Vai al contenuto

L’Europa esporta pesticidi vietati sul suo suolo nei paesi poveri, afferma Greenpeace

Fonte : Newsletter ETUI 

Migliaia di tonnellate di pesticidi vietati in Europa vengono esportati ogni anno dall'Unione Europea (UE) verso i paesi poveri, secondo un recente studio di Greenpeace che ha analizzato le notifiche di esportazione presentate dagli Stati membri dall'Agenzia europea per le sostanze chimiche (ECHA). Solo nel 2018, oltre 81.000 tonnellate di pestcidi contenenti sostanze attive vietate nei campi europei hanno lasciato l'Europa per il Sud Africa, l'Ucraina, il Brasile e altri paesi con legislazioni non conformi e meno rigorose. Con oltre 32.000 tonnellate esportate quell'anno, il Regno Unito è stato di gran lunga il principale attore in termini di volume. Anche Italia, Paesi Bassi, Germania, Francia, Spagna e Belgio sono stati i principali esportatori di pesticidi.

La ONG ambientale denuncia l'ipocrisia della legislazione europea che vieta sul proprio suolo l'uso in agricoltura di prodotti pericolosi come cancerogeni, sostanze tossiche per la riproduzione o sostanze nocive per l'ambiente ma ... ne autorizza produzione in Europa come pesticidi per l'esportazione. Questo doppio standard sarebbe la causa di disastri sanitari e ambientali nei paesi importatori. Infatti, i lavoratori agricoli dei paesi poveri utilizzano spesso questi prodotti estremamente pericolosi senza un'adeguata protezione e senza conoscere i pericoli che rappresentano per la loro salute e l'ambiente.

Secondo le norme europee, qualsiasi azienda che desideri esportare sostanze chimiche vietate deve produrre una "notifica di esportazione" che specifichi i motivi per cui il prodotto è vietato, gli usi previsti e la quantità che l'azienda intende spedire. . Le autorità di regolamentazione nazionali ed europee controllano questi documenti e li inoltrano alle autorità dei paesi di destinazione. Queste regole sono la traduzione nel diritto europeo della Convenzione di Rotterdam delle Nazioni Unite. L'obiettivo di questa convenzione è dare ai paesi poveri, che non dispongono delle risorse necessarie per fare la propria ricerca, l'opportunità di prendere una decisione informata sull'opportunità o meno di accettare queste esportazioni.

Riferimenti :