UK | Lo scandalo dei lavoratori sacrificabili prima, durante e dopo il Covid

FONTE HAZARDS

La maggior parte dei luoghi di lavoro non ha mai visto un ispettore. I lavoratori hanno lottato per ottenere il DPI. Gli informatori sono stati messi a tacere. Era prima del Covid-19. L’ editore di Hazards Rory O’Neill rivela come la pandemia non abbia causato una crisi nella salute sul lavoro. Lo ha esposto.

È abbastanza semplice. Il governo aveva un occhio al bilancio e un altro alla base dei conservatori, chiedendo a gran voce la fine delle regole meschine e la perdita delle libertà personali. Doveva esserci un rapido ritorno alla “normalità”, e questo significava tornare al lavoro.

Da luglio 2020 in poi, i ministri hanno intrapreso una missione di tre mesi per riportarci nei nostri luoghi di lavoro “protetti da Covid”.

GRAVE ERRORE  Boris Johnson ha invertito il suo viaggio di ritorno al lavoro solo il 22 settembre, quando i gruppi di lavoro erano saliti ai massimi storici e il tasso di infezione del paese si era spostato nella zona di pericolo.

Ci è voluto fino al 22 settembre 2020, con il disfacimento della politica del governo e le epidemie nei luoghi di lavoro, nelle scuole e nelle università su una brusca traiettoria ascendente, perché Boris Johnson ripristinasse la raccomandazione del lavoro da casa , almeno per alcuni lavoratori. Il ritardo aveva avuto un prezzo.

Un’analisi dei rischi dei dati ufficiali della sanità pubblica inglese fino al capovolgimento della politica sul posto di lavoro del primo ministro rivela che circa quattro persone su 10 risultate positive al Covid-19 hanno identificato “ un evento sul posto di lavoro o educativo ” come attività nei giorni precedenti la comparsa dei sintomi, in anticipo di tutte le altre cause.

Migliaia di persone potrebbero essere morte perché andare a lavorare li metteva a rischio evitabile. Ma le statistiche ufficiali non li hanno contati. Il database Covid sul posto di lavoro dell’Health and Safety Executive registra solo 152 decessi per Covid-19 legati al lavoro, una piccola frazione dell’uno per cento dei decessi per coronavirus del Regno Unito negli adulti in età lavorativa.

Qualcosa era andato storto.

Tattiche spaventose

Il 4 luglio 2020, il primo ministro Boris Johnson ha contemporaneamente allentato le regole di distacco sociale in Inghilterra e ha suggerito che tornare al lavoro fosse una buona cosa.

Poiché le aziende e i loro lavoratori hanno mostrato una certa reticenza iniziale, il 17 luglio il primo ministro ha aggiunto alla sua lista dei desideri un ritorno al lavoro entro il 1 ° agosto . Johnson ha osservato: “Con la riapertura della nostra società ed economia, è giusto che diamo ai datori di lavoro maggiore discrezione pur continuando a garantire che i dipendenti siano al sicuro”.

I ministri erano ansiosi di placare gli impazienti backbenchers dei Tory, apoplettici per l’interferenza “draconiana” del governo nella nostra vita quotidiana.

La retorica del ritorno al lavoro, descritta dal TUC come “spericolata” , è aumentata. Il 28 agosto, Downing Street ha cercato di allontanare il governo dalle notizie di stampa secondo cui i ministri avevano pianificato una campagna mediatica in cui avvertivano che lavorare da casa avrebbe potuto mettere i dipendenti a maggior rischio di essere licenziati .  Il segretario generale del TUC Frances O’Grady ha commentato: “Il primo ministro ha bisogno di un piano credibile per aiutare più persone a viaggiare e lavorare in sicurezza, non una campagna spaventosa”.

Tuttavia, i ministri del governo facevano la fila per affermare che i luoghi di lavoro erano “protetti da Covid” e popolarli era un imperativo economico e necessario per rilanciare i centri urbani. La prima settimana di settembre ha visto il governo fare pressioni sui dipendenti pubblici affinché tornassero rapidamente al lavoro , con l’80% previsto di essere alle loro scrivanie entro la fine del mese.

