Le superficialità e gli errori della OMS rispetto alla valutazione dei rischi negli ambienti di lavoro

CHI LO SAPEVA? | La superficialità  dell’OMS sui rischi di contagio  da corona  nelle situazioni  lavorative rischia un disastro di livello mondiale 
FONTE HAZARDS MAGAZINE CHE RINGRAZIAMO . VEDI ANCHE LA VERSIONE ORIGINALE IN LINGUA INGLESE.
Chi avrebbe pensato che avremmo dovuto mettere un avvertimento sulla salute all’Organizzazione mondiale della sanità? L’ editore dei rischi Rory O’Neill ha scoperto che il consiglio “incredibilmente dannoso” dell’OMS sui rischi del Covid-19 sul posto di lavoro sta lasciando i lavoratori in pericolo di vita.

Domande e risposte: Suggerimenti per la salute e la sicurezza sul lavoro nel contesto del COVID-19 , pubblicato dall’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) il 26 giugno 2020, ha rivelato come l’agenzia delle Nazioni Unite dai piedi di piombo non abbia né la conoscenza né la capacità di consigliare sulle questioni di lavoro.

Ma questo non l’ha fermato per un momento. Le omissioni nella sua guida – in particolare nessuna menzione dell’ispezione e dell’applicazione del lavoro, e una mancanza di consapevolezza delle potenziali interazioni con altri rischi sul posto di lavoro e la necessità di una protezione più ampia dell’occupazione – hanno mostrato perché un’agenzia delle Nazioni Unite non lavorativa non dovrebbe essere leader sul posto di lavoro problema.

La guida dell’OMS contraddice una guida molto più protettiva pubblicata nel maggio 2020 dall’agenzia specializzata delle Nazioni Unite sul lavoro, l’Organizzazione internazionale del lavoro (ILO).

La domanda e risposta dell’OMS ripete le posizioni politiche elaborate nella sua guida provvisoria del 10 maggio 2020, Considerazioni per la salute pubblica e le misure sociali sul posto di lavoro nel contesto di COVID-19 ‘ . Questo documento ha ricevuto un’accoglienza ostile, definita “pericolosa” dalla Confederazione sindacale internazionale (ITUC) e dal Consiglio dei sindacati globali.

Rischio calcolato male

Il primo errore dell’OMS è un’affermazione ripetuta che “Covid-19 si diffonde principalmente attraverso goccioline respiratorie o contatto con superfici contaminate”. Ma all’inizio della pandemia sono state sollevate preoccupazioni sul fatto che i rischi di goccioline e contatti non fossero l’unica minaccia rappresentata da questo coronavirus.

Un documento pubblicato il 17 marzo 2020 sul New England Journal of Medicine ha rilevato la possibilità di una sua diffusione molto più estesa “poiché il virus può rimanere vitale e infettivo negli aerosol per ore e su superfici fino a giorni”.

PROBLEMA MASCHERATO   L’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) ha rifiutato di raccomandare i respiratori per la maggior parte degli operatori sanitari, chiedendo invece maschere mediche o chirurgiche molto meno protettive.

Le prove di un più ampio rischio di trasmissione per via aerea / aerosol, che mette i lavoratori in più posti di lavoro, più circostanze e a maggiori distanze a rischio, si sono accumulate rapidamente.

Un commento di Lancet del 1 giugno 2020 che accompagna una revisione commissionata dall’OMS che contraddiceva le raccomandazioni dell’OMS sugli elementi chiave del suo consiglio, inclusa la raccomandazione di un uso molto più ampio di respiratori da parte del personale sanitario, osserva: “Sia gli studi sperimentali che quelli ospedalieri hanno mostrato prove di trasmissione di aerosol di SARSCoV2 . “

Non era l’unico punto cieco dell’OMS. Un articolo dopo l’altro riportava che quelli infetti ma che non mostravano mai sintomi (asintomatici) o non mostravano ancora sintomi (presintomatici) erano una fonte significativa di infezioni.

L’OMS, tuttavia, ha continuato a sostenere che questa modalità di trasmissione fosse “molto rara”. Ha assunto, senza prove a sostegno, il Covid-19 si comportasse come suo cugino sindrome respiratoria acuta grave (SARS) e altri coronavirus.

