Intersezione fra Covid-19 e salute mentale a cura di Marina Penasso

 

Fonte Dors.it che ringraziamo 

Il 6 ottobre 2020, l’OMS ha pubblicato i risultati di un sondaggio sull’impatto del COVID-19 sui servizi mentali, neurologici e di uso di sostanze (MNS) in 130 Stati membri dell’OMS, prima della Giornata mondiale della salute mentale del 10 ottobre. Dai risultati si evince che la maggior parte dei paesi sta subendo un’interruzione dei servizi MNS, con il maggiore impatto sui servizi di prevenzione e promozione basati sulla comunità. I motivi dell’interruzione includevano un numero insufficiente o il reimpiego di operatori sanitari per la risposta al COVID-19 (nel 30% dei paesi), l’uso di strutture per la salute mentale come strutture di quarantena o trattamento COVID-19 (nel 19% dei paesi) e fornitura insufficiente dei dispositivi di protezione individuale (nel 28% dei paesi). Sebbene 116 (89%) paesi abbiano riferito che la salute mentale e il supporto psicologico facevano parte dei loro piani di risposta COVID-19 nazionali, solo il 17% ha affermato di aver impegnato ulteriori finanziamenti per questo. Questo rapporto arriva sulla scia di prove crescenti che la pandemia COVID-19 sta avendo effetti enormi sulla salute mentale e sul benessere delle popolazioni di tutto il mondo. Con una capacità di risposta apparentemente bassa, non è chiaro come il mondo affronterà questa incombente crisi della salute mentale.

Esempi storici mostrano l’impatto dannoso che eventi come una pandemia possono avere sulla salute mentale delle popolazioni colpite. Ad esempio, la ricerca di comunità colpite da focolai di malattia da virus Ebola (EVD) ha rivelato panico e ansia diffusi, depressione derivante dalla morte improvvisa di amici, parenti e colleghi e stigmatizzazione ed esclusione sociale dei sopravvissuti. Una meta-analisi ha rilevato che l’umore depresso, l’ansia, la memoria alterata e l’insonnia erano presenti nel 33-42% dei pazienti ricoverati in ospedale per sindrome respiratoria e che in alcuni casi questi effetti continuavano oltre il recupero.

Nel caso del COVID-19, gli interventi non farmaceutici (NPI), sebbene essenziali per arrestare la trasmissione del virus, hanno portato all’isolamento fisico, alla chiusura delle scuole (con effetti incalcolabili sullo sviluppo e al benessere dei bambini) e pr alcuni alla perdita del lavoro. L’abuso di sostanze, in particolare l’alcol, è in aumento. Prove emergenti suggeriscono che COVID-19 potrebbe anche avere conseguenze neurologiche dirette. E come per molte altre caratteristiche di questa pandemia, non tutte le persone sono state colpite allo stesso modo. Le interruzioni dei servizi MNS, come riportato dall’OMS, stanno colpendo in modo sproporzionato le persone con condizioni di salute mentale negative preesistenti, limitando l’accesso ai trattamenti essenziali e ai servizi di supporto. Le persone con lavori salariati hanno molte meno probabilità di essere colpite rispetto a quelle con lavori informali salariati giornalieri, che includono una parte sostanziale della forza lavoro nei paesi a basso reddito. I lavoratori in prima linea stanno vivendo un aumento del carico di lavoro e dei traumi, rendendoli suscettibili a stress, burnout, depressione e disturbo da stress post-traumatico (PTSD).


Anche in circostanze normali, una buona salute mentale è fondamentale per il funzionamento della società. Durante una pandemia, tuttavia, può influire sul modo in cui rispondiamo e ci riprendiamo. Gli operatori sanitari sono essenziali per la risposta COVID-19 ma potrebbero dover lasciare la forza lavoro se la loro salute mentale non è protetta. La cattiva salute mentale può anche influenzare l’assorbimento di un vaccino e l’aderenza agli NPI, con alcune prove che suggeriscono che una cattiva salute mentale potrebbe aumentare la suscettibilità alle infezioni e alla trasmissione del virus. Ad esempio, uno studio in Sierra Leone ha scoperto che i comportamenti a rischio di EVD erano associati all’intensità dei sintomi della depressione, ai sintomi del PTSD e all’esposizione alla guerra. Le persone con demenza potrebbero essere ad alto rischio di esposizione a COVID-19 a causa della difficoltà nel ricordare le istruzioni e l’importanza del distanziamento fisico e dell’igiene delle mani. Il confinamento di persone con e senza malattie mentali negli istituti può aumentare il rischio di infezione, come testimoniato nelle strutture di assistenza a lungo termine e nelle carceri.


Anche prima del COVID-19, le condizioni di salute mentale erano prevalenti, rappresentando circa il 13% del carico globale di malattia. Tuttavia, il mondo era tristemente impreparato ad affrontare l’impatto sulla salute mentale di questa pandemia. Anni di investimenti insufficienti nella salute mentale, soprattutto nei paesi a basso e medio reddito, ci hanno resi vulnerabili. È noto che la nostra capacità di rispondere e riprenderci dalla pandemia COVID-19 richiederà lo sviluppo di vaccini e trattamenti efficaci e una stretta aderenza agli NPI. Meno noto è che per ridurre al minimo l’impatto della pandemia, dobbiamo anche affrontare le sostanziali esigenze di salute mentale non soddisfatte di intere società, con un focus sui più vulnerabili.
Il 6 ottobre 2020, l’OMS ha pubblicato i risultati di un sondaggio sull’impatto del COVID-19 sui servizi mentali, neurologici e di uso di sostanze (MNS) in 130 Stati membri dell’OMS, prima della Giornata mondiale della salute mentale il 10 ottobre. ha rivelato che la maggior parte dei paesi sta subendo un’interruzione dei servizi MNS, con il maggiore impatto sui servizi di prevenzione e promozione basati sulla comunità. I motivi dell’interruzione includevano un numero insufficiente o il reimpiego di operatori sanitari per la risposta COVID-19 (nel 30% dei paesi), l’uso di strutture per la salute mentale come strutture di quarantena o trattamento COVID-19 (nel 19% dei paesi) e fornitura insufficiente dei dispositivi di protezione individuale (nel 28% dei paesi). Sebbene 116 (89%) paesi abbiano riferito che la salute mentale e il supporto psicologico facevano parte dei loro piani di risposta COVID-19 nazionali, solo il 17% ha affermato di aver impegnato ulteriori finanziamenti per questo. Questo rapporto arriva sulla scia di prove crescenti che la pandemia COVID-19 sta avendo effetti monumentali sulla salute mentale e sul benessere delle popolazioni di tutto il mondo. Con una capacità di risposta apparentemente bassa, non è chiaro come il mondo affronterà questa incombente crisi della salute mentale.


Esempi storici mostrano l’impatto dannoso che eventi come una pandemia possono avere sulla salute mentale delle popolazioni colpite. Ad esempio, la ricerca di comunità colpite da focolai di malattia da virus Ebola (EVD) ha rivelato panico e ansia diffusi, depressione derivante dalla morte improvvisa di amici, parenti e colleghi e stigmatizzazione ed esclusione sociale dei sopravvissuti. Una meta-analisi ha rilevato che l’umore depresso, l’ansia, la memoria alterata e l’insonnia erano presenti nel 33-42% dei pazienti ricoverati in ospedale per sindrome respiratoria acuta e che in alcuni casi questi effetti continuavano oltre il recupero.

 675 total views,  4 views today