Vai al contenuto

Dietro la facciata scintillante del progetto di Belgrado Waterfront: la morte di lavoratori, le demolizioni illegali e la corruzione

 

FONTE EQUALTIMES.ORG CHE RINGRAZIAMO 

[ TRADUZIONE ASSISTITA DA GOOGLE TRANSLATOR ]

Belgrade Waterfront Residences, completato nel luglio 2018, appare in primo piano, mentre la costruzione continua negli appartamenti Belgrade Waterfront Vista proprio alle loro spalle. Foto scattata il 19 ottobre 2018.

(Nick Ashdown)

Il megaprogetto della costruzione di Belgrado Waterfront nel centro di Belgrado ha suscitato nuove polemiche a metà settembre, quando due lavoratori sono morti cadendo dal 22 ° piano di un edificio in costruzione.

Gli operai giacevano a terra, immobili ... [...] Le ossa della coscia di uno di loro gli avevano trafitto i pantaloni, mentre l'altro aveva le gambe piegate verso l'esterno ", spiega un lavoratore che si trovava sul sito al momento dell'incidente e che preferiva rimanere anonimo per paura di essere licenziato.

All'improvviso fu un panico generale. Gli uomini che lavoravano illegalmente venivano rimossi dai loro capi e datori di lavoro perché non avevano i documenti necessari. "

Mentre esprimeva le sue condoglianze cinque giorni dopo, il presidente serbo Aleksandar Vučić - uno dei principali campioni del megaprogetto Belgrado Waterfront da quando lo ha annunciato nel 2012 - ha suggerito che negli Stati Uniti, un lavavetri muore ogni dieci secondi. Uno dei suoi assistenti aveva ovviamente portato alla luce queste stravaganti informazioni sul sito di informazioni satiriche The Onion.

Tuttavia, gli esperti non trovano la situazione ridicola e affermano che le condizioni dei cantieri in Serbia, compreso il progetto " Waterfront ", sono spesso pessime.

Ovviamente, non sono state attuate alcune misure di sicurezza, che ha provocato la morte di questi lavoratori ", ha detto Saša Torlaković, presidente dell'Unione indipendente dei lavoratori edili e di costruzione. Egli indica che a questa altezza, i lavoratori devono indossare sempre una cintura di sicurezza.

Il lavoratore che ha parlato con Equal Times ha detto che le condizioni sul luogo di lavoro in cui lavora sono pessime e che le misure di sicurezza sono spesso ignorate: " In una parola, le condizioni sono catastrofiche. "

I bagni portatili sono collocati lontano e di difficile accesso, in modo che gli uomini facciano spesso i loro bisogni sul terreno. Spesso i lavoratori non indossano dispositivi di sicurezza come i tappi per le orecchie.

Pezzi di cemento, pietre, tavole e altri oggetti sono caduti intorno a noi senza che ce ne rendessimo conto ", dice, aggiungendo che gli operai sono morti perché stavano in piedi una piattaforma che non è stata completamente completata.

Torlaković dice che i bassi salari hanno spinto fuori dal paese lavoratori qualificati, principalmente verso i paesi dell'UE che pagano di più, lasciando dietro di sé lavoratori poco qualificati. Questi salari di povertà spingono anche gli uomini a fare gli straordinari e finiscono.

Questo è ciò che causa incidenti: perdono la concentrazione e si stancano " , afferma Torlaković

Il lavoratore conferma che lui e i suoi colleghi lavorano più di 60 ore alla settimana mentre il loro contratto ne fornisce solo 40. Eppure, guadagnano ancora solo 422 euro al mese.

Un rappresentante di Belgrado Waterfront ha rifiutato di commentare, ma ha inviato un comunicato stampa a Equal Times esprimendo le sue condoglianze alle famiglie dei lavoratori e affermando l'impegno del progetto a rispettare i più elevati standard di sicurezza:

La società assume solo fornitori rispettabili, che soddisfano i più elevati standard di salute e sicurezza, e tutti gli edifici sono soggetti a regolari ispezioni durante la costruzione, in conformità con la legislazione locale. la forza. "

Il 3 ottobre 2018 un lavoratore turco è stato gravemente ferito in seguito a una caduta in un sito del progetto di Belgrado Waterfront. Tre mesi fa, 80 lavoratori turchi illegalmente impiegati nella costruzione di un centro commerciale gigante nel progetto di Belgrado Waterfront hanno organizzato una manifestazione davanti loro ambasciata a Belgrado, perché non avevano ricevuto i loro stipendi per due mesi.