GRAPHIC HARM  Il governo del Regno Unito ha affermato durante la pandemia che i luoghi di lavoro sono luoghi sicuri. Ma un’analisi dei rischi dei dati ufficiali rivela che il lavoro e l’istruzione sono in cima alla lista degli eventi prima di un test positivo, e un forte aumento dei focolai di Covid-19 sul lavoro ha tracciato “un periodo di incubazione dietro” i messaggi di ritorno al lavoro del governo. Di Più

Quando le preoccupazioni per gli alti tassi di infezione hanno spinto il
9 settembre ad annunciare da parte del primo ministro un inasprimento delle restrizioni e un nuovo limite per le riunioni a sei persone, è stato chiaro che “le impostazioni di istruzione e lavoro non sono influenzate”. Anche se sette persone della stessa famiglia non potevano più incontrarsi nel parco, l’intera forza lavoro era comunque incoraggiata a incontrarsi ogni giorno lavorativo per tutto il giorno.

Il ritorno al lavoro era diverso. Il ritorno al lavoro era sicuro.

La messaggistica ministeriale ha avuto l’effetto desiderato. I dati dell’Ufficio per le statistiche nazionali (ONS) pubblicati il ​​17 settembre hanno mostrato che il numero di viaggi per lavoro è aumentato da circa il 40% all’inizio di luglio a circa il 50% all’inizio di agosto. Entro il 13 settembre, sei settimane dopo la prima chiamata del primo ministro a tornare, il 62% degli adulti ha dichiarato di andare al lavoro.

È stata una strategia sfortunata che avrebbe portato a un umiliante voltafaccia per il governo, poiché i tassi di infezione sono rientrati nella zona di pericolo e il numero di gruppi di lavoro è aumentato vertiginosamente.

Torna al lavoro

L’aumento dei cluster di posti di lavoro ha monitorato la durata del periodo di incubazione dietro il ritorno al lavoro, alcuni hanno visto centinaia di lavoratori risultati positivi.

 

Nella prima settimana di agosto 2020, Public Health England (PHE) ha registrato 37 cluster di posti di lavoro. Entro la prima settimana di settembre, questo era salito a 92 cluster; la settimana successiva il totale dei cluster ha raggiunto 102. La settimana fino al 20 settembre – due giorni prima che l’inversione di politica di Boris Johnson richiedesse agli impiegati di tornare a lavorare da casa – ha visto un record di 141 cluster di posti di lavoro.

Il cambiamento di politica è avvenuto dopo che il livello di allerta Covid-19 è salito a 4 il 21 settembre , il che significa che la trasmissione è “alta o in aumento esponenziale”.

È stato solo dopo il 10 agosto 2020 – quando il tracciamento dei contatti PHE ha iniziato a registrare i dettagli sui luoghi in cui le persone erano state e sulle attività svolte nei giorni prima di ammalarsi – che sono diventate visibili le prime prove del possibile contributo sul posto di lavoro a questo aumento.

Un’analisi di Hazards rivelata per il periodo dal 10 agosto al 24 settembre 2020 “ Eventi di lavoro e istruzione ” – entrambe le aree in cui sono previsti requisiti legali per l’ambiente per essere “ Covid-secure ” – era in cima alla lista delle attività prima che qualcuno risultasse positivo, identificato da oltre 25.000 persone. Nient’altro si è avvicinato.

 

“Viaggio e pendolarismo” – le attività più comunemente legate alla corsa scolastica o al lavoro – non erano incluse nel gruppo “lavoro e istruzione”.

PHE ha detto che mentre le cifre “non possono dire con certezza se è qui che qualcuno ha contratto l’infezione, le informazioni potrebbero essere utili per indicare possibili luoghi in cui si sta verificando la trasmissione”.

Ottenere una misura reale della reale portata del problema sul posto di lavoro era impossibile. Il sistema principale progettato per identificare i casi sul posto di lavoro stava fallendo gravemente.

Covida confusione

Le regole RIDDOR dell’Health and Safety Executive – le norme che richiedono la segnalazione di infortuni sul lavoro, eventi pericolosi e malattie come Covid-19 – mancavano di migliaia di casi.

Il professor Raymond Agius del Center for Occupational and Environmental Health dell’Università di Manchester, in un documento di medicina del lavoro (1) pubblicato il 21 settembre 2020, ha avvertito che la guida RIDDOR di HSE su Covid “esclude i rapporti dalle professioni in cui i dipendenti lavorano con il pubblico in generale al contrario a persone note per essere infette ”(vedi: Molte migliaia di casi di lavoro Covid-19 non denunciati ).

