Vai al contenuto

Dalla Rivista Hazard un articolo sulla pandemia in GB. Carne morta

Fonte Hazard che ringraziamo 

 

Nel marzo 2020, Boris Johnson ha promesso di `` battere il nemico '' mentre il Covid-19 correva attraverso il paese. Poi il 23 giugno, con il tasso di infezione ancora alto in modo preoccupante e centinaia di lavoratori "essenziali" tipicamente poco pagati già morti, il primo ministro ha annunciato un drammatico allentamento delle regole. L' editore di Hazards Rory O'Neill spiega come, per il bene dell'economia, il primo ministro abbia deciso che ne sarebbero dovuti morire di più

Sono stati i grandi focolai nelle fabbriche di lavorazione della carne che hanno mostrato quanto velocemente un focolaio potrebbe distruggere un posto di lavoro. Unite ha affermato che è "inevitabile" che alcuni operai delle fabbriche di carne a bassa retribuzione con "contratti di sfruttamento", che dovrebbero isolarsi da soli, continuino a lavorare perché hanno diritto a un'indennità di malattia legale (SSP) di 95,85 sterline a settimana.

AUTO-EVIDENTE Il TUC chiede al governo del Regno Unito di assicurarsi che tutti i lavoratori abbiano un sostegno finanziario per conformarsi ai requisiti di isolamento sociale secondo lo schema NHS Test and Trace. L'organismo sindacale avverte che una paga inadeguata per malattia potrebbe impedire alle persone che agiscono su richiesta di sanità pubblica di autoisolarsi. Di Più

Nel maggio 2020, è stato confermato che tre lavoratori di un impianto di trasformazione alimentare di Cranswick a Wombwell, Barnsley, che rifornisce i supermercati del Regno Unito, sono morti dopo essere risultati positivi al coronavirus. I lavoratori si sono lamentati del fatto che le distanze fisiche fossero ridotte e non sono state fornite maschere. Non c'erano anche malattie per coloro che si infettavano o si autoisolavano.

Il funzionario nazionale GMB Eamon O'Hearn ha criticato la guida governativa "inadeguata", aggiungendo: "È imperativo che Cranswick lavori con GMB per esaminare le operazioni e identificare eventuali problemi che potrebbero avere un impatto sulla sicurezza dei nostri membri".

Il 18 giugno 2020, un sito di lavorazione della carne di proprietà di Asda a Cleckheaton , nel West Yorkshire, è diventato il terzo impianto alimentare in 48 ore a confermare un'epidemia dopo che oltre 150 lavoratori si sono ammalati di virus. Lo stabilimento di Kober, che fornisce pancetta ai supermercati Asda e impiega più di 500 persone, è stato chiuso temporaneamente ed è stato implementato un sistema di test-and-trace.

I residenti nella città del West Yorkshire lo scoprirono solo per caso, quando il segretario alla salute Matt Hancock fece un riferimento occasionale all'epidemia in corso quella sera, in una conferenza stampa dal vivo a Downing Street.

Ci sono stati focolai simili in Galles . Il principale fornitore britannico di pollo da supermercato, 2 Sisters Food Group, ha chiuso lo stabilimento di Anglesey per 14 giorni nel giugno 2020. Tra i 560 dipendenti sono stati trovati circa 217 casi di coronavirus.

Il 2 luglio 2020, il personale dello stabilimento di alimenti surgelati Rowan Foods a Wrexham ha dichiarato di avere "paura" di andare a lavorare dopo che la Public Health Wales ha rivelato che il numero di casi di coronavirus legati all'impianto era salito a 283. I lavoratori hanno lamentato che le distanze fisiche erano " impossibile ", con i lavoratori a volte che lavorano a 30-40 cm di distanza. Alcuni hanno aggiunto che non si sentivano in grado di ammalarsi perché la loro compagnia non stava pagando l'indennità di malattia.

PIANTE DI UCCISIONE   Centinaia di lavoratori britannici di lavorazione della carne a bassa retribuzione sono risultati positivi al coronavirus. Le fabbriche, spesso affollate, fredde e umide, sono il terreno fertile perfetto per l'infezione.

Una dichiarazione di Rowan Foods afferma che una visita dell'Health and Safety Executive (HSE) non ha sollevato problemi gravi e il sito sarebbe rimasto aperto.

Ma il funzionario regionale di Unite Dave Griffiths ha espresso "sorpresa" per l'affermazione dell'azienda. “Abbiamo centinaia di membri che continuano a contestare la versione degli eventi di Rowan Foods. Il test positivo Covid presso Rowan Foods racconta la sua storia ".

