Vai al contenuto

Spagna: sempre più cronica, diversa e femminile: questa è la povertà in tempi di ripresa

FONTE EQUALTIMES.ORG CHE RINGRAZIAMO

Il profilo tradizionale della povertà è cambiato, sta diventando sempre più vario. Al giorno d'oggi, puoi essere un laureato ed essere povero. Puoi avere un lavoro (anche due) ed essere ancora in grado di pagare le bollette del riscaldamento.(Roberto Martín)

traduzione assistita da Google dalla versione francese.

Il profilo tradizionale della povertà è cambiato, sta diventando sempre più vario. Al giorno d'oggi, puoi essere un laureato ed essere povero. Puoi avere un lavoro (anche due) ed essere ancora in grado di pagare le bollette del riscaldamento.

(Roberto Martín)

In Spagna nessuno sta morendo di fame " , Joaquin Jiménez è stato spesso criticato. E lui, che presiede la banca del cibo della Costa del Sol, non può che dimostrarli nel modo giusto. È vero che in Spagna c'è qualcosa da mangiare.

Il problema, come sa Joaquin, è che in alcuni casi mangiamo poco, mangiamo male o mangiamo sempre la stessa cosa ogni giorno. Quasi mezzo milione di famiglie spagnolenon hanno abbastanza cibo da mangiare e quando lo fanno, è perché hanno rinunciato a tutto il resto: per pagare la bolletta dell'elettricità, mutuo o farmaci per l'asma.

Assistiamo assiduamente oltre 45.000 persone, quasi il doppio rispetto a dieci anni fa " ,afferma il presidente. Anche se la Commissione europea risolverà la crisi economica , in questo magazzino di Malaga i pallet carichi di barattoli di ceci continuano ad accumularsi giorno dopo giorno.

In termini generali, la povertà è stata ridotta, almeno secondo l'ultimo rapporto della Banca Mondiale : il 36% della popolazione in condizioni di estrema povertà (meno di US $ 1,90 o € 1,67 al giorno) ), siamo andati al 10%. Si stima che la povertà estrema colpisca attualmente 736 milioni di persone, il tasso più basso da quando questo indicatore è aumentato. Questa tabella è, tuttavia, incompleta.

Questa percentuale prende in considerazione solo l'aspetto economico, il reddito. Questa è una misura inaccurata ", afferma Raul Flores, sociologo della Caritas Española. Secondo l'esperto, per avere un'idea più precisa di chi è nel bisogno, " dovremmo includere altre dimensioni come la qualità dell'occupazione, la partecipazione sociale e politica, l'istruzione, l'alloggio e l'alloggio. salute ".

Soprattutto perché il profilo tradizionale della povertà è cambiato e diventa sempre più vario. Ora è possibile essere laureati e poveri (ad esempio: il 13,8% dei poveri in Spagna è laureato). Puoi avere un lavoro (a volte due) e non avere abbastanza da pagare per il riscaldamento.

Nuovi poveri e poveri per sempre

Nei peggiori anni della crisi, le misure di disoccupazione e austerità hanno spinto migliaia di famiglie ordinarie alla soglia dell'esclusione. Nella sola Europa, la classe media si è ridotta del 2,3% . Per la prima volta, la povertà ha cessato di essere associata alla marginalità. Lei può toccare chiunque.

Attualmente, il 23,5% della popolazione dell'UE ( 118 milioni di persone ) rimane a rischio. Questa cifra è leggermente migliorata dal 2012, ma il saldo rimane precario. " Queste sono persone che, pur integrate, hanno aspetti molto vulnerabili. Finché tutto andrà bene, non ci saranno problemi, ma se dovesse verificarsi una nuova crisi, molti di loro passerebbero alla zona di esclusione ", avverte Flores.

Nel bel mezzo di una fase di " ripresa ", mentre gli indicatori macroeconomici sono in aumento e l' OCSE annuncia una crescita del PIL globale del 4%, molti rimangono a metà strada tra povertà e condizioni di vita precarie. E anche il lavoro non è più una garanzia per uscirne.

La deregolamentazione del mercato del lavoro ha comportato una legione di contratti part-time, impiegati senza orari fissi e falsi lavoratori autonomi. I cosiddetti " lavoratori poveri ". Dall'8% della forza lavoro attiva nell'UE nel 2008, ora raggiungono il 9,6% . E come avverte l'Organizzazione internazionale del lavoro (OIL), il loro numero continuerà a crescere.

"Il lavoro è diventato un ulteriore fattore di esclusione, cosa che non avveniva in passato. Lavoriamo sempre più ore per meno soldi, con conseguente ulteriore deterioramento nelle famiglie, soprattutto in termini di attenzione ai minori "avviso Begoña Pérez, professore di lavoro sociale presso l'Università di Navarra.

