USA. Nell’ultimo giorno intero di Trump, Nation registra 400.000 morti per Covid

NB. Dopo la versione originale in lingua inglese segue una traduzione automatica dell’articolo …in italiano, purtroppo ancora imprecisa 

FONTE :

Kaiser Health News

On Trump’s Last Full Day, Nation Records 400,000 Covid Deaths

While millions wait for a lifesaving shot, the U.S. death count from covid-19 continues to soar upward with horrifying speed. On Tuesday, the last full day of Donald Trump’s presidency, the death toll reached 400,000 — a once-unthinkable number. More than 100,000 Americans have perished in the pandemic in just the past five weeks.

In the U.S., someone now dies of covid every 26 seconds. And the disease is claiming more American lives each week than any other condition, ahead of heart disease and cancer, according to the Institute for Health Metrics and Evaluation at the University of Washington.

“It didn’t have to be like this, and it shouldn’t still be like this,” said Kristin Urquiza, whose father, Mark, died of covid in June, as the virus was sweeping through Phoenix.

Urquiza described it as “watching a slow-moving hurricane” tear apart her childhood neighborhood, where many people have no choice but to keep going to work and risking their health.

“I talk to dozens of strangers a day who are going through what I did in June, but the magnitude and the haunting similarities between our stories six months later is really hard,” said Urquiza, who addressed the Democratic National Convention in August. She co-founded Marked By COVID, to organize grieving families and supporters. The group calls for a faster government response and a national memorial for pandemic victims.

Given its large population, the U.S. death rate from covid remains lower than the rate in many other countries. But the death toll of 400,000 now exceeds any other country’s count — close to double what Brazil has recorded, and four times the toll in the United Kingdom.

“It’s very hard to wrap your mind around a number that is so large, particularly when we’ve had 10 months of large numbers assaulting our senses and really, really horrific images coming out of our hospitals and our morgues,” said Dr. Kirsten Bibbins-Domingo, chair of epidemiology at the University of California-San Francisco.

Scientists had long expected that wintertime could plunge the country into the deadliest months yet, but even Bibbins-Domingo wasn’t ready for the sheer pace of deaths, or the scale of the accumulated losses. The mortality burden has fallen heavily on her own state of California, which was averaging fewer than 100 deaths a day for long stretches of the pandemic, but has ranged up to more than 500 in recent days.

She said California followed the science with its handling of the pandemic, yet the devastation unfolding in places like Los Angeles reveals just how fragile any community can be.

“It’s important to understand virology. It’s important to understand epidemiology. But ultimately, what we’ve learned is that human behavior and psychology is a major force in this pandemic,” she said.

The U.S. in mid-January has averaged more than 3,300 deaths a day — well above the most devastating days of the early spring surge, when daily average deaths hovered around 2,000.

“At this point, looking at the numbers, for me the question is: Is there any way we can avoid half a million deaths before the end of February?” said Dr. Ashish Jha, dean of the Brown University School of Public Health.

“I think of how much suffering as a nation we seem to be willing to accept that we have this number of people getting infected and dying every day.”

How Did U.S. Go From 300,000 Deaths to 400,000?

The path to 400,000 deaths was painfully familiar, with patterns of sickness and death repeating themselves from earlier in the pandemic.

A shocking number of people in nursing homes and assisted living facilities continue to die each week — more than 6,000 in the first week of January.

Deaths linked to long-term care account for more than a third of all covid deaths in the U.S. since the beginning of the pandemic. In a handful of states, long-term care contributed to half the total deaths.

Certain parts of the country have a disproportionately high death rate. Alabama and Arizona, in particular, have experienced high rates, given their populations. The virus continues to kill Black and Indigenous Americans at much higher rates than whites.

The chance of dying of covid remains much higher in rural America than in the urban centers.

People over 65 make up the overwhelming majority of deaths, but Jha said more young people are dying than earlier in the pandemic, simply because the virus is so widespread.

In this newest and grimmest chapter of the pandemic, the virus has preyed upon a public weary of restrictions and rules, and eager to mix with family and friends over the holiday season.

Like many other health workers, Dr. Panagis Galiatsatos at Johns Hopkins Hospital is now witnessing the tragic consequences in his daily rounds.

