Vai al contenuto

GB.Rivelato come le agenzie di collocamento disoneste stanno sfruttando la crisi COVID

Le agenzie di collocamento operano al centro di quasi tutte le professioni chiave dei lavoratori, impiegando circa un milione di lavoratori nel Regno Unito . È stata a lungo un'industria piena di sfruttamento, comprese le truffe di reclutamento, il mancato pagamento e persino la schiavitù moderna.

Ma secondo SAFERjobs, un ente di beneficenza che aiuta i lavoratori dell'economia flessibile, il picco della disoccupazione causato dalla pandemia COVID-19 viene capitalizzato dai criminali. L'ente di beneficenza ha registrato un aumento del 66% dei reclami su truffe e sfruttamento da parte delle agenzie di collocamento da quando il Regno Unito è entrato in blocco.

Rachel Keane, 25 anni, è diventata disoccupata all'inizio del blocco dopo che un'offerta di lavoro è stata ritirata. Ha subito caricato il suo CV online e si è candidata a oltre 50 ruoli, dal portiere di cucina all'addetto alle pulizie e al negozio.

.

"Ero così stressata alla prospettiva di non sapere da dove sarebbero arrivati ​​i miei soldi", ha detto a openDemocracy. "Ero in preda al panico su come avrei potuto sopravvivere e pagare l'affitto."

In risposta a una domanda, è stata contattata da Steve di una società chiamata "Happy Nurses", che le ha offerto un lavoro come collaboratrice chiave, fornendo assistenza non medica al capezzale durante la pandemia. Sembrava l'occasione perfetta.

"Volevo davvero aiutare nella crisi", ha detto. "Mi considero una persona di buona volontà e mi ha davvero attratto fare qualcosa per aiutare e alleviare la pressione."

Steve ha detto a Keane che avrebbe potuto iniziare immediatamente ma avrebbe dovuto pagare un controllo della polizia, noto come DBS, che sarebbe stato rimborsato il primo giorno di formazione. Dopo che Keane gli ha pagato 50 sterline su Paypal, ha smesso di rispondere alle sue chiamate. Ha quindi contattato CV-Library, che ha detto che l'account di Steve era stato rimosso per attività sospetta. La sua banca non è stata in grado di rimborsare il denaro.

"Stavo pensando che le cose sarebbero migliorate e sarebbe stato ok e questo è successo", ha detto. "È disgustoso che le persone utilizzino questo periodo quando sei stressato e non stai attento ai segnali che faresti di solito."

Una perdita di £ 50 è stata significativa per Keane quando stava lottando finanziariamente, ma ha detto che la CV-Library era "scortese" e la faceva sentire "molto piccola" quando ha cercato di lamentarsi.

"Quando proviene da una bacheca di lavoro riconosciuta, hai fiducia che hanno fatto abbastanza dalla loro parte", ha aggiunto. "CV-Library si autodefiniscono il principale comitato per il lavoro del Regno Unito - come puoi affermarlo quando chiaramente non possono mettere in atto le misure corrette per impedirlo?"

Neil Grogan, Responsabile del servizio clienti presso CV-Library, ha dichiarato a openDemocracy di operare "un rigoroso processo di verifica" per le aziende che pubblicizzano lavori sul proprio sito web. Collaborano anche con SAFERjobs.

L'azienda ha dichiarato: “In questo caso particolare, accettiamo che 'Happy Nurses' abbia pubblicizzato un lavoro sul nostro sito per un periodo di tempo limitato. Non appena è emerso che si trattava di un account sospetto, è stato rapidamente rimosso dal sito e alla società è stato impedito di utilizzare i nostri servizi. Abbiamo quindi contattato tutti i candidati che avevano presentato domanda per il ruolo per ricordare loro di non effettuare pagamenti o fornire informazioni personali ".

SAFERjobs ha rivelato di aver ricevuto tre rapporti separati su "Happy Nurses" e credeva che fosse collegato a un'altra truffa che aveva altri quattro casi. Sospettano che questa sia la punta dell'iceberg, stimando di essere a conoscenza solo del 5% dell'attività criminale che si verifica. Una volta ricevuto un rapporto, forniscono consulenza gratuita e quindi trasmettono i casi alle autorità competenti, come il governo o la polizia metropolitana.

