Vai al contenuto

Deja-Vu ancora una volta! Dopo l’esplosione un altro rischio per la popolazione di Beirut, l’amianto….

 

Fonte: Il Segretariato internazionale per la massa al bando dell'amianto

3 settembre 2020

Deja-Vu ancora una volta!

Un mese dopo che un'esplosione ha devastato l'area portuale di Beirut, stanno emergendo informazioni sulla contaminazione ambientale da amianto scatenata dal disastro. Come in tanti altri disastri naturali e provocati dall'uomo, questo rischio aggiuntivo per i soccorritori e la popolazione locale era quello previsto in quanto non accolto. Ovunque sia stato utilizzato l'amianto, intere popolazioni diventano ostaggi della fortuna con l'inalazione di fibre mortali a un solo terremoto, tsunami o conflagrazione. 1

Stranamente, la prima menzione che ho trovato sulla situazione dell'amianto a Beirut è stata caricata il 5 agosto, un giorno dopo l'evento, in un articolo in lingua russa. L'autore ha citato avvertimenti autorevoli - "L'amianto negli edifici danneggiati rappresenta un rischio per la salute significativo" - sul pericolo post-disastro rappresentato dall'amianto aerotrasportato all'indomani delle esplosioni, ipotizzando che tra i 40.000 edifici danneggiati o distrutti fossero quelli costruiti negli anni '50 e negli anni '60, quando l'uso dell'amianto era all'ordine del giorno. 2

In assenza di qualsiasi mobilitazione immediata da parte del governo centrale o del comune di Beirut per affrontare la devastazione causata dall'esplosione, le organizzazioni non governative (ONG) e le agenzie internazionali 3è entrato nella breccia con la popolazione locale che ha offerto volontariamente il proprio lavoro. Nuove discariche di rifiuti sono state designate frettolosamente e detriti, compresi prodotti contenenti amianto e altri rifiuti contaminati, sono stati raccolti e collocati a casaccio in siti, molti dei quali si trovavano in aree residenziali. I volontari non avevano attrezzature o veicoli pesanti per trasportare i detriti a qualsiasi distanza e hanno fatto il possibile per ripulire i quartieri colpiti. In ogni caso, anche se fossero stati disponibili mezzi di trasporto adeguati, in Libano non esistevano discariche autorizzate in grado di ricevere rifiuti tossici. Inutile dire che i volontari non avevano né indumenti protettivi né attrezzature come respiratori specializzati. Nonostante le urgenti richieste di un "piano di gestione chiaro per la rimozione dei detriti, compreso l'amianto", non è stata segnalata alcuna azione coordinata del governo.4

1 Kazan-Allen, L. Il rischio di amianto post-disastro: 1995-2020. 21 gennaio 2020.
http://ibasecretariat.org/lka-the-post-disaster-asbestos-hazard-1995-2020.php

2 Denominata la sostanza più pericolosa, che si è trasformata nell'aria dopo l'esplosione a Beirut [sostanza più pericolosa nell'ariahttps://360tv.ru/news/mir/nazvano-samoe-opasnoe-veschestvo-okazavsheesja-v-vozduhe-posle-vzryva-v-bejrute/

3 Volantini di tre pagine in arabo ( أسبستوس - المخاطر والممارسات الآمنة للتنظيف بعد انفجار بيروت ) e inglese ( AMIANTO - pericoli e pratiche sicure per la pulizia dopo l'esplosione di Beirut ) preparati dall'università americana di Beir , Organizzazione della sanità, e il Centro per la conservazione della natura erano ampiamente distribuiti tra i volontari e i residenti di Beirut.

4 Rischio di cancro in aumento dopo l'esplosione di Beirut, avvertono gli esperti. 27 agosto 2020.
https://www.thenational.ae/world/mena/cancer-risk-on-the-rise-after-beirut-blast-warn-experts-1.1068627
Porter, L. Dopo l'esplosione: come l'operazione di pulizia di Beirut sta esponendo la più ampia disfunzione statale del Libano. 19 agosto 2020.
https://www.prospectmagazine.co.uk/world/after-the-blast-how-beiruts-clean-up-operation-is-exposing-lebanons-wider-state-dysfunction