I politici hanno presentato il progetto del lungomare di Belgrado come un'iniziativa che sosterrebbe l'occupazione locale, ma Torlaković afferma che le promesse non si sono concretizzate.

Il lavoro illegale e i lavoratori stranieri sono all'ordine del giorno e non vediamo lavoratori tornare in Serbia per lavorare al progetto. Vanno sempre all'estero. "

Una delle principali critiche al progetto è la mancanza di trasparenza da parte dei responsabili.

La maggior parte delle informazioni sulla [implementazione] del progetto non sono accessibili al pubblico in generale " , afferma Mario Reljanović, professore di diritto specializzato in questioni del lavoro presso l'Università dell'Unione di Belgrado.

Isidora Petrović, un attivista del movimento Do da (vi) mo Beograd ( "Non lasciare che Belgrado annegamento / cadere"), un gruppo fondato per denunciare il progetto Waterfront, chiede al governo di lavorare nel pubblico interesse, non per gli investitori.

In Serbia, le autorità e le istituzioni servono come servizio di pubbliche relazioni per gli investitori, ai quali vendono porzioni di città e la vita di lavoratori che non possono permettersi di guadagnarsi da vivere se non lavorando in condizioni di insicurezza . "

Sfidato sin dall'inizio

Belgrado Waterfront , presentato come uno dei più grandi progetti di rigenerazione urbana in Europa, comprende tra le altre cose, il più grande centro commerciale dei Balcani, un'opera, una passeggiata di 1,8 km lungo il fiume, otto hotel e un Grattacielo di 42 pianiche ospiterà 220 appartamenti di lusso. Questo enorme progetto, che copre un'area totale di 1,8 milioni di metri quadrati, alla fine ospiterà 14.000 residenti in 6.000 case sulla sponda orientale del fiume Sava, nel centro di Belgrado. La prima fase dovrebbe essere completata entro il 2020, con le altre due fasi da proseguire negli anni a venire.

Il lungomare di Belgrado è stato fortemente contestato sin dall'inizio. Non c'era gara pubblica o competizione internazionale per la scelta degli architetti e nessuna consultazione pubblica.

Nell'aprile 2015, il contratto di finanziamento e di sviluppo del progetto è stato semplicemente assegnato alla società di investimenti Eagle Hills Properties di Abu Dhabi. Il presidente di questa azienda, Mohamed Alabbar, è anche il fondatore di Emaar Properties, che ha costruito il Burj Dubai Tower, la struttura più alta del mondo.

La distribuzione dei diritti di proprietà e dei profitti è la seguente: 68% per il promotore e 32% per il governo serbo.

Il prezzo degli appartamenti di lusso, il più costoso di Belgrado, raggiungerebbe € 7.000 al metro quadrato, mentre lo stipendio medio in Serbia è di € 422 al mese, uno dei più bassi d'Europa.

Nonostante le iniziali promesse che Eagle Hills avrebbe investito ben $ 3 miliardi nel progetto, l'ammontare effettivo sembra essere significativamente più basso; un investimento iniziale di 150 milioni di euro e prestiti aggiuntivi di 150 milioni di euro. Tuttavia, nessuno sembra essere sicuro di tutti i dettagli dell'accordo.

Il contratto principale non è segreto, ma tutti gli altri documenti sono: non sappiamo chi siano i subappaltatori, quante persone impiegano e dati simili ", afferma l'economista Mario Reljanović

Il partito progressista serbo del presidente Vučić, un partito populista pro-UE di centro-destra, controlla fermamente il Parlamento e l'amministrazione di Belgrado, e ha dominato le istituzioni politiche ei media della Serbia per anni.