Il professore ha osservato: “Le prove disponibili suggeriscono che potrebbe non essere riuscito a catturare molte migliaia di casi di malattia Covid-19 legati al lavoro e centinaia di decessi”.

Il database di HSE mostra che ha registrato “9.786 notifiche di malattia di Covid-19 nei lavoratori in cui si sospetta un’esposizione professionale … nel periodo dal 10 aprile al 19 settembre, comprese 152 notifiche di morte”.

La settimana fino al 19 settembre ha visto 228 casi di Covid-19 segnalati all’HSE. Quella stessa settimana il PHE, in una cifra che non includeva i cluster legati al lavoro in ospedali, case di cura, carceri, strutture ricettive o educative, ha registrato 141 cluster in “ambienti di lavoro”.

Con un cluster definito come due o più casi, la cifra dei casi parziali sul posto di lavoro di PHE indicava che c’erano almeno 282 casi, 54 casi più positivi in ​​una sola settimana o il 24% in più.

Ma i gruppi di lavoro possono coinvolgere dozzine e talvolta diverse centinaia di casi, suggerendo che la stima del professor Agius di “migliaia” di casi di lavoro persi potrebbe essere significativamente inferiore al punteggio reale.

A malapena VISIBILE   L’Health and Safety Executive (HSE) ha registrato solo 18 “notifiche” Covid-19 e nessun decesso Covid nei lavoratori edili, uno dei gruppi professionali con un tasso di mortalità significativamente elevato, secondo l’Office for National Statistics.

In alcuni settori non sono mancati casi Covid sul posto di lavoro. Sono caduti vittime di un gioco di prestigio statistico, con la colpa spostata dal posto di lavoro ai lavoratori e al loro comportamento al di fuori del lavoro.

Le implicazioni erano gravi. Morti non dichiarata , (2) una 23 settembre 2020 RELAZIONE DELLA investimenti etici consulenza Pirc, ha concluso Covid-19 infezioni in fabbriche di prodotti alimentari potrebbe essere più di 30 volte superiore a quello segnalato. L’indagine di Pirc ha rilevato che solo 47 notifiche di infezioni da Covid-19 sul posto di lavoro – e nessun decesso – erano state segnalate all’HSE da aziende di produzione alimentare che impiegano 430.000 persone nel Regno Unito.

Pirc ha calcolato che ci sono stati almeno 1.461 infezioni e sei decessi solo in questo settore, con il vero bilancio probabilmente anche più alto. La società di consulenza di ricerca ha affermato che la discrepanza era in parte dovuta a una scappatoia che lasciava alle aziende il compito di determinare se i dipendenti fossero infetti sul lavoro o altrove, quando inviano i rapporti RIDDOR all’HSE. Ha anche criticato “il mito della trasmissione comunitaria” di quelli che erano realmente casi legati al lavoro.

Trasmissione in sala riunioni

HSE, autorità locali e agenzie sanitarie pubbliche sono state tutte colpevoli. Quando i cluster sono stati in gran parte limitati ai lavoratori di una particolare azienda, sia le agenzie di sanità pubblica che l’HSE hanno utilizzato in coro la “trasmissione di comunità”, spesso collaborando a dichiarazioni che assolvono esplicitamente le aziende dalla responsabilità ( Rischi 150 ). Sono stati invece incolpati i veicoli condivisi, che lavoravano da malati, non riuscivano a isolarsi da soli e gli alloggi affollati.

Ma anche dove questo è il caso, raramente è il risultato di decisioni sbagliate da parte di lavoratori incauti. È l’inevitabile conseguenza dei bassi salari e dell’assenza di malattia aziendale. Delle decisioni in sala riunioni.

10 settembre Relazioni 2020 del TUC, paga Malato e del debito , (3) ha osservato: “Oltre 4-in-10 lavoratori (43 per cento) ci ha detto che avrebbero dovuto andare in debito o no pagare le fatture se il loro reddito è sceso fino a £ 96 a settimana per due settimane “, il tasso di indennità di malattia legale (SSP). Ha aggiunto “quasi un quarto (23%) dei lavoratori riceve solo SSP di base se non lavora per malattia … con il 9% che ci dice di non ricevere nulla”. Significa che una grande fetta della forza lavoro non può permettersi di essere una statistica.

