Misurare l’impatto di COVID-19 sui diritti del lavoro globale

 

Fonte Unison 

[ Unison è il sindacato dei lavoratori della funzione pubblica inglese ]

Un nuovo rapporto di UNISON rivela che la pandemia ha avuto un effetto negativo sugli acquisti etici.

Quando scoppiò la pandemia COVID-19, ci fu una corsa alla ricerca di dispositivi di protezione individuale (DPI) per i lavoratori chiave e laptop per coloro che lavoravano da casa. Ma con l’urgente necessità di stare al sicuro, pochi si sono fermati a chiedersi chi stesse fabbricando l’attrezzatura e se anche loro fossero al sicuro.

Che impatto ha avuto sugli standard di lavoro? E l’impegno del Regno Unito di porre fine alla schiavitù moderna è stato effettivamente messo da parte?

Un nuovo rapporto di UNISON, Appalti pubblici durante COVID-19 , ha rilevato che, nella corsa competitiva per garantire DPI, elettronica e altri prodotti richiesti, quasi “non sono state fatte considerazioni etiche”. Invece di applicare i normali processi e principi di approvvigionamento, le merci sono state acquistate dallo scaffale.

Di conseguenza, e l’ufficio di gabinetto ha preso il controllo della ricerca di alcuni oggetti, come i guanti di gomma, i responsabili delle decisioni hanno trascurato o non sapevano dello sfruttamento dei lavoratori in Malesia.

I lavoratori migranti con visti di lavoro legati al loro datore di lavoro non avevano altra scelta che lavorare nell’elettronica e in altri settori che producono beni ad alta richiesta, operando a pieno regime, mentre i cittadini malesi erano legalmente obbligati a rimanere a casa e rispettare le regole di blocco.

Il vicepresidente del comitato internazionale UNISON, Angie Roberts, ha dichiarato: “Il settore pubblico è il più grande acquirente unico nel Regno Unito. COVID-19 ha puntato i riflettori su quanto sia facile continuare a ignorare i diritti dei lavoratori nelle catene di fornitura globali che producono guanti di gomma, tute e ventilatori, anche durante una crisi globale.

“Il costo per la vita dei nostri compagni di lavoro è inaccettabile. Se possiamo contribuire a rendere più difficile per i datori di lavoro trattare i lavoratori in modo disumano, allora dovremmo “.

Il rapporto si basa su sette interviste approfondite e su un sondaggio tra specialisti di appalti e gestione dei contratti, a cui hanno risposto 52 persone. UNISON sta attualmente costruendo su queste prove con un sondaggio tra i membri che lavorano negli appalti .

Oltre il 50% di coloro che hanno risposto ha riferito che COVID-19 ha reso più difficile coinvolgere i fornitori. Esempi di ciò includevano pressioni di tempo interno, la difficoltà di tenere conversazioni difficili online e restrizioni di viaggio che impedivano lo svolgimento degli audit. Tutte queste barriere hanno portato le credenziali etiche dei fornitori a essere considerate meno di quanto avrebbero dovuto essere.

L’indagine ha inoltre confermato che pochi addetti agli appalti utilizzano la presenza o meno di sindacati nei luoghi di lavoro come strumento per comprendere i diritti dei lavoratori nelle loro catene di fornitura, nonostante la maggior parte di questi dipendenti operi in luoghi di lavoro che beneficiano di accordi di contrattazione collettiva.

Il membro del comitato internazionale di UNISON Stephen Smellie ha spiegato: “Questo rapporto evidenzia quanto sia importante agire eticamente. Gli appaltatori e i gestori di contratti devono cercare informazioni sui lavoratori nelle loro catene di fornitura e garantire che le clausole di lavoro a contratto siano rispettate durante la durata del contratto “.

Il 74% degli intervistati ritiene che la pandemia avrà un effetto negativo a lungo termine sugli appalti. Mentre UNISON lavora per alleviare le pressioni sui membri, il sindacato vuole anche sostenere gli sforzi per garantire che i prodotti utilizzati dai lavoratori del servizio pubblico nel Regno Unito non mettano a repentaglio i diritti dei lavoratori all’estero.

Questo è il secondo rapporto di ricerca di UNISON sugli acquisti e la gestione dei contratti. I risultati di questo rapporto verranno utilizzati per rafforzare lo sviluppo della formazione e delle risorse per l’apprendimento delle filiali progettate per il progetto sindacale, Potere d’acquisto: mettere i diritti dei lavoratori al centro degli appalti pubblici .

 432 total views,  2 views today