Ha aggiunto: “Chiediamo a Rowan Foods di conformarsi alla guida del governo gallese e di pagare integralmente i propri lavoratori quando si isolano da soli, al fine di garantire che i dipendenti non subiscano un danno finanziario. Solo in questo modo possiamo garantire che il virus non venga trasmesso ulteriormente su questo sito, nelle nostre comunità e oltre. La piena indennità di malattia in modo che i dipendenti possano rimanere a casa ed essere al sicuro è a nostro avviso l'azione chiave che avrebbe fermato la diffusione del virus su questo sito ".

Ci sono volute altre due settimane, a quel punto i casi confermati legati all'impianto erano saliti oltre i 300, quando Rowan Foods ha finalmente accettato di fornire indennità di malattia aziendale retrodatata a coloro che sono risultati positivi o autoisolati.

FOOD FIGHT   HSE non è l'unico regolatore che è scomparso durante la crisi. Il sindacato degli ispettori della carne UNISON ha accusato la Food Standards Agency (FSA) di non aver effettuato le valutazioni di sicurezza di base sul Covid-19 in loco, il che ha messo centinaia di lavoratori a rischio di infezione da coronavirus nell'industria della macellazione e della lavorazione della carne. Di Più

Ci sono stati anche 134 casi confermati in uno stabilimento Kepak a Merthyr Tydfil da aprile. Il 27 giugno 2020, Public Health Wales ha dichiarato che i test presso l'impianto di produzione di carne hanno identificato 101 casi confermati su 810 persone testate. Questa azienda ha ricevuto anche un certificato di buona salute dall'HSE.

"Una visita di Health and Safety Executive (HSE) è stata effettuata presso il sito e gli ufficiali HSE sono stati soddisfatti che Kepak Merthyr sta adottando tutte le misure ragionevolmente praticabili per prevenire la diffusione del coronavirus all'interno della forza lavoro", ha detto Heather Lewis, consulente per la protezione della salute per la sanità pubblica del Galles.

HSE ha mostrato una notevole riluttanza a intraprendere qualsiasi azione di contrasto sui rischi di Covid-19 sul posto di lavoro, nonostante migliaia di infezioni note nei luoghi di lavoro, molte chiaramente dovute alla trasmissione del virus sul lavoro.

In una dichiarazione del 2 luglio 2020 a Hazards , ha ammesso: "Non c'è stato alcun caso di chiusura di una fabbrica a seguito di un'epidemia a causa di un'azione intrapresa da HSE". In un aggiornamento del 6 luglio per Hazards , ha aggiunto: "Sono state emesse circa una dozzina di avvisi relativi al Covid-19, a dimostrazione che la maggior parte delle aziende con cui siamo stati in contatto agisce su nostro consiglio".

Ci sono crescenti segnali di allarme che l'ottimismo di HSE potrebbe essere fuori luogo. Gravi focolai sul posto di lavoro sono stati osservati in Australia, Brasile, Francia, Germania , Irlanda, Spagna e Stati Uniti.

AZIONE TEDESCA I   nuovi hotspot del coronavirus negli stabilimenti di lavorazione della carne tedeschi hanno evidenziato il massiccio abuso di manodopera migrante subappaltata da cui dipende l'industria, hanno detto i sindacati. Il progetto di legge pubblicato a maggio e che dovrebbe entrare in vigore il 1 ° gennaio 2021 imporrebbe alle aziende di carne di assumere direttamente la propria forza lavoro, imporre una nuova supervisione sull'orario di lavoro e sui pagamenti e imporre la responsabilità oggettiva per le violazioni. Di Più

Si dice che ben 25.000 lavoratori statunitensi di carne e pollame abbiano contratto il Covid-19, con almeno 91 decessi. Il sindacato mondiale per l'alimentazione e l'agricoltura IUF ha affermato che le alte velocità della linea, la mancanza di DPI e luoghi di lavoro rigidi e freddi hanno creato un terreno fertile ideale per il virus.

Una grave epidemia a Melbourne, in Australia, un paese la cui gestione della crisi del coronavirus è stata elogiata, ha visto il posto di lavoro emergere come luogo dominante per la diffusione del virus. Ha visto la seconda città più popolosa d'Australia rinchiusa in un blocco, con uno stato di emergenza dichiarato dal governo dello stato del Victoria .

Il 19 luglio 2020, Daniel Andrews, il premier statale di Victoria , ha riconosciuto: "Circa l'80% dei nostri nuovi casi da maggio sono guidati dalla trasmissione nei luoghi di lavoro", rivelando che lo stato aveva visto 363 nuovi casi di Covid-19 e due decessi correlati nelle 24 ore precedenti.