In tutto il mondo, i corrieri di piattaforme alimentari (riders) si stanno mobilitando per i diritti fondamentali dei lavoratori

Fonte Equaltimes.org

Mentre Covid-19 costringe i cittadini di tutto il mondo a restare bloccati e gli addetti alle consegne di cibo si danno da fare per fornire sollievo ai clienti, un nuovo rapporto ha messo in luce le cattive condizioni di lavoro affrontate dai corrieri alimentari a livello globale, nonché alcuni dei passaggi che i lavoratori stanno prendendo per sfidare lo status quo.

Il recente studio FES Global labour unrest on platform. Il caso degli addetti alla consegna di cibo prende in considerazione sei marchi globali di consegna di cibo che operano in più di due regioni globali: Uber Eats, Just Eat, Deliveroo, Foodora, Zomato e Glovo – oltre ad altre 12 società che operano a livello regionale. Tra di loro, queste 18 aziende forniscono cibo cotto e preparato ai clienti in 95 paesi.

La ricerca, basata sull’Indice di Leeds , un set di dati unico che registra  conflitti sindacali su piattaforme in tutto il mondo, ha rilevato che dal 1 ° gennaio 2017 al 20 maggio 2020 si sono verificati 527 episodi di lotte sindacali, in 36 paesi diversi – qualcosa di simile gli autori del rapporto descrivono come “un numero notevole di proteste”. La maggior parte  si è verificata in Europa, seguita dall’Asia, che ha rappresentato circa un quarto di tutti gli incidenti, mentre un sesto è avvenuto in Sud America.

La ricerca rivela “un graduale aumento delle proteste dall’inizio del 2017 a un picco significativo nel terzo trimestre del 2019, con un notevole calo da allora”.

A livello nazionale, il maggior numero di conflitti  si è verificato in Cina, seguita da Regno Unito, Spagna e poi Argentina.

In termini di singole aziende, i  conflitti sindacali erano più diffusi nella piattaforma di consegna di cibo con sede nel Regno Unito Deliveroo, con la maggior parte delle lotte che si sono verificate in Europa, in particolare nel Regno Unito, Spagna, Francia, Belgio e Paesi Bassi.

“Deliveroo operava in 16 paesi, ma è interessante notare che c’è stato un effetto di ricaduta, quindi i sindacati di base si sono rivolti ad altri sindacati in altri paesi e si sono scambiati volantini e materiale”, afferma Vera Trappmann, una delle coautrici del rapporto e un professore associato di lavoro e rapporti di lavoro presso l’Università di Leeds nel Regno Unito. “C’era questa sensazione transnazionale di ‘loro [i nostri colleghi] hanno fatto qualcosa e anche noi vogliamo fare qualcosa'” “. Ci sono stati anche diversi casi in cui le iniziative di lotta  hanno attraversato più aziende e più sedi”, suggerendo che i lavoratori delle piattaforme si stanno sviluppando la capacità di condurre campagne concertate e costruire solidarietà ”, osserva il rapporto.

Scarsa retribuzione, il motore più dominante dei conflitti sindacali a livello globale

La retribuzione era il motore principale dei conflitti sindacali in tutte le regioni, ad eccezione degli Stati Uniti, dove la condizione occupazionale era il fattore più significativo. I lavoratori chiedevano salari più alti, disposizioni sanitarie e spesso criticano l’insufficiente equipaggiamento protettivo fornito da società di piattaforme come PedidosYa, Glovo, SinDelantal e Uber Eats.

In Sud America, la salute e la sicurezza erano la principale fonte di inquietudine, un problema che è davvero emerso dall’inizio della pandemia di Covid-19. Mentre i lavoratori della consegna di cibo sono stati riconosciuti come lavoratori essenziali, allo stesso tempo sono esclusi dai diritti fondamentali del lavoro perché sono costretti dalle società piattaforma a lavorare come lavoratori autonomi. “Da un lato ha a che fare con il rischio rappresentato dal crescente numero di casi di [coronavirus] e dall’altro che mancano di assicurazione sanitaria, quindi i lavoratori operano interamente a proprio rischio”, spiega Trappmann.

“La cosa interessante è che stiamo assistendo a una serie di proteste, non solo scioperi, che sono il modello classico”, afferma Trappman, che prevede (insieme ai suoi co-ricercatori) di ampliare il database e renderlo pubblicamente disponibile online per gli attivisti sindacali Intorno al mondo. Sebbene scioperi e disconnessioni fossero il tipo di azione più frequente intrapreso, sono stati seguiti da vicino da manifestazioni, azioni legali e istituzionalizzazione (che si riferisce alle proteste dei lavoratori che portano al rafforzamento delle istituzioni, come la formazione di comitati aziendali o la negoziazione di contratti collettivi) . “È abbastanza probabile che in paesi come la Cina i lavoratori facessero più affidamento su disconnessioni e azioni dirompenti in assenza di un sistema multimediale aperto che consentisse qualsiasi effetto dopo le dimostrazioni”, hanno osservato gli autori,

Gruppi informali coinvolti nella maggior parte degli eventi

La protesta del lavoro in piattaforma tende a essere guidata dal basso, con gruppi informali di lavoratori che giocano un ruolo vitale nella stragrande maggioranza dell’azione diretta. Anche se la maggior parte delle proteste individuali tende a coinvolgere meno di 100 lavoratori e dura meno di un giorno, il rapporto rileva che la durata di una protesta non determina la sua efficacia.

I gruppi informali di lavoratori sono stati i principali attori dei conflitti sindacali in Asia e Sud America. I gruppi informali di lavoratori erano leggermente meno importanti, sebbene ancora ubiquitari, in Europa e molto meno coinvolti in Nord America e Australia. “Sono principalmente i lavoratori che alzano direttamente la voce e agiscono, spesso con poca fiducia nella rappresentanza sindacale”, affermano gli autori del rapporto.

Tuttavia, i sindacati sono stati coinvolti in più della metà dei conflittimsindacali rilevati dai ricercatori. Mentre questo era abbastanza equamente diviso tra sindacati strutturati tradizionali(coinvolti nel 27,6% dei casi) e sindacati indipendenti (26,9%), c’erano grandi differenze regionali.

Ad esempio, i sindacati tradizionali erano l’attore dominante in Australia (68,8%) ed erano relativamente attivi in ​​Europa (37%), ma erano praticamente assenti in Asia (solo l’1%). Dove i sindacati erano coinvolti, i sindacati di base tendevano a sostenere scioperi e disconnessioni mentre i sindacati tradizionali erano attivi nelle manifestazioni e nell’avvio di azioni legali.

Per i ricercatori, gli ultimi anni di agitazione dei lavoratori delle piattaforme dimostrano un ampliamento del concetto di potere associativo, che di solito viene identificato con l’organizzazione collettiva dei lavoratori attraverso i sindacati. Quello che stiamo vedendo con i lavoratori della piattaforma alimentare è “un’azione collettiva militante e auto-organizzata”, secondo il rapporto, agitata da lavoratori senza diritti del lavoro formali e per i quali il potere istituzionale è “spesso un obiettivo di azione collettiva piuttosto che un pre -una condizione o un risultato ”. Di conseguenza, “il potere associativo dei lavoratori è in aumento”, afferma Trappmann.

 

Questa storia è stata co-prodotta con la Friedrich-Ebert-Stiftung come parte della sua serie di articoli e rapporti “Trade Unions in Transformation 4.0”.