Futures sull’acqua: l’ultimo campo di battaglia per la difesa del diritto fondamentale all’acqua

Fonte Equaltimes.org  che ringraziamo 
[ la traduzione tramite Google Translator può contenere imprecisioni , pertanto comparate il testo con l’originale in lingua inglese ]

Secondo le Nazioni Unite, l’uso dell’acqua è aumentato di sei volte nell’ultimo secolo e sta aumentando di circa l’1 per cento all’anno. Per gli operatori del mercato azionario negli Stati Uniti, i futures sull’acqua offrono un’opportunità per bloccare i prezzi dell’acqua, ma gli attivisti per i diritti umani affermano: “è un grave errore considerare l’acqua una merce”.

La volatilità del trading in borsa ha fatto notizia a livello mondiale nelle ultime due settimane grazie alla frenesia che circonda un rivenditore di videogiochi statunitense. È un filone vertiginoso di vigilantes di Reddit che intraprendono azioni coordinate per fallire gli hedge fund che vendevano allo scoperto titoli GameStop, con conseguenti prezzi delle azioni sulle montagne russe, restrizioni commerciali e audizioni del Congresso degli Stati Uniti. Fornisce un chiaro esempio dell’assurdità del mercato azionario, eppure, alla fine dello scorso anno, lo stato americano della California ha deciso di consentire all’acqua di diventare una merce negoziabile.

Il trading di futures consente agli speculatori di scommettere sul prezzo futuro di uno strumento finanziario o di una merce, come il petrolio o l’oro, e da dicembre 2020 il Chicago Mercantile Exchange (CME) ha reso possibile negoziare contratti per il mercato dell’acqua della California. Scossa dall’impatto di eventi meteorologici estremi e disastri legati al cambiamento climatico, in quanto stato più ricco d’America, la California è stata spinta a cercare modi per bloccare i futuri prezzi dell’acqua. Sebbene il commercio dell’acqua non sia una novità (in Cina, ad esempio, il governo incoraggia le città a scambiare acqua , con la quantità e la qualità specificate in un contratto), il CME ha fatto dell’acqua un prodotto finanziario e altri paesi stanno osservando attentamente. Poiché agricoltori, comuni e fondi speculativi diventano attori alla pari sul mercato,gli osservatori del mercato dicono agli investitori “una cosa è certa, nel gioco delle materie prime per il 2021, l’acqua dovrebbe essere nella tua lista”.

La comunità dei diritti umani non è così entusiasta.

“Penso che sia un grave errore considerare l’acqua come una merce”, avverte Pedro Arrojo-Agudo, Relatore speciale delle Nazioni Unite sul diritto all’acqua potabile e ai servizi igienici.

In una dichiarazione rilasciata pochi giorni dopo il lancio dello scambio, l’ambientalista, fisico, professore di economia ed ex membro del parlamento spagnolo ha scritto che “un tale mercato dei futures potrebbe anche attirare speculatori come gli hedge fund e le banche a scommettere sui prezzi, ripetendo la bolla speculativa del mercato alimentare nel 2008 ”, quando i prezzi globali di grano, riso e altri cereali hanno toccato i massimi da 30 anni, scatenando proteste e disordini diffusi.

In particolare, Arrojo-Agudo teme che i grandi attori del settore agricolo e industriale divoreranno le limitate risorse idriche del mondo a spese dei piccoli agricoltori. Secondo l’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’alimentazione e l’agricoltura (FAO), oltre 1,2 miliardi di persone vivono in aree agricole gravemente colpite da carenza o scarsità d’acqua. Le Nazioni Unite sostengono la creazione di diritti e quote per l’acqua, e Arrojo-Agudo dice a Equal Times che un approccio basato sul mercato non è adatto per distribuire le più fondamentali necessità umane: “In spagnolo c’è un detto: ‘Non chiedi a un olmo per le pere. In questo caso è incoerente chiedere al mercato di gestire adeguatamente l’acqua come diritto umano “.

Quando l’acqua è trattata come una merce, non c’è nulla che distingua il suo utilizzo in una piscina e il suo utilizzo per i servizi igienici di base. Ma in un quadro dei diritti umani, quest’ultimo ha la priorità. “La logica imposta dalla finanziarizzazione della vita – che spesso viene presentata come inevitabile – corrisponde all’idea non solo che tutto può essere comprato e venduto, ma che tutto deve essere comprato e venduto”, afferma. In California, sapendo che le risorse idriche diventeranno sempre più scarse ma che i comuni avranno un disperato bisogno di fornire acqua ai residenti, le società finanziarie potrebbero acquistare grandi quantità di acqua e gonfiare i prezzi, come è avvenuto nel mercato immobiliare.