La specialista del lavoro di Pirc, Alice Martin, ha detto che la sua indagine ha mostrato che i dati del Covid-19 offerti volontariamente all’HSE dalle aziende – che possono essere multati per condizioni di sicurezza sul lavoro o per mancata segnalazione di casi – “mancano di credibilità”.

Covideluso

HSE durante la crisi Covid ha assunto una visione diversa, più ottimista, dell’andamento delle imprese.

“Il quadro attuale è che la stragrande maggioranza dei luoghi di lavoro sta facendo del suo meglio per essere protetta da Covid”, ha dichiarato HSE a Hazards in una dichiarazione del 7 agosto 2020. “Questo non solo è rafforzato da un maggior numero di luoghi di lavoro che contattiamo tramite le nostre ispezioni in loco, o con altri mezzi, essendo effettivamente protetti da Covid, ma notiamo anche dall’analisi di salute pubblica che pochissimi dei focolai locali che stiamo vedendo sembra che stia iniziando a lavorare. “

I lavoratori non condividono la fiducia di HSE nella “stragrande maggioranza” delle imprese. I risultati di un sondaggio TUC , pubblicato il 12 settembre, hanno rivelato che meno della metà dei dipendenti (46%) afferma che i propri luoghi di lavoro hanno introdotto un allontanamento sociale sicuro. L’indagine ha anche rivelato che meno di due quinti (38%) dei lavoratori afferma di sapere che i propri datori di lavoro hanno effettuato valutazioni del rischio Covid-secure, un requisito legale. Solo quattro su 10 (42%) riferiscono di aver ricevuto DPI adeguati.

Una settimana prima che TUC pubblicasse i risultati del sondaggio, Matt Hancock ha insistito che la “stragrande maggioranza” dei luoghi di lavoro fosse protetta da Covid . Il segretario alla salute ha detto a LBC Radio: “Sosteniamo le persone che tornano al lavoro. È sicuro tornare nei luoghi di lavoro protetti da Covid. ” Il segretario generale del TUC Frances O’Grady ha commentato: “Invece di tentare di convincere le persone a rientrare negli uffici, i ministri dovrebbero modificare la legge per richiedere a tutti i datori di lavoro di pubblicare le proprie valutazioni dei rischi e assicurarsi che i luoghi di lavoro siano sicuri”.

In aria

Esiste una sconfortante disconnessione tra le prove che i luoghi di lavoro forniscono una delle principali opportunità di trasmissione del coronavirus e basse stime ufficiali sia da HSE che da PHE dei tassi di infezione nei luoghi di lavoro.

Ora sembra che la prontezza delle agenzie sanitarie pubbliche a liberare i luoghi di lavoro dalla responsabilità per le infezioni che colpiscono a volte diverse centinaia di membri del loro personale possa essere stata basata su un malinteso delle vie di trasmissione.

La strategia di prevenzione Covid-19 del governo britannico si basa sul presupposto che la malattia viene trasmessa tramite il contatto ravvicinato con goccioline caricate da virus più grandi e non una nuvola di particelle sospese nell’aria più piccole e disperse che possono rimanere sospese nell’aria per ore. Questo rispecchia la linea dell’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) . (4)

Di conseguenza, i lavoratori dell’assistenza sanitaria e sociale erano prevalentemente quelli riconosciuti come esposti a un rischio professionale potenzialmente elevato di infezione. Ma l’OMS sta diventando un’anomalia, criticata dai massimi esperti e incapace di spiegare perché le industrie al di fuori delle occupazioni assistenziali siano state colpite da gravi epidemie e alti tassi di mortalità.

WHO DUNNIT    L’Organizzazione Mondiale della Sanità ha ammesso che la sua guida sui dispositivi di protezione individuale era deliberatamente lassista, perché era preoccupata per la disponibilità dei materiali corretti. Ciò ha spinto la professoressa Raina Macintyre sui rischi biologici a commentare: “La guida dovrebbe essere basata sulle prove, non sui rifornimenti”. (vedi: L’ OMS ha esortato ad agire sui grandi rischi aerei Covid-19 ).

