Il vaccino Covid-19 deve essere gratuito, lo afferma il sindacato Servizi pubblici internazionale

Fonte PSI – Public Services International

Autore Articolo : Baba Aye – Funzionario sanitario e servizi sociali

Pfizer e BioNTech hanno annunciato il successo del loro  vaccino sperimentale contro Covid-19 in una prima analisi ad interim del loro studio di fase 3 nella seconda settimana di novembre. Il PSI chiede la rinuncia ai diritti di proprietà intellettuale come proposto all’OMC dai governi del Sud Africa e dell’India.

E i paesi ricchi hanno già iniziato ad accumulare il rivoluzionario vaccino . Le due società hanno già stretto accordi bilaterali con paesi ricchi che possono comodamente pagare, per fornire loro oltre un miliardo di dosi di vaccino. La proiezione dell’offerta totale delle multinazionali è di 50 milioni di dosi nel 2020 e di 1,3 miliardi nel 2021. Ma i paesi ricchi hanno già ordinato più di 1 miliardo di dosi. L’UE e solo cinque paesi rappresentano quasi  un miliardo di dosi.

Un vaccino Covid-19 deve essere visto come un bene pubblico globale, un vaccino popolare.

Parlando all’inizio di giugno, Antonio Guterrres, il Segretario generale delle Nazioni Unite ha sottolineato che “un vaccino Covid-19 deve essere visto come un bene pubblico globale, un vaccino del popolo”. Il nazionalismo dei vaccini dimostrato dai paesi ricchi e gli interessi a scopo di lucro delle società interessate significano che questo non sarà il caso della recente svolta, se non verranno prese misure decisive per fermare questa situazione nauseante.

Ogni paese è colpito dalla pandemia. Ma i paesi poveri non saranno in grado di accedere al nuovo vaccino allo stato attuale delle cose. Ciò tuttavia influenzerà il mondo intero. La continua piaga del Covid-19 ovunque è una minaccia di ulteriore diffusione dell’infezione in tutto il mondo. Il nazionalismo dei vaccini è una risposta miope a un problema globale.

Per Pfizer e BioNTech, il risultato finale è il profitto. Il Nasdaq, con sede in Germania, ha quotato le azioni di BioNTech sono salite alle stelle di oltre il 230% in valore da quando ha annunciato l’inizio dei lavori sul candidato vaccino all’inizio dell’anno. E in quel periodo, i suoi proprietari Ugui Sahin e Ozlem Tureci, che sono marito e moglie, sono entrati a far parte delle prime 100 persone più ricche della Germania.

Con oltre 45 milioni di casi confermati e più di 1,2 milioni di decessi, la pandemia Covid-19 è una crisi esistenziale per l’umanità.

Ma BioNTech non avrebbe potuto fare questa svolta per sé e Pfizer senza finanziamenti pubblici. Il governo tedesco ha donato all’azienda più di 444 milioni di dollari per accelerare lo sviluppo del suo programma di vaccini a settembre. E ora le due società stanno cercando di realizzare $ 13 miliardi di profitti dal vaccino. Questo è inaccettabile.

Come altre società, né Pfizer né BioNTech si sono iscritti al Covid-19 Technology Access Pool (C-Tap) dell’Organizzazione mondiale della sanità. Sotto C-Tap, le aziende farmaceutiche dovrebbero condividere volontariamente tecnologia, dati e diritti di proprietà per consentire un accesso universale ed equo ai vaccini Covid-19. Albert Bourla, CEO di Pfizer, ha descritto C-Tap come “una sciocchezza” quando è stato lanciato a maggio.

Ciò che in realtà è assurdo è che le società mettano il profitto prima delle persone e che i paesi ricchi sostengano questo in qualsiasi modo. Con oltre 45 milioni di casi confermati e più di 1,2 milioni di decessi, la pandemia Covid-19 è una crisi esistenziale per l’umanità. Sottolinea la necessità di una risposta globale e di una ricostruzione che metta le persone al di sopra del profitto.

Gli esperti dei diritti umani delle Nazioni Unite mettono la situazione in una prospettiva chiara così:

Chiediamo la rinuncia ai diritti di proprietà intellettuale come proposto all’OMC dai governi del Sud Africa e dell’India.

“Nella nostra qualità di esperti dei diritti umani delle Nazioni Unite, sottolineiamo che una pandemia globale di queste dimensioni e costi umani, senza una chiara fine in vista, richiede una risposta concertata, di principio e coraggiosa. Tutti gli sforzi per prevenire, trattare e contenere il Covid-19 deve basarsi sui principi fondamentali della solidarietà, cooperazione e assistenza internazionali, basati sui diritti umani. Non c’è spazio per il nazionalismo o la redditività nel processo decisionale sull’accesso ai vaccini, ai test e ai trattamenti essenziali ea tutti gli altri beni, servizi e forniture mediche che sono al centro del diritto al più alto standard di salute raggiungibile per tutti “.

Condividiamo pienamente questo punto di vista e chiediamo la rinuncia ai diritti di proprietà intellettuale come proposto all’Organizzazione mondiale del commercio dai governi del Sud Africa e dell’India. Questo è il momento per tutti i sindacati, le organizzazioni della società civile, i governi di mentalità storica e le persone ben intenzionate di alzarsi con una sola voce e insistere su un vaccino popolare . Dobbiamo esercitare tutta la pressione che possiamo raccogliere su Pfizer, BioNTech e l’industria farmaceutica nel suo complesso, per garantire che i vaccini Covid-19 efficaci e sicuri siano resi “disponibili a tutti, ovunque, gratuitamente”.

 

 135 total views,  2 views today