Finanzializzato alla fonte

Dagli anni ’80, varie strutture di governance globale e donatori di aiuti hanno reclutato attivamente il settore finanziario nella gestione e proprietà dei servizi pubblici. I prodotti finanziari e materiali sono diventati sempre più intricati poiché istituzioni come la Banca mondiale e il Fondo monetario internazionale (FMI) hanno promosso l’idea che i servizi di base come le infrastrutture idriche potrebbero essere migliorati e resi più efficienti con il coinvolgimento di attori transnazionali.

Uno degli esempi più significativi di privatizzazione dell’acqua ha avuto luogo in Cile, dove il codice dell’acqua del 1981 del generale Pinochet “ha stabilito un modello per la gestione dell’acqua che ha rafforzato i diritti idrici privati, ha adottato un sistema di allocazione basato sul mercato e ridotto il controllo statale”, secondo MIT Urban Il candidato al PhD di pianificazione Daniel Gallagher scrive sul Guardian . Ciò ha aperto la porta alla privatizzazione dei servizi idrici e igienico-sanitari altrove, in particolare in tutto il Sud del mondo, come parte delle riforme neoliberiste promosse dalla Banca Mondiale e dal FMI. Queste riforme hanno promosso i progetti infrastrutturali come veicoli ideali per investitori e fondi pensione. Questo è ciò che gli esperti chiamano finanziarizzazione della natura: impiegare risorse naturali per l’accumulazione di capitale.

L’invito a finanziare la distribuzione dell’acqua spesso inizia con la privatizzazione delle infrastrutture. Vari paesi hanno sperimentato diversi modelli di proprietà – i più comuni sono i partenariati pubblico-privato, sebbene alcuni paesi (come il Cile e il Regno Unito) abbiano optato per la completa privatizzazione. In ogni caso, il risultato è di solito enormi profitti per gli investitori e maggiori tariffe per l’acqua per i cittadini.

Uno degli esempi più noti è avvenuto nel 2003, nella capitale della Tanzania, Dar es Salaam , dove i donatori di aiuti hanno esercitato enormi pressioni sul governo affinché trasferisse la responsabilità del sistema idrico della città a City Water, una joint venture tra britannici, tedeschi e tanzaniani. imprese, sostenute da un prestito di 145 milioni di dollari dalla Banca mondiale, dalla Banca africana di sviluppo e dalla Banca europea per gli investimenti. Non c’è stata alcuna consultazione pubblica e gli utenti hanno dovuto far fronte ai costi dell’acqua in aumento, frequenti disconnessioni e nessun miglioramento percepibile dei servizi idrici. Il governo ha risolto il contratto all’inizio di maggio 2005 e City Water è stata condannata a pagare milioni di risarcimento a seguito di un tribunale internazionale.

In Europa, la Direttiva quadro sull’acqua del 2000 afferma: “L’acqua non è un prodotto commerciale come un altro ma, piuttosto, un patrimonio che deve essere protetto, difeso e trattato come tale”. Eppure la direttiva non impedisce agli attori commerciali di avere voce in capitolo nella fornitura di acqua. Questa ambiguità politica ha creato lo spazio per la Commissione europea per prendere parte alle iniziative di privatizzazione in risposta alla crisi finanziaria del 2008, una mossa a cui hanno resistito le organizzazioni di base e della società civile come l’iniziativa dei cittadini europei Right2Water.

Lentamente, stiamo cominciando a vedere un’inversione della tendenza alla privatizzazione. In un rapporto del 2014 , il Transnational Institute (TNI) ha osservato che tra il 2000 e il 2014, ci sono stati 180 casi in 35 paesi in tutto il mondo di comuni che hanno ripreso il controllo pubblico dell’approvvigionamento idrico e dei servizi igienico-sanitari, comprese le città di Berlino, Budapest e Parigi . Nella maggior parte dei casi, i contratti con fornitori privati ​​si erano rivelati così insostenibili che i comuni li hanno annullati, anche se ciò significava pagare un risarcimento.

Nel 2014 la società civile greca ha contrastato con successo la privatizzazione dell’approvvigionamento idrico ad Atene e Salonicco. TNI osserva che questo è accaduto anche in Francia, “il paese con la più lunga storia di privatizzazione dell’acqua e sede delle principali multinazionali dell’acqua” come Veolia e Suez, che sono state in prima linea nell’esportazione del modello di privatizzazione in tutto il mondo.