CHI aveva sbagliato. Un documento del 17 giugno 2020 pubblicato sulla rivista Lancet Infectious Diseases ha indicato che il coronavirus che causa il Covid-19 – noto anche come SARS-CoV-2 – si diffonde molto più facilmente della SARS o della sindrome respiratoria del Medio Oriente (MERS), con “notevole infettività “Durante il periodo di incubazione. In un commento collegato, la dott.ssa Virginia Pitzer della Yale School of Public Health ha notato che “i risultati confermano l’importanza relativa della trasmissione presintomatica”.

Senza un uso più ampio del DPI corretto, individui apparentemente sani possono trasmettere il coronavirus nei luoghi di lavoro, ampiamente e senza controllo. La trasmissione di aerosol avviene perché il virus può riempire una stanza o viaggiare con un soffio. È solo CHI non può vederlo.

Trasmissione impossibile

Gli errori e le negazioni dell’OMS continuano a informare la sua guida sul posto di lavoro.

“Il rischio di esposizione al Covid-19 sul posto di lavoro dipende dalla probabilità di arrivare a meno di 1 metro dagli altri, dall’avere frequenti contatti fisici con persone che potrebbero essere infettate da Covid-19 e dal contatto con superfici e oggetti contaminati”, ha affermato nel Q&A del 26 giugno.

Solo che non è quello che dicono le prove. Una revisione di esperti per il governo del Regno Unito pubblicata il 23 giugno 2020 ha osservato: “Esistono prove che il rischio di trasmissione aumenta di 2-10 volte a 1 m rispetto a 2 m e il potenziale di occupazione maggiore a 1 m di distanza aumenterà anche il rischio se ci sono nessuna mitigazione. “

L’ agenzia specializzata delle Nazioni Unite sul posto di lavoro, ILO , che a differenza dell’OMS ha un’unità dedicata alla sicurezza sul lavoro e mantiene i contatti con datori di lavoro e sindacati, raccomanda 2 milioni.

Un commento della Stirling University del 22 giugno 2020 sulle prove sul distanziamento fisico ha rilevato gli argomenti per una regola di 1 m “non si accumulano”. Ha aggiunto: “La scienza per abbassare la distanza di 2 m … sembra essere limitata se non assente.”

È stato solo il 7 luglio 2020, dopo che una lettera aperta firmata da oltre 200 scienziati di tutto il mondo e pubblicata sulla rivista Clinical Infectious Diseases , ha esortato l’OMS a trasmettere per via aerea che l’OMS ha riconosciuto che questo potrebbe essere un problema. La sua guida sul posto di lavoro, tuttavia, rimane invariata.

Puntare in basso

L’OMS definisce i lavoratori nella sua categoria “a basso rischio” come quelli con “un contatto lavorativo minimo con il pubblico e altri colleghi. Esempi di tali lavori possono includere lavoratori remoti (ad es. Lavorare da casa), impiegati senza frequenti contatti ravvicinati con gli altri e lavoratori che forniscono teleservizi “.

I cluster di call center / contact center forniscono un controllo reale sull’ipotesi dell’OMS sui rischi dei colletti bianchi. Un sondaggio dell’Università di Strathclyde sui lavoratori dei call center del Regno Unito ha rilevato alti livelli di preoccupazione per i rischi di esposizione; Il 47,2 per cento “fortemente d’accordo” e il 30,7 per cento “d’accordo” con l’affermazione, “Penso che è probabile che prenderò il Covid-19”.

Sembra che le loro paure fossero fondate. Il 20 luglio, i funzionari sanitari hanno dichiarato che stavano indagando su un focolaio di coronavirus durante un test del NHS e un call center di tracciamento in Scozia. Sitel, che esegue la ricerca dei contatti per il NHS, ha detto di essere a conoscenza di un “focolaio locale” nel suo sito di Motherwell. Entro il 21 luglio era stato confermato che 15 lavoratori erano stati infettati. Dave Moxham, vice segretario generale della federazione sindacale nazionale scozzese STUC , ha affermato di aver sottolineato per mesi che call center e ambienti di ufficio simili presentano un alto rischio per la salute e la sicurezza di Covid. “Le dichiarazioni dei lavoratori di Sitel che suggeriscono che le distanze sociali non sono state mantenute durante le pause e negli spazi condivisi sono ovviamente una preoccupazione particolare”, ha detto.