La vulnerabilità di questo settore è sempre stata schiacciante. Il presidente di SAFERjobs, Keith Rosser, ha affermato che parte del problema è la complessità dei diversi modelli di impiego utilizzati: “Ce ne sono di ben noti - zero ore, lavoratori interinali - poi ci sono cose come l'ombrello, la società per azioni, l'appaltatore, l'impegno diretto. "

I settori più mirati sono le professioni a bassa retribuzione in cui i lavoratori potrebbero essere alla disperata ricerca di un impiego o avere meno consapevolezza dei propri diritti. Rosser ha affermato che i truffatori "non vogliono che le persone applichino barriere", quindi la maggior parte delle truffe avvengono a "livello di accesso" in settori come il magazzino, l'edilizia e l'assistenza sanitaria.

Un sistema incredibilmente complesso unito a lavoratori vulnerabili e poco pagati crea un mercato del lavoro pieno di attività criminali.

"Ho alcune delle migliori menti della politica del mercato del lavoro che lavorano su questo e stiamo lottando per vincolarlo", ha spiegato Rosser. "Come può il lavoratore medio avere qualche possibilità di risolverlo?"

Ore non pagate

Esiste una vasta gamma di tipi di sfruttamento. Alcune delle truffe più comuni coinvolgono finti reclutatori che cercano denaro da persone in cerca di lavoro in anticipo, come "Happy Nurses". SAFERjobs si occupa anche di sfruttamento sul lavoro - "di tutto, dalla schiavitù moderna al sottopagamento". Le agenzie che non riescono a pagare i lavoratori durante il lavoro sono molto comuni.

Denis Sciupakov, un 43enne padre di due figli dalla Lituania, è venuto nel Regno Unito nel 2009 per fornire una vita migliore ai suoi figli. È stato contattato da un'agenzia di collocamento, Rex Recruitment Driving Limited, nel 2016 per un lavoro di guida in East Anglia. Il suo direttore, Kurtis Greatorex, ha promesso lavori redditizi come autista di container e Sciupakov ha lavorato per lui per un mese e mezzo.

"Di solito i pagamenti arrivavano ogni venerdì", ha detto Sciupakov. “Dopo che non ho ricevuto due o tre venerdì di pagamenti, ho chiamato Kurtis e gli ho detto che mi doveva dei soldi. Disse: "Ti pagherò, ti pagherò domani, più tardi". L'ho chiamato il giorno successivo e mi ha detto: "C'è un problema con le banche" ".

"Dopo circa tre settimane, sono andato in un'altra agenzia e qualcuno lì ha detto: 'Kurtis, lo conosco, non sei la prima persona che è venuta nella mia agenzia dopo non essere stato pagato da lui.'"

Il calvario di Sciupakov è stato aggravato quando gli è stato diagnosticato un tumore al cervello e ha avuto bisogno di un intervento chirurgico immediato.

“L'ho chiamato [Greatorex] due settimane dopo l'operazione. Gli ho mandato delle foto e gli ho detto: "Perché non paghi i miei soldi, dammi solo indietro i miei soldi", ha detto Sciupakov. “Mi ha scritto un messaggio dicendo: 'Non preoccuparti, ti pagherò'. Non l'ha fatto. "

Sciupakov ha calcolato di non essere stato retribuito per circa 130 ore di lavoro e ha portato il caso al tribunale del lavoro. Rex Recruitment Driving Limited non ha risposto durante tutto il processo e il caso è rimasto indifeso. La società è stata condannata a pagare Sciupakov per il salario non pagato. È stata anche multata per non aver fornito un contratto e buste paga, portando l'importo totale assegnato a oltre £ 5.100 . Anche dopo il tribunale, la società non ha pagato Sciupakov.

I registri della Companies House mostrano che Kurtis Greatorex rimane l'unico amministratore di Rex Recruitment Driving Limited.

"Ho speso così tanto tempo e una buona quantità di denaro perché ho pagato per un consulto con gli avvocati e ancora non sono stato pagato", ha detto Sciupakov.

"Sono fortunato perché sono ancora in buona salute e sono ancora vivo", ha continuato. “Ma quelle £ 5.000 avrebbero aiutato.

“L'avrei trascorso in una splendida vacanza per la mia famiglia. Tutta la nostra vita è per i nostri figli ".

openDemocracy ha contattato Kurtis Greatorex, che si pubblicizza come il proprietario aziendale di Rex Recruitment sulla sua pagina LinkedIn. Ha detto: "Non ho conoscenza di un tribunale né di un D Skuipakov [sic]".

Keith Rosser afferma che il settore dell'occupazione è particolarmente vulnerabile perché "non ci sono barriere all'ingresso".