Come gestire la scarsità per il bene comune

La mancanza di accesso all’acqua può diventare una preoccupazione per la sicurezza nazionale, afferma Tom Middendorp, presidente del Consiglio militare internazionale per il clima e la sicurezza dell’Aia. “L’acqua sta diventando ‘oro blu’ e mi preoccupa quando la guardiamo da un punto di vista della sicurezza”, ha detto ai partecipanti al Forum europeo 2020 di Alpbach, una piattaforma interdisciplinare per la scienza, la politica, gli affari e la cultura, sottolineando che, qualunque cosa la disposizione sul campo sembra, è responsabilità dei governi prevenire la scarsità. Tuttavia, la destabilizzazione delle infrastrutture nei sistemi finanziati colpisce allo stesso modo i paesi ricchi e poveri. “Tutti gli utenti dell’acqua devono essere al tavolo”, ha detto allo stesso panel l’attivista per i diritti umani Chitra Nagarajan, residente in Nigeria. “Alcune persone hanno sempre sperimentato l’insicurezza idrica, [ma] questo non è inevitabile”.

Quando l’acqua viene scambiata come prodotto, c’è la preoccupazione aggiuntiva che gli speculatori che hanno scommesso sulla scarsità abbiano un interesse acquisito nel limitare l’accesso all’acqua per mantenere i prezzi alti. “L’acqua è un mercato molto redditizio, perché la gente la paga ogni mese”, afferma Pablo Sánchez Centellas della Federazione europea dei sindacati dei servizi pubblici (FSESP). Il sindacalista spagnolo, che ha coordinato l’iniziativa Right2Water, afferma: “Ecco perché quando [le aziende] cercano di commercializzare qualcosa come l’acqua, c’è un rifiuto. Queste aziende vogliono fare soldi, ma quando c’è un problema, quando c’è un problema reale, scappano e lasciano che siano le autorità pubbliche a occuparsene. Non puoi essere lì solo quando ci sono soldi da fare. ”

Nell’Unione europea, l’iniziativa Right2Water ha portato il Parlamento europeo ad adottare una risoluzione del 2015 che criticava “la presunta neutralità della Commissione [europea] riguardo alla proprietà e alla gestione dell’acqua in contraddizione con i programmi di privatizzazione imposti ad alcuni Stati membri” e ha invitato la Commissione ” rivedere la governance della politica dell’acqua e ristabilirla sulla base della partecipazione attiva ”.

Alla domanda se le multinazionali europee dell’acqua, sempre più ritenute responsabili e rifiutate sul suolo europeo, si riverseranno negli Stati Uniti e in altri mercati potenzialmente finanziati, Sánchez Centellas afferma che ciò sta già accadendo. La multinazionale francese dei rifiuti e dell’acqua Veolia, ad esempio, è stata portata nella città americana di Flint, nel Michigan, per consigliarla sull’utilizzo di un fiume locale pieno di tossine industriali come fonte di acqua potabile. Cambiare l’approvvigionamento idrico di Flint ha portato a uno dei peggiori disastri di salute pubblica nella storia americana moderna , e da allora Veolia è stata intrappolata in una battaglia legale lunga anni con lo Stato del Michigan sulla questione.

Sebbene l’approvvigionamento idrico sia un monopolio naturale e vi sia una forte spinta a mantenerlo sotto il controllo democratico, la sua estrazione e fornitura si presta al profitto. Controllo democratico o meno, l’eccessiva estrazione può peggiorare la scarsità d’acqua negli ecosistemi interconnessi. Con un numero crescente di comunità che affrontano la precarietà dell’acqua negli Stati Uniti , l’attivista indigena per i diritti dell’acqua e studioso di diritto Kelsey Leonard propone una soluzione che potrebbe funzionare su scala globale: garantire la personalità giuridica all’acqua. In una discussione del 2020 sulla NPR , ha affermato che ciò darebbe visibilità all’acqua in un tribunale. “Se puoi concedere la personalità giuridica a una società, perché non ai Grandi Laghi? Perché non il fiume Mississippi? Perché non ai tanti corsi d’acqua in tutto il nostro pianeta da cui dipendiamo tutti per sopravvivere? ”

La partecipazione dell’autore al Forum europeo 2020 di Alpbach è stata sponsorizzata dalla Thomson Reuters Foundation.

 395 total views,  2 views today