Un grande cluster di call center in Corea ha interessato 94 dei 216 lavoratori su un piano (43,5%). Un rapporto dell’aprile 2020 sulla rivista Emerging Infectious Diseases ha osservato che “in modo allarmante”, l’epidemia “esemplifica la minaccia rappresentata da SARS-CoV-2 con la sua propensione a causare grandi epidemie tra le persone nei luoghi di lavoro d’ufficio”.

Sbagliato sui rischi

“Lavori o attività con contatti ravvicinati e frequenti con il pubblico in generale o altri” sono classificati come rischio medio dall’OMS, “dove una distanza fisica di almeno 1 metro può essere difficile da osservare, o attività che richiedono contatti ravvicinati e frequenti tra -lavoratori.” Esempi “possono includere lavoratori in prima linea nella vendita al dettaglio, consegne a domicilio, alloggio, edilizia, polizia e sicurezza, trasporti pubblici, acqua e servizi igienici”.

Tuttavia, i dati dell’Ufficio per le statistiche nazionali pubblicati il ​​26 giugno 2020, analizzando i decessi di Covid-19 in Inghilterra e Galles per occupazione fino al 25 maggio 2020, hanno rivelato tassi elevati di maschi in 17 occupazioni, inclusi tassisti e autisti (135 morti), guardie di sicurezza (107 morti) e autisti di autobus e pullman (54 morti).

Questi sono “rischio medio” nella classifica dell’OMS. Secondo ONS, negli uomini “è stato riscontrato che due principali gruppi di occupazioni hanno tassi di morte altrettanto elevati che coinvolgono Covid-19. Il primo era operaio elementare con 39,7 morti ogni 100.000 uomini (421 morti).

BRUSH OFF I pulitori sono uno dei lavori a più alto rischio del Regno Unito per Covid-19, secondo i dati ufficiali. La guida dell’OMS, tuttavia, non lo riconosce e li lascia in gran parte non protetti.

“Le occupazioni in questo gruppo includono coloro che svolgono attività per lo più di routine, come operai edili e addetti alle pulizie. La seconda era occupazioni di cura, tempo libero e altri servizi (39,6 decessi per 100.000 uomini o 160 decessi), che includono occupazioni come assistenti infermieristici, operatori sanitari e conducenti di ambulanze “.

Per le donne, un eccesso statisticamente significativo è stato riscontrato nelle “occupazioni di cura, tempo libero e altri servizi”, che hanno avuto un tasso di 15,4 morti ogni 100.000 donne, pari a 264 morti.

La stessa concentrazione di casi in determinate categorie di lavoro è stata osservata altrove, con nuove aggiunte man mano che i luoghi di lavoro riaprono e si sviluppano cluster, in particolare nella lavorazione della carne.

Uno studio sui modelli di infezione da Covid-19 legati al lavoro in Asia , scritto da esperti della TH Chan School of Public Health dell’Università di Harvard e pubblicato online il 19 maggio 2020, ha valutato i primi cinque posti di lavoro a rischio di infezione come operatori sanitari (operatori sanitari), conducenti e addetti ai trasporti, addetti ai servizi e alle vendite, addetti alle pulizie e domestici e addetti alla sicurezza pubblica.

Strategia ad alto rischio

Nella classifica dell’OMS, l’alto rischio è limitato a “lavori o attività a stretto contatto con persone che potrebbero avere maggiori probabilità di avere Covid-19, così come il contatto con oggetti e superfici possibilmente contaminati dal virus”.

I racconti della vita reale sono una storia diversa. Salari bassi, insicurezza del lavoro e un rapido ritorno al lavoro – annunciati dal primo ministro britannico Boris Johnson il 10 maggio 2020 , il giorno prima che l’ ONS identifichi per la prima volta ciò che i sindacati hanno descritto come i tassi di mortalità Covid-19 “ orribili ” nei lavori ordinari – hanno reso molte variabili luoghi di lavoro in prima linea sul coronavirus primario.