“My heart breaks, because we could have prevented this,” said Galiatsatos, an assistant professor of medicine who cares for covid patients in the intensive care unit.

“A lot of what we saw during the holiday travel was the inability to reach our loved ones or family members — not like a public service announcement, but one on one, talking to them [about the exposure risks]. … I really felt like we failed.”

Galiatsatos still recalls a grandmother who was transported six hours from her home to his hospital — because there were no beds anywhere closer. On the phone, he heard her family’s shock at her sudden passing.

“They said, ‘But she was so healthy. She cooked us all Thanksgiving dinner and we had all the family over,’” he said. “They were saying it with sincerity, but that’s probably where she got it.”

Light at the End of a Very Long Tunnel

The enormous loss of life this winter has happened, paradoxically, at a time that many hope marks the start of the final chapter of the pandemic.

A quarter of all covid deaths have happened during the five weeks since the Food and Drug Administration authorized the first vaccine.

“The trickle of vaccine is so tragically scant. What we need is more of a river of it,” said Dr. Howard Markel, who directs the University of Michigan’s Center for the History of Medicine.

Markel, who has written about the 1918-19 flu pandemic, said it’s estimated it killed upward of 700,000 Americans.

Of the covid pandemic, he said, “I hope we’re not talking … 600,000 or more.”

At this point, about 3 in 100 people have been vaccinated, placing America ahead of many other countries but behind the optimistic promises made in the early days of the rollout. Given the current pace of vaccination, experts warn, Americans cannot depend solely on the vaccine to prevent a crushing number of additional deaths in the coming months.

UCSF’s Bibbins-Domingo worries that the relief of knowing a vaccine will eventually be widely available — the light at the end of the tunnel — may actually lull millions more Americans into a false sense of safety.

“This tunnel is actually a very long tunnel, and the next few months, as the last few months have been, are going to be very dark times,” she said.

The emergence of more contagious variants of SARS-CoV-2, the covid virus, complicates the picture and makes it all the more imperative that Americans spend the coming months doubling down on the very same tactics — masks and physical distancing — that have kept many people safe so far.

But Jha, of Brown University, says the country now faces a different task from that of the fall, when “big behavioral changes and large economic costs” were required to prevent deaths.

“Right now what is required is getting people vaccinated with vaccines we already have,” he said. “The fact that’s going super slow still is incredibly frustrating.”

It is this dichotomy — the advent of lifesaving vaccines as hospitals are filled with more dying patients than ever before — that makes this moment in the pandemic so confounding.

“I can’t help but feel this immense somberness,” said Kristin Urquiza. “I know that a vaccine isn’t going to make a difference for the people that are in the hospital right now or who will be in the hospital next week or even next month.”

This story is from a reporting partnership with NPR.

Subscribe to KHN’s free Morning Briefing.

==============================================

Alleghiamo la  traduzione automatica dall’inglese tramite google translator  dell’articolo per facilitare i lettori. Per le imprecisioni  preghiamo comunque i lettori e le lettrici di fare riferimento al testo originale in inglese pubblicato sopra….  editor

Nell’ultimo giorno intero di Trump, Nation registra 400.000 morti per Covid

Mentre milioni di persone aspettano un colpo salvavita, il conteggio delle morti negli Stati Uniti da covid-19 continua a salire con una velocità spaventosa. Martedì, l’ultimo giorno intero della presidenza di Donald Trump, il bilancio delle vittime ha raggiunto 400.000 , un numero un tempo impensabile. Più di 100.000 americani sono morti a causa della pandemia nelle ultime cinque settimane.

Negli Stati Uniti, qualcuno ora muore di covid ogni 26 secondi. E la malattia sta richiedendo più vite americane ogni settimana rispetto a qualsiasi altra condizione, prima di malattie cardiache e cancro, secondo l’ Institute for Health Metrics and Evaluation dell’Università di Washington.

“Non doveva essere così, e non dovrebbe essere ancora così”, ha detto Kristin Urquiza, il cui padre, Mark, è morto di covid a giugno, mentre il virus si stava diffondendo attraverso Phoenix.

