Vai al contenuto

La tecnologia blockchain digitale può migliorare le condizioni di lavoro nel Sud del mondo?

Fonte Equaltimes.org

di Laura Villadiego

Visti dall'alto, gli allevamenti di gamberetti che punteggiano la costa della provincia thailandese di Surat Thani formano un mosaico acquoso di piscine. La vista da terra, tuttavia, presenta un'immagine diversa: la maggior parte di queste fattorie sono nascoste dietro alti muri e le informazioni su ciò che accade dietro di loro sono difficili da trovare.

L'industria della pesca in Thailandia, il principale produttore mondiale di gamberetti , è stata oggetto di anni di critiche per la sua opacità e di numerosi scandali di abusi sul lavoro in varie fasi della catena di produzione. Nonostante le riforme intraprese dal governo negli ultimi anni, gli allevamenti ittici continuano ad essere un importante punto di contesa nel settore.

“I lavoratori dell'acquacoltura [in Thailandia] vengono solitamente assunti da altri paesi, come il Myanmar [Birmania], e vivono sul posto negli allevamenti ittici. Le condizioni sono spesso dure quando il lavoro viene svolto sotto il sole ", afferma la data scientist Juliette Alemany di FairAgora Asia, una società di consulenza con sede in Thailandia specializzata in tracciabilità nell'industria alimentare. Nascoste dietro queste mura, alcune aziende non sempre registrano i propri dipendenti o rispettano le leggi sul lavoro esistenti.

Ma una semplice applicazione mobile sviluppata da FairAgora Asia potrebbe aiutare a cambiare la situazione fornendo un picco virtuale dietro queste mura e facendo luce su ciò che accade in questi allevamenti ittici.

Basata sulla tecnologia blockchain digitale (un registro condiviso che garantisce la veridicità delle operazioni Internet), FairAgora Asia ha progettato la sua piattaforma digitale VerifiK8 per aiutare le aziende a monitorare e riferire sulle loro condizioni di lavoro e sull'impronta ambientale.

“È uno strumento digitale che monitora l'impatto sociale e ambientale [delle aziende]. Controlla i parametri sociali [forniti dalle aziende] rispetto ai dati di produzione per scoprire se le aziende lungo la catena di produzione sono dalla parte "rossa" o "verde" in termini di impatto ", afferma Emmanuelle Bourgois, fondatrice di FairAgora Asia.

Come spiega Bourgois, insieme ad altri valori, l'applicazione può verificare il numero effettivo di ore lavorate confrontandolo con i livelli di produzione e determinare se le aziende stanno commettendo frodi nei loro rapporti sul lavoro. Secondo l' ultimo rapporto del Dipartimento del Lavoro degli Stati Uniti sul lavoro minorile e forzato, il lavoro minorile è stato trovato in Bangladesh e Cambogia, lavoro forzato in Birmania e lavoro sia forzato che minorile in Thailandia nelle industrie di gamberetti di questi rispettivi paesi.

Blockchain è un protocollo che consente di condividere blocchi di dati tra individui in un processo in cui le diverse parti coinvolte confermano le informazioni. È considerata una tecnologia sicura, democratica e decentralizzata poiché nessuna delle parti ha il controllo sui dati ed è necessario il consenso per modificarla. "Blockchain può cambiare le regole del gioco quando sono coinvolte più parti interessate, in particolare nell'esportazione di attività mirate", spiega Om Prakash Routray, vicepresidente di SourceTrace, una società di consulenza con sede in India che sta anche cercando di implementare questo tipo di tecnologia in altri aree, come l'industria del cotone.

Anche i dati nelle blockchain sono permanenti. “Una volta memorizzato, non è possibile modificare il documento originale, è un punto fisso di informazioni, è possibile solo aggiungere livelli di informazioni per aggiornare il documento. Ma questa copia iniziale sarà sempre salvata ”dice Alemany.

Sebbene la blockchain sia stata originariamente sviluppata nel 2008 per supportare le criptovalute, in particolare bitcoin, il suo utilizzo si è diffuso in una serie di altri settori che richiedono transazioni di informazioni sicure.