Il processo di andare e tornare dal lavoro su un pendolare affollato e spostarsi in un luogo di lavoro in cui il tuo collega potrebbe essere a poco più di un braccio di distanza, crea il potenziale per lunghe esposizioni a un numero elevato di persone – due principali fattori di rischio per l’infezione.

Le infezioni che si sono verificate negli stabilimenti di lavorazione della carne in Germania, Regno Unito, Stati Uniti e molti altri paesi che hanno colpito decine di migliaia, non erano il risultato di lavori che richiedevano ai lavoratori di incontrare persone note per essere infette nelle cure o in altri contesti, ma lavoratori inconsapevolmente o inevitabilmente – per paura di essere licenziati o di povertà – che portano il virus al lavoro. L’evidenza di sintomi nascosti o di individui presintomatici o asintomatici che entrano nel posto di lavoro è minimizzata o respinta dall’OMS.

CHI, cosa, come, perché?

L’OMS ignora la grande inclinazione della classe sociale nel rischio di coronavirus: in generale, più bassa è la tua classe sociale, maggiore è il tuo rischio .

Intere sezioni della forza lavoro potenzialmente a rischio a causa della discriminazione e della segregazione del lavoro – comprese le lavoratrici informali, insicure e donne, i lavoratori di etnia nera e minoritaria e i lavoratori migranti – sono invisibili nella valutazione del rischio dell’OMS.

Uno studio pubblicato il 10 giugno 2020 dal National Employment Law Project statunitense ha concluso: “I nostri risultati suggeriscono che la trasmissione del virus sul posto di lavoro può essere esacerbata dalla repressione del datore di lavoro e che l’impatto sproporzionato del Covid-19 sulle comunità nere può essere correlato a una maggiore esposizione dei lavoratori neri in ambienti di lavoro repressivi “.

IL RAZZISMO UCCIDE

Gli studi hanno dimostrato che più lavoratori neri e minoritari sono impiegati in lavori con un alto rischio di Covid-19. Frances O’Grady, segretario generale del Congresso del sindacato del Regno Unito, ha dichiarato: “Piuttosto che solo parole calorose, il governo deve ora dimostrare che Black Lives Matter con azioni per proteggere i neri e le minoranze etniche (BME) al lavoro e per dare tutte le chiavi lavoratori l’aumento di stipendio che hanno guadagnato. Le comunità BME devono avere fiducia che la loro salute viene presa sul serio “.

L’aggiornamento dell’ONS del 26 giugno ha rilevato che delle 17 occupazioni specifiche in Inghilterra che avevano aumentato i tassi di mortalità, 11 avevano un’alta percentuale di lavoratori neri e appartenenti a minoranze etniche . Uno studio dell’11 giugno 2020 del TUC ha rilevato che un quarto delle donne incinte nel Regno Unito ha subito discriminazioni sul lavoro durante l’epidemia di coronavirus.

Anche la responsabilità dei datori di lavoro di valutare i rischi attraverso le loro catene di approvvigionamento è assente dall’approccio dell’OMS, nonostante sia una preoccupazione sollevata dai sindacati globali e dall’ILO, e l’ ITUC richiede la “due diligence”. Anche i lavoratori migranti , un gruppo chiave colpito in alcune importanti epidemie legate al lavoro, vengono trascurati nelle considerazioni sulla valutazione del rischio.

Ma anche per quei lavori riconosciuti dall’OMS come ad alto rischio, l’agenzia delle Nazioni Unite non è all’altezza. Il suo Q&A raccomanda “maschere mediche” insieme ad altri dispositivi di protezione individuale (DPI) per lavori ad alto rischio. Ma le maschere mediche non forniscono una protezione adeguata; Devono essere forniti almeno respiratori di uno standard FFP3 / N95.