Urquiza lo ha descritto come “guardare un uragano lento” distruggere il suo quartiere d’infanzia, dove molte persone non hanno altra scelta che continuare a lavorare e rischiare la salute.

“Parlo con dozzine di sconosciuti al giorno che stanno attraversando quello che ho fatto a giugno, ma l’entità e le ossessionanti somiglianze tra le nostre storie sei mesi dopo è davvero difficile”, ha detto Urquiza, che si è rivolto alla Convenzione Nazionale Democratica in agosto. Ha co-fondato Marked By COVID , per organizzare famiglie in lutto e sostenitori. Il gruppo chiede una risposta più rapida del governo e un memoriale nazionale per le vittime della pandemia.

Data la sua numerosa popolazione, il tasso di mortalità negli Stati Uniti per covid rimane inferiore a quello di molti altri paesi. Ma il bilancio delle vittime di 400.000 ora supera il conteggio di qualsiasi altro paese: quasi il doppio di quello registrato dal Brasile e quattro volte il bilancio del Regno Unito.

“È molto difficile comprendere un numero così grande, in particolare quando abbiamo avuto 10 mesi di grandi numeri che hanno aggredito i nostri sensi e immagini davvero orribili che uscivano dai nostri ospedali e dai nostri obitori”, ha detto il dottor Kirsten Bibbins-Domingo , cattedra di epidemiologia presso l’Università della California-San Francisco.

Gli scienziati si aspettavano da tempo che l’inverno potesse far precipitare il paese nei mesi più mortali, ma nemmeno Bibbins-Domingo non era pronto per il ritmo delle morti o per l’entità delle perdite accumulate. Il peso della mortalità è caduto pesantemente sul suo stato della California, che ha registrato in media meno di 100 morti al giorno per lunghi periodi di pandemia, ma negli ultimi giorni è arrivato a oltre 500 .

Ha detto che la California ha seguito la scienza con la gestione della pandemia, ma la devastazione che si sta svolgendo in luoghi come Los Angeles rivela quanto fragile possa essere qualsiasi comunità.

“È importante capire la virologia. È importante comprendere l’epidemiologia. Ma alla fine, quello che abbiamo imparato è che il comportamento umano e la psicologia sono una forza importante in questa pandemia “, ha detto.

Gli Stati Uniti a metà gennaio hanno registrato una media di oltre 3.300 morti al giorno, ben al di sopra dei giorni più devastanti dell’ondata di inizio primavera, quando le morti medie giornaliere si aggiravano intorno alle 2.000.

“A questo punto, guardando i numeri, per me la domanda è: c’è un modo per evitare mezzo milione di morti prima della fine di febbraio?” ha detto il dottor Ashish Jha , decano della Brown University School of Public Health.

“Penso a quanta sofferenza come nazione sembriamo disposti ad accettare che abbiamo questo numero di persone che vengono infettate e muoiono ogni giorno”.

Come sono passati da 300.000 morti a 400.000 gli Stati Uniti?

Il percorso verso 400.000 morti era dolorosamente familiare, con schemi di malattia e morte che si ripetevano dall’inizio della pandemia.

Un numero impressionante di persone nelle case di cura e nelle strutture di residenza assistita continua a morire ogni settimana – più di 6.000 nella prima settimana di gennaio.

Le morti legate all’assistenza a lungo termine rappresentano più di un terzo di tutte le morti covid negli Stati Uniti dall’inizio della pandemia. In una manciata di stati , l’assistenza a lungo termine ha contribuito alla metà dei decessi totali.

Alcune parti del paese hanno un tasso di mortalità sproporzionatamente alto. Alabama e Arizona, in particolare, hanno registrato tassi elevati , data la loro popolazione. Il virus continua a uccidere i neri e gli indigeni americani a tassi molto più alti rispetto ai bianchi.

La possibilità di morire di covid rimane molto più alta nell’America rurale che nei centri urbani.

Le persone con più di 65 anni costituiscono la stragrande maggioranza dei decessi, ma Jha ha detto che più giovani muoiono rispetto a prima durante la pandemia, semplicemente perché il virus è così diffuso.