Il 30 settembre 2020, con una mossa copiata una settimana dopo dai Centers for Disease Control (CDC) del governo degli Stati Uniti, PHE ha cambiato rotta. La nuova guida PHE per l’Inghilterra (5) ha osservato: “La trasmissione per via aerea può verificarsi anche in spazi interni scarsamente ventilati, in particolare se le persone sono nella stessa stanza insieme per un lungo periodo di tempo”.

Spazi come uffici, scuole, fabbriche, impianti di lavorazione della carne e cabine di veicoli.

Un rapporto HSE interno del 30 settembre 2020 ottenuto da Hazards rivela nella settimana fino al 21 settembre che ci sono stati 175 nuovi focolai nei luoghi di lavoro forzati HSE. Quattro erano nel settore sanitario e sociale. Ma 60 erano nella produzione alimentare, 18 in altre manifatture, sei nell’edilizia e cinque nei rifiuti e nel riciclaggio.

Gli ultimi dati ufficiali sulla morte del Covid-19 forniscono un’indicazione di quanto possa essere devastante la trasmissione aerea. Una ripartizione dell’Ufficio per le statistiche nazionali (ONS) (6) pubblicata il 22 settembre 2020 ha confermato che gli alti tassi di mortalità Covid-19 nei lavori sanitari e assistenziali si osservano anche in alcuni lavori del settore dei servizi e mestieri manuali.

BOO HOO L’   aumento dei tassi di infezione a Leicester l’ha vista diventare la prima città rinchiusa il 29 giugno 2020. Molti dei lavoratori nel distretto dell’abbigliamento di Leicester avevano salari illegalmente bassi e sono stati costretti a lavorare in fabbriche affollate anche quando sono malati . Tra ottobre 2017 e agosto 2020, i registri HSE rivelano che c’erano state solo 58 ispezioni da parte del regolatore delle oltre 1.000 fabbriche di fast fashion in città e nessuna azione penale.

Nelle cifre per l’Inghilterra e il Galles per il periodo fino al 30 giugno, ONS ha osservato: “Tra gli uomini, quattro dei nove principali gruppi di occupazione (elementare; assistenza, tempo libero e servizi personali; operatori di processo, impianti e macchine; e mestieri qualificati) avevano tassi di morte statisticamente significativamente più alti che coinvolgono Covid-19 sia prima che durante il blocco … “

Per le donne, “la cura, il tempo libero e altri servizi hanno anche avuto un tasso di morte statisticamente significativo più alto che coinvolge Covid-19”.

Ciò è paragonabile all’osservazione di HSE che “più di tre quarti” dei rapporti RIDDOR “sono per i lavoratori del settore sanitario e sociale (inclusi, ad esempio, ospedali, case residenziali e asili nido).

Fino al 30 giugno, l’ ONS aveva registrato 5.330 decessi da Covid-19 tra adulti in età lavorativa in Inghilterra e Galles.

Nel periodo molto più lungo fino al 19 settembre 2020 e per tutta la Gran Bretagna, l’ HSE ha registrato appena 152 morti . Le tabelle dei dati RIDDOR di HSE includono solo tre decessi nella produzione, due durante il trasporto e lo stoccaggio e uno nell’istruzione.

Secondo HSE, non ci sono stati decessi legati al lavoro per Covid-19 in agricoltura, silvicoltura e pesca, estrazione mineraria e cava, commercio all’ingrosso e al dettaglio o edilizia. HSE ha registrato non più di cinque decessi in qualsiasi settore diverso da “attività di assistenza sanitaria e sociale”, dove si sono verificati 7.746 casi e 120 decessi.

ONS, al contrario, ha mostrato che mentre i tassi di morte sono alti in questi lavori di cura, sono inferiori al totale combinato per gli altri settori del lavoro con tassi elevati.

Errori elementari

Per le “occupazioni elementari” – precedentemente denominate lavori “non qualificati” a bassa retribuzione – prima del blocco, i tassi di morte superavano quelli nelle strutture sanitarie e assistenziali e si avvicinavano dopo.