Un documento Annals of Internal Medicine , pubblicato il 29 giugno 2020, ha osservato: “L’uso di respiratori N95 per proteggere gli operatori sanitari non dovrebbe essere semplicemente una preferenza o una raccomandazione basata sulla disponibilità. I dati indicano che dovrebbe essere lo standard per tutta la gestione del Covid-19 ospedaliero. “

Peg Seminario, un consigliere della federazione sindacale nazionale statunitense AFL-CIO, ha descritto questa guida dell’OMS come “incredibilmente dannosa” e che potrebbe minare le protezioni esistenti sul posto di lavoro.

Sappiamo cosa sta facendo l’OMS, sappiamo come lo sta facendo, ma rimane un mistero il motivo per cui l’OMS continua a difendere una politica che non è né basata sulla salute né sulla scienza.

Ma sta diventando sempre più chiaro chi sta morendo di conseguenza.

 

Riferimenti selezionati

Domande e risposte: Suggerimenti per la salute e la sicurezza sul lavoro nel contesto di COVID-19 , OMS, 26 giugno 2020.

Considerazioni per la salute pubblica e le misure sociali sul posto di lavoro nel contesto di COVID-19 , OMS, 10 maggio 2020.

Un ritorno al lavoro sano e sicuro durante la pandemia COVID-19 , sintesi politica ILO, 22 maggio 2020.

Questioni chiave sul ritorno al lavoro , briefing ITUC Covid-19, 15 maggio 2020.

Fears SC, Klimstra WB, Duprex P, Hartman A, Weaver SC, Plante KS, et al. Persistenza della sindrome respiratoria acuta grave coronavirus 2 in sospensioni aerosol , malattie infettive emergenti, settembre 2020 [data citata]. Data di pubblicazione originale: 22 giugno 2020.

Prateek Bahl, Con Doolan, Charitha de Silva, Abrar Ahmad Chughtai, Lydia Bourouiba, C Raina MacIntyre. Precauzioni per via aerea o goccioline per gli operatori sanitari che trattano la malattia da Coronavirus 2019 ?, The Journal of Infectious Diseases, jiaa189, 16 aprile 2020.

C Raina MacIntyre e Quanyi Wang. Distanziamento fisico, maschere per il viso e protezione degli occhi per la prevenzione di COVID-19 , The Lancet, pubblicato online il 1 ° giugno 2020.

Derek K Chu, Elie A Akl, Stephanie Duda, Karla Solo, Sally Yaacoub, Holger J Schünemann, a nome degli autori dello studio COVID-19 Systematic Urgent Review Group Effort (SURGE). Distanziamento fisico, maschere per il viso e protezione degli occhi per prevenire la trasmissione da persona a persona di SARS-CoV-2 e COVID-19: una revisione sistematica e una meta-analisi , The Lancet, pubblicata online il 1 giugno 2020.

Nhu Quyen Dau, Harry Peled, Helen Lau, Julie Lyou e Claudia Skinner. Why N95 Should Be the Standard for All COVID-19 Inpatient Care , Annals of Internal Medicine, 29 giugno 2020. https://doi.org/10.7326/M20-2623

Consigli sull’uso delle maschere nel contesto del Covid-19, guida provvisoria dell’OMS , 5 giugno 2020. Commenti del direttore generale dell’OMS, briefing per i media, 5 giugno 2020.

Qin-Long Jing, Ming-Jin Liu, Zhou-Bin Zhang, Li-Qun Fang, Jun Yuan, An-Ran Zhang e altri. Tasso di attacchi secondari domestici di Covid-19 e determinanti associati a Guangzhou, Cina: uno studio di coorte retrospettivo , The Lancet Infectious Diseases, online il 17 giugno 2020.

Virginia E Pitzer e Ted Cohen. Gli studi sulle famiglie forniscono informazioni chiave sulla trasmissione e sulla suscettibilità a SARS-CoV-2 , The Lancet Infectious Diseases, online il 17 giugno 2020.

Mantieni la distanza: due metri sono troppo lontani o non abbastanza per proteggerti dal COVID-19 e chi ne beneficia e chi perde se viene ridotto ? , commento della Stirling University, 22 giugno 2020.

