ETUI . Lavoro, salute e Covid-19 – A literature review

 

Disponibile solo in inglese

Poiché il lavoro è un vettore critico nella trasmissione del Covid-19, questo rapporto esamina perché è essenziale che le misure di salute e sicurezza sul lavoro occupino un posto centrale nelle politiche di mitigazione. I lavoratori dei settori dichiarati essenziali dalle autorità pubbliche sono stati incaricati di continuare a lavorare in ambienti fisici durante la pandemia.

Molti di questi settori comportano molti contatti diretti con colleghi e clienti, il che significa che i lavoratori corrono un rischio maggiore di esposizione a Covid-19. Misure di sicurezza non regolamentate, mancanza di dispositivi di protezione individuale e sovraffollamento aumentano ulteriormente il rischio in questi settori. Le persistenti disuguaglianze sono esacerbate dalla pandemia, poiché i lavoratori a bassa retribuzione, i lavoratori delle minoranze etniche, i lavoratori migranti e le donne sono sovrarappresentati in questi settori. Devono anche far fronte a fattori trasversali tra cui contratti precari, precarietà del lavoro, congedo per malattia retribuito insufficiente, mancanza di potere contrattuale e basso status socioeconomico.

I rischi affrontati dai migranti sono aggravati dal fatto che il loro permesso di soggiorno, l’accesso all’assistenza sanitaria e all’alloggio possono essere condizionati dal loro datore di lavoro. Gli studi dimostrano che l’impatto della pandemia sulla SSL ha anche una dimensione specifica, con le donne più esposte alla malattia, che devono assumersi un carico di assistenza più pesante ed essere più esposte alla violenza domestica. Questi modelli di disuguaglianza svolgono un ruolo importante in una crisi sanitaria, determinando chi è più a rischio di infezione e se avrà o meno accesso alle cure e all’autoisolamento.

Oltre a riconoscere il Covid-19 come malattia professionale e fornire una protezione adeguata ai lavoratori in tutti i settori, è importante che le misure di SSL vadano oltre l’esposizione alla malattia sul posto di lavoro e includano i vari fattori che aumentano l’esposizione dovuta al lavoro. Le raccomandazioni politiche includono una migliore rappresentanza dei lavoratori a tutti i livelli di occupazione, misure di SSL specifiche per settore, politiche e infrastrutture più ampie a livello dell’UE, maggiore sicurezza del lavoro, politiche per l’occupazione e congedo per malattia, raccolta di dati disaggregati e messaggistica inclusiva.

La Brochure (formato .pdf 64 pagine )

 

 186 total views,  4 views today