“È sicuramente una soluzione che fa la differenza perché con la blockchain puoi assicurarti che i dati, una volta che sono nel sistema, siano affidabili. [Inoltre] fornisce il livello di trasparenza richiesto lungo la catena di fornitura ", afferma Kamales Lardi, CEO di Lardi & Partner Consulting GmbH, una società di consulenza specializzata nel miglioramento della digitalizzazione nelle aziende.

Come FairAgora Asia, la società di Lardi sta cercando di applicare questa tecnologia a un altro settore controverso: l'industria dell'olio di palma. L'olio vegetale più consumato al mondo è stato collegato alla deforestazione, al lavoro minorile e al lavoro forzato, tra le altre pratiche.

Attraverso la sua controllata malese BloomBloc, Lardi & Partner Consulting sta sviluppando un progetto pilota per il Malaysian Palm Oil Council (MPOC), una lobby che rappresenta gli interessi del settore nel paese asiatico. L'applicazione consente di identificare e tracciare i singoli grappoli di palma da olio nel loro percorso verso una raffineria in modo che ciascuno possa essere ricondotto alla sua piantagione di origine. Come spiega Lardi, i dati sono anche a disposizione dei diversi stakeholder coinvolti, con l'obiettivo di aumentare la trasparenza e la credibilità del settore.

Nessun lavoratore senza contratto

L'industria agricola è spesso sinonimo di lavoro informale, soprattutto in regioni come l'Asia, dove quasi il 70 per cento della popolazione occupata lavora senza contratto.Questo non solo rende i lavoratori obiettivi di abuso sul lavoro, ma ha anche un impatto negativo sul loro futuro professionale. "Una delle cose che abbiamo notato è che molti lavoratori dell'acquacoltura a volte non hanno nemmeno accordi scritti, solo accordi orali, e non hanno traccia o registrazione delle loro attività o lavori passati", spiega Alemany. Per risolvere questo problema, l'applicazione di FairAgora Asia include un profilo di ciascun dipendente che registra una sorta di CV, che possono utilizzare in seguito quando cercano un nuovo lavoro. "Anche se non esiste un contratto di lavoro cartaceo, ci sono determinati punti dati [approvati] ed è meglio di niente", continua.

La piattaforma BloomBloc verifica inoltre che ogni mazzo di palma da olio sia associato a un lavoratore che ha un contratto e la cui documentazione è stata verificata, soprattutto se quel lavoratore è un immigrato.

"Monitoriamo ciò che accade dalla piantagione al mulino, che è il pezzo più difficile da rintracciare perché il 40% del settore sono piantagioni di piccoli proprietari ", spiega Kamales Lardi. Il sistema consente anche di monitorare altri elementi più tecnici, come umidità e temperatura, se sono installati i sensori necessari.

Ma come spiega Om Prakash Routray di Sourcetrace, i consumatori determineranno in ultima analisi il successo di questi progetti: "La conversazione è in corso da molto tempo, ma [...] ora ciò che stiamo vedendo non sono solo le grandi aziende [l'implementazione di questo tipo di tecnologia ], anche quelli piccoli. " Ciò è dovuto al fatto che i consumatori sono sempre più disposti a pagare prezzi più alti per finanziare una maggiore trasparenza in ciò che acquistano. "Ora le aziende possono probabilmente ottenere il 10% o il 15% in più se puoi raccontare la storia [del tuo prodotto]. Ciò può essere notevolmente migliorato dalla domanda dei consumatori ", afferma Routray.

Infatti, anche queste società di consulenza stanno adattando le loro piattaforme per aiutare i produttori, in particolare quelli più piccoli, a ottenere certificazioni di sostenibilità. FairAgora Asia ha avviato un progetto pilota in Vietnam, ad esempio, mentre BloomBloc e Sourcetrace stanno lavorando con framework come la tavola rotonda sull'olio di palma sostenibile e le certificazioni biologiche.

Tuttavia, la curva di apprendimento richiesta per utilizzare queste applicazioni può essere ripida per i produttori su piccola scala. "Il punto più debole della blockchain nella catena di approvvigionamento è in realtà intorno all'immissione dei dati. Quindi stiamo cercando di rendere l'inserimento dei dati il ​​più non manuale possibile per assicurarci che i dati siano affidabili ", afferma Lardi. Il programma pilota di FairAgora Asia include una formazione specifica sulla registrazione di tutti i dati. "È stato un processo lungo, ma è stata una bella storia di successo", afferma Alemany.