Non tutte le morti per Covid-19 in persone in età lavorativa sono attribuibili al lavoro. È tuttavia impensabile che, con circa il 40% delle infezioni registrate da PHE che si sono verificate in persone che in precedenza indicavano la loro esposizione potrebbe essersi verificata durante un “ evento lavorativo o educativo ”, solo una piccola frazione dell’1% dei decessi in età lavorativa potrebbe essere correlata lavorare.

L’HSE non è in grado di registrare migliaia di casi di Covid-19 nei lavoratori. HSE ha fallito i lavoratori. E la politica del governo esplicita è la ragione per cui.

ANDARE INDIETRO Le   ispezioni e le azioni di controllo da parte del regolatore per la sicurezza sul posto di lavoro affamato di risorse HSE sono precipitate da quando il conservatore si è trasferito al numero 10 un decennio fa.

Boris Johnson, stabilendo nuove restrizioni Covid, ha dichiarato ai Commons il 22 settembre 2020 che il Regno Unito aveva raggiunto “un pericoloso punto di svolta”. Ha detto “chiediamo ancora una volta agli impiegati che possono lavorare da casa di farlo. Nei servizi pubblici chiave – e in tutte le professioni in cui non è possibile lavorare a casa, come l’edilizia o la vendita al dettaglio – le persone dovrebbero continuare a frequentare i loro luoghi di lavoro “.

Giustificando le nuove restrizioni limitate sul posto di lavoro, il ministro del Gabinetto Michael Gove ha affermato che ciò era dovuto al fatto che “i luoghi di lavoro sono ora più sicuri”. I commenti di Gove sono arrivati ​​quando le epidemie sul posto di lavoro hanno raggiunto un livello record.

Il segretario generale del TUC Frances O’Grady non è rimasto impressionato. “Con l’aumento delle infezioni, il governo deve controllare i test, le tracce e la sicurezza sul lavoro”, ha detto. “I lavoratori ci dicono ancora che i datori di lavoro non stanno imponendo le distanze sociali o fornendo DPI per tenerli al sicuro. I ministri devono imporre alle società un obbligo legale di pubblicare le proprie valutazioni del rischio. Se non affrontiamo la crisi della sanità pubblica, non saremo in grado di affrontare quella economica “.

Il governo ha ricevuto molti avvertimenti che era necessario intervenire per evitare una crisi Covid sul posto di lavoro e l’incapacità di un HSE zoppicante di rispondere.

DI CHI COLPA? Penali più elevate e nuovo denaro per far rispettare le regole di distanziamento sociale significheranno “saremo sorvegliati fino ai cancelli della fabbrica”, mentre il controllo sul posto di lavoro rimane logoro. [ vedi: saremo “sorvegliati fino ai cancelli della fabbrica” ].

In un BMJ Rapid Response pubblicato l’11 luglio 2020, il professore di salute sul lavoro dell’università di Stirling Andrew Watterson ha affermato: “L’HSE è stato indebolito in termini di politica, ispezioni, applicazione e personale nel corso di decenni di tagli e, per molti aspetti, è scomparso durante il pandemia.”

Il professor Watterson ha aggiunto: “La prevenzione di future pandemie richiederà anche una retribuzione per malattia sul posto di lavoro e programmi di sostegno molto migliori, nonché azioni urgenti su salari bassi, orari prolungati, lavoro notturno e condizioni di benessere”.

Un briefing Covid-19 e una carta sulla sicurezza sul lavoro (7), pubblicato dal gruppo di consulenti scientifici indipendenti I-Sage il 28 agosto 2020, chiedeva che tutti i luoghi di lavoro fossero “certificati” sicuri prima del ritorno dei dipendenti. Ha aggiunto che le ispezioni sul posto di lavoro senza preavviso dovrebbero essere aumentate per garantire che i datori di lavoro continuino a seguire le regole.

Stephen Reicher , membro di I-Sage , professore di psicologia sociale presso la St Andrew’s University, ha dichiarato: “Abbiamo visto come le cattive condizioni di lavoro e la pressione sui dipendenti perché si rechino a lavorare in caso di malessere abbiano contribuito a focolai di infezione che hanno poi colpito intere comunità. ” Ha aggiunto che la supervisione di HSE è stata “in gran parte smantellata” negli ultimi dieci anni.