I critici accusano il governo di Vučić di eludere e modificare le leggi per accelerare il progetto del lungomare di Belgrado . Il governo è stato anche accusato di utilizzare una scappatoia legale per considerare il progetto di interesse pubblico, sebbene quest'ultimo non rispetti i requisiti tradizionali in questo settore.

"I politici considerano Belgrado un bottino da condividere " ,dice Dragoljub Bakić, membro dell'Academy of Architects of Serbia.

L'accordo Waterfront è stato anche criticato per aver concesso " diritti extraterritoriali " a Eagle Hills , dandogli carta bianca nell'attuazione del progetto, senza dover rispettare le leggi serbe.

Quando il progetto è entrato nella sua fase di [implementazione], è diventato chiaro che molti processi, meccanismi e competenze legalmente stabiliti non sarebbero stati rispettati, ha affermato Reljanović.

L'extraterritorialità di fatto esiste perché nessuna delle ispezioni [governative] ha il potere di [intervenire] nelle attività illegali che si svolgono nei cantieri del BW ... [.] Il contratto prevede che la Serbia non non promuoverà alcuna legislazione che possa essere contraria agli interessi di BW " , afferma Reljanović.

Un fallimento totale nella pianificazione urbana "

Centinaia di case e aziende sono state sfrattate dalle terre di proprietà dello stato per far posto al progetto, ma alcune persone hanno rifiutato di andarsene, aprendo la strada per l'incidente più controverso intorno al progetto.

24 aprile 2016, es. la notte delle elezioni in Serbia , molte decine di uomini mascherati  armati con mazze da  baseball con buldozer  hanno demolito alcuni edifici che ostacolavano il progetto nella zona di Samavala, rinnovata di recente, mentre venivano fermati i testimoni  confiscando i loro telefoni cellulari .

La polizia fu chiamata ma ordinò di non intervenire. Lo stesso Vučić ha affermato che " i più alti funzionari della città " sono stati coinvolti (senza nominare nessuno) e l'ex moglie di Siniša Mali, il sindaco del tempo (ora ministro delle Finanze), ha detto che il sindaco ha personalmente ordinato . L'assistente del signor Mali ha rifiutato di commentare per Equal Times .

Decine di migliaia di cittadini arrabbiati sono scesi in piazza ripetutamente per protestare contro le più grandi manifestazioni in Serbia da oltre un decennio. L'attivista Isidora Petrović ha detto che sono stati rapidamente presi di mira dalla stampa in gran parte filogovernativa accusandoli di essere " traditori " e " mercenari " sostenuti da forze straniere.

L'unica conseguenza di queste demolizioni illegali fu la sospensione e poi la negoziazione di una condanna per il comandante della polizia che era di stanza quella notte.

È facile concludere che il governo [ha stabilito] che è stato sufficiente sacrificare qualcuno ai livelli inferiori invece di trattare con gli sponsor " , dice Petrović. " Questa demolizione ha richiesto un'attenta pianificazione. "

Mr. Bakić, un architetto con 44 anni di esperienza in progetti in più di una dozzina di paesi, afferma che il problema principale del progetto è che manca un piano urbano coerente.

È un totale fallimento urbanistico. È un fallimento in tutte le aree - urbanistica, architettura, trasporti, infrastrutture, [sociale] politica " , ha detto a Equal Times . " Stanno costruendo un quartiere separato nel centro della città. "

Mr. Bakić indica che l'area in cui il progetto è in costruzione è la più popolare della città e ritiene che dovrebbe essere accessibile al pubblico.

Noi, architetti e urbanisti, vogliamo trasformarlo in un centro culturale a Belgrado una volta che la città è abbastanza ricca; con biblioteche, università, un teatro d'opera e teatri, con edifici non superiori a tre piani. "

Bakić afferma inoltre che l'infrastruttura fatiscente di Belgrado non può sostenere il progetto Waterfront e che il traffico sarà un enorme problema in questa città di 1,7 milioni di persone.

L'infrastruttura di Belgrado è molto antica, trascurata da molti anni e oggi sono in costruzione abitazioni per 25.000 persone nel centro della città ", dice, utilizzando figure che includono 12.000 uffici. come parte del progetto.

Belgrado non sopravviverà così. Un giorno, il traffico si fermerà semplicemente. "

 

Hits: 35