Succede in Sri Lanka. I lavoratori dell’abbigliamento hanno sopportato dure misure di contenimento del Covid-19

20 ottobre 2020

 

 

Fonte Industrial-union 

 In Sri Lanka, i lavoratori dell’abbigliamento sono stati messi in quarantena dai militari nel cuore della notte, a seguito di un rapido aumento delle infezioni. I sindacati dicono che questo avrebbe potuto essere evitato istituendo i comitati sanitari raccomandati.

A partire dal 19 ottobre, il numero totale di casi di Covid-19 a Minuwangoda Brandix è salito a 2.122, inclusi più di mille lavoratori tessili Brandix Limited, i loro parenti e familiari.

Questo gruppo rappresenta quasi la metà del numero totale di casi di Covid nello Sri Lanka e ha fatto notizia a livello nazionale.

I sindacati sostengono che l’esercito, che gestisce i centri di quarantena Covid, sia entrato di notte nelle residenze dei lavoratori tessili, senza previa informazione, per chiedere loro di recarsi immediatamente nei centri di quarantena.

Anton Marcus, del sindacato dei dipendenti delle zone franche e dei servizi generali, ha dichiarato:

“Se le fabbriche avessero formato comitati sanitari come deciso dal gruppo di lavoro tripartito, questi problemi di salute sarebbero stati identificati prima e questa crisi avrebbe potuto essere evitata. È imperativo che i comitati sanitari siano immediatamente formati in ogni fabbrica di abbigliamento.

Le misure di quarantena forzata devono cessare e i lavoratori devono essere trattati con dignità. Chiediamo al governo di garantire la sicurezza del lavoro, il reddito garantito, nonché la salute e la sicurezza, assicurando anche che la crisi non danneggi il settore “.

Gli operai non hanno avuto il tempo di preparare e raccogliere le loro cose. Tutti sono stati portati insieme, senza seguire alcuna procedura di sicurezza come l’allontanamento sociale, in remoti centri di quarantena, senza avere la possibilità di far sapere a nessuno cosa stava succedendo.

L’assenza a livello del centro di quarantena di misure di sicurezza, servizi igienici di base, personale sanitario e accesso a una buona alimentazione fa presagire una maggiore possibilità di contagio tra i lavoratori in quarantena. I familiari delle persone in quarantena non hanno ricevuto alcuna informazione; anche i funzionari del governo locale non avevano informazioni.

Diverse fonti suggeriscono che i funzionari dell’azienda hanno insistito per mantenere la produzione per raggiungere gli obiettivi prefissati e non sono riusciti a fermare la crescente crisi sanitaria tra il personale.

Il segretario regionale di IndustriALL Apoorva Kaiwar ha dichiarato:

“Siamo profondamente preoccupati per queste severe misure di quarantena e il loro impatto sui lavoratori e sulle loro famiglie. Il governo dello Sri Lanka deve seguire gli standard internazionali stabiliti per controllare la pandemia rispettando i diritti dei pazienti. Il governo e il datore di lavoro devono riconoscere che la maggior parte dei pazienti nel gruppo Minuwangoda Brandix sono lavoratori e garantire che vengano applicate loro adeguate misure di sicurezza sanitaria “.

 

 257 total views,  6 views today