Spagna. Ricerca ISTAS – CCOO . I bassi salari rendono più facile per più persone andare a lavorare con i sintomi

Fonte ISTAS.ES 

Ven, 07/10/2020 – 08:24
BERTA CHULVI
Fascicolo

Secondo i dati dell’indagine COTS, la percentuale di persone che si sono recate a lavorare con sintomi quali febbre, tosse, mancanza di respiro o malessere generale durante lo stato di allarme decretato dalla pandemia COVID-19, è quasi doppia tra coloro che affermano che il loro stipendio permette loro di coprire le necessità domestiche solo “qualche volta” (18,2%), rispetto a chi può farlo sempre o più volte (10,5%). L’indagine COTS è stata condotta da ISTAS-CCOO e dal gruppo POWAH dell’Università Autonoma. 

donna stanca

Un totale di 20.328 persone che al 14 marzo avevano un contratto di lavoro hanno partecipato, tra il 29 aprile e il 28 maggio, all’indagine “Condizioni di lavoro, insicurezza e salute nel contesto di COVID-19” (COTS ) svolto da ISTAS-CCOO e dal gruppo POWAH dell’Università Autonoma di Barcellona. Di questi, il 37,8% dichiara di essere andato a lavorare regolarmente durante lo stato di allarme. Di quel gruppo, il 13,1% afferma di averlo fatto ad un certo punto con sintomi come febbre, tosse, difficoltà respiratorie o malessere generale. Questo dato è più alto tra coloro che lavorano in settori considerati essenziali (14,2%) rispetto ai non essenziali (6,4%) e raggiunge il 18,1% tra le persone che hanno svolto compiti di servizio pubblico durante la pandemia (18 , 1%). (figura 9). D’altra parte, 

grafico 9

 

Anche la percentuale di persone che si sono recate a lavorare con sintomi era superiore al 13,1% complessivo in alcune occupazioni: molto più alta nella sanità sociale (1 partecipante su 4 tra gli assistenti infermieristici e un po ‘meno tra gli assistenti geriatrici e il personale infermieristico) ma anche tra il personale dei negozi di alimentari e di prima necessità, mercati e supermercati (17,2%) e delle pulizie (16,4%) (figura 11)

grafico 11Albert Navarro, ricercatore presso la POWAH-Facoltà di Medicina dell’UAB e coautore del rapporto, ritiene che “i motivi principali per cui le persone sono andate a lavorare con i sintomi potrebbero essere tre: primo, e soprattutto tra il personale sanitario, ma non solo, un intenso senso di responsabilità di fronte alla situazione eccezionale in quanto parte determinante per il benessere dei cittadini in momenti così gravi; in secondo luogo, come si è visto per altre malattie o problemi di salute, non volendo sovraccaricare i colleghi se perdono il lavoro, ciò è indubbiamente causato da un modello di organizzazione del lavoro che non favorisce la permanenza a casa di una persona quando ci si sente male; infine, per alcuni gruppi, potrebbe esserci una motivazione economica che impedisce di restare a casa,

Più del 70% della popolazione salariata lavorava senza misure di protezione

Più del 70% dei partecipanti che dichiara di essere andato a lavorare presso la propria azienda o organizzazione, dichiara di aver lavorato ad un certo punto senza adeguate misure di protezione, percentuale leggermente superiore tra i lavoratori nei settori considerati essenziali (73 , 5%) e che hanno svolto attività di servizio clienti (78,1%). Le occupazioni più colpite da questo problema sono state gli operatori sanitari, nonché il personale nei negozi di alimentari e di prima necessità, nei mercati e nei supermercati. 

Come spiega Salvador Moncada, epidemiologo e ricercatore presso ISTAS-CCOO, “eQuesti dati hanno implicazioni molto importanti, sebbene possano avere significati diversi. Molte aziende non hanno tutelato i propri lavoratori come avrebbero dovuto, ma la grande responsabilità del proprio personale, che non ha voluto lasciare incustodita la popolazione, li ha fatti correre rischi eccezionali. La situazione pandemica è nuova, non l’avevamo sperimentata prima, e sembra logico anche che si scatenino i timori, il che rende chiara, trasparente e rapida la necessità di un’azione preventiva da parte delle aziende. D’altronde condizioni di lavoro precarie, salari bassi, paura di perdere il lavoro o di non trovarne un altro se si perde quello attuale, agiscono come un’arma di disciplina che facilita l’accettazione di situazioni inaccettabili “.

Il 30,1% dei lavoratori ha telelavorato

Tenendo conto dei dati Eurofound per la Spagna ,  questo significa, secondo Clara Llorens, ricercatrice presso ISTAS-CCOO e UAB, che il numero di telelavoratori è quasi triplicato durante la pandemia . La maggior parte (25,2%) lo ha fatto esclusivamente o nella maggioranza, mentre il restante 4,9% ha combinato il telelavoro con l’assistenza alle strutture dell’azienda / istituzione. Il telelavoro era molto più diffuso nelle occupazioni non manuali.Llorens sottolinea che “questa è un’opzione efficace che le aziende possono utilizzare per proteggersi dalla pandemia, ma che può essere utilizzata solo in organizzazioni che hanno sviluppato risorse per il telelavoro e solo in lavori telelavorabili, fondamentalmente in posizioni amministrative e tecniche e professionali” . “In una struttura produttiva in cui l’edilizia e i servizi a basso valore aggiunto, come il commercio e l’ospitalità, sono così importanti in termini di PIL e occupazione”, spiega questo sociologo – una parte significativa delle persone stipendiate non può telelavoro, sebbene come dimostrato dal piccolo numero di telelavoratori prima della pandemia, ha anche a che fare con forme arcaiche di gestione del lavoro molto basate sul faccia a faccia.

Tutti i risultati del report possono essere visualizzati a questo link . 

 

 748 total views,  6 views today