Difendere l’uguaglianza di genere durante la pandemia

Fonte Industriaall-Union

8 marzo 2021 La crisi sanitaria ed economica provocata dal Covid-19 rischia di esacerbare le disuguaglianze di genere e i guadagni ridotti hanno fatto rischiare di perdere. I sindacati devono agire.

Gli studi I LO mostrano che durante le crisi precedenti, quando le donne perdono il lavoro, il loro impegno nel lavoro di assistenza non retribuito aumenta. Quando i posti di lavoro scarseggiano, alle donne vengono spesso negate le opportunità di lavoro disponibili per gli uomini. Maggiore è la perdita di posti di lavoro durante la fase di blocco e maggiore è la scarsità di posti di lavoro all’indomani della crisi del Covid-19, più difficile sarà la ripresa dell’occupazione femminile.

A livello globale, le donne sono state più colpite dalla disoccupazione rispetto agli uomini. Nel 2020, la perdita di posti di lavoro per le donne è del 5%, contro il 3,9% per gli uomini. Quasi il 40 per cento di tutte le donne occupate lavora in settori duramente colpiti, compreso il settore dell’abbigliamento.

La distribuzione ineguale dell’aumento delle richieste di assistenza durante la crisi ha colpito in modo sproporzionato le donne, che normalmente forniscono circa i tre quarti di tutto il lavoro di assistenza non retribuito. La pandemia ha portato alla chiusura dei servizi di custodia dei bambini e delle scuole, che, insieme ai parenti più anziani incapaci di fornire sostegno, ha esacerbato le richieste di assistenza.

I governi devono adattare le risposte politiche alla crisi attuale per garantire che le donne non vengano lasciate indietro, poiché il sostegno generale non le raggiungerà automaticamente. I sindacati hanno un ruolo importante da svolgere per garantire che le donne siano sostenute per ottenere un lavoro dignitoso e non subiscano “effetti cicatriziali” a lungo termine.

Risposte di genere alla crisi

Un monitoraggio sensibile al genere della disoccupazione, dell’accesso alla protezione sociale, della riduzione dell’orario di lavoro e del divario retributivo di genere è fondamentale per la progettazione e l’attuazione di risposte inclusive alla crisi. L’accesso a dati disaggregati per genere sull’impatto dell’epidemia di Covid su tutte queste questioni è fondamentale.

I sindacati devono garantire che le risposte dell’azienda al Covid-19 non impongano un onere diseguale alle donne, oltre a verificare se le misure adottate per mitigare l’impatto economico del Covid-19 e proteggere la salute dei lavoratori non abbiano invece contribuito all’aumento del genere discriminazione. Le lavoratrici sono state penalizzate perché hanno dovuto affrontare un aumento degli oneri non retribuiti a casa o perché il datore di lavoro ha adottato orari di lavoro meno adatti alle famiglie per evitare le ore di punta?

UNITE UK ha messo insieme una guida su come valutare l’impatto sull’uguaglianza di genere e una lista di controllo per l’azione sindacale.

Protezione della maternità e Covid-19

I sindacati devono garantire che i diritti di maternità siano protetti mentre le donne sono in congedo, che i loro diritti salariali non siano compromessi dall’impatto del Covid-19 e che il loro diritto al ritorno al lavoro rimanga.

Misure di salute e sicurezza sul lavoro rispondenti al genere

Al fine di garantire che il luogo di lavoro sia sicuro per tutti i lavoratori, i sindacati devono garantire che le donne siano coinvolte nella valutazione dei rischi connessi al Covid-19 e nello sviluppo di politiche in materia di salute e sicurezza.

Durante l’esecuzione, l’aggiornamento e l’implementazione delle valutazioni dei rischi, i datori di lavoro e gli addetti alla salute e alla sicurezza dovrebbero considerare l’impatto sproporzionato del Covid-19 su gruppi specifici, inclusi i dipendenti che vivono con / si prendono cura dei vulnerabili, le lavoratrici gestanti, nonché mettere in atto misure per mitigare i rischi.

I sindacati dovrebbero garantire che le lavoratrici ottengano DPI adeguati, non progettati per adattarsi solo agli uomini alti.

La violenza domestica è aumentata durante la pandemia, aggravata dai blocchi e dalla pressione economica. I sindacati devono agire per affrontare gli impatti della violenza domestica e sostenere le vittime / sopravvissute dei lavoratori.

“La risposta dei sindacati deve essere radicata nella lotta alla discriminazione di genere. I sindacati devono continuare a sfidare gli stereotipi di genere e le norme sociali che limitano l’accesso delle donne al mercato del lavoro e a posti di lavoro di qualità e contribuiscono alla segregazione di genere “.

Questa crisi ha mostrato l’urgente necessità di porre fine al divario retributivo di genere, di rivalutare le occupazioni oi settori dominati dalle donne e stabilire una protezione sociale sensibile al genere per tutti i lavoratori “,

dice Jenny Holdcroft, assistente segretario generale di IndustriALL.

 

 781 total views,  4 views today