In questo nuovo e cupo capitolo della pandemia, il virus ha preso di mira un pubblico stanco di restrizioni e regole e desideroso di mescolarsi con la famiglia e gli amici durante le festività natalizie.

Come molti altri operatori sanitari, il dottor Panagis Galiatsatos del Johns Hopkins Hospital sta ora assistendo alle tragiche conseguenze nei suoi giri quotidiani.

“Il mio cuore si spezza, perché avremmo potuto impedirlo”, ha detto Galiatsatos, un assistente professore di medicina che si prende cura dei pazienti covidi nel reparto di terapia intensiva.

“Molto di ciò che abbiamo visto durante il viaggio di vacanza è stata l’incapacità di raggiungere i nostri cari o i membri della famiglia – non come un annuncio di servizio pubblico, ma uno contro uno, parlando con loro [dei rischi di esposizione]. … Mi sentivo davvero come se avessimo fallito. ”

Galiatsatos ricorda ancora una nonna che fu trasportata sei ore da casa sua al suo ospedale, perché non c’erano letti più vicini. Al telefono, ha sentito lo shock della sua famiglia per la sua improvvisa scomparsa.

“Hanno detto: ‘Ma era così sana. Ci ha preparato la cena del Ringraziamento e abbiamo invitato tutta la famiglia “, ha detto. “Lo dicevano con sincerità, ma probabilmente è lì che si è infettata.”

Luce alla fine di un tunnel molto lungo

L’enorme perdita di vite umane questo inverno è avvenuta, paradossalmente, in un momento che molti sperano segna l’inizio del capitolo finale della pandemia.

Un quarto di tutte le morti covid si è verificato durante le cinque settimane da quando la Food and Drug Administration ha autorizzato il primo vaccino.

“Il rivolo di vaccino è così tragicamente scarso. Ciò di cui abbiamo bisogno è più di un fiume di esso “, ha detto il dottor Howard Markel, che dirige il Center for the History of Medicine dell’Università del Michigan .

Markel, che ha scritto della pandemia influenzale del 1918-19, ha detto che si stima che abbia ucciso più di 700.000 americani.

Della pandemia covid, ha detto: “Spero che non stiamo parlando … 600.000 o più”.

A questo punto, circa 3 persone su 100 sono state vaccinate, ponendo l’America davanti a molti altri paesi, ma dietro le promesse ottimistiche fatte nei primi giorni del lancio. Dato l’attuale ritmo di vaccinazione, avvertono gli esperti, gli americani non possono dipendere esclusivamente dal vaccino per prevenire un numero schiacciante di morti aggiuntive nei prossimi mesi.

Bibbins-Domingo dell’UCSF teme che il sollievo di conoscere un vaccino alla fine sarà ampiamente disponibile – la luce alla fine del tunnel – potrebbe effettivamente cullare altri milioni di americani in un falso senso di sicurezza.

“Questo tunnel è in realtà un tunnel molto lungo, e i prossimi mesi, come gli ultimi mesi, saranno tempi molto bui”, ha detto.

L’emergere di varianti più contagiose del SARS-CoV-2, il virus covid, complica il quadro e rende ancora più imperativo che gli americani trascorrano i prossimi mesi raddoppiando le stesse tattiche – maschere e distanze fisiche – che hanno mantenuto molte le persone sono al sicuro finora.

Ma Jha, della Brown University, dice che il paese ora deve affrontare un compito diverso da quello dell’autunno, quando sono stati necessari “grandi cambiamenti comportamentali e grandi costi economici” per prevenire le morti.

“In questo momento ciò che è necessario è far vaccinare le persone con i vaccini che già abbiamo”, ha detto. “Il fatto che stia andando ancora super lento è incredibilmente frustrante.”

È questa dicotomia – l’avvento dei vaccini salvavita mentre gli ospedali sono pieni di pazienti morenti che mai – che rende questo momento della pandemia così confuso.

“Non posso fare a meno di sentire questa immensa tristezza”, ha detto Kristin Urquiza. “So che un vaccino non farà la differenza per le persone che sono in ospedale in questo momento o che saranno in ospedale la prossima settimana o anche il mese prossimo”.

Questa storia proviene da una partnership di segnalazione con NPR.

 10 total views,  1 views today