Lidia Morawska, Donald K Milton. È ora di affrontare la trasmissione per via aerea di COVID-19 , malattie infettive cliniche, ciaa939, 6 luglio 2020.

Shin Young Park e altri. Coronavirus Disease Outbreak in Call Center, Corea del Sud , Emerging Infectious Diseases, volume 26, numero 8, agosto 2020.

Matthew J Evans. Evitare il Covid-19: linee guida sull’aerosol, preprint medRxiv, 25 maggio 2020.

Clive B Beggs. Esiste una componente aerea nella trasmissione di COVID-19 ?: uno studio di analisi quantitativa , medRxiv preprint, 25 maggio 2020.

Nota di pubblicazione ONS e analisi dei decessi in Inghilterra e Galles relativi al Covid-19 per occupazione e le occupazioni nel Regno Unito che hanno la più alta esposizione potenziale al Covid-19 , 11 maggio 2020.

Morti correlate al Coronavirus (COVID-19) per occupazione, Inghilterra e Galles: decessi registrati tra il 9 marzo e il 25 maggio 2020 , ONS, 26 giugno 2020.

Fan-Yun Lan, Chih-Fu Wei, Yu-Tien Hsu, David C Christiani e Stefanos N Kales. Trasmissione COVID-19 correlata al lavoro in sei paesi / aree asiatiche: uno studio di follow-up , PLoS ONE 15 (5): e0233588, 19 maggio 2020.
DOI: https://doi.org/10.1371/journal.pone.0233588 .

Marissa G Baker, Trevor K Peckham, Noah S Seixas. Stima del carico dei lavoratori degli Stati Uniti esposti a infezioni o malattie: un fattore chiave per contenere il rischio di infezione da COVID-19 . PLOS ONE, volume 15, numero 4, 28 aprile 2020: e0232452
DOI: 10.1371 / journal.pone.0232452

Affari rischiosi: impatti economici della crisi del coronavirus su diversi gruppi di lavoratori , Resolution Foundation, 28 aprile 2020.

Comprensione dell’impatto di COVID-19 sui gruppi BAME, revisione della sanità pubblica in Inghilterra , 16 giugno 2020.

Data Brief: Silenced About COVID-19 in the Workplace , NELP, 10 giugno 2020.

Incinta e precaria: esperienze lavorative di nuove e future mamme durante Covid-19 , TUC, 11 giugno 2020.

Protezione sociale per i lavoratori migranti: una risposta necessaria alla crisi COVID-19 , scheda informativa , ILO, 24 giugno 2020.

The effects of Covid-19 on global supply chain, Research brief , ILO, June 2020.

Verso la due diligence obbligatoria nelle catene di approvvigionamento globali , ITUC, 22 giugno 2020.

Oran DP. Topol EJ. Prevalenza dell’infezione asintomatica da SARS-CoV-2: una revisione narrativa, Annals of Internal Medicine. 3 giugno 2020.

Furukawa NW, Brooks JT, Sobel J. Evidenza a sostegno della trasmissione della sindrome respiratoria acuta grave coronavirus 2 durante malattie infettive emergenti presintomatiche o asintomatiche , volume 26, numero 7, luglio 2020.

Lucy Rivett e altri. Lo screening degli operatori sanitari per SARS-CoV-2 evidenzia il ruolo del trasporto asintomatico nella trasmissione COVID-19 , CITIID-NIHR COVI Bioresource Collaboration, medRxiv, pubblicato online il 15 maggio 2020.

Krystal J Godri Pollitt e altri. Vulnerabilità COVID-19: il potenziale impatto della suscettibilità genetica e della trasmissione per via aerea , Human Genomics volume 14, articolo numero 17, pubblicato online il 12 maggio 2020.

Krithi Ravi. Disparità etniche nella mortalità per COVID-19: le comorbidità sono da incolpare ?, The Lancet, Online il 19 giugno 2020.

Talib Dbouk e Dimitris Drikakis. Sulla tosse e la trasmissione di goccioline trasportate dall’aria all’uomo, Physics of Fluids, volume 32, numero 5, pubblicato online il 19 maggio 2020.

Inizio pagina

 36 total views,  1 views today