“È abbastanza chiaro che procedure rigorose per garantire la sicurezza sul lavoro devono essere centrali per qualsiasi strategia pandemica globale”, ha affermato. “Eppure il governo ha rinunciato alla responsabilità per questo, semplicemente dicendo ai datori di lavoro di rendere sicuri i luoghi di lavoro ma senza alcun supporto o procedura per assicurarsi che ciò accada.

“Semplicemente non puoi combattere il Covid-19 su un desiderio e una preghiera.”

Luoghi di lavoro senza legge

L’HSE è stata gravemente danneggiata da un decennio di tagli del governo, amplificati da un ritiro imposto dal governo dal suo ruolo di applicazione . HSE ha intrapreso 33.000 nel 2009/10, l’anno prima che i conservatori salissero al potere ( Rischi 120 ). I risultati di un feedom Unite di richieste di informazioni all’HSE, pubblicato il 3 luglio 2020, hanno rivelato che questo era sceso a soli 6.381 nel 2019/20, un quinto del numero nel 2009/10.

Il finanziamento di HSE è stato di 239,4 milioni di sterline nel 2009/10. Nel 2019/20 il contributo del governo era sceso a £ 129,4, secondo l’ultimo piano aziendale di HSE . L’autorità di regolamentazione ha dovuto fare affidamento su consulenze e commissioni generatrici di cassa per bilanciare i conti, ma il suo budget complessivo di 226 milioni di sterline è ancora di 13 milioni di sterline rispetto alla cifra del 2009/10.

Il 14 settembre 2020, Mike Clancy, segretario generale di Prospect , il sindacato che rappresenta gli ispettori HSE, ha avvertito che il numero degli ispettori è ora inferiore al numero dei parlamentari. Attualmente ci sono solo 390 ispettori di grado principale equivalenti a tempo pieno per tutto il Regno Unito continentale. Clancy, il cui sindacato sta conducendo una campagna per un HSE interamente finanziato , ha detto che le ispezioni in loco promesse dal primo ministro per il Covid-19 sono state un “frutto della sua immaginazione” perché l’organizzazione non ha la capacità di svolgere il lavoro.

Il 1 ° agosto 2020, l’ ex ministro della sicurezza Tory Sarah Newton è stata nominata dal governo come nuovo presidente dell’HSE. Janet Newsham, presidente della National Hazards Campaign, ha affermato che la mossa ha confermato una deriva verso la “cattura” politica dell’HSE.

“Il partito Tory ha fatto morire di fame e sterilizzato l’HSE negli ultimi dieci anni, e Sarah Newton come ex ministro della sicurezza e parlamentare è complice di questo disastro. Queste non sono mani sicure “, ha detto.

La pandemia ha messo a nudo un sistema normativo in disordine. Oggi, HSE non può nemmeno contare i corpi.

Ma per questo governo, a quanto pare, i corpi sempre più non contano.

Riferimenti selezionati

1. RM Agius. COVID-19: mezzi statutari di controllo delle morti e delle malattie dei lavoratori , medicina del lavoro, 21 settembre 2020.
2. Morti non dichiarate. Un briefing di settore PIRC: produzione alimentare , settembre 2020.
3. Morti non dichiarate. Un briefing di settore PIRC: produzione alimentare , settembre 2020.
4. Chi lo sapeva. How the World Health Organization (WHO) Became a Dangerous Interloper on Workplace Health and Safety and COVID-19 , New Solutions, first published 8 October 2020. https://doi.org/10.1177/1048291120961337
5. COVID-19: epidemiologia, virologia e caratteristiche cliniche, linee guida PHE , aggiornato il 30 settembre 2020.
6. Morti correlate al coronavirus (COVID-19) per occupazione, prima e durante il blocco, Inghilterra e Galles: decessi registrati tra il 9 marzo e il 30 giugno 2020 , ONS, 22 settembre 2020.
7. La Carta COVID-19 sul posto di lavoro sicuro e il documento informativo sulla fine dei blocchi del lavoro in GB, I-Sage, 28 agosto 2020. Canale YouTube indipendente di Sage . www.independentsage.org

Risorse

Pagine web pericoli di infezioni .
Database TUC in crowdsourcing di aziende che hanno pubblicato la loro valutazione del rischio Covid-secure , in conformità con le linee guida governative. È possibile visualizzare le valutazioni del rischio identificate finora su covidsecurecheck.uk .

 29 total views,  2 views today