"È piuttosto oscuro, puoi iscriverti alla Companies House domani e puoi essere una società di reclutamento la prossima settimana", ha detto. “Puoi creare un'agenzia di reclutamento, tenere la testa bassa e con ogni probabilità nessuno verrà mai a bussare alla tua porta. Se sei un truffatore puoi guadagnare bene ".

È anche preoccupato che i criminali sfruttino le lacune nella legislazione britannica che dovrebbero regolamentare questo settore.

"Hai tutti questi sforzi da parte delle persone per cercare di evitare di essere incluso nella legislazione del Regno Unito", ha detto. "La direzione può semplicemente aggirare il problema stazionando in Europa o evitando la legislazione affermando di essere un 'mercato' o una 'piattaforma di concerti' o qualunque sia l'ultima tendenza."

Le bacheche di lavoro come Indeed o LinkedIn, i cui uffici sono in Irlanda e negli Stati Uniti, dominano il mercato della ricerca di lavoro ma si trovano al di fuori delle leggi del Regno Unito.

“Ci sono vere sfide per il governo. Come ti mantieni aggiornato con la legislazione che è stata scritta nel 1973 e aggiornata circa 15 anni fa? " ha detto Rosser.

Il governo del Regno Unito ha regolamentato le attività lavorative dal 1976 attraverso l'Ispettorato per gli standard delle agenzie per il lavoro (EAS) a causa del potenziale di sfruttamento criminale. A metà degli anni '90, c'erano solo 8.000 agenzie operative, ma ora sono aumentate a oltre 31.000. Il loro fatturato è di 58 miliardi di sterline .

Eppure, con solo 11 ispettori a tempo pieno e un budget inferiore a 1 milione di sterline, è "sminuito rispetto alle dimensioni del settore che dovrebbe regolamentare", ha affermato Matthew Taylor, direttore dell'applicazione del mercato del lavoro, nel suo ultimo rapporto.

"Ai livelli di risorse di marzo 2019 c'era un ispettore ogni 2.850 agenzie", ha affermato nel rapporto. "Loro [EAS] rimangono ancora quasi completamente sconosciuti al pubblico."

Mancata azione penale

Anche quando le agenzie di collocamento sono state giudicate colpevoli di illeciti, l'EAS non è intervenuta. Le decisioni del tribunale del lavoro sono state pubblicate online da febbraio 2017 e una ricerca nel database online sembra suggerire che Rex Recruitment Driving Limited è stata portata in tribunale solo una volta.

Ma openDemocracy ha cercato negli archivi cartacei dei casi giudiziari prima di febbraio 2017, che sono archiviati presso il tribunale della contea di Bury St Edmunds. Ciò ha rivelato che Rex Recruitment Limited, il cui direttore è Kurtis Greatorex, è stato portato al tribunale del lavoro nel maggio 2016, prima del tribunale di Sciupakov. Questo era anche per gli stipendi non pagati e Rex Recruitment Limited è stato condannato a pagare un altro dipendente quasi £ 1.500.

L'EAS può intraprendere azioni punitive, perseguire i datori di lavoro o vietare loro di gestire agenzie per l'impiego. Eppure l'anno scorso ci sono stati solo due processi. In questo caso, i documenti del tribunale rivelano che Kurtis Greatorex aveva un curriculum ufficiale che non era stato completamente indagato, lasciando Sciupakov vulnerabile alla stessa truffa.

Un portavoce del governo ha detto: “Il governo non tollererà lo sfruttamento dei lavoratori a scopo di lucro. L'Ispettorato per gli standard dell'Agenzia per il lavoro utilizza una serie di strumenti per far rispettare la legge, tra cui l'emissione di impegni di applicazione del mercato del lavoro e, nei casi più gravi, procedimenti penali ".

Con 730.000 persone che perdono il lavoro in blocco , la criminalità nel settore non farà che peggiorare. Tuttavia, con EAS non adeguatamente finanziato, spetta ai lavoratori emarginati auto-denunciarsi attraverso enti di beneficenza come SAFERjobs o combattere i casi attraverso un tribunale.

"Penso che ci sia più governo che dovrebbe e potrebbe fare", ha detto Rosser. "Sulla base delle attuali risorse di EAS, se ispezionassero ogni agenzia di reclutamento nel Regno Unito, ci vorrebbero 200 anni".

SAFERjobs può essere contattato per qualsiasi dubbio sulle agenzie di collocamento qui