Nonostante questo, le classi medie non sono le peggiori. Non sono i nuovi poveri, ma i poveri che hanno sempre visto le loro condizioni di vita deteriorarsi a causa della crisi. A maggior ragione in paesi come Grecia, Irlanda e Spagna, tra gli altri.

Nel caso della Spagna, il numero di persone che vivono in estrema povertà (coloro che vivono con meno di 355 euro al mese) è andato aumentando di anno in anno, raggiungendo 3,2 milioni. " Questa è la povertà cronica, che è mantenuto generazione dopo generazione e che è estremamente difficile da sradicare ", ammette Juan Reyes, la Rete europea contro la povertà (EAPN).

Una cosa che sia la nuova povertà sia la povertà tradizionale hanno in comune è che entrambi sono sempre più un volto femminile. Una donna con una casa ha il 25% di possibilità in più rispetto a un uomo di cadere nell'esclusione.

Povertà e senso di colpa

Per Susana Martín, chef di cucina a Malaga, essere poveri significa vivere di giorno in giorno, avere dieci euro oggi e non sapere se ci sarà abbastanza colazione. " Lo facciamo, ma quando non ne abbiamo abbastanza per un cartone, è molto difficile. Lei sa cosa è perché lo sta vivendo da anni.

Ora, grazie alle ONG Prodiversa, ha un lavoro in cui riesce a mantenere se stessa e suo marito - operaio edile disoccupato - ei loro tre figli. Nonostante molti vincoli, Susana riesce comunque a confessare in ritardo, ma la paura.

Sebbene la situazione stia migliorando, ci sono alcuni stati psicologici che non cambiano ", afferma Angela Paris, psicologa Prodiversa. "La povertà causa uno stress costante, che porta a problemi di salute fisica e mentale, ansia e mancanza di fiducia nelle proprie capacità. "

La paura di Susana è più comune di quanto si possa immaginare, insieme alla frustrazione, alla sensazione di inutilità, persino di colpa. Soprattutto in questi giorni, in mezzo all'euforia della ripresa, è la società stessa che continua a puntare il dito accusatore verso i poveri, rimproverandoli per non aver voluto uscirne.

Questo è quello che è emerso da uno studio nel Regno Unito nel 2015: "Le nostre percezioni dei poveri rimangono estremamente negative. Partono dall'idea comune che la povertà è il risultato dei propri errori personali. E ritenendoli gli unici responsabili, dimentichiamo le cause strutturali della loro situazione, come la disuguaglianza. Dimentichiamo che, allo stesso tempo in cui la grave povertà sta diventando cronica, la ricchezza dei ricchi del mondo ha appena superato i 70 trilioni di dollari.

Più della povertà, il vero problema si trova nella ricchezza estrema " , insiste l'economista Luis Molina. "Il 50% della ricchezza si concentra nelle mani dell'1% della popolazione mondiale. Il che significa che catturano una grande percentuale del reddito degli altri. Evitare i poveri senza tener conto della situazione dei migliori non ha senso. "

Obiettivo 2030

Questo sembrava essere un obiettivo praticabile quando i leader mondiali l'hanno adottato nel 2015: ridurre di almeno la metà la percentuale di uomini, donne e bambini che vivono in povertà e sradicare la povertà estrema entro il 2030. Ma a tredici anni anni dalla scadenza, anche la Banca Mondiale è in grado di prevedere che il modo in cui andiamo, non ci riuscirà.

È difficile, manca un impegno chiaro. Abbiamo bisogno di politiche concrete in modo da non lasciare un pio desiderio " , ha affermato Daniel Garcia, portavoce dell'ONG Movimiento Cuarto Mundo. Le proposte sono sul tavolo da anni: come facilitare l'accesso all'alloggio o punire il lavoro precario. Secondo l'OIL, " senza un lavoro dignitoso, non sarà possibile ridurre la povertà in modo sostenibile ".

Inoltre, come sottolinea il collega Reyes della rete EAPN, " abbiamo bisogno di un sistema fiscale equo e combattiamo l'evasione fiscale ". Solo in questo modo, dice, riusciremo a stabilizzare una ripresa che, per ora, continua a vacillare.

In ogni caso, rimangono tredici anni per ripensare ciò che comprendiamo per povertà, cosa significa essere poveri, oltre $ 1,90 al giorno. In questo senso, Santiago Alvarez, dottore in economia e direttore di FUHEM Ecosocial, propone di smettere di parlare della povertà per un momento e di parlare invece della " qualità della vita ". Un concetto che va oltre il livello del reddito e della ricchezza pecuniaria, che misura il diritto di vivere con dignità e non si limita esclusivamente alla sopravvivenza. " Questa costruzione soggettiva di crisi permanente significa che non aspiriamo a vivere bene, che ci rassegniamo al nostro destino. Ma cosa significa la gente in questo momento per una vita dignitosa? E quante volte abbiamo posto la domanda? ".

 

Questo articolo è stato tradotto dallo spagnolo.