoziazione condizionale di Deliveroo, il suo debutto azionario è stato ampiamente descritto come un flop , con azioni che sono crollate fino al 31% nella peggiore performance IPO degli ultimi decenni. All’inizio della settimana, la società aveva annunciato che stava tagliando i prezzi delle azioni, tagliando 1 miliardo di sterline dalla sua capitalizzazione di mercato, posizionando il prezzo delle azioni nella parte inferiore della fascia di prezzo indicata.

Ma invece di seguire l’esempio dei concorrenti e migliorare le condizioni dei lavoratori, Deliveroo ha raddoppiato. Continua a perpetuare il mito secondo cui la flessibilità è incompatibile con la fornitura di salari dignitosi e benefici come le ferie e l’assicurazione.

Stephen Cotton, Segretario generale dell’ITF, afferma: “La riduzione delle retribuzioni e dei benefici per Deliveroo dovrebbe essere una preoccupazione per tutti. Nell’ultimo decennio, la gig economy, caratterizzata da contratti di lavoro autonomo a zero ore e fasulli, è diventata sempre più mainstream. Oggi sono i corridori della consegna di cibo ad affrontare l’erosione totale dei diritti sul posto di lavoro, ma domani saranno i lavoratori di altri settori a meno che non affrontiamo questi problemi di petto “.

“Durante la pandemia Covid-19, i lavoratori hanno perso 3,7 trilioni di dollari di guadagni, la maggior parte dei quali erano donne e giovani, mentre i miliardari hanno guadagnato 3,9 trilioni di dollari . Basta è abbastanza: dobbiamo porre fine alla pratica di sottopagare i lavoratori per aumentare l’enorme ricchezza delle persone più ricche del mondo “.

“I sindacati rimangono fondamentali nel tenere a bada l’avidità sfrenata delle società e nel garantire che il lavoro funzioni per tutti. La campagna # Rights4Riders ha mostrato cosa possono ottenere le persone comuni quando sono unite di fronte ai maltrattamenti. Deliveroo può stare dalla parte giusta della storia e accettare di fornire ai motociclisti la dignità che tutti i lavoratori meritano o continuare a negare ai motociclisti i loro diritti fondamentali “.

L’ITF continuerà a supportare i motociclisti Deliveroo mentre colpiscono e agiscono il 7 aprile, giorno dell’IPO di Deliveroo, e nella loro lotta per un lavoro dignitoso.

 

